NEWS DAL WEB E NON 

21/12/2008

Del Conca e Riccione si equivalgono
Il big match finisce 1-1 e il Del Conca è campione d’inverno.

L’ultima gara del girone d’andata, la sfida per il titolo di campione d’inverno, ma anche un derby dai mille risvolti, ecco la sfida tra Del Conca e Riccione, ed ecco che il pubblico giunge numeroso. Quando ci sono le premesse, e il tempo è generoso, anche in eccellenza si possono vedere delle belle partite. Tante le occasioni da rete da ambo le parti, e forse il Riccione può recriminare contro la sfortuna del primo tempo, quando in avvio coglie due pali e una traversa. Il Del Conca non sta a guardare, ma Farsoni fa buona guardia e sventa due palle pericolose. Nella ripresa stesso copione, occasioni d’ambo le parti fino al 40’, quando Buonocore imbecca Bacchini che si presenta davanti a Farsoni e lo trafigge per il vantaggio. Il gol causa qualche distrazione tra i giocatori di casa che due minuti dopo subiscono in mischia il gol del pareggio di Luconi. Restano ancora pochi minuti da giocare, e l’1-1 va bene ad entrambe. Il Del Conca si laurea campione d’inverno, e il Riccione rimane in scia a tre punti.

Ne approfitta la Copparese, unica squadra vincitrice della giornata. Tutte le altre gare sono infatti finite in parità, per una classifica generale in pratica “congelata”. Il Boca non è riuscito a fare punti, e si è fatto superare in casa per 1-0 dal gol di Grassi al 20’ del primo tempo. La copparese ha comunque legittimato il successo con tante altre occasioni sprecate, compreso il rigore sbagliato da Grassi tirato troppo centrale. Una vittoria importante per la squadra ferrarese, se non latro potenziata appunto da tutti gli altri pareggi della giornata. Ora è a tre punti dal Riccione, secondo in classifica, per un girone di ritorno che si preannuncia emozionante.

E’ il Forlì la quarta squadra di alta classifica, possibile pretendente alla vittoria finale. Il paregio per 1-1 a Fusignano però le sta un po’ stretto. Dopo il gol del vantaggio con Cuttone al 3’ minuto, il Forlì pur dominando per lunghi tratti non riesce a piazzare il colpo del KO, neanche dal dischetto. Il rigore concesso dall’arbitro infatti, è sbagliato da Biserna che se lo fa respingere in angolo da Celeste. Così nella ripresa capita anche di subire il gol del pareggio, per merito di Onestini che svetta più alto di tutti e di testa batte Chiadini. Il Forlì cerca di vincere con tutte le sue forze, ma i suoi attaccanti sono troppo imprecisi e non finalizzano le tante azioni offensive. Finisce così 1-1, con il Forlì raggiunto dalla Copparese a 33 punti.

Subito dietro c’è il Cervia, con l’unico pareggio per 0-0 della giornata con il Faenza. I locali partono contratti, permettendo agli ospiti di fare la partita, impegnando severamente a più riprese il portiere di casa Bertaccini. Nella ripresa il copione si inverte, con il Cervia a spingere di più e il Faenza a contenere. La squadra di casa però non riesce a concretizzare la mole di gioco espressa, e d è anche sfortunata con Refatti che coglie il palo a portiere battuto. Tutto sommato un altro punto che fa bene ad entrambe, visti i tanti pareggi della giornata.

L’unico a finire 2-2 è quello tra Cesenatico e Calderara. I locali passano al 15’ con Lombardini, ma non riescono a piazzare il colpo del KO, anzi vengono raggiunti alla mezz’ora da Frisenda. In avvio di ripresa il Calderara ribalta il risultato con De Maria ma pochi minuti dopo dal discehtto Gualtieri pareggia il conto dei gol. Il Cesenatico ha anche l’occasione per vincere la partita, ma sempre dal dischetto Salzano non è altrettanto bravo e si parare il tiro.

Tutte le altre gare della giornata terminano in parità 1-1, come a dire che a Natale si è più buoni e un pareggio sta bene a tutti.

Alfonsine – Imolese 1-1

Primo tempo appannaggio dei padroni di casa che sprecano almeno tre occasioni, ma riescono nella ripresa a passare in vantaggio con Petrascu all’ottavo minuto. L’Imolese in mischia al 35’ riesce a pareggiare con Ercolani.

Tropical Coriano – Savignanese 1-1

Questa volta il bomber di casa Poziello è meno letale del solito, e dopo essere passati in svantaggio al 45’ con il gol di Tozzi, rimedia a inizio ripresa con Tentoni, fallendo però almeno tre occasioni con la sua punta.

Sasso Marconi – Massalombarda 1-1

Dopo una mezz’ora di equilibrio, il Sasso Marconi trova la ripartenza giusta e va in vantaggio con Bencivenni. Il Massa reagisce, ma trova il pari solo al 12’ della ripresa, dopo che il Sasso ha fallito una occasione clamorosa per il KO. Nel finale il Massa va più volte vicino al raddoppio, ma non riesce a bucare la porta dei locali.

Dozzese – Low Ponte 1-1

Botta e risposta in una gara importante per la salvezza. Nel primo tempo nessuna dele due compagini riesce a bucare la porta avversaria, ma nella ripresa al 32’ Vici porta in vantaggio il Low Ponte. Neanche il tempo di esultare che in mischia la Dozzese pareggia con Neri. Poi l’arbitro con alcune decisioni discutibili condiziona il resto della gara, negando un rigore ed espellendo due giocatori, bloccando così il risultato sul pareggio.

Al rientro dalla sosta natalizia, subito 3 gare con sfide dirette nella parte alta della classifica, e altrettante sfide importanti per la salvezza, per un avvio del girone di ritorno scoppiettante.

Del Conca - Riccione 1-1 Marcatori: 40’ Bacchini (M), 42 st Luconi (R) Del Conca Morciano: Foiera, Bacchini, Nucci, Cangini, Ticchi, Martini, Ubaldi (Longhi 18’ st), Lisi, Protti, Buonocore, Marani (Cursi 32’ st). All.: Tentoni Riccione: Farsoni, Taraj, Lapi, Patregnani, Filocomo, Lepri, Guerra (Caminati 1’ st), Domini, Tolomeo (Cavoli 32’ st), Mazzoli, Dall’Aglio (Luconi 25’ st). All.: Onorato Note: giornata soleggiata, terreno di gioco in discreto stato

Alfonsine - Imolese 1-1 Marcatori: 7’ Petrascu (A), 34’ st Ercolani (I) Alfonsine: Faedi, Troncossi, Lagorio (Valandro 35’ st), Di Tuccio (Lanconelli 25’ st), Donati, Bianchedi, Petrascu (Belli 30’ st), Miserocchi, Monti, Innocenti, Callegari. All.: Evangelisti Imolese: Zannoni, Mazzanti, Onori, Falco, Ercolani, Capodanno, Borini, Fabbi (Monti 18’ st), Maiorano, Antonellini, Toschi (Dalle Vacche 45’ st). All.: Assennato Arbitro: Galvani di Parma Note: giornata soleggiata

Boca San Lazzaro - Copparese 0-1 BOCA SAN LAZZARO (4-4-2): Conti; Ancona (70' Ferrari), Cazzola, Greco, Nobile; Anelli, Cataldi, Capogreco, Drago; Italia (58' Barone), Ferrari. In panchina: Millemaggi, Barnabé, Gnudi, Perpoli, Salvia. All.: Fabio Poli. COPPARESE (3-4-3): Finessi; Vecchiatini, Stradaroli (67' Mazzacani), Aruta; Banzi, Dianti, Tripepi, Magri; Biliotti, Grassi, Giuriola. In panchina: D'Andrea, Arveda, Marighelli, De Angelis, Zanaga, Belluzzi. All.: Fabio Mastrocinque. Arbitro: Fracassi di Reggio Emilia. Assistenti: Buttazzi di Parma e Maccadino di Rimini. Marcatore: nel pt, 20' Grassi. Note: calci d'angolo 8 a 3; ammoniti nel pt, 13' Banzi; nel st, 8' Anelli, 21' Cataldi. Espulso Cazzola

Fusignano - Forlì 1-1 FUSIGNANO: Celeste, Baroncini, Grasso, M. Ricci (81' Gatta), Onestini, Pressi, Biondini (88' Conficconi), Foschini, Corbino (61' Samsak), F. Ricci, Bassani. All. Orecchia FORLI': Chiadini, Brighi, Spighi, Cuttone, Magni, Magnani, Corzani (70' Molinari), Balestra, Biserna (54' Ceschi), Mordini, Muratori (93' Baldinotti). All. Scardovi Arbitro: Graziella Pirriatore di Bologna Reti: 2' Cuttone, 58' Onestini Note: espulso Mordini al 91' Tutto esaurito allo stadio di Fusignano per una partita combattuta che è finita giustamente in parità, con i forlivesi che possono recriminare per aver sbagliato un rigore. Gli ospiti partono a mille e al 2' vanno in gol: angolo calciato da Mordini e Cuttone insacca di testa. I locali accusano il colpo e impiegano un quarto d'ora prima di reagire. Ma al 27' la direttrice di gara concede un rigore al Forlì, tra le proteste dei pardini di casa, su un contrasto tra Onestini e Cuttone: calcia Biserna, ma Celeste con una prodezza devia in corner. Nella ripresa, dopo alcune schermaglie, arriva il pareggio dei padroni di casa, al 13'. Merito del difensore Onestini, abile ad anticipare con un colpo di testa il portiere avversario. Nei minuti finali poi ci sono da registrare da una parte una punizione di Bassani, respinata da Chiadini, e una 'bordata' del forlivese Ceschi, alta sulla traversa.
 

Cervia - Faenza 0-0 CERVIA: Bertaccini, Lessi, Olivieri, Troiano, Fratta, Missiroli, Balducci, Rossi (63' Sirri), Sabbadini, Bondi (77' Battistini), Rafael. All. Baldazzi. FAENZA: Gozzi, Bertoni, Oliva (80' Falanga), Rossi, Paglialonga, Palmieri, Galluccio, Melandri (46' Dalmonte), Merloni, Pezzi, Salomone. All. Giordani. Arbitro: Spassi di Rimini. Nulla di fatto tra Cervia e Faenza, ma le emozioni non sono certo mancate. Con gli ospiti che iniziano a spron battuto: al 12' Salomone da fuori impegna severamente Bertaccini che para, ma perde palla, pronto Merloni ma il portiere riesce a bloccare. Al 14' si rende pericoloso Melandri, ma Bertaccini lo anticipa in tuffo. Al 43' Faenza vicinissimo al gol, con Olivieri che toglie la palla dai piedi di Galluccio a due passi dalla linea di porta. Cervesi pericolosi al 45' su punizione con Olivieri. Gara più vivace nella ripresa e al 14' su cross di Sabbadini. Rafael di testa colpisce il palo. Bel sinistro di Bondi dai 20 metri e Gozzi di pugno devia in angolo. Al 40' attacco del Cervia in mischia, un difensore faentino rischia l'autogol evitato da Gozzi in uscita. Al 47' Olivieri su punizione supera la barriera, ma Gozzi para senza difficoltà. Infine al 48' Balducci si fa deviare la palla in angolo a Gozzi ormai battuto.
 

Cesenatico - Calderara 2-2 CESENATICO: Massarese, Bamonte, Righi, Platone, Fattori, Farabegoli, Teodorani (82' Bonandi), Lombardini (63' Bendoni), Salzano, Rispoli, Gualtieri (64' Franchini). All. Valdifiori. CALDERARA: Bertolotti, Lalomia, Madreselvi, Bini (74' Manta), Pilato, Todisco, Granatieri, De Maria, Longo, Frisenda (86' Brognara), Rizzo. All. Broglia. Arbitro: Mestieri di Finale Emilia. Reti: 15' Lombardini, 31' Frisenda, 54' De Maria, 60' Gualtieri (rig). Un Cesenatico sprecone pareggia in casa con la penultima della classe e chiude l'anno in modo deludente. Locali subito in avanti e al14' Salzano insacca ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Al 15' il primo gol: Salzano tira, Bertolotti respinge, la palla finisce a Lombardini che insacca. Al 31' il pari ospite: la difesa locale fa un pisolino, Longo crossa e Frisenda insacca di testa. Il Cesenatico reagisce e al 38' nella stessa azione traversa di Righi e palo di Salzano. Nella ripresa al 54' De Maria calcia una punizione, la barriera devia e spiazza Massarese per il vantaggio ospite. Al '60 il Cesenatico pareggia su rigore trasformato da Gualtieri. Al '66 l'arbitro assegna un dubbio rigore per fallo su Franchini, ma Salzano, si fa ipnotizzare da Bertolotti.
 

Sasso Marconi - Massalombarda 1-1 SASSO MARCONI: Giaroli, Arlotti, Gavaruzzi (60' Chiapparini), Brancaccio (86' Puopolo), Corvino, Bonetti, Livi (82' Gardosi), Mancuso, Bencivenni, Di Matteo, Cerbone. All. Farneti. MASSALOMBARDA: Monterastelli, Mascherini, Massarenti, Resta, Berti, Tosi, Lanzoni (50' Bassi), Errani, Guarnieri, Gardenghi (90' Ruggiero), Trombetti (75' Carè). All. Scozzoli. Arbitro: Toni di Rimini. Reti: 33' Bencivenni, 60' Tosi. La fiera delle occasioni perdute. La inaugura e la finisce il Sasso Marconi che non riesce a superare il Massalombarda nonostante sia andato in vantaggio. Al 21' punizione di Mancuso e la palla sfiora il palo. Il predominio dei locali si materializza al 33': palla filtrante di Cerbone per Bencivenni che insacca sull'uscita di Monterastelli. Il Sasso al 40' potrebbe chiudere la 'pratica': punizione di Gardenghi dal limite e prodezza di Giaroli che salva il risultato. Nella ripresa, al 10' assist di Mancuso per Di Matteo solo davanti al portiere che calcia fuori incredilbilmente. Al 15' arriva il pari: punizione dai 25 metri di Tosi, gran tiro che si infila nell'angolino basso. E il Massalombarda sfiora il successo al 23' con Giaroli che para la conclusione di Gardenghi.

Tropical Coriano - Savignanese 1-1 TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 2 Colonna, 6 Zanzani, 4 Babbini, 3 Buldrini; 7 Guerra L., 5 Tentoni, 8 Berardi (dal 13' st Angelini), 10 Carelli, 11 Chiaravalloti; 9 Poziello A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Iuzzolino, 14 Pacassoni, 15 Grechi, 17 Balducci, 18 Cavalli Allenatore: Achille Fabbri SAVIGNANESE (4-4-1-1): 1Pacileo; 2 Bertozzi, 5 Sirica, 6 Fantini, 3 Basini; 7 Casadei (dal 25' st Ricci R.), 4 Bartolini, 8 Lucchi, 11 Tozzi; 10 Zagnoli; 9 Farneti (dal 25' st Piastra) A disposizione: 12 Tentoni, 13 Tamburini, 14 Mariani, 16 Ricci G., 18 Alvisi Allenatore: Oscar Farneti Arbitro: Nonis di Pordenone Assistenti: Zaccarini di Lugo e Preti di Imola Ammoniti: Berardi, Guerra L. e Buldrini (TC); Casadei, Basini, Bertozzi e Bartolini (SA) Espulsi: / Sarà sicuramente un Natale sereno in casa Tropical. Non tanto per il pareggio ottenuto contro la Savignanese, ma perchè la prestazione dei biancorossoblù nel secondo tempo, fa ben sperare in vista del nuovo anno. La squadra brutta e lenta del primo tempo, nella ripresa è diventata improvvisamente bella e cinica. Le chiavi: lo spostamento di Carelli nel proprio ruolo naturale davanti alla difesa (con l'uscita di Berardi), e l'inserimento di Angelini, che per poco, appena entrato, non segnava addirittura la rete del 2 a 1. Un copione già visto: il Tropical del primo tempo è stato autore di una prova mediocre, dove la paura di perdere la faceva da padrone, poi come detto nel secondo tempo la mossa di Achille Fabbri, ha ridato equilibri e velocità alla manovra e ha permesso di creare palle gol clamorose, tant'è che oggi (e stavolta non ci sono dubbi), sono stati veramente due punti persi e non uno guadagnato. Il rammarico è tanto. Per l'ultima gara del 2008 al "Daniele Grandi", il mister corianese schiera il solo Poziello davanti, centrocampo muscolare con Tentoni, Carelli e Berardi più arretrato, mentre a sinistra c'è Chiaravalloti. Come sempre avviene, l'inizio è dedicato alla classica fase di studio, cosi non si registrano azioni degne di nota, nè da una parte nè dall'altra. La Savignanese di capitan Tozzi è ben controllata dai corianesi. Cosi bisogna attendere il 30', ed è il Tropical il primo a farsi pericoloso: corner dalla destra di Berardi, Colonna si avvita sul primo palo di testa, la palla s'impenna e va indirizzandosi verso l'incrocio, Pacileo si allunga e alza sulla traversa. 6 minuti dopo arriva la risposta della Savignanese: Farneti controlla un pallone vagante al limite dell'area, stop e tiro di prima intenzione, Guerra S. si distende sulla propria destra e respinge. Poi al 45' Berardi perde banalmente una palla a centrocampo e fa partire il contropiede gialloblù, lancio a sinistra per Tozzi che arriva da dietro e di sinistro realizza da dentro l'area sul palo lungo. E' 1 a 0 Savignanese. Il primo tempo finisce qui. Come ad Imola, nella ripresa il Tropical entra in campo con un'altro piglio e all'8 perviene subito al pareggio: cross dalla sinistra di Chiaravalloti verso il centro, Pacileo perde la sfera, la palla rimane in area, come un falco arriva Tentoni che di destro pareggia. Vuoi per lo spostamento di Carelli, vuoi per il morale alle stelle, dopo il gol i biancorossoblù non si accontentano e provano a vincerla. Al 15' Poziello dalla sua "mattonella" a sinistra fa partire un tiro insidioso e potente che pare indirizzato nell'incrocio, la palla cambia traiettoria all'ultimo istante e va a scheggiare la traversa. Un minuto dopo il neo entrato Angelini fa secco Sirica al limite, si sistema il pallone sul destro e tira, Pacileo blocca con non poche difficoltà Dall'altra parte da registrare solo un tiro di Zagnoli alle stelle su passaggio di Tozzi. Mentre al 26' è ancora Tropical. Triangolazione da applausi Buldrini-Chiaravalloti-Carelli, destro di quest'ultimo, ancora il numero 1 di mister Farneti è bravo a dire no. E' un monologo biancorossoblù. Alla mezz'ora ancora Poziello calcia forte una punizione da sinistra, nessuno riesce a toccare, Pacileo respinge fortunosamente con il corpo e la Savignanese si salva ancora. Poi cala il sipario ed il risultato non cambierà più. Buona la prestazione, ottima la reazione allo svantaggio, meno buono il risultato. Ancora una volta il Tropical è stato punito dall'unico errore della gara, ma la squadra vista nella ripresa si salverà senza problemi; certo, se si riuscisse a non regalare sempre un tempo agli avversari... Anche perchè la tenuta fisica pare eccellente, la voglia di non mollare mai idem ed alla ripresa del campionato, ovvero Martedi 6 Gennaio contro il Cesenatico, Achille Fabbri potrà contare anche su un Baldinini in più (asssente oggi perchè squalificato), ed aggiungere cosi un'altra freccia importante al proprio arco.

Mister Buccioli commenta il pareggio con il Low Ponte “Non so se questo era il massimo che si poteva ottenere, però oggi avevamo delle oggettive difficoltà. –Esordisce così l’allenatore della Dozzese Andrea Buccioli nel dopo gara di Dozzese-Low Ponte.”Però, per come si era messa questa partita, potevamo anche perdere, perché di solito in queste gare chi va in vantaggio poi le vince. Noi siamo riusciti a pareggiare quindi sia per questo sia per la prestazione, devo solo ringraziare tutti quelli che si sono resi disponibili, perché abbiamo passato una settimana abbastanza complicata. C’è gente che è andata in campo nonostante non stesse bene e in altre situazioni forse non sarebbe neanche venuta in panchina. Abbiamo avuto qualche difficoltà iniziale, le abbiamo superate, poi abbiamo anche creato una paio di occasioni;nel secondo tempo non abbiamo concesso praticamente niente, però abbiamo preso gol e quando vai sotto,a 10 minuti dalla fine, le situazioni possono anche non essere quelle che uno si prospetta…Per cui siamo contenti di questo pareggio, anche se tutti la indicavano come una partita da vincere.Sottolineo ancora che per noi oggi era davvero complicata. Abbiamo preso un ulteriore brodino che ci fa muovere ancora la classifica”. A chi gli chiede che cosa si augura per il prossimo anno, per il girone di ritorno, il Mister ride e risponde:” Felicità e molta salute!!a parte tutto adesso noi abbiamo bisogno di riposarci prima e di allenarci poi. E di recuperare qualche giocatore (oggi avevamo addirittura due giocatori fuori per ascessi ai denti, cosa che in tanti anni che sono sui campi non mi era mai capitata.E’ un periodo che ci va così!).15 punti sono pochi-conclude Buccioli- ma, forse anche quello che abbiamo espresso noi. Potremmo o avere 1 o 2 punti in più:d’altronde abbiamo sbagliato tre partite importanti con Tropical, Sasso Marconi e Faenza, tre scontri diretti che naturalmente incidono molto”.


19/12/2008

DEL CONCA - VALLEVERDE RICCIONE

immagine 1 relativa a DEL CONCA - VALLEVERDE RICCIONE

ULTIMA FATICA DELL´ANNO PER I RAGAZZI DI RICCARDO ONORATO, DOPPIA FATICA VISTO CHE SI TRATTA DEL BIG MATCH DELLA 16 °GIORNATA DEL CONCA - VALLEVERDE RICCIONE, UNA GARA CHE OLTRE AD AVERE UN GRANDE RILIEVO PER LA CLASSIFICA, RAPPRESENTA PER I MORCIANESI, UNA GRANDE SODDISFAZIONE PER UN PICCOLO PAESE RAGGIUNGERE CERTI TRAGUARDI. A RICCIONE SI VIVE LA VIGILIA DELLA GARA CON SERINITA´ CON L´UNICO RAMMARICO DELLA SQUALIFICA DEL N. 1 BERTOZZI, MA LO SPOGLIATOIO E SOLIDO E SAPRA´ SOPPERIRE A QUESTA PERDITA, LA SQUADRA, SI ASPETTA ANCHE UN INCITAMENTO DA 12 UOMO DAI SUPPORTER RICCIONESI, CHE NELL PICCOLO IMPIANTO MORCIANESE SONO CHIAMATI A DARE UNA PROVA IMPORTANTE DI FEDE DAVANTI ALLA CAPOLISTA DEL CONCA. L´ ESODO DEI TIFOSI PARTIRA´ ALLE 13.,15 DALLA MITICA PIAZZA´ UNITA PER UNA LUNGA CAROVANA DI SPERANZA, SINO AL "CARLO BRIGO" DI MORCIANO, IN CUOR LORO C´E´ SOLO UN RISULTATO, PER VEDERE NUOVAMENTE GRANDE LA SQUADRA DELL´OTTANTENARIO. APERTURA CANCELLI ORE 13, ARBITRO NUOVAMENTE DA FUORI REGIONE CON DUE GUARDALINEE RIMINESI, BIAGETTI E GALLO, PREZZO UNICO 10 EURO (CI SARA´ LA GIORNATA BIANCAZZURRA A MORCIANO) INZIO ORE 14.30.


16/12/2008

Il difensore Diego Nanni al Forlì Fc

E' stato raggiunto l'accordo per la stagione in corso fra il giocatore Diego Nanni e il Forlì Fc.

Il giocatore, difensore centrale, nato a Rimini il 1 agosto 1982, ha militato nelle formazioni di Rimini (C2), Gubbio (serie D), Bellaria (C2), Imolese (C2) Riccione (serie D).

Ha disputato gli ultimi due campionati nel Santarcangelo (serie D).

 

Il punto sull'Eccellenza B Ad una giornata dal giro di boa inizia a scricchiolare la supremazia della corazzata Del Conca. La sconfitta a Copparo ha riaperto i giochi al vertice rilanciando i ferraresi autori di una vera impresa. Domenica prossima big match a Morciano, fra le prima due della classe Del Conca e Riccione. Questi ultimi inseguono a 3 punti di distanza e, nonostante abbiano sprecato una buona occasione pareggiando in casa contro il Cesenatico, sono pronti a cogliere l’attimo. Quotazioni in aumento anche per il Forlì, che superando una Savignanese in buona forma, si rilancia anche in campionato. Per la compagine di Scardovi trasferta contro il pericolante Fusignano. Bene la Copparese che ha riaperto il campionato, ma i prossimi avversari sono tutt’altro che malleabili: quel Boca che è stato inaspettatamente sommerso di reti a Faenza. Per la squadra di Poli è obbligatorio un rilancio. A 30 punti troviamo anche il Cervia che, senza grossi clamori, è sempre presente. Domenica scorsa ha affondato il pericolante Sasso Marconi, la prossima si appresta a fare altrettanto con il Faenza. I manfredi, però, si sono mossi sul mercato ed hanno portato a casa pedine di grande valore: Merloni e Falanga, su tutti, che insieme a Salomone fanno un attacco di tutto rispetto: chiedere al Boca, please!!! Per il Faenza siamo certi che il purgatorio sia finito. Scendendo in graduatoria troviamo l’Alfonsine a 23, la Savignanese a 21 e Imolese e Cesenatico a 20. Ben altri obiettivi avevano queste squadre alla vigilia. Oggi sono perse nelle pieghe del campionato e devono stare molto attente a non commettere passi falsi per non finire nelle paludi dei play-out. L’Alfonsine dopo il pareggio con il Low Ponte attende l’Imolese, mentre la Savignanese va a Coriano ed il Cesenatico ospita il Calderara. Sul fondo della classifica, anche se poco sopra la zona play-out, troviamo il Fusignano ed il Massalombarda. Per la compagine di Orecchia un campionato deludente, per risultati, gioco e spettacolo. Domenica ad Imola un pareggio ad occhiali che rispetta la stagione di entrambe le formazioni. Stesso risultato anche a Massa Lombarda con la Dozzese a strappare un punto a Gardenghi e compagni. Massa e Dozzese viaggiano a braccetto. Nell’ultimo mese 4 punti a testa frutto di 4 pareggi: ergo, non sanno più vincere. Ma se per la Dozzese era certo un campionato di sofferenza e di passione, per il Massa, dopo un buon avvio, i risultati sono scedenti e i rischi di un campionato difficile, se non addirittura a rischio, in questo momento sono tanti. Domenica il Massa va a spareggiare a Sasso Marconi. A 15 punti, oltre al già citato Faenza troviamo il Tropical Coriano, che dopo aver pareggiato a Calderara, prova a chiudere l’andata a quota 18: tutto sommato un buon girone di andata per i romagnoli, ma la Savignanese non penso sia un buon cliente. A 14 staziona la Dozzese, che domenica dovrà vedersela con il Low Ponte. Per i gialloblù di Buccioli uno spareggio che può significare ossigeno: ma attenzione a non commettere passi falsi perché una sconfitta potrebbe rilanciare i ravennati anche in chiave play-out. Domenica, quindi, ultimo atto di questo girone di andata, flagellato nelle ultime domeniche dal maltempo, prima delle feste di Natale. Feste attive, perché alla Befana si ritorna in campo.

ECCELLENZA B: la classifica dell'ultimo mese dice Riccione Classifica: RICCIONE 14, SAVIGNANESE 13, FORLI 13, DEL CONCA 12, CERVIA 12, ALFONSINE 11, BOCA SAN LAZZARO 10, COPPARESE 9, CESENATICO 8, IMOLESE 8, FUSIGNANO 7, SASSO MARCONI 6, TROPICAL CORIANO 6, FAENZA 5, CALDERARA 3, DOZZESE 3, MASSA LOMBARDA 3, PROSIDER LOW PONTE 2.


15/12/2008

Del Conca strapazzato dalla Copparese
Ora è il Riccione la squadra meno battuta

La capolista Del Conca stecca la sua seconda gara ed esce malconcia dallo stadio di Copparo, dove la squadra di casa vince per 3-1. In realtà la gara poteva finire anche in un altro modo, viste le occasioni sprecate da entrambe le formazioni. Al 7’ la difesa ospite sbaglia l’intervento, Giuriola penetra in area e batte Foiera per l’1-0. Passano 10 minuti e il Del Conca pareggia su rigore con Buonocore per un netto fallo in area su Ticchi. Ancora al 25’ però Biliotti riesce a bucare la difesa morcianese e a battere Foiera. Nella ripresa dopo aver colpito un montante per uno, il portiere di casa Finessi compie un miracolo vanificando il possibile 2-2, mentre non sbaglia al 28’ Grassi in contropiede per il definitivo 3-1. Questo risultato avvantaggia le inseguitrici, prima tra tutte il Riccione, che però non riesce a fare bottino pieno e si limita a uno 0-0 contro il Cesenatico. Gli ospiti appaiono più affamati di punti e il portiere di casa Bertozzi già al 5’ minuto salva porta e risultato, così come all’11 intercetta e vanifica una perfetta punizione di Rispoli. Al 22’ però rischia di rovinare tutto cercando di dribblare in area l’attaccante avversario Lombardini invece di rinviare lungo, così perde palla ma è fortunato perché la punta di Cesenatico spara sul palo a porta vuota. Passata la paura è ancora Bertozzi a dover intervenire sui calci piazzati, segno di una predominanza del Cesenatico per tutto il primo tempo. Nella ripresa i ruoli si invertono, con Domini, Guerra e Tolomeo che impegnano severamente il portiere ospite Massarese. Col passar del tempo il livello agonistico cala, così come le forze, e la gara si trascina sullo 0-0 fino al termine.

Ne approfitta invece il Forlì, che vince 2-1 sulla Savignanese e accorcia le distanze dalla coppia di testa. Non è certo stata una gara facile quella al Morgagni, con la Savignanese in grande forma e il Forlì in serie positiva. Una sfida tra due belle squadre che ha dato spettacolo. A passare per primo è il Forlì con Biserna, che raccoglie una punizione deviata sul palo, poi 10 minuti dopo raddoppia con Muratori servito da Tamburini. Nella ripresa è la Savignanese a premere di più sull’acceleratore, e trova il gol con Tozzi al 18’. Sul 2-1 il tema ricorrente per il resto della gara è dettato dalla Savignanese che spinge per pareggiare e il Forlì che riparte veloce in cerca del gol per chiudere la partita, ma nessuna delle due riuscirà a segnare.

Basta un gol al Cervia per avere ragione del Sasso Marconi, gol raggiunto in un assalto finale dopo una partita senza troppe emozioni. Nel primo tempo si registrano alcune conclusioni mai troppo pericolose per i portieri, l’unica che fa gridare al gol capita al Sasso Marconi ma Olivieri salva sulla linea. Nella ripresa il Cervia cresce piano piano e sfiora il gol in più riprese, ma è solo su rigore al 32’ con Sabbadini che riesce a passare in vantaggio. Severo pochi minuti dopo fallisce il gol del KO, mentre Bertaccini salva la propria porta in due occasioni proprio nei minuti finali.

Il Faenza passeggia sul Boca e vince 4-2, scacciando i fantasmi di un possibile ritorno di crisi. Al 15’ Oliva di testa porta in vantaggio il Faenza, che raddoppia poi su rigore al 42’ con Merloni. Ad innizio ripresa il terzo gol ancora con Oliva e sempre su crossi di Salomone. Il Boca trova il gol del 3-1 con Ferrari ma Salomone stavolta fa tutto da solo e insacca per il 4-1. Al 79’ raddoppio del Boca con Drago, ma è troppo tardi ormai per recuperare e la gara finisce così.

Finisce in parità 1-1 òa sfida tra Low Ponte e Alfonsine, con la squadra di casa che motra notevoli segni di miglioramento. Passa infatti in vantaggio per prima con Vici su rigore, fallendo il raddoppio al 40’ con Acquaviva. Nel mezzo da segnalare la traversa colpita dall’Alfonsine. Nella ripresa arriva il pareggio con Lanconella alla mezz’ora, e fallito anche il sorpasso con Calandro che non trova la porta. Ma è al 92’ che Faedi salva la porta dell’Alfonsine sul tiro di Larak, fissando così il punteggio sull’1-1.

Pareggiano a reti inviolate Imolese e Fusignano, risultato che rispecchia fedelmente l’incapacità delle due formazioni di rendersi pericolose sotto rete. E’ la squadra di casa quella che più si avvicina al gol, ma nessuno riesce a concretizzare quanto creato. Un punto ciascuno è il risultato più giusto.

Spreca troppo invece il Massa che sul proprio campo non riesce nemmeno una volta a bucare la porta della Dozzese per uno 0-0 difficile da digerire. Sono ben 5 le occasioni da rete create dalla squadra di casa, ma nessuna è stata finalizzata a dovere.

Ancora un pareggio ma per 1-1 quello tra Calderara e Tropical Coriano, con quest’ultimo che trova in zona cesarini lo spunto giusto per andare in rete. Al 26’ gli ospiti potrebbero passare in vantaggio, ma Berardi cincischia troppo davanti al portiere e Lalomia recupera e sventa l’azione. Nella ripresa Frisenda porta in vantaggio il Calderara su assist di De Maria, e sempre Frisenda potrebbe raddoppiare al 78’ ma coglie in pieno il palo. Il Tropical si fa avanti ma è sfortunato: Colonna si vede intercettato il suo tiro proprio sulla linea di porta. Il gol arriva solo al 95’ con Poziello, bene imboccato da Babbini che con un dribbling vanifica la trappola del fuorigioco avversaria.

Riccione - Cesenatico 0-0 RICCIONE:Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Filocomo, Lepri, Guerra (65' Caminati), Domini, Tolomeo, Mazzoli, Luconi (81' Dall'Aglio). All. Onorato. CESENATICO: Massarese, Bamonte, Righi, Platone, Fattori, Farabegoli, Teodorani, Lombardini, Salzano (90' Antoniacci), Rispoli, Gualtieri (70' Zavattini). All. Valdifiori Arbitro: Fadda di Cagliari. Finisce 0-0 una gara che comunque ha regalato emozioni. I biancazzurri così rosicchiano solo un punto alla capolista. Il Cesenatico, del neotecnico Valdifiori, si dimostra più convincente e 'punge' subito con Salzano e Rispoli che impegnano Bertozzi. Al 19' grande occasione per i rossoblù: retropassaggio a Bertozzi che si attarda nel rinvio esibendosi in un pericoloso dribbling, Lombardini gli ruba palla ma, a porta vuota, manda incredibilmente sul palo. Molto più tonico il Riccione al rientro in campo quando Mazzoli porge una palla d'oro a Guerra. Il tiro è rimpallato da un difensore e subito dopo Tolomeo indirizza male il tiro che sfiora il palo. Ottimo Massarese poco prima della mezz'ora quando vola a deviare in angolo un tiro di Tolomeo indirizzato nell'angolo alto. Sul finire di partita, ancora Massarese para un tiro teso ma centrale di Mazzoli e poi è Bamonte a buttare al vento un'occasione da rete; il tiro ravvicinato del difensore ospite attraversa tutta l'area piccola e termina addirittura in fallo laterale.

Cervia - Sasso Marconi 1-0 CERVIA: Bertaccini, Lessi, Olivieri, Triano, Fratta (65' Sirri), Missiroli, Zaghini (65' Balducci), Spagnoli, Sabbadini, Cardini (84' Bondi), Rafael. All. Baldazzi. SASSO MARCONI: Giaroli, Arlotti, Gavarucci, Brancaccio, Corvino, Bonetti, Livi, Mancuso, Bencivenni, Di Matteo, Cerbone. All. Farneti. Arbitro: Collinucci di Cesena. Marcatore: al 78' Sabbadini su rigore. Grazie a un rigore trasformato da Sabbadini il Cervia riesce a superare un ostico Sasso Marconi. Dopo i primi venti minuti di studio, la prima occasione capita agli ospiti sui piedi di Cerbone, para però Bertaccini. E al 22' il portiere dei padroni di casa compie una prodezza su un tiro angolato ancora di Cerbone. Al 28' punizione dai 30 metri calciata da Cardoni, la conclusione finisce alta. Al 31' Rafael entra in area e tira a fil di palo. In chiusura di tempo bella punizione di Di Matteo, bloccata da Bertaccini, poi Giaroli para una seconda punizione di Spagnoli. Nella ripresa, al 1' Sabbadini viene anticipato di un soffio da Giaroli e al 23' Triano viene anticipato in corner e sull'angolo Sirri manda alto di poco con un colpo di testa. Al 26' bella incursione di Sabaddini in area, il suo tiro in diagonale attraversa tutta la linea di porta, ma nessun compagno riesce a sfruttare l'occasione. Al 31' l'azione che decide la gara: fallo di un mano di un difensore su tiro di Sabadini, rigore trasformato dallo stesso giocatore cervese. Al 43' Rafael si fa 40 metri di corsa, ma tira alto. Al 45' proteste degli ospiti per un presunto fallo in area di Missiroli in una mischia sventata poi da Bertaccini in angolo. Infine ancora l'estremo difensore cervese salva il risultato parando in tutto un rasoterra di Ferriero.

Calderara- Tropical Coriano 1-1 CALDERARA: Bertolotti, Manta, Madriselvi, Pilato, Ferrari (dal 1's.t. Rizzo), Todisco, Granatieri, De Maria, Longo, Frisenda, Lalomia. All.: Broglia. TROPICAL CORIANO: Guerra S., Colonna, Boldrini, Babbini, Tentoni, Carella, Guerra L. (dal 22's.t. Saccani), Berardi (dal 36's.t. Pacassoni), Baldinini, Chiaravallotti (dal 30's.t. Cavalli), Poziello. All.: Fabbri. Arbitro: Bianchini di Cesena (collaboratori Cinci di Ferrara e Iannizzato di Ravenna). Marcatori: s.t. 15'Frisenda, 47'Poziello. Note: terreno molto allentato, spettatori 300 circa. Ammoniti: nel Calderara Madriselvi, nel Tropical Coriano Colonna, Chiaravallotti, Tentoni. Espulso Baldini del Coriano al 40's.t. per fallo di reazione. Angoli: 12-6 per il Coriano. Il Calderara continua a fare il masochista. Gioca bene, si porta in vantaggio, sfiora e si mangia con le proprie mani il raddoppio che valeva la chiusura del match e poi, con un uomo in più, si fa pure impattare dopo il novantesimo. Eccola, la frittata firmata Calderara. Con i sentiti ringraziamenti del Tropical Coriano. Il primo tempo fatica ad accendersi, ma al 26' iniziano i primi fuochi d'artificio: Chiaravallotti ben servito in area da Berardi ma all'atto della conclusione il fantasista dei romagnoli a porta vuota viene anticipato da Lalomia. Al 33' gran traversone di Longo per Granatieri che da solo in area tentenna troppo e si fa anticipare da Tentoni. Il match è bello, i contonui cambi di fronte lo testimoniano. Al 35' occasione al volo alta di Lorenzo Guerra lanciato a rete fermato in area da Todisco. I primi 45' si chiudono con la bella discesa di Madriselvi per Manta che da solo senza motivo calcia alle stelle. Ripresa. Non succede nulla fino al 15'. Poi arriva una palla molto golosa nell'area del Coriano, Pilato fa da torre per l'accorrente Frisenda che stoppa di petto e al volo insacca alle spalle di Simone Guerra. Gongola il Calderara e 15' dopo può pure mandare in soffitta il match: contropiede di Frisenda su assist di De Maria che da solo al limite dell'area a portiere battuto prende il palo. Al 2° minuto di recupero, contropiede del Coriano sul filo dell'outside con Babbini che salta come birilli ben 3 giocatori di casa e sforna un ghiotto assist per Poziello che inchioda sull'1-1 il risultato finale.

Copparese - Del Conca 3-1 COPPARESE: Finessi, Banzi, Magri, Vecchiatini, Stradaroli, Aruta, Biliotti, Dianti (89' Tralli), De Angelis (60' Tripepi), Giuriola (70' Mazzacani), Grassi. All. Mastrocinque DEL CONCA MORCIANO: Foiera, Santoni (46' Brilli), Turchi (75' Rossi), Cangini, Martini, Ticchi, Bacchini (65' Curzi), Lisi, Protti, Buonocore, Marani. All. Tentoni Arbitro: Ravanello di Castelfranco Veneto. Reti: 8' Giuriola, 15' Buonocore (rig.), 25' Biliotti, 74' Grassi La capolista Del Conca deve arrendersi sul campo della Copparese, trascinata dal trio Giuriola-Grassi-Biliotti. La squadra di Mastrocinque ha capitalizzato nel migliore dei modi le palle gol, ma il Del Conca ha confermato di non essere capolista per caso. All'8' Grassi conquista palla al limite e serve Giuriola che entra in area e insacca. Il Del Conca reagisce e al 15' Stradaroli tira per la maglia Protti, rigore segnato da Buonocore. Al 25' Copparese ancora avanti: assist di Grassi per Biliotti che in diagonale trafigge Foiera. Il Del Conca non demorde e con una stupenda azione arriva con Marani al tiro ma Aruta salva sulla linea. Nella ripresa al 2' traversa di Biliotti con un tiro da fuori e palo di Buonocore su punizione. Al 12' Finessi è grande sul sinistro di Lisi e al 29' va a segno Grassi: su un lancio di Biliotti l'attaccante rossoblu semina Ticchi e Foiera e deposita in rete la palla della sicurezza.

Forlì - Savignanese 2-1 FORLI' : Chiadini, Brighi (74' Roccetti), Spighi, Mordini, Magni, Magnani, Corzani, Balestra (58' Molinari), Biserna (81' Ceschi), Sozzi, Muratori. All. Scardovi. SAVIGNANESE: Pacileo, Bertozzi, Fantini, Bartolini (78' Ricci R.), Scirica, Tamburini (53' Casadei), Basini, Lucchi, Farneti (78' Ricci L.), Zagnoli, Tozzi. All. Farneti Arbitro: Ciciriello di Bologna Reti: 35' Biserna, 43' Muratori, 62' Tozzi. Note: spettatori 1200 circa; ammoniti Corzani, Basini, Tozzi; angoli 3-2 per il Forlì. Venti minuti di buon calcio bastano al Forlì per stendere la Savignanese che nella ripresa accorcia e sfiora il pari. Lo stop della capolista Del Conca porta i biancorossi a -6 d al vertice. Galletti pericolosi al 29' con Muratori che taglia in area per Corzani, ma la conclusione è debole. E' il preludio del gol, che giunge sei minuti dopo: la punizione dal limite di Balestra incoccia la base del palo e Biserna è lesto ad appoggiare in rete. In chiusura di tempo Muratori raddoppia, gol da dividere con Sozzi che beve in slalom due avversari e porge a destra per Muratori che brucia Pacileo in uscita. Sembra pronta la goleada, quando ad inizio ripresa Biserna taglia in area, scarta il portiere e mette dentro, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Gli ospiti prendono coraggio e accorciano con l'ex Tozzi, che anticipa di testa Brighi su suggerimento di Lucchi. Ultimo brivido al 72' con Casadei che spara alto di testa un cross di Zagnoli.

La Dozzese pareggia a Massa:0-0 MASSALOMBARDA-DOZZESE 0-0 Massalombarda:Monterastelli, Mascherini, Massarenti, Crivellaro, Fusconi, Tosi, Resta, Errani (35’st Lanzoni), Guarnieri (22’st Bassi), Gardenghi, Trombetti.A disp.:Zani, Carè, Gherardi, Ruggiero, Strocchi.All.Scozzoli. Dozzese:Turchi, Pierri, Alpi, Brunetti, Baroncini, Facchini, Bertozzi, Bonini (41’st Piancastelli), Giorgi, Neri, Barbieri (41’st Agboton).A disp.:Pandolfi, Cascone, Lucatini, Mambelli.All.Buccioli Arbitro:Pietro Paolo di Modena;assistenti Orsini di Faenza e Seganti di Lugo. Ammoniti:Fusconi, Tosi, Crivellaro, Resta, Neri, Baroncini Espulso:Fusconi (48’st per doppia ammonizione) Esce il segno X (0-0) dalla gara tra Massalombarda e Dozzese, valida per la penultima giornata di andata del girone B e su un terreno di gioco reso pesante dal maltempo delle ultime settimane.I gialloblù sono privi degli infortunati Caroli e Tozzoli, dello squalificato Cappiello e con Lucatini che si ripresenta in panchina dopo l’infortunio che lo ha tenuto praticamente da inizio stagione fuori dal rettangolo verde. Nel Massalombarda out per squalifica Berti.La partita è finita a reti inviolate ma si sono comunque viste alcune belle azioni e qualche buona occasione. Nel primo tempo l’occasione più insidiosa è dei padroni di casa al 20esimo, con un tiro ravvicinato di Gardenghi sul quale è pronto ad intervenire Turchi.E’ lo stesso Gardenghi a ripetersi al 7^della ripresa ed è ancora Turchi, con un grande intervento, a salvare la propria porta.Fino alla fine della partita è poi solo la Dozzese ad insidiare la porta di Monterastelli.Al 13’ un gran tiro di Giorgi da fuori è di poco alto;al 17^tiro al volo di Barbieri sul quale si avventa il n.1 di casa.L’occasione più limpida è quella servita da Bonini al 37’a Barbieri che, solo davanti a Monterastelli, si fa ipnotizzare e il suo tiro non riesce a superarlo.Nota negativa il giallo a Brunetti che, diffidato, dovrà saltare la prossima gara, l’ultima di andata in casa con il Low Ponte. Dozzese che sale così a 14 punti, ma con la vittoria di oggi del Faenza si fa scavalcare dai Manfredi ed è quartultima:dietro solo Sasso Marconi, Calderara e Low Ponte

Calderara - Tropical Coriano 1-1 All'ultimo respiro il Tropical si salva a Calderara. Sarebbe stata una sconfitta pesante, che avrebbe compromesso e non poco il cammino dei biancorossoblù verso la salvezza contro il Calderara ultimo in classifica e mai vittorioso sin d'ora in campionato. Invece, grazie ancora una volta ad una rete al 95' del solito Poziello (arrivato a quota 7), i ragazzi di Achille Fabbri sono riusciti a pareggiare un match che sembrava ormai compromesso. Proprio contro il Calderara, che nell'Aprile scorso sconfisse il Tropical nello spareggio per l' Eccellenza. E' stata una squadra a due facce quella vista oggi al "Pederzini": bene nel primo tempo, male, molto male nella ripresa, cosi questo punticino è veramente oro colato. Se si deve stare a quello visto nella ripresa, ai corianesi si fatica a concedere qualche possibilità di salvezza: squadra lenta, senza grinta ed idee. Se invece si tiene in considerazione la voglia di non mollare mai e di crederci sino all'ultimo, allora si può anche sognare. Come sempre, la verità sta nel mezzo. Vietato illudersi. Domenica prossima, ultima sfida del 2008, al "Daniele Grandi" arriverà la Savignanese. Occorrerà mettere in campo l'anima, per conquistare una vittoria che manca tra le mura amiche addirittura dal 12 Ottobre scorso contro la Dozzese. Sono passati secoli. 3 punti domenica ridarebbero un grande slancio in classifica e, soprattutto, permetterebbero di passare un Natale sereno in vista del durissimo 2009, che si preannuncia pieno di insidie, sofferenze e difficoltà.

FAENZA - BOCA SAN LAZZARO 4-2 FAENZA: Gozzi, Bertoni, Oliva, Rossi, Paglialonga, Palmieri (18’ Menichetti, dal 46’ Taddei), Dell’Anno (86' Falanga), Melandri, Merloni, Pezzi, Salomone. All. Giordani. BOCA SAN LAZZARO: Giovannini, Picchi (46’ Nobile), Di Giulio, Calabrese, Leone, Cazzola, Paselli (53’ Italia), Dozzi, Cataldi, Anelli (71’ Drago), Ferrari. All. Poli. Arbitro: Salvatori di Rimini. Reti: 15’ Oliva (F), 42’ Merloni (F) su rigore, 46’ Oliva (F), 52’ Ferrari (SL), 58’ Salomone (F), 79’ Drago (SL). Note. Ammoniti: Calabrese, Di Giulio. Espulso Dozzi al 47’ per somma di ammonizioni. Spettatori 250 circa. FAENZA – Girandola di gol al ‘Bruno Neri’ per il rilancio del Faenza, che torna al successo dopo due pareggi e due sconfitte negli ultimi quattro turni. La vittoria dei biancazzurri di Giordani non fa una grinza: hanno avuto nettamente in mano la partita per tutto il primo tempo, e soltanto dopo essere andati sul 3-0 all’inizio del secondo hanno avuto un calo di rendimento, che comunque non ha inciso sul risultato finale. Ad alzare quotazioni e morale dei biancazzurri ci hanno pensato in settimana gli arrivi di due nuovi attaccanti, entrambi ‘cavalli di ritorno’: Matteo Merloni, andato subito in rete, e Luigi Falanga. Un Faenza che torna dunque in corsa per la salvezza; perlomeno si lascia momentaneamente alle spalle la paura della retrocessione diretta. I biancazzurri partono forte ed al 4’ hanno già la prima occasione: Salomone si libera sulla fascia e poi crossa rasoterra al centro, ma nessuno dei suoi compagni è lesto a toccare quel tanto che basta per mettere in rete. Passa poco però per il vantaggio. Al 15’ ancora un cross di Salomone e splendido colpo di testa di Oliva, che insacca nel ‘sette’ alla sinistra di Giovannini. Al 20’ annullato per fuorigioco un gol di Anelli. Cinque minuti dopo Salomone con un tiro ravvicinato impensierisce Giovanni, che spedisce in angolo coi pugni. Al 42’ il raddoppio del Faenza, su rigore. Dopo un dribbling sulla destra, Dell’Anno mette in area un pallone che colpisce un braccio di Di Giulio. Merloni insacca il penalty con precisione, nell’angolino destro della porta difesa da Giovannini. All’inizio del secondo tempo arriva subito il 3-0. Lo segna ancora Oliva, nuovamente di testa, su un cross offertogli da Salomone. Un minuto dopo il San Lazzaro resta pure in dieci, per l’espulsione (doppia ammonizione nell’arco di 60 secondi) di Dozzi. Ma proprio dall'inferiorità numerica gli emiliani traggono le forze per reagire. Al 52’, su cross di Di Giulio, Ferrari sigla la rete del 3-1 con un bel colpo di testa. Passano solo sei minuti ed il Faenza ristabilisce le distanze: uno scatenato Salomone scarta due avversari con un dribbling ubriacante in area ed insacca alle spalle dell’incolpevole Giovannini. Al 79’ il secondo gol del Boca: lo sigla Drago, raccogliendo una respinta di Gozzi, dopo un iniziale tiro di Cataldi. Al 90’ Oliva sfiora addirittura la tripletta: un suo tiro ravvicinato a botta sicura viene respinto d’istinto dal portiere avversario.


10/12/2008

Il punto sull'Eccellenza B A due giornate dal giro di boa, il campionato di Eccellenza sta delinenado gli equilibri. Fino al mese scorso, Savignanese, Cesenatico, Imolese e Fusignano erano invischiate nelle zone basse della classifica. Ora, grazie anche alla poderosa frenata delle sei squadre di bassa classifica, stanno lentamente acquisendo una posizione più consona alle loro potenzialità. Ma partiamo dalla cima: il Del Conca è una realtà. Continua imperterrita la sua corsa al vertice avendo guadagnato 38 punti su 45: un bottino veramente notevole. Il Riccione che insegue di punti ne ha totalizzati 34, e, probabilmente, in un altro girone sarebbe al primo posto. A 29 il Forlì, guida un gruppetto di inseguitrici con Copparese, Cervia e Boca che sperano in un passo falso dei battistrada. A quota 22 l’Alfonsine, che precede di un punto la Savignanese, staziona in una zona tranquilla della graduatoria. Queste due compagini sono reduci da un buon momento di forma e hanno definitivamente abbandonato la zona play-out. A 19 punti ci sono Imolese e Cesenatico. Entrambe hanno cambiato allenatore. L’Imolese, che da sei giornate è guidata da Pietro Assennato, ha dapprima vinto le prime tre gare, poi due sconfitte e un pareggino casalingo con il Coriano. Il Cesenatico, invece, dopo il capitombolo contro la Copparese di domenica scorsa, ha chiamato Nevio Valdifiori a salvare il salvabile, in un ambiente che pretende molto dalla squadra. Tre gradini più sotto, a quota 16, Massalombarda e Fusignano. I massesi, da novembre hanno smesso di vincere ed hanno perso quattro volte e pareggiato tre. Il Fusignano di Andrea Orecchia stenta a decollare e continua ad avere un ruolino piuttosto deludente. Massa e Fusignano sono appena sopra la zona play-out e rischiano di essere riassorbite, anche se sotto fanno di tutto per rimanerci. Il Tropical Coriano, a quota 14, viaggia in maniera altalenante, mentre la Dozzese ha avuto un novembre pessimo in cui ha collezionato solo tre pareggi. Tropical e Dozzese sono inseguite da Sasso Marconi e Faenza. Queste ultime due dopo un buon momento di forma sono nuovamente calate e ora stazionano in zona play-out. In fondo alla classifica, infine, Low Ponte e Calderara destinate a retrocedere direttamente. Ma, se una delle due dovesse riprendersi e risalire la china, per le quattro squadre che le precedono sarebbe notta fonda viste le difficoltà in cui si sono imbattute. Le prossima gare ci daranno più informazioni, in vista del girone di ritorno.


09/12/2008

Il Real Cesenatico cambia allenatore In questa stagione è paletta rossa per gli allenatori. Sono già stati tanti i cambi di panchina nel torneo in corso, l'ultimo in ordine temporale è l'avvicendamento sulla panchina dei 'cosari' del Real Cesenatico con l'arrivo di Nevio Valdifiori al posto di Rocco Cotroneo. La battuta d'arresto interna di questa stagione è paletta rossa per gli domenica contro la Copparese è costata la panchina all'ex tecnico del Forlì; il Cesenatico è ormai fuori dalla lotta per il primo posto, ma è approdato alla finale regionale di Coppa Italia di Eccellenza. Valdifiori in carriera ha allenato San Pancrazio, Imolese, Massa Lombarda, Castel San Pietro Terme, Castrocaro Terme e Cervia lo scorso anno fra la gestione Roveda e Baldazzi. Cesenatico è un ambiente scoppiettante, dove la pressione si sente e si fa sentire.


07/12/2008

Harakiri Tropical, il Riccione ringrazia
Pasticcio fatale tra Guerra S. e Colonna. I riccionesi, senza aver tirato mai in porta, passano al "Grandi"




Il Riccione passa al "Grandi" con il minimo sforzo.
Eh si, perchè il regalo pre-natalizio confezionato e firmato dalla ditta Guerra S.-Colonna (anche se l'errore è tutto del portiere corianese), è stato l'unico guizzo di una partita brutta, che ha visto si e no 1 in tiro in porta e che ha regalato ai tantissimi spettatori presenti allo stadio, uno spettacolo al di sotto delle aspettative.
Una botta per Achille Fabbri. Una vera botta, perchè un punto oggi i suoi ragazzi l'avrebbero meritato pienamente, per l'intensità, la grinta e il carattere espressi.
Sarebbe stata, senza dubbio, una partita da zero a zero, perchè gli ospiti dopo il vantaggio non hanno osato e sono rimasti sempre accorti, mentre il Tropical, nonostante non sia mai riuscito ad impensierire la porta di Bertozzi, ci ha provato fino al 94'.
E' maturata cosi una sconfitta davvero bruciante per i corianesi, puniti ancora una volta da un'episodio sfortunato, nato proprio (segno del destino), dalla stessa posizione in cui, 14 giorni fa, la Copparese si è guadagnata il rigore dell'1 a 1.
Destino beffardo.
Gara molto combattuta il primo derby della storia tra corianesi e riccionesi.
Contro il temibile Riccione, Achille Fabbri ritorna all'antico schierando dal 1' Chiaravalloti, coprendosi dietro con capitan Colonna e Buldrini terzini. Panchina per Grechi e Pacassoni e panchina anche per l'ultimo acquisto Carelli.
Pronti-via ed è il Tropical a fare la partita, con il Riccione chiuso dietro e pronto a ripartire sfruttando la velocità del rapido Tolomeo.
Al 13' e al 14' ecco arrivare gli unici spunti di un Poziello tutt'altro che in giornata: i suoi tiri però fanno solo il solletico a Bertozzi.
La partita è equilibrata, la fase di studio sembra durare più del previsto; il Tropical si difende bene e a dire la verità non deve nemmeno tanto strafare.
Ma al 25' ecco il patatrack: palombella innocua e lenta dalla destra di Domini, Colonna non vedendo Guerra S. uscire tocca indietro la palla di testa, il numero 1 corianese cambia idea all'ultimo secondo e rimane cosi nella "terra di nessuno", la palla rimbalza beffardamente verso la porta sguarnita e va a depositarsi in rete. Il Riccione è avanti.
Dopo il vantaggio i riccionesi si difendono con ordine, cosi il Tropical non riesce mai a farsi pericoloso.
Poco dopo è Luconi a provare il raddoppio, ma il suo colpo di testa è innocuo.
Il primo tempo si chiude qui.
La ripresa si apre sulla falsariga del primo, cioè emozioni zero; debutta però il nuovo acquisto Carelli, che entra al posto di Tentoni, costretto ad alzare bandiera bianca per un'affaticamento muscolare.
L'unico sussulto lo regala al 20' Baldinini, l'attaccante raccoglie palla in mezzo all'area avversaria, sombrero su Lepri e tiro immediato, Bertozzi blocca senza tanti problemi.
Il tempo scorre, gli ospiti tengono bene dietro ed il risultato non si sblocca: si attende un colpo di genio o un'invenzione del solito Poziello, ma il numero 11 corianese oggi è tutto'altro che in giornata.
Poi il Tropical continua a perdere i pezzi, perchè anche il baby Guerra L. si infortuna al ginocchio nel tentativo di rinviare un pallone e non può proseguire la gara: dentro Ghiselli.
Basta cosi.
Sconfitti da un' assurdo autogol.
Certo, perdere partite del genere brucia assai, ma questa squadra ha le capacità per risollevarsi subito, a partire già da domenica nella difficile trasferta di Calderara (che è ancora a quota 0 alla voce "vitttorie"), per allontanare i bolognesi in classifica e (soprattutto), vendicare il ko patito lo scorso anno nello spareggio per un posto in Eccellenza a Sant'Agata sul Santerno.
Perchè oggi i biancorossoblù hanno dato tutto. Ed è da qui che si riparte.
Sempre e comunque. A testa alta.

Fusignano - Low Ponte 2-2 FUSIGNANO: Grandi, Baroncini, Conficconi, Ricci M. (85' Gatta), Onestini, Pressi, Biondini, Foschini, Ricci F., Samsak (46' Maikano), Bassani. All. Orecchia. LOW PONTE: Cancelliere, Migliaccio, Spani, Mosconi, Scarlatella, Frisari, Meini (22' Lemma), Ziraldo (64' Zoli), Vici, Larak (72' Macan), Acquaviva. All. Pregnolato. Arbitro: Toreno di Ravenna. Reti: 37' Larak, 61' Ricci F., 66' Acquaviva, 95' Bassani. Al 37' la rete del vantaggio degli ospiti grazie a Larak che da 30 metri sorprende Grandi. Vibranti e prolungate proteste dei ravennati al 40' quando Grandi, vistosi superato, stende Vici, ma per il direttore di gara è tutto regolare. In chiusura di tempo Bassani, solo davanti a Cancelliere, divora un gol già fatto. Al 50' Maikano centra clamorosamente la traversa a porta vuota, mentre il pareggio giunge al 61' quando, su cross di Biondini, Ricci corregge di testa da due passi. Passano cinque minuti e i giallorossi ritornano in vantaggio grazie a un'uscita non perfetta del portiere di casa, ne approfitta Acquaviva che da due passi insacca. Il Fusignano si butta all'arrembaggio, ma tutto sembra vanificato dalla traversa che nega a Ricci la gioia della doppietta. Al 5' di recupero però Bassani risolve in mischia e rende meno amara la domenica.
 

Alfonsine - Massalombarda 4-2 ALFONSINE: Faedi, Belli, Damassa, Di Tuccio (88' Lanconelli), Donati, Bianchedi, Monti, Miserocchi, Valandro (70' Lagorio), Innocenti (90' Carioli), Callegari. All. Evangelisti. MASSALOMBARDA: Monterastelli, Mascherini, Massarenti (76' Strocchi), Crivellaro, Berti, Tosi, Resta, Errani (64' Fusconi), Guarnieri (72' Bassi), Gardenghi, Trombetti. All. Scozzoli. Arbitro: Pirriatore di Bologna. Reti: 25' e 77' Innocenti, 74' Gardenghi su rigore, 82' Callegari, 85' Trombetti, 88' Monti. Note: espulso Berti al 76'. Il primo acuto è di Innocenti, vero specialista dei calci piazzati, che al 25' trasforma una punizione. Il Massalombarda reagisce con rabbia, ma non riesce a pareggiare. Almeno fino al 74', quando viene atterrato un attaccante e Graziella Pirriatore, il direttore di gara, decreta il rigore, trasformato da Gardenghi. Si riapre la partita, ma solo per 3', perchè i padroni di casa tornano in vantaggio grazie a Innocenti, sempre su punizione. A consolidare il vantaggio ci pensa 3' dopo Callegari, che approfitta di un errore difensivo e segna con un rasoterra in diagonale. Un gol per parte negli ultimi 5': prima Trombetti, e, a due minuti dalla fine, Monti.

Forlì - Imolese 3-2 FORLI': Chiadini, Brighi, Spighi, Cuttone, Magni, Gualdi, Corzani (73' Balestra), Mordini, Biserna (81' Ceschi), Sozzi, Muratori (94' Baldinotti). All. Scardovi. IMOLESE: Zannoni, Capodanno, Venturi (53' Mazzanti), Falco, Ercolani, Poggi (69' Toschi), Poli, Fabbi (73' Sano), Maiorano, Antonellini, Muzzi. All. Assennato. Arbitro: Tonti di Rimini. Reti: 15' Sozzi, 20' Antonellini, 30' Muratori, 35' Maiorano, 41' Biserna. Note: spettatori 900 circa; espulso Gualdi al 92' per fallo da ultimo uomo; ammoniti Cuttone, Mordini, Capodanno; angoli 4-3 per l'Imolese. Morgagni amaro per l'Imolese che per due volte va sotto e per due volte riesce a rimontare, ma deve inchinarsi alla determinazione dei biancorossi che scendono in campo schierando il tridente, contro il 4-4-2 degli avversari. Partono bene i rossoblù: all'8' Muzzi supera Gualdi a destra entra in area e serve Maiorana, che da buona posizione spara alle stelle. La prima rete, al quarto d'ora: nel primo corner per i biancorossi è Sozzi a saltare più in alto e ad incrociare sul secondo palo. CINQUE MINUTI e l'Imolese impatta: punizione di Muzzi, stacca Antonellini, con palla sporcata da Sozzi e Chiadini, che aveva appena accennato all'uscita, è battuto. Il Forlì si rialza e colpisce di nuovo alla mezz'ora: gran taglio di Sozzi per Biserna che stoppa e mette al centro, arriva Muratori in spaccata che mette dentro. Ancora cinque minuti e Maiorano raccoglie al volo dal dischetto il corner di Antonellini e in semirovesciata fredda Chiadini. Ma è la giornata di Biserna: al 41' l'attaccante forlivese, lanciato sulla destra avanza e fa partire un diagonale che si insacca sul secondo palo. Nella ripresa un solo brivido allo scadere: uscita fuori tempo di Chiadini ed Ercolani in mischia spara fuori.

Il Cervia passa a Dozza DOZZESE-CERVIA 1-2 DOZZESE: Turchi, Alpi,Cascone (42’st Morcone), Bonini, Caroli, Baroncini, Cappiello, Neri, Giorgi, Bertozzi, Barbieri (37’st Agboton). A disp.:Moruzzi, Pierri, Zaccherini, Morsiani, Piancastelli. All.Rossi CERVIA:Bertaccini, Lessi, Olivieri, Troiano, Fratta, Missiroli, Zaghini, Spagnoli, Sabbadini, Cardini (46’st Balducci), Severo.A disp.:Pieri, Storti, Rossi, Bondi, Pezzi, Pasquali. All.Baldazzi Arbitro:Mestieri di Finale Emilia. Assistenti:Biagetti e Zanotti di Rimini. Reti:Bonini (17’pt), Sabbadini (rigore 30’st), Olivieri (37’st) Ammoniti:Bonini, Cappiello, Spagnoli Espulso:Cappiello (8’st per doppia ammonizione) La Dozzese cede in casa al Cervia per 1-2 dopo essere stata in vantaggio per buona parte della gara. Parte bene la squadra gialloblù, senza troppe occasioni eclatanti, ma comunque senza sbavature.Al 17’ è Bonini a centrare il suo secondo gol stagionale su ottima imbeccata di Barbieri e a portare in vantaggio la Dozzese.Il primo tempo si chiude con qualche iniziativa per parte, ma con un buon dominio dei padroni di casa. Ad inizio ripresa l’episodio, contestato, che risulterà determinante ai fini del risultato:cartellino giallo per Cappiello che, già ammonito, deve lasciare il campo. Siamo all’ottavo minuto:la gara è ancora lunga e in inferiorità numerica la Dozzese deve stringere i denti oltremisura per reggere agli attacchi del Cervia.Ci riesce comunque, non concedendo nulla fino al 30’,quando l’arbitro assegna il penalty agli ospiti per un atterramento in area. Sul dischetto va Sabbadini che mette alle spalle di Turchi. La fatica comincia a farsi sentire tra i gialloblù che continuano a tenere, ma al 37’ arriva il raddoppio degli ospiti ad opera di Olivieri, in seguito ad una punizione fischiata dal direttore di gara. Anche i cambi di Cascone con Agboton e Morcone con Barbieri non portano i frutti sperati e la gara termina con questo risultato. E’ una Dozzese che paga le assenze di Brunetti, a centrocampo, di Tozzoli, oltre a quelle di Facchini, squalificato e di Lucatini ancora out per infortunio. Una Dozzese che oggi vedeva in panchina ben 3 tre giocatori del ’90 e un ’89 oltre ai tre giovani (’89, 90 e ’91) in campo dall’inizio. Sono pochi i punti ragranellati nelle ultime gare (se si tolgono i pareggi di Copparo e di Faenza) e la classifica si fa sempre più difficile: domenica prossima, per la penultima giornata di andata, i gialloblù faranno visita al Massalombarda, prima dell’ultima gara interna del 21 Dicembre con il Low Ponte.

Dozzese-Cervia:lo spogliatoio “C’è molto amaro in bocca-esordisce così Giancarlo Rossi, vice di Mister Buccioli, fuori per squalifica fino al 10 Dicembre- L’unica recriminazione che abbiamo sono i due episodi che ci hanno fatto perdere, perché oggi, forse ancor più che con il Bo.ca, abbiamo concesso poco o niente. La partita è girata sull’espulsione di Cappiello, non so se la decisione presa dall’arbitro fosse giusta o sbagliata, tant’è che siamo rimasti in dieci e dopo, pur non concedendo nulla ugualmente, al primo erroreo abbiamo subito gol, su rigore, per uno sbaglio complessivo della squadra; poi, su una palla inattiva è arrivato il raddoppio. Nell’analisi della gara sono partito dagli errori: il resto è che comunque la squadra ha fatto una buona prestazione. A detta anche dei giocatori del Cervia, a loro sta girando tutto bene, per noi invece, quello che facciamo in questo momento non è sufficiente per portare a casa il risultato. Dobbiamo continuare ad aggiungere qualcosa, cercando di non farci condizionare dalla classifica. I giocatori devono limitarsi, in questo momento, a fare ognuno quello che gli viene richiesto al meglio. Poi se non ce la fanno, la responsabilità è dello staff tecnico che non riesce a metterli nelle condizioni di non sbagliare. Per cui devono essere sereni, migliorare in ogni allenamento e basta. Sulla prestazione sinceramente non ho molto altro da dire, né fino a quando siamo rimasti in undici, né dopo in inferiorità. E’ chiaro che in undici hai una percentuale di errore, in dieci si abbassa, oggi non siamo riusciti a farla zero. E , sottolineo ancora, che abbiamo concesso davvero poco:un rimpallo nel primo tempo prima dell’azione del rigore.”


03/12/2008

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 23/11/2008

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA

SCIRICA ROSARIO (SAVIGNANESE)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

BINI LUCA (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

GRANATIERI ALESSANDRO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

LALOMIA MAURO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

LONGO RAFFAELE (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

DALL AGLIO MASSIMO (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

GARE DEL 30/11/2008

A CARICO DI SOCIETA’

AMMENDA

Euro 200,00 CERVIA 1920

Un proprio sostenitore per tutta la durata della gara rivolgeva espressioni

offensive nei confronti dell'assistente n°1 dell'arbitro e dell'intera terna arbitrale

Euro 150,00 PROSIDER LOW PONTE

Per intemperanze dei propri sostenitori.

A CARICO DIRIGENTI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 10/12/2008

FERRI GIANLORENZO (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

Per proteste nei confronti del direttore di gara.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

GIOVANE FRANCESCO (PROSIDER LOW PONTE)

SQUALIFICA PER UNA GARA

BRANCACCIO VINCENZO (SASSO MARCONI)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

FERRARI PIERO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

LALOMIA MAURO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

SIRRI ALEX (CERVIA 1920)

FACCHINI STEFANO (DOZZESE A.S.D.)

ROSSI RONNY (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

ROSSI NICOLA (FUSIGNANO CALCIO)

CHIAPPARINI ANDREA (SASSO MARCONI)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA VII infr

CUTTONE ALESSANDRO (FORLI SRL DILETTANTISTICA)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

PICCHI NICOLA (BOCA SAN LAZZARO SRL)

ZAVATTINI LUCA (CESENATICO CHIMICART A.D.)

CONFICCONI SAMUELE (FUSIGNANO CALCIO)

MASCHERINI MIRCKO (MASSA LOMBARDA)

GIOVANE FRANCESCO (PROSIDER LOW PONTE)


01/12/2008

L'Imolese si rinforza L'IMOLESE si rinforza, dopo l'acquisto di Maiorano la società rossoblù ha tesserato anche il jolly difensivo Capodanno. Un nuovo giocatore a disposizione di mister Assennato, e questi saranno giorni frenetici che porteranno grosse novità all'organico dell'ex tecnico del Faenza. E' imminente l'accordo con Nicolò Mazzanti ex Primavera del Bologna in forza fino a domenica al Massa Lombarda, il difensore era già stato contattato in estate mai poi non se ne fece nulla. Ora bisogna capire se il presidente massese Giampiero Aresu e il direttore sportivo Piero Fiorentini lasceranno partire il difensore che due giorni fa ha giocato una partita strepitosa contro il Del Conca. Se non arriva Mazzanti l'Imolese ha fatto un pensierino a Pederzoli del Mezzolara. Non è tramontata nemmeno l'ipotesi del ritorno di Sciglitano, a Chiari il giocatore non si trova bene e a Imola tornerebbe di corsa. E' in prova da qualche giorno il portiere classe 1988 Bruno Maltoni, dopo la partenza di Marco Dirani la società vuole cautelarsi mettendo alle spalle di Zannoni un estremo difensore pronto per ogni evenienza. Il mercato è appena cominciato, ma in realtà qualcosa bolle in pentola, anzi forse più di qualcosa dato che l'Imolese in questa campagna acquisti sta intervenendo pesantemente in entrata. Saranno molti anche i movimenti in uscita, potrebbero fare le valige Sanò, Poggi, Biavati, Donattini e forse qualche altro. Dalla società non arrivano conferme, e nemmeno smentite, probabilmente sono tante le situazioni da valutare, nessuno vuole commettere errori di alcun genere. La scorsa settimana il direttore generale Mauro Lelli era stato molto chiaro: «Andranno via solamente i giocatori che vogliono cambiare aria». Parole chiarissime, e se qualcuno degli attuali giocatori cambierà aria è perchè ha espresso esplicitamente l'intento di salutare Imola. Intanto domenica a Forlì in campo potrebe esserci un'Imolese molto diversa da quella vista in scena al Romeo Galli due giorni fa. Sono quindi tanti i nodi da sbrogliare, e siamo solamente all'inizio di un mercato probabilmente mai visto prima: «Ci stiamo muovendo — dice Lelli — per rinforzare il gruppo a disposizione di Pietro Assennato, sono tante le situazioni in ballo e contiamo di poter annunciare alcune operazioni già nei prossimi giorni». Il mercato impazza e la campagna acquisti sta facendo passare in secondo piano la sfida di Coppa Italia di domani pomeriggio contro il Real Cesenatico. All'andata i rivieraschi si imposero 1-0.

Sale l'attesa per la partita con il Riccione
Sarà anche sfida nella sfida Poziello vs Tolomeo. Si gioca domenica, al "Grandi", alle ore 14.30

Tropical contro Riccione.
Ma anche Marco Poziello (6 reti), contro Giuseppe Tolomeo (7), i due bomber di origine meridionale che stanno trascinando a suon di gol le rispettive compagini.
In casa corianese cresce l'attesa per la partitissima di domenica contro i riccionesi secondi in classifica.
Sarà un impegno estremamente ostico per i biancorossoblù, chiamati a difendere il proprio stadio che due settimane fa ha respinto alla grande la Copparese.
Servirebbe una di quelle partite che hanno reso epico il "fattore Daniele Grandi", ma senza scomodare paragoni e confronti, servirà porre le fondamenta su difesa, lucidità e concentrazione, consapevoli che le qualità non mancano affatto, ma la strada per farle esplodere è quella.
Nonostante i 17 punti che separano le due squadre in classifica, siamo certi che i ragazzi di Achille Fabbri se la potranno giocare fino alla fine; certo, sarà difficile contenere giocatori del calibro di Domini, Mazzoli, Merendino, Luconi e compagnia, ma se la squadra scenderà in campo con lo spirito e la determinazione vista nelle ultime gare, il Tropical potrà veramente
portare a casa un risultato importante.
Al "Grandi" è attesa una grande cornice di pubblico (infatti verranno integrate altre tribune allo stadio),  forse come non la si era mai vista negli ultimi anni. Un po' perchè molti arriveranno da Riccione (vista la vicinanza tra i due paesi), e un po' perchè mai, forse, queste due squadre si erano affrontate prima nella storia e il fatto di poter sfidare una squadra cosi blasonata, è già una vittoria per il popolo biancorossoblù.
Per questa volta Achille Fabbri può sorridere e permettersi pure di fare scelte, perchè tra gli indisponibili figurerà solo Michael Angelini, mentre rientrano dalle rispettive squalifiche Berardi e Chiaravalloti.
Si gioca, domenica 07 Dicembre alle ore 14.30 al "Daniele Grandi".

Faenza Calcio, finita la benzina?
Le ultime prestazioni del Faenza Calcio fanno riflettere. Dopo un periodo in cui, a dispetto del bel gioco espresso sul campo, non erano arrivati i risultati sperati, le vittorie con Fusignano e Tropical Coriano avevano fatto ben sperare per una fine del girone d'andata in discesa. Gli impegni casalinghi con dirette avversarie per la corsa alla salvezza avrebbero dovuto portare punti pesanti per una classifica che appariva ancora deficitaria. Le sconfitte patite col Sasso Marconi e con il Cesenatico, unite al pareggio deludente con la Dozzese, hanno invece messo a nudo i difetti di una squadra che oggi appare priva di stimoli e di motivazioni. Crediamo che alla base di questa rapida involuzione ci siano problemi di vario tipo che incidono negativamente sulla squadra e sui giocatori, oggi più che mai perplessi sul futuro. Da più parti si teme che alcuni punti cardine si stiano guardando attorno, dato che le offerte non mancano. E' oramai chiaro che solo credendo nei giovani, non ci si salva. Domenica la tribuna latitava, in  diversi si chiedevano dov'erano i dirigenti, in questi frangenti una squadra ha bisogno del sostegno di tutti mentre il Faenza attuale sembra quasi rassegnato al suo destino. Si parla di un'iniezione finanziaria ma questo dovrebbe avvenire solo a fine gennaio, crediamo in tempi forse troppo avanzati. Il mercato si riapre a dicembre ma sono in molti a credere che si tratterà di un'emorragia a senso unico.
A questo punto, lo stesso Giordani sembra suo malgrado  rassegnato ad evitare come obiettivo primario le due ultime piazze che porterebbero alla retrocessione immediata. Un traguardo che, alla luce della media inglese e di quanto visto sul campo, appare davvero difficile da raggiungere. 


01/12/2008

Gara a due per il primo posto
Del Conca e Riccione fanno il vuoto.

La corsa del Del Conca passa per Massa Lombarda, ma la squadra locale nulla può contro la capolista e perde 2-0. Il Del Conca passa subito in vantaggio con Perazzini al 14’ in mischia, ma non si accontenta. Il Massa prova a reagire e crea qualche grattacapo alla difesa ospite, ma anche il Morciano va vicino al raddoppio. E’ la classica partita in cui tutto può succedere, perché le due squadre non si nascondono e giocano a viso aperto.

Nella ripresa occasione per Protti per raddoppiare, ma da solo davanti al portiere non trova di meglio che tirargli addosso. Anche Bassi del Massa non fa di meglio, e a porta vuota spara alto. Al 21° Monterastelli sbaglia il suo primo intervento calcolando male il tempo di uscita, permettendo a Buonocore di battere a porta vuota, ma prima che la sfera si insacchi arriva Fusconi a deviare in angolo. E’ però il preludio al raddoppio del Del Conca. Al 42’ Monterastelli sbaglia ancora l’uscita, stavolta però Protti si libera di due difensori e batte a porta vuota per il 2-0. Gara finita e Del Conca sempre più in corsa per la promozione.

Solo il Riccione al momento tiene il passo della capolista, e vince in casa 2-1 sul Fusignano in una gara dominata per gran parte del tempo. Al 35’, dopo numerosi tentativi, il Riccione va in vantaggio con Luconi. Nella ripresa il Fusignano reagisce, ma non sempre è pungente negli ultimi metri, mentre le punte di casa riescono quasi sempre ad andare al tiro. Il raddoppio però arriva su autogol grazie a una sfortunata deviazione di Foschini nella propria porta. Siamo alla mezz’ora e la gara ormai è segnata, ma Foschini trova il tempo di farsi perdonare e su punizione accorcia le distanze a 3 minuti dal termine. Troppo poco tempo con questo Riccione per sperare di pareggiare, infatti la gara si conclude così. Ora il Riccione insegue a 4 punti dal Del Conca, formando così la coppia che si batterà per la vittoria finale.

Poteva anche esserci il Forlì in questa lotta, ma il gol al 47’ di Degli Esposti ferma il Forlì che già si pregustava la vittoria. Salito a Calderara in cerca di vittoria, il Forlì gioca la sua gara e domina per tutti il primo tempo, segnando il gol del vantaggio con Biserna al 37’. Nella ripresa sono diverse le occasioni per il raddoppio, ma il bravo portiere di casa Lazzari ci mette sempre i guantoni. Nell’ultima azione in mischia al 92’ il Calderara pareggia, beffando così il Forlì.

La Copparese continua il suo periodo negativo e perde in casa contro l’Alfonsine 1-0. Il campo molto pesante non permette grandi giocate, così la gara scivola lentamente sullo scontro fisico. Al 6’ della ripresa Petrascu è bravo a sfruttare un errore della difesa di casa e a involarsi verso la porta superando Finessi per il gol del vantaggio. A Copparese reagisce con veemenza, ma l’Alfonsine fa quadrato e non concede nulla, fallendo anche all’83 il possibile raddoppio

Il Cervia torna alla vittorie dopo le due ultime brutte sconfitte, e batte 1-0 il Boca San Lazzaro. La squadra di casa parte un po’ contratta per la paura di prendere gol e di trovarsi a recuperare, così le azioni da rete arrivano negli utlimi 20 minuti. E’ il Boca a farsi per primo pericoloso, ma Bertaccini fa buona guardia. Spagnoli al 29’ tira di poco a lato, al 34’ ancora Bertaccini salva la porta, ma al 43’ il Cevia passa su rigore son Sabbadini. Nella ripresa il Cervia ci prova con Spagnoli al 9’ e all’11 ma con poca fortuna, risponde il Boca al 21’ e al 31’, ma con poca precisione, poi al 42’ è Rafael che si vede negare il gol dall’uscita del portiere ospite Giovannini. Finisce comunque 1-0 con il Cervia che ha ritrovato la strada smarrita.

Sale anche il Cesenatico che sbanca il campo del Low Ponte 2-0 e incamera tre punti preziosi. Il Cesenatico parte ben determinato, e in 10’ minuti sfiora due volte il gol, poi è la volta del Low Ponte a farsi pericoloso e l’arbitro nega loro un rigore apparso evidente. Sull’azione di rimessa il Cesenatico passa in vantaggio con Righi. Le proteste dei padroni di casa si fanno più decise e l’arbitro espelle il capitano Giovane. Nella ripresa il Cesenatico vuole approfittarne e trova subito il raddoppio con Zavattini. Sotto di due gol e con un uomo in meno il Low Ponte non può fare più nulla, e rischia anche il terzo gol all’82’ con Salzano, che spreca malamente.

L’Imolese torna a fare punti e pareggia 1-1 con il Tropical, in una gara comunque giocata alla pari. In avvio è l’Imolese ad essere più aggressiva, e la condotta di gioco impostata paga subito. Al quarto minuto Muzzi trova il gol del vantaggio, ma si rilassa troppo e il Coriano ha l’occasione del pareggio con Poziello, sventata all’ultimo da Biavati. Poi comincia un monologo dei padroni di casa, che creano gioco e azioni, ma negli ultimi undici metri sono comunque poco incisivi, tanto che Antonellini grazia il portiere avversario Guerra. Trovatosi a tu per tu tenta un pallonetto irridente che però supera la traversa causando le ire del suo allenatore. Nella ripresa le parti si invertono e il Tropical parte fortissimo alla ricerca del pareggio, che arriva all’ottavo con Poziello, il più lesto a recuperare palla dopo il palo di Tentoni. L’imolese reagisce, ma senza creare pericoli, mentre il Tropical ha la palla buona per il raddoppio, salvata sulla linea di porta da Zannoni. Alla fine quindi un pareggio giusto, in vista dei prossimi proibitivi impegni contro Forlì e Riccione.

La Savignanese continua la sua striscia positiva vincendo anche a Sasso Marconi 2-0. Succede tutto a cavallo del riposo. Al 44’ Tozzi sfrutta al meglio una ribattuta del portiere avversario su un suo tiro al volo, e ad inizio ripresa Tamburini di testa raddoppia sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Pareggiano invece 1-1 Faenza e Dozzese, con gli ospiti che riacciuffano il risultato a pochi minuti dal termine. Nel primo tempo c’è una certa supremazia dei padroni di casa del Faenza, che vanno vicini al gol in una paio di occasioni, ma è solo nella ripresa che riescono a passare in vantaggio con Bertoni al 24’. Il gol scatena la reazione degli ospiti, che pervengono però al pareggio solo a pochi minuti dal termine con Agboton. Un punto che non accontenta nessuna delle due squadre, in lotta per non retrocedere.

Riccione - Fusignano 2-1 RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Filocomo, Lapi, Cavoli (62' Guerra), Domini, Tolomeo (80' Caminati), Mazzoli, Luconi (68' Dall'Aglio). All. Onorato. FUSIGNANO: Bartolini, Rossi, Conficconi (55' Biondini), Grasso, Onestini, Baldini, Piticchi, Foschini, Ricci (75' Abdoviani), Samsak (75' Fabbri), Bassani. All. Orecchia. Arbitro: Ciciriello di Bologna. Reti: 35' Luconi, 72' Foschini (autorete), 87' Foschini. Il Riccione si conferma unica squadra in grado di reggere il passo della capolista, superando meritatamente un caparbio Fusignano. Al 35' la rete del vantaggio con una splendida rovesciata in area di Luconi. La reazione del Fusignano è sui piedi di Samsak e il tiro ravvicinato è bloccato da Bertozzi. Nella ripresa Tolomeo impegna Bartolini e la palla deviata finisce sulla traversa. Fortunato Bartolini quando respinge d'istinto il tiro a colpo sicuro di Tolomeo e 10 minuti dopo si salva sulla linea, respingendo un colpo di testa di Lapi. Nulla può il portiere del Fusignano al 72', quando il compagno Foschini centra la porta con una incredibile deviazione su corner di Domini. Potrebbero essere tre i gol del Riccione, ma Dall'Aglio coglie l'esterno della rete. Dimezza le distanze all'87' il Fusignano con Foschini, che si fa perdonare l'autogol con un tiro nell'angolo su calibratissimo calcio di punizione dal limite.

Calderara - Forlì 1-1 CALDERARA: Lazzari, Pilato, Rizzo (40' Scuglia), Bini, Ferrari, Todisco, Manta (65' Degli Esposti), Ballarin, Longo, Granatieri, Lalomia. All. Broglia. FORLI': Chiadini, Brighi, Spighi, Cuttone, Magni, Gualdi, Corzani (85' Valgimigli), Mordini (60' Balestra), Biserna, Ciozzi, Muratori (76' Baldinotti). All. Scardovi. Arbitro: De Biase di Siracusa Reti: 40' Biserni, 90' Degli Esposti Il Calderara sfodera una prestazione da 'grande' al cospetto dell'ambizioso Forlì. Il tutto nonostante un arbitraggio parecchio discutibile. Al 10' il Forlì confeziona una 'perla' con Muratori che lancia sulla destra un compagno, stop di petto e tiro al volo, fuori di poco. Rispondono i locali al 15': Longo dalla trequarti libera Manta di tacco che arriva davanti al portiere ma viene anticipato in scivolata. Alla mezzora buona azione del Calderara finalizzata da Longo che stoppa di petto e trova una rovesciata fuori di poco. Al 40' un colpo di magia di Muratori fa filtrtare una palla nella difesa del Calderara e Biserna che con un perfetto pallonetto infila Lazzari. La ripresa fatica ad accendersi, ma al 30' su traversone di Balestra, Biserna sciupa la palla del 2-0. Gol sbagliato, gol subito: il Calderara recupera palla sulla sinistra con Longo che sfodera un traversone per Degli Esposti che di corsa con la punta del piede anticipa Chiadini. E' l'1-1. Meritato.
 

Sasso Marconi - Savignanese 0-2 SASSO MARCONI: Giaroli, Chiapparini, Pezzoli, Prati, Bencivenni, Gavaruzzi (65' Scarpuzza), Cenacchi (45' Ferriero), Brancaccio, Livi, Mancuso, Cerbone (85' Puopolo). All. Franco Farneti SAVIGNANESE: Pacileo, Bertozzi, Mariani (dal 70' Basini), Bartolini, Tamburini, Fantini (75' Pasolini), Casadei, Lucchi, Farneti (78' Ricci), Zagnoli, Tozzi. All. Oscar Farneti. Arbitro: Ferri di Parma Reti: 45' Tozzi, 47' Tamburini. Note: espulso Brancaccio al 90' Due reti a cavallo dei due tempi mandano all'aria tutti i piani del Sasso Marconi, che nel primo tempo ha fatto la partita. Al 18' tiro di Cenacchi, devia Fantini e Pacileo salva di piede. Al 37' Cenacchi viene atterrato in modo plateale area, ma l'arbitro fa proseguire fra le proteste. Due minuti dopo Cenacchi si presenta davanti al portiere, ma gli tira addosso. Allo scadere del tempo cross di Bartolini, tiro di Tozzi, Giaroli respinge ma la palla rimane a Tozzi che insacca. Al rientro in campo arriva il colpo del ko: punizione di Zagnoli, colpo di testa di Tamburini imparabile per Giaroli. Il Sasso si arrende e l'unica occasione capita al 7' a Chiapparini e il tiro al volo al 7' finisce sul palo.

Cervia - Boca San Lazzaro 1-0 CERVIA: Bertaccini, Lessi, Olivieri, Bondi (57' Sirri), Fratta, Missiroli, Zaghini, Spagnoli, Sabbadini (71' Rossi), Balducci, Rafael. All. Baldazzi BOCA SAN LAZZARO: Giovannini, Picchi, Di Giulio, Calabrese, Leone, Cazzola, Paselli (67' Italia), Ceresi (75' Dozzi), Ferrari, Rispoli, Drago (46' Cataldi). All. Poli Arbitro: Di Gioia di Ferrara Rete: 43' Sabbadini su rigore Il Cervia interrompe il momento positivo del Boca San Lazzaro, capitalizzando al meglio il gol segnato da Sabadini su rigore in chiusura di primo tempo. Ospiti vicino al gol al 18'con Ceresi che costringe Bertaccini a una difficile parata. E Ferrari un minuto dopo manda incredibilmente fuori, colpendo di testa, con la porta cervese sguarnita. Al 29' punizione di Missiroli, Rafael fa da sponda, di petto, per Spagnoli che però calcia alto. Al 42' l'episodio che decide la gara: Rafael per Sabbadini che tira sul portiere, sulla ribattuta Picchi commette fallo su Rafael, rigore trasformato da Sabbadini. Nella ripresa occasioni per Spagnoli, all'11' ma il tiro è alto, e Rispoli al 20' e la conclusione finisce a lato. Bravissimo Bertaccini a parare un tiro di Cataldi al 33'. Infine Rafael sfiora il gol, in contropiede, al 42' e 43', ma in entrambe le occasioni sventa l'estremo difensore ospite Giovannini.

 

IMOLESE - CORIANO 1-1
Altro buon pari del Tropical, arrivato su un campo bellissimo (forse il migliore della categoria), ma molto pesante per via della pioggia scesa le ore precedenti la partita.
Il "Romeo Galli" non è esattamente lo stadio dove vorresti andare per cercare risultato, dopo il pari spezza-gambe contro la Copparese, invece i biancorossoblù con il giusto piglio, sono riusciti a portare a casa un punto importante.
Un tempo a testa tra i ragazzi di mister Assennato ed i biancorossoblù: il primo a favore dei padroni di casa, capaci di passare in vantaggio con Muzzi nei minuti iniziali, bravo a capitalizzare al meglio un'errore della difesa corianese, il secondo tutto di marca Tropical, che ha raggiunto il pareggio con il solito Poziello (sesto centro stagionale), e con buone giocate palla a terra, controllando poi bene la reazione dell'Imolese.
Buon punto, ottimo approccio alla gara (specie nei secondi 45'), e per Achille Fabbri va bene cosi.
Il mister biancorossoblù, dovendo rinunciare a Berardi e Chiaravalloti squalificati, recupera all'ultimo capitan Colonna e lo schiera terzino sinistro (anche se la mossa durerà appena 10 minuti), con Grechi sulla destra. Buldrini avanza a centrocampo con il rientrante Tentoni (autore di una prova super e senza dubbio il migliore in campo), e Pacassoni leggermente più basso. Davanti ancora Angelini.
Ma come a Forli' il Tropical subisce gol troppo presto e sull'unica disattenzione difensiva paga dazio e viene punito: lancio dalle retrovie, Babbini e Zanzani si lasciano scappare Muzzi scattato sul filo del fuorigioco, il numero 11 tocca di esterno sinistro sul palo lungo e fa 1 a 0.
A dire il vero i biancorossobù 1 minuto dopo hanno l'opportunità di pareggiare subito i conti con una bella azione Tentoni-Poziello, ma il tiro del "Poz" dal vertice sinistro dell'area, viene deviato in corner.
Poi come detto, mister Fabbri riporta indietro Buldrini, parso spaesato li nel mezzo, e dirotta Colonna a centrocampo; la mossa si rivelerà azzeccata, soprattutto nella ripresa. Intorno al 35' Antonellini prova a chiudere il match, ma le sue conclusioni sottoporta non sono precise.
Il primo tempo è tutto qui: Tropical confuso, timido ed incapace di fare male all'Imolese. Cosi si va al riposo sotto di una rete.
Nella ripresa invece la musica cambia: i corianesi scendono in campo più decisi, determinati e volenterosi di poter raddrizzare la gara, costringendo i padroni di casa a rintanarsi nella propria area.
Al 2' st ci prova capitan Colonna a suonare la carica da fuori area, ma il suo tiro in "drop" di destro non è preciso.
Cosi all' 8' st ecco il giusto pareggio: Angelini raccoglie uno spiovente in area Imolese spalle alla porta, protegge la sfera e tocca per il ravvicinato Tentoni che tira di prima intenzione, palo pieno, "tap-in" di Poziello da due passi ed è 1 a 1.
Subito il pari, i padroni di casa reagiscono rabbiosamente, ma prima la fortuna e poi super Guerra S. salvano il Tropical.
E' solo un fuoco di paglia, perchè al 32' st sono ancora i biancorossoblù ad andare più vicini al gol: punizione tagliata dalla sinistra dell'ottimo Colonna (non al meglio fisicamente, fuori ruolo, ma assai positivo), Zanzani stacca di testa, la palla carambola addosso al numero 1 Zannoni, che respinge fortunosamente con il corpo la conclusione da pochi passi.
Dopo l'azione appena descritta, cala il sipario sulla gara ed il risultato non muterà più.
Squadra quadrata, ben messa in campo, solida e tenace, a dimostrazione che il Tropical cresce e le belle prestazioni di qualche gara fa, non solo state casuali; si temeva, dopo lo 0 a 1, di trascorrere un'altro pomeriggio nero, ed invece c'è stata una grande reazione corale.
Si è poi riusciti ad acquisire maggiore concretezza sottoporta, forse il fattore che è mancato maggiormente ad inizio stagione; visto che si crea cosi poco in attacco, è fondamentale finalizzare al massimo le poche occasioni da rete.
Ottimo anche l'approccio, perchè mettere alle corde una squadra cosi blasonata sul proprio campo (e il non mollare mai), nonostante lo svantaggio, sono fattori positivi, sulla quale Achille Fabbri potrà costruire qualcosa di importante.
Domenica sotto con il Riccione, per l'ultima gara del "ciclo terribile".
Ma il Tropical se la giocherà, senza timore.

FAENZA - DOZZESE 1-1 FAENZA: Gozzi, Bertoni, Manaresi, Rossi, Paglialonga, Palmieri, Melandri, Pezzi, Ruggiero (87’ Dalmonte), Salomone, Dell’Anno. All. Giordani. DOZZESE: Turchi, Cascone, Pierri (72’ Zaccherini), Brunetti, Caroli, Facchini, Cappiello (72’ Agboton), Bertozzi, Tozzoli, Giorgi, Bonini (83’ Barbieri). All. Buccioli. Arbitro: Saccenti di Modena. Rete: 71’ Bertoni, 86’ Agboton. Note. Ammoniti: Melandri, Rossi, Bertoni. Spettatori 200 circa. FAENZA – Nemmeno contro una modesta Dozzese il Faenza riesce a portarsi a casa l’intera posta in palio, restando così in una posizione di classifica molto preoccupante (al terzultimo posto). E’ la classica partita fra due squadre pericolanti, più interessate a non prendere gol, piuttosto che a costruire gioco, anche se nell’arco dei 90’ è il Faenza a spingere un po’ di più. In particolare, i biancazzurri ci provano con un certa determinazione nella prima metà del primo tempo. Al 4’ cross di Melandri e colpo di testa di Ruggiero di poco alto sulla traversa. All’8’ bella palla filtrante in verticale di Salomone per Ruggiero, che si presenta davanti all’ex Turchi e si fa deviare il tiro dal portiere imolese. Al 12’ si fa vedere la Dozzese con una punizione dal limite calciata da Brunetti, con la palla che finisce un metro sopra la traversa. Altra occasione per il Faenza al 17’: Pezzi raccoglie in area un palla filtrante e si ritrova solo davanti al portiere avversario, ma spara addosso a Turchi; sulla ribattuta del portiere ospite la conclusione di Salomone è alta. Poi la partita ristagna a centrocampo per almeno una ventina di minuti, finquando al 40’ Salomone si ritrova fra i piedi un’altra occasione, da posizione angolata spara sicuro a cinque metri dalla porta avversaria, ma Turchi è nuovamente bravo a respingere di pugni. Nella ripresa la situazione non cambia: il Faenza cerca sempre un po’ di più l’iniziativa, ma non succede praticamente nulla per almeno un quarto d’ora. Al 65’ arriva tiro da fuori pericoloso di Giorgi, sventato in angolo da Gozzi. Al 71’ la rete del vantaggio biancazzurra: mischia furidonda nell’area della Dozzese e dopo un ‘batti e ribatti’ Bertoni insacca da due passi. La Dozzese, a questo punto, esce di più allo scoperto. Il tecnico Buccioli (altro ex di turno) indovina la carta vincente mettendo in campo il nigeriano Agboton. Al 77’ ancora una respinta con difficoltà di Gozzi, su tiro da fuori di Brunetti tira da fuori. A quattro minuti dal termine, arriva il gol del pareggio. Giorgi lavora bene la palla sulla fascia e crossa al centro: la respinta di Gozzi è troppo corta, Agboton raccoglie e realizza in mezzo ad una difesa faentina troppo ferma.


26/11/2008

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL  19/11/2008

A CARICO DI SOCIETA’

AMMENDA

Euro         200,00  IMOLESE CALCIO 1919SSDARL

Propri sostenitori lanciavano una serie di ritardi in direzione dell'assistente dell'arbitro senza colpirlo

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA    FINO AL  10/12/2008

BUCCIOLI ANDREA                   (DOZZESE A.S.D.)

Per gravi proteste nei confronti dell'Arbitro

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

MISEROCCHI LUCA                   (ALFONSINE F.C.)

SQUALIFICA PER UNA GARA

MONDARDINI MATTIA                 (ALFONSINE F.C.)

PICCHI NICOLA                     (BOCA SAN LAZZARO SRL)

BUONOCORE ENRICO                  (DEL CONCA A.S.D.)

SPANI GIULIO                      (PROSIDER LOW PONTE)

ZIRALDO ANDREA                    (PROSIDER LOW PONTE)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

MAGRINI MASSIMO                   (CERVIA 1920)

Riconosciuto personalmente dall'assistente n°2 dell'arbitro teneva un comportamento non regolamentare nei confronti del medesimo

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

LANCONELLI MATTEO                 (ALFONSINE F.C.)

MADRISELVI ROBERTO                (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

TROIANO ANTONELLO                 (CERVIA 1920)

PAGANELLI RICCARDO                (DEL CONCA A.S.D.)

OLIVA PIERFRANCESCO               (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

BERARDI FEDERICO                  (TROPICAL CORIANO)

LEPRI OMAR                        (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

PILATO MARCO                      (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

PEZZI LUCA                        (CERVIA 1920)

GIURIOLA DAVIDE                   (COPPARESE)

TRALLI ANDREA                     (COPPARESE)

BONETTI FABRIZIO                  (SASSO MARCONI)

BABBINI STEFANO                   (TROPICAL CORIANO)

BERTOZZI MAURO                    (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

 

GARE DEL  23/11/2008

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA    FINO AL  17/12/2008

PREGNOLATO GIUSEPPE               (PROSIDER LOW PONTE)

Per espressioni offensive nei confronti del direttore di gara.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA

GALDIOLO ALBERTO                  (PROSIDER LOW PONTE)

MIGLIACCIO PIETRO                 (PROSIDER LOW PONTE)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

GUALTIERI GIACOMO                 (CESENATICO CHIMICART A.D.)

GIURIOLA DAVIDE                   (COPPARESE)

PRESSI CLAUDIO                    (FUSIGNANO CALCIO)

BERTI MATTIA                      (MASSA LOMBARDA)

LANZONI LUCA                      (MASSA LOMBARDA)

BONETTI FABRIZIO                  (SASSO MARCONI)

CORVINO JOSEPH                    (SASSO MARCONI)

CHIARAVALLOTI VALENTINO           (TROPICAL CORIANO)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA VII infr

LOMBARDINI MANUELE                (CESENATICO CHIMICART A.D.)

DANIELE PAOLO ANTONIO             (VIRTUS PAVULLESE)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

TRIPEPI ANTONINO                  (COPPARESE)

CANGINI ALESSIO                   (DEL CONCA A.S.D.)

PEZZI MARCO                       (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

CRIVELLARO ALESSANDRO             (MASSA LOMBARDA)

 


25/11/2008

Il mercato dell'Imolese L'APERTURA della campagna acquisti si avvicina sempre più, e in casa rossoblù saranno tanti i cambiamenti nella rosa che attualmente è a disposizione del tecnico Pietro Assennato. L'acquisto di Maiorano fa pensare che verrà sacrificata una delle tre punte in organico, il maggiore indiziato a fare le valige è Umberto Toschi, e se davvero 'Umba' cambierà aria non dovrebbe faticare nel trovare una squadra e fra queste potrebbe esserci la Dozzese che lo riaccoglierebbe volentieri. L'ipotesi di addio che può fare più rumore è quello di Marco Dirani, il 'portierone' rossoblù è il bassista di Umberto Tozzi, ma anche di altri artisti, questo non si concilia molto con l'attività agonistica e il divorzio sempra servito. Una situazione che non coglie di sorpresa l'Imolese dato che un portiere come Zannoni offre ampie garanzie fra i pali, se davvero Dirani parte come vice Zannoni verrà chiamato in piana stabile in prima squadra un giocatore del settore giovanile. La lista delle partenze potrebbe allungarsi con gli addii di Sanò, si parla di Argenta, ma anche di Poggi e di Matteo Ercolani, più probabile che Ercolani rimanga; una lista di svincoli che si allunga di giorno in giorno. Mentre sul binario degli arrivi i nomi che circolano di più sono quelli di Fabbi, Manfredini, Vigorelli e Lagorio. Il conto alla rovescia che porta al primo dicembre è già cominciato, e per quel giorno l'Imolese potrebbe avere una faccia decisamente diversa da quella attuale.


24/11/2008

Secondo KO per il Cervia: la vetta si allontana
Il Del Conca vince, salgono Forlì e Boca

La prima sconfitta col Cervia è ormai un ricordo per il Del Conca, che ha ripreso la sua corsa verso la promozione vincendo anche col Sasso Marconi 3-0. Troppa differenza in campo, troppa la superiorità dei padroni di casa in ogni reparto, tanto che alla fine il risultato potrebbe essere anche più rotondo per le occasioni fallite di un niente dal Del Conca. Tre punti comunque che gli permettono di allungare sul Riccione fermato dal Calderara.

Nonostante il divario di 21 punti in classifica, la gara tra Calderara e Riccione alla fine è stata giocata alla pari, per cui il 2-2 finale è più che giusto. Apre le marcature il Riccione con Domini all’8 minuto, ma il Calderara preme sempre più e perviene al pareggio al 35’ con Pilato. Sull’euforia del gol la squadra di casa cerca e trova il raddoppio al 40’ con Ferrari, però Mazzoli allo scadere porta sul 2-2 il punteggio. Nella ripresa il gioco prosegue sugli stessi ritmi del primo tempo, ma le conclusioni non sono altrettanto precise a causa del campo pesante che ha stancato molto i giocatori, ora più affaticati, e così la gara scivola fino al 90’ senza troppi sussulti.

Ne approfitta bene il Forlì, che vincendo 2-0 sul Low Ponte accorcia il distacco dal Riccione. Sembra tutto facile per la squadra di Scardovi, tanto che al 3’ sono già in vantaggio con un gol di rapina di Ceschi. Invece il Forlì dimostra di avere alcune lacune sulle conclusioni a rete, tante sono le occasione di raddoppio sprecate dalle sue punte. Nella ripresa il Forlì continua a cercare il raddoppio senza successo, nonostante il low Ponte sia in 10 per l’espulsione di Migliaccio alla fine del primo tempo. Al 26’ anche Galdiolo viene espulso, lasciando gli ospiti in 9, ma nonostante questo il Forlì fatica ancora fino al 47’ quando Biserna sigla il sospirato gol della sicurezza. Troppi errori sottoporta che fanno arrivare dagli spalti alcuni fischi, con i tifosi preoccupati per le prossime gare in cui l’avversario non potrà essere ancora l’ultima squadra in classifica.

La Copparese, quarta forza del campionato, riesce a pareggiare una gara ormai persa contro il Tropical Coriano, grazie a un rigore al 94’ minuto di gioco. Sono gli ospiti a cercare i tre punti e mettono subito in difficoltà il Tropical padrone di casa. Per buona parte del primo tempo il portiere di casa Guerra ha il suo bel daffare per mantenere inviolata la porta, ma man mano che la Copparese si infrange sulla difesa del Tropical, le punte corianesi cominciano a farsi più efficaci e a renders via via più pericolose. Nella ripresa la Copparese non ha più la verve del primo tempo, di conseguenza il Tropical cresce e va in vantaggio al 15’ con un pallonetto di Poziello. Sempre lui ha sui piedi almeno un paio di palle gol che non riesce a sfruttare, e allo scadere ecco la beffa. Pacassoni tocca con la mano la palla in area ed è rigore. Belluzzi freddissimo dal dischetto realizza per l’1-1 finale. Due punti sicuramente persi dal Tropical che aveva la gara in mano e ha avuto anche l’opportunità per raddoppiare, ma rimane comunque la bella prestazione che dà fiducia per il futuro.

La Dozzese non riesce a fermare il Boca e viene sconfitta 2-1 dai più quotati avversari. La Dozzese prova a fare la gara e parte subito alla ricerca del gol, ma a passare in vantaggio per prima è il Boca alla mezz’ora con Ferrari. Nella ripresa la Dozzese raggiunge il pareggio con Tozzoli, ma non riesce a mantenerlo a lungo per il gol del 2-1 di Calabrese per gli ospiti. La Dozzese avrà comunque l’occasione per rifarsi domenica prossima contro il Faenza, diretta concorrente per la salvezza.

Scivola ancora il Cervia che dopo la vittoria sul Del Conca incassa la seconda sconfitta consecutiva. La sfidante di turno è l’Alfonsine, a secco di vittorie da molto tempo e vogliosa di porre quanto prima un rimedio alla cosa. Si gioca in casa dell’Alfonsine e com’è prevedibile, è proprio la squadra di casa a fare la partita. Gioca bene per tutto il primo tempo seppur non trovando il gol, ma Donati ne segna uno nella propria porta spianando la strada al Cervia. Nella ripresa infatti alla prima azione offensiva degli ospiti un tocco di mano in area impone all’arbitro di decretare il rigore, che Sabbadini trasforma per il 2-0 ospite. Mr. Evangelisti zzecca allora la mossa giusta inserendo Monti per Sioni, e proprio Monti al 17’ accorcia, al 22’ pareggia e al 30’ porta in vantaggio l’Alfonsine annichilendo il Cervia. Con 3 gol subiti in un quarto d’ora gli ospiti vanno in bambola e subiscono allo scadere anche la quarta rete con Petrascu. Passare dallo 0-2 al 4-2 è per l’Alfonsine una iniezione di fiducia notevole, in vista della importante sfida con la Copparese di domenica prossima. Per il Cervia una seconda involuzione dopo la brillante vittoria di due domeniche fa con la capolista Del Conca. La sfida col Boca del prossimo turno ci dirà di più sulle condizioni della squadra rivierasca.

La Savignanese si aggiudica i tre punti nella sfida con l’Imolese, meritando per il gioco e per la determinazione espresse in campo. Zagnoli su rigore sblocca il risultato, ma le occasioni per il raddoppio fioccano e solo il bravo portiere ospite Zannoni e la traversa negano il gol alla squadra di Savignano. Nel finale però l’espulsione di Scirica fa rimenare in 10 i padroni di casa, ma l’Imolese non riesce ad approfittarne e la gara finisce sull’1-0.

Finisce in parità 1-1 la sfida-derby tra Fusignano e Massa Lombarda. Al vantaggio ospite dcon Gardenghi al 27’ risponde 2 minuti dopo Bassani per il Fusignano. Per tutto il resto della partita le due squadre hanno l’occasione per superarsi nuovamente, ma i portieri fanno buona guardia e fissano il risultato sull1-1.

Nell’altro derby Cesenatico-Faenza ha la meglio la squadra rivierasca per 2-1. Al vantaggio ospite di Dell’Anno all’undicesimo, risponde 4 minuti dopo Zattini per l’1-1. Il Cesenatico sale di tono nella ripresa e riesce a portarsi in vantaggio al 59’ con Righi. Il Faenza allora cambia marcia e preme alla ricerca del pareggio, ma senza successo. Tre punti importanti per la squadra di Cesenatico, che le permettono di rimanere a metà classifica lontana dalla zona “calda” di coda.

 


23/11/2008

Del Conca - Sasso Marconi 3-0

Morciano - Il Del Conca batte meritatamente il Sasso Marconi e allunga il vantaggio sulle inseguitrici. Troppa la differenza tecnica in campo fra le due squadre, il Sasso Marconi ha cercato di contrastare la capolista del campionato ma non e' riuscito a evitare tre reti di passivo. Pur privo di Buonocore il Del Conca ha sfoderato una buona prestazione. In tribuna si e' notata la presenza di Fabio Galante (ex difensore dell'Inter). Parte subito forte la formazione allenata da Tentoni e al 16 passa in vantaggio grazie ad un colpo di testa di Protti (nono gol stagionale)  che sfrutta un corner battuto da Lisi. Al 23 bella azione Bacchini-Marani con tiro finale deviato in corner dalla difesa ospite. Al 59 Ticchi e Paganelli sfiorano il raddoppio che arriva al 65 per merito di Marani (settima rete stagionale) abile a battere Giaroli con un tiro angolato. Al 69 Paganelli in contropiede sbaglia il 3 a 0. Al 77 Foiera devia in corner un colpo di  testa di Bencivenni. Al 83 Bacchini va'  via in percussione e tira, Giaroli e la difesa cercano di liberare l'area, arriva Martini che con tutta calma batte di sinistro il portiere ospite. Al 85 Cerbone su punizione colpisce il palo.

Savignanese - Imolese 1-0 SAVIGNANESE: Pacileo, Ceppini, Bertozzi, Bartolini, Scirica, Tamburini, Casadei, Lucchi, Farneti (75' Faedi) Zagnoli, Tozzi (75'Merloni). All. Farneti. IMOLESE: Zannoni, Biavati, Monti, Falco, Poggi (32' Cimatti), Rizzotto, Borini, Onori, Sanò (46' Donatini), Antonellini, Muzzi. All. Assennato. Arbitro: Lerza di Parma Rete: 15' Zagnoli La Farneti-band sfrutta al meglio le due gare interne consecutive raccogliendo 6 punti fondamentali dopo il difficile inizio. Dopo il Cervia mercoledi, è toccato all'Imolese soccombere alle giocate di Zagnoli & C., che hanno dominato la partita. E' impossibile per ragioni di spazio descrivere le nove palle-gol create dai locali, dirompenti coi due esterni Tozzi e Casadei. Poi però l'imprecisione sotto porta unita al 'sacrificio' di Scirica, costretto al fallo da espulsione, ha reso palpitanti gli ultimi minuti. La rete porta la firma di capitan Zagnoli, che ha trasformato con freddezza il penalty concesso per un netto atterramento di Biavati ai danni di 'volpino' Tozzi, una vera spina nel fianco della difesa rossoblù. Anche nella ripresa monologo della Savignanese con un'unica conclusione degli ospiti: attento Pacileo nel deviare in tuffo una punizione di Muzzi.
 

Alfonsine - Cervia 4-2 ALFONSINE: Faedi, Troncossi, Lagorio, Lanconelli (46' Di Tuccio), Donati, Bianchedi, Petrascu, Sciuni (57' Monti), Valandro (78' Belli), Innocenti, Callegari. All.: Evangelisti. CERVIA: Bertaccini, Lessi (71' Storti), Olivieri, Pezzi, Fratta, Sirri, Zaghini (73' Del Vecchio), Troiano, Sabbadini, Balducci (88' Marzelli), Severo. All.: Baldazzi. Arbitro: Gennari di Modena Reti: 39' aut. Donati, 53' rig. Sabbadini, 62', 67', 75' Monti, 87' Petrascu. Una tripletta di Monti, entrato al 57', risolleva l'Alfonsine, che fino a quel momento era sotto di due reti. I padroni di casa partono male, con Donati che al 39' rimane abbagliato dal sole e, credendo di liberarsi del pallone, fa invece autogol. L'Alfonsine costruisce buone occasioni con Callegari, ma non vengono sfruttate. Nella ripresa il Cervia spinge, e sugli sviluppi di un calcio d'angolo un difensore commette fallo si mano e il rigore lo trasforma Sabbadini. L'Alfonsine si sveglia al 57' con l'ingresso di Monti che mette a segno una tripletta, sempre imbeccato da Innocenti. Inizia con un colpo di testa; prosegue con un diagonale rasoterra su contropiede; così come nel terzo, solo che sul lato destro. Quarto gol per Petrascu, che dopo 60 metri con palla al piede, salta due avversari, entra in area e segna.

CESENATICO - FAENZA 2-1 CESENATICO: Farsoni, Platone, Bendoni, Fattori, Righi, Farabegoli, Teodorani, Lombardini, Gualtieri (85' Franchini), Zavattini (78' Grossi), Micheli (70' Salzano). All. Rocco Cotroneo. FAENZA: Gozzi, Melandri (78' Pacifico), Manaresi (46' Taddei), Rossi, Paglialonga, Palmieri, Dell'Anno, Pezzi, Errani (66' Vallefuoco), Salomone, Oliva. All. Maurizio Giordani. Arbitro Federico Galvani di Parma. Note: ammoniti Lombardini, Teodorani, Gualtieri. Reti: 11' Dell'Anno, 15' Zavattini, 61' Righi. Spettatori 200. Vince soffrendo in rimonta il Cesenatico. Al primo affondo il Faenza passa in vantaggio, complice una difesa del Cesenatico non impeccabile, che all'11' si fa sorprendere da Dell'Anno, con un tiro dai venti metri che si insacca rasoterra alla destra di Farsoni. Il Cesenatico reagisce ed al 15' pareggia con Zavattini (il migliore in campo), che raccoglie al volo e con un destro di collo pieno trafigge Gozzi. Poi si fanno pericolosi ancora Zavattini, Fattori con un colpo di testa, Gualtieri che sfiora il gol e colpisce l'esterno della rete. Nella ripresa al 48' Gualtieri calcia una punizione velenosa che Grossi respinge. Al 61' il gol partita di Righi, che raccoglie di testa e insacca per il 2-1. Al 65' c'è un'altra occasione per Gualtieri. Un minuto dopo il Faenza sfiora il pari con Salomone, palla deviata in calcio d'angolo. Gli ospiti spingono e si fanno nuovamente avanti con Melandri che colpisce di testa. L'occasione più nitida per il Faenza è al 76' con Palmieri che da solo davanti alla porta spara alto da tre metri. Un gol più difficile da sbagliare che da fare, ma è lo specchio di un Faenza da bassifondi. Si prende invece un brodino caldo il Cesenatico, che tenta di rialzare la testa.

FUSIGNANO - MASSALOMBARDA 1-1 FUSIGNANO: Bartolini, Rossi, Conficconi, Grasso (63' Maikano), Onestini, Prerssi, Piticchi, Foschini, Ricci (78' Biondini), Samsak, Bassani. All: Orecchia. MASSALOMBARDA: Monterastelli, Fusconi, Massarenti, Crivellaro, Berti, Tosi, Lanzoni, Resta, Cantalupi (42' Mazzanti), Gardenghi (69' Strocchi), Trombetti. All: Marcolini di Schio. Arbitro: Marcolini di Schio Reti: 27' Gardenghi, 29' Bassani Gara vibrante per un tempo poi il derby scende di intensità e non si vedono grandissimi spunti di interesse. Le due formazioni provano ad affrontarsi a viso aperto ma spesso tatticismi e obblighi dfi classifica frenano le due compagini comunque ben messe in campo. Passano in vantaggio i bianconeri ospiti con il solito Gardenghi che con un siluro dai 35 metri riesce a trafiggere un Bartolini un pò sorpreso. Passano due minuti e arriva il pareggio dei neroverdi con Bassani che risolve una mischia sotto porta ospite, dopo che Onestini aveva centrato il palo di Monterastelli. In finale di tempo bella azione in velocità Piticchi, Ricci, Bassani con la punta di casa che colpisce il palo. La ripresa, piuttosto avara di occasioni, si anima solo nel finale quado i padroni di casa vanno vicino alla rete prima con Maikano e poi Biondini ma le loro conclusioni si dimostrano fuori bersaglio.

CALDERARA - RICCIONE 2-2 CALDERARA: Donini, Pilato, Madriselvi, Bini, Ferrari, Todisco, Manta, Ballarin (dal 40'p.t. Scuglia), Longo, Degli Esposti (dal 1's.t. Granatieri), Lalomia (dal 30's.t. Kibilajeno). A disp.: Bertolotti, Brognara, Gombia, Stipcevic. All.:Ventura (Broglia squalificato) RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Lapi, Lepri, Caminati (dal 30's.t. Cavoli), Domini, Tolomeo, Mazzoli, Dall'Aglio (dal 10's.t. Luconi). A disp.: Margheritini, Guerra, Launi, Imola, Filocomo. All.: Onorato. Arbitro: Lodi di Parma (collaboratori Algeri e De Matteis di Reggio Emilia). Marcatori: p.t. 35'Domini, 40'Pilato, 44'Ferrari, 46'Mazzoli. Note: terreno in buone condizioni, giornata fredda e asciutta. Ammoniti: nel Calderara Longo e Ballarin, nella Virtus Riccione Patregnani. Espulsi nessuno. Spettatori 130 circa, con discreta rappresentanza di parte romagnola. Il turno infrasettimanale si fa sentire. Soprattutto nelle gambe del Calderara, beffato mercoledì per l'ennesima volta in zona Cesarini dal Fusignano (3-2 la vittoria per i ravennati). Ma stavolta Broglia, che è squalificato, ha preparato bene il match anche e soprattutto a livello psicologico. Così nel testacoda con la Virtus Riccione salta fuori un pareggio (2-2) che premia un buon Calderara al cospetto di un Riccione che alla lunga si è accontentato del punticino. Dopo i primi 30' in cui non succede praticamente nulla _ ma al 15' Tolomeo ha affilato le armi picchiando sulla barriera da calcio di punizione _ è al 35' che si sblocca il match: tiro non difficilissimo da parte di Domini, probabilmente Donini non è ben posizionato e si fa beffare dalla traiettoria che premia così il Riccione. Il Calderara non si scompone e, dopo essersi rimboccato le maniche, reagisce da "grande": calcio d'angolo, mischia in area, sulla sfera arriva lestissimo Pilato che con una bella zuccata schiaccia in rete l'1-1. I padroni di casa girano a mille e al 44' ottengono l'incredibile vantaggio sulla seconda della classe. Il gol è una fotocopia del primo: da corner stavolta svetta di testa con un colpo imprendibile per Bertozzi. Allo scadere del primo tempo tiro nell'area piccola: tiro di Tolomeo, deviazione sulla traversa, la palla cade sulla testa di Mazzoli e arriva il pareggio (un po' fortunoso) della Virtus Riccione. Nella ripresa entrambe le squadre cercano la vittoria, ma i tentativi saranno tutti vani. Pericolosi sia Scuglia, il cui tiro costringe Bertozzi ad una paratona, sia Kibilajeno con uno slalom che ubriaca la retroguardia dei secondi della classifica. Ottima la reazione del Calderara di Madriselvi, il Roberto Carlos dei poveri; nel Riccione bene il centrocampista Domini e la verve di Tolomeo.

Il Bo.ca passa a Monte del re E’ una Dozzese ancora rimaneggiata quella che affronta il Bo.ca San Lazzaro.Out ancora per infortunio Lucatini e Cappiello, fuori per squalifica Alpi, che sconta la seconda giornata, Brunetti in panchina a rifiatare,dopo le tre gare giocate per 90 minuti negli ultimi 10 giorni e qualche altro giocatore non al meglio. Dopo il buon pareggio di mercoledì, nel turno infrasettimanale, anticipo della 17^giornata in casa della Copparese, i gialloblù non si sono ripetuti sul campo di casa. La squadra di Buccioli, che ha seguito da fuori la gara, dopo l’espulsione di Copparo, parte bene e nel primo tempo ha due occasioni per portarsi in vantaggio:la più limpida è quella capitata nei piedi di Giorgi, al 25’.Con un pallonetto l’attaccante gialloblù cerca di beffare il portiere ospite che compie il miracolo salvando proprio sulla linea. Come spesso accade, quando si sprecano occasioni, poi si subisce gol e così è accaduto anche oggi. Dopo 5’, al 30’, è arrivato infatti il vantaggio dei Bolognesi con Ferrari che di testa ha insaccato alle spalle di Turchi. Nella ripresa Mister Buccioli decide di cambiare qualcosa: escono Neri e Agboton ed entrano Tozzoli e Brunetti. E’ proprio Tozzoli al 20esimo a realizzare il gol del pareggio, infilando la sfera nell’angolino alla destra di Giovannini su un ottimo passaggio di Giorgi. La partita è riaperta, il tempo per ribaltare anche il risultato c’è, ma neanche il tempo di gioire che il Bo.ca torna nuovamente avanti. Al 22’ Calabrese converte in rete, da distanza ravvicinata,un cross di Drago. Prova il tutto per tutto Mister Buccioli, inserendo alla mezz’ora della ripresa l’attaccante Barbieri (per il giovane Piancastelli).Al 39’ un gran tiro di Bertozzi da fuori esce di poco a lato.Ci provano ancora nel finale Tozzoli e Barbieri, ma senza successo e il risultato non cambia. Due punti nelle ultime cinque partite portano la Dozzese in una preoccupante situazione di classifica:12 punti insieme al Sasso Marconi e dietro solo Faenza, Calderara e Low Ponte. E domenica prossima i gialloblù sono attesi dal derby d Faenza, che oggi ha perso 2-1 a Cesenatico.

Tropical Coriano - Copparese 1-1 Marcatori: 13' st Poziello (TC), 49' st Belluzzi (CO) TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 3 Buldrini, 6 Zanzani, 4 Babbini, 2 Colonna (dal 30' pt Grechi); 7 Guerra L., 5 Chiaravalloti (dal 26' st Montanari), 8 Berardi, 10 Pacassoni, 7 Poziello; 9 Angelini (dal 44' st Baldinini) A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Saccani, 14 Costantini, 17 Casadei Allenatore: Achille Fabbri COPPARESE (3-4-1-2): 1 Finessi; 2 Banzi, 5 Stradaroli, 3 Magri; 7 Biliotti, 8 Tripepi (dal 21' st De Angelis), 4 Dianti (dal 17' st Arveda), 6 Conficconi; 10 Giuriola; 9 Beccati, 11 Grassi (dal 1' st Belluzzi) A disposizione: 12 D'Andrea, 13 Tralli, 14 Zanaga, 16 Trentini Allenatore: Fabio Mastrocinque Arbitro: Baccini di Conegliano Veneto Assistenti: Dal Muto di Cesena e Ballardini di Ravenna Ammoniti: Chiaravalloti (TC); Tripepi e Giuriola (CO) Espulsi: / Incredibile, ma vero. Una realtà davvero dura da digerire per il Tropical, beffato sul più bello a tempo ormai scaduto da un rigore di Belluzzi, che ha mandato all'aria i sogni di vittoria dei corianesi, fino a quel momento perfetti e capaci di mettere sotto la corazzata Copparese. Peccato, perchè 3 punti oggi avrebbero fatto veramente comodo e soprattutto perchè non è stata premiata una squadra dal cuore grande, capace di mettere in campo tutto quello che aveva dentro e di disputare, senza dubbio, la migliore prestazione stagionale. Non si è sentita affatto la stanchezza dopo il turno infrasettimanale di Forli', è anche questo è un fatto altamente positivo; i biancorossoblù hanno saputo dare coninuità al bel gioco espresso al "Morgagni". Ma tutto ciò non è bastato. Quel tocco di mano in area di Zanzani ha gelato tutto il "Daniele Grandi", raggiante per il gol, l'ennesimo, di Marco Poziello, che aveva portato in vantaggio il Tropical.E' difficile anche solo descrivere quanto successo. Ma il calcio è questo e a volte può essere davvero crudele. Quello che è mancato nelle partite precedenti ai biancorossoblù, ovvero la capacità di creare qualcosa in fase offensiva, oggi si è visto benissimo; infatti l'ottimo lavoro dei centrocampisti (Pacassoni su tutti autore di una prova da applausi), hanno accompagnato molto l'azione, convinti di poter fare gol. Ma a partire meglio sono stati però gli ospiti, sempre con giocate verticali per le rapide punte. Una di queste, ovvero Beccati, al 4' chiama già Guerra S. ad un'intervento di piede, ma il portiere di casa risolve la situazione. Poi al 9' l'altro attaccante, Grassi, crossa per Biliotti appostato sull'altro palo, il laterale ferrarese tocca verso la porta, Zanzani salva sulla linea. Il Tropical soffre, non riesce a contenere la Copparese. Al 14' ancora Grassi calcia a rete, Guerra S. risponde presente bloccando a terra. Poi al 31', dopo l'uscita dal campo di Colonna costretto ad alzare bandiera bianca per un problema al ginocchio (dentro Grechi), i corianesi mettono fuori il muso per la prima volta con Poziello, che da sinistra salta con una serpentina Banzi e Dianti, si accentra e calcia verso la porta, ma il suo tiro è troppo angolato e l'azione sfuma. 5 minuti dopo l'occasione da rete più clamorosa per i ragazzi di mister Mastrocinque: corner di Giuriola per il libero Dianti che però non riesce a trovare l'impatto con la palla, quest'ultima finisce tra i piedi di Biliotti, lesto a calciare verso la porta, ma il palo gli nega il gol. Ad 1 minuto dall'intervallo scambio a tre al limite Poziello, Chiaravalloti, Angelini; quest' ultimo calcia a botta sicura, palla alta. Alla ripresa del gioco il Tropical prova subito a far male ai ferraresi: al 3' st sempre Angelini fa bene da sponda per Chiaravalloti, il centrocampista crossa in mezzo, arriva Pacassoni che non riesce però a trovare l'impatto con il pallone. Al 12' st ancora Coriano: cross di Pacassoni, Angelini si coordina in girata, fuori. La Copparese non si fa mai viva in attacco., cosi i biancorossoblù osano e dopo due minuti dopo ecco arrivare il meritato vantaggio: rilancio di Guerra S., l'onnipresente Angelini spizza di testa per Poziello, Stradaroli manca goffamente l'interevento e da via libera al "Poz", che dal limite dell'area vede Finessi fuori dai pali e lo beffa con un perfetto pallonetto. 1 a 0. Dopo il gol l'attaccante si carica e mette lo zampino in altre due azioni da gol: al 16' serve un'ottimo assist per Angelini, ma l'attaccante si allunga troppo la palla di sinistro ed non riesce ad inquadrare la porta, mentre al 22' st è rapido nel saltare per l'ennesima volta sulla linea di porta il povero Banzi, poi si invola verso la porta e invece di appoggiare per Angelini calcia da posizione difficile e il tiro esce. 4 minuti dopo cross dalla sinistra del neo-entrato Montanari che di piatto serve Angelini, ma la punta per una questione di centrimetri non arriva a toccare in rete. Il Tropical contiene bene gli attacchi della Copparese. Achille Fabbri non sbaglia una mossa, organizzando la protezione del fortino in modo coerente, senza cambiare l'impostazione iniziale. Gli ospiti riescono a farsi vivi dalle parti di Guerra S. solo alla mezz'ora e solo su calcio da fermo, ma il colpo di testa di Beccati indirizzato nell'incrocio dei pali, è respinto con un colpo d'istinto dal numero 1 corianese. Ma è sempre Poziello a creare il panico: al 32' l'ex Sant' Ermete prende palla da dietro il centrocampo, si invola verso la porta nonostante la pressione dei difensori ospiti ma la conclusione termina a lato. Al 45', dopo il solito coast to coast, giunge davanti a Finessi che però lo anticipa in uscita. Il tempo è scaduto. L'offensiva ospite sembra esaurirsi. qui. Dopo la segnalazione dei 4 minuti di recupero, ecco che accade l'incredibile: i primi 3 scivolano via senza che la Copparese concluda nulla di buono, mentre a 10 secondi dal 49' un cross basso dalla destra di Giuriola viene toccato con un braccio in area da Zanzani. E' rigore. Giusto. Sul dischetto si presenta Belluzzi (subentrato al 1' st a Grassi), che spiazza Guerra e realizza il pari. Non c'è nemmeno il tempo di rimettere la palla a centrocampo, perchè il direttore di gara fischia immediatamente la fine. Che rabbia! Commentare una gara cosi, giocata alla grande dal Tropical, è davvero superfluo. I biancorossoblù hanno dato tutto, meglio di cosi non si poteva fare e se non si riescono a portare a casa i 3 punti anche dopo una prestazione maiscuola come quella odierna, allora c'è da preoccuparsi. C'e da preoccuparsi anche guardando la classifica, che si va via via allungando. Ma occorre ripartire da qui, nonostante la rabbia e la delusione brucino ancora dentro. Domenica si salirà ad Imola per affrontare la forte Imolese: rientrerà Tentoni, ma mancheranno Zanzani e Chiaravalloti per squalifica e forse anche capitan Colonna (anche se le sue condizioni verranno valutate meglio in settimana).


21/11/2008

CALDERARA - VALLEVERDE RICCIONE

IN VISTA DELLA TRASFERTA DI CALDERARA DI RENO LA TRUPPA BIANCAZZURRA SOSTERRA´ DOMANI SABATO 22/11/2008 ALLE ORE 10.00
L´ALLENAMENTO DI RIFINITURA, NEI CONVOCATI CI SARANNO ANCHE FILOCOMO E LUCONI CHE HANNO PARZIALMENTE ASSORBITO I PROPRI ACIACCHI. QUINDI FUORI SOLO FRESCHI E I SOLITI LANDOLFI, GABELLINI E GORI. A CALDERARA CI SI AUGURA DI AVERE SEMPRE IL SOSTEGNO DEI SUPPORTER PER CONTINUARE A SOGNARE INSIEME, ANCHE SE LA TRASFERTA E FRA LE PIU´ LUNGHE. ARBITRERA´ L´INCONTRO IL SIG. LODI GUSTAVO DI PIACENZA.

La Copparese sulle tracce di Marco Arlotti FERRARA. Non solo l’infortunio di Ballacci. La Copparese a dicembre (precisamente dall’1 al 17, con tesseramento possibile solo dal 18 per i giocatori svincolati) sarà costretta ad intervenire sul reparto difensivo anche per via di una partenza che pare ormai probabile. Si tratta dell’esperto centrale Giorgio Stradaroli, che già ad inizio stagione pareva non dovesse rimanere in rossoblù, decisione rientrata per gli infortuni di Trentini e Vecchiattini. Adesso il difensore avrebbe ricevuto un’ottima proposta da un’altra società ferrarese. Le voci dicono che si tratti dell’ Emmetre , la quale ha avuto qualche problema nella retroguardia nonostante l’ottimo campionato di Fogli. La società biancoblù era sulle tracce del difensore già in estate, però la trattativa non andò in porta. Ora ci sarebbe la possibilità di portare in dote a mister Magnanini due giocatori di grande esperienza come Stradaroli e Vigorelli , anche se quest’ultimo è molto conteso. Di certo il centrocampista lascerà la Virtus Pavullese e si è subito aperto un’asta, che vede coinvolta pure l’ Argentana . Quella granata è la squadra che cambierà più pedine nel mercato di riparazione, anche se sul fronte partenze dovrebbero esserci solamente quelle del laterale Fordiani e dell’attaccante Falanga . Ai nomi già circolati in questi giorni, con Sanò dell’ Imolese prima alternativa a Vigorelli, va aggiunto quello del laterale Vitali del Sant’Agostino , che piace al Reno Centese , ma i ramarri lo vogliono tenere. Tornando alla Copparese, ricordiamo che per la difesa è sempre valida la pista che porta ad Arlotti del Comacchio Lidi , in partenza al di là del nuovo cambio tecnico. Torna sul mercato anche un altro nome importante, quello di Torino , ex bomber dell’Argentana che ha iniziato la stagione a suon di gol nel Castrocaro . Ora lo potrebbe prendere l’ Atletico Van Goof , però lo vuole anche il Lugo . Lo stesso Van Goof ha contattato l’ex Masi, Argentana e Voghiera Angelico , il quale ha però qualche problema fisico e difficilmente riprenderà a giocare


20/11/2008

Il punto in Eccellenza B Chiusa la diciasettesima di andata, domenica si ritorna in campo per la dodicesima. Il Del Conca è ritornato alla vittoria, mantenendo inalterato il distacco dall’inseguitrice Riccione che ha superato seccamente l’Alfonsine. Ha perso terreno la Copparese fermata in casa dalla Dozzese. Forlì, Cervia e Boca meditano il sorpasso ai danni dei ferraresi, ma è l’Imolese la squadra che ha meglio figurato di recente. Dal cambio di mister non ha più sbagliato un colpo, sebbene gli impegni siano stati tutti in casa e contro squadre in un momento di grande difficoltà. Domenica, il Del Conca ospita il Sasso Marconi reduce da due vittorie consecutive ed in forte risalita, mentre il Riccione viaggia a Calderara, terra di conquista. La Copparese si muove per affrontare il Tropical Coriano, mentre il Forlì ospita il Low Ponte. Insomma un turno alla portata per le prime quattro, mentre per le inseguitrici una giornata più dura. Il Boca sale a Monte del Re per affrontare la Dozzese dei “ragazzi terribili” di Andrea Buccioli, il Cervia va ad Alfonsine contro una grande in difficoltà ed, infine, l’Imolese affronta la prima trasferta con Pietro Assennato in panchina scendendo in Romagna per la sfida con la Savignanese. Per completare il quadro della giornata, il Faenza va a Cesenatico, mentre Fusignano e Massa Lombarda, si affronterrano in un derby molto sentito.

FORLI - TROPICAL CORIANO 3-0 Marcatori: 11 pt e 15' st Cuttone (FO), 43' st Biserna (FO) FORLI' (4-3-1-2): 1 Spada; 2 Brighi, 5 Roccetti, 6 Magnani, 3 Spighi; 4 Cuttone, 8 Balestra, 7 Mordini (dal 35' st Baldinotti); 10 Sozzi (dal 16' st Corzani); 11 Muratori, 9 Ceschi (dal 40' st Biserna) A disposizione: 12 Chiadini, 15 Camporesi, 16 Montanari, 17 Magni Allenatore: Massimo Scardovi TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 2 Colonna, 6 Zanzani, 4 Babbini, 3 Grechi; 7 Buldrini, 5 Tentoni, 8 Berardi, 10 Pacassoni (dal 20' st Angelini), 11 Guerra L. (dal 35' st Saccani); 9 Poziello (dal 35' st Chiaravalloti) A disposizione: 12 Marcaccini, 14 Montanari, 15 Casadei, 17 Scozia Allenatore: Achille Fabbri Arbitro: Rusticali di Ravenna Assistenti: Perrone e Preti di Imola Ammoniti: Zanzani, Babbini, Tentoni e Poziello (TC) Espulsi: / Questione di concretezza. Quella che ha avuto il quotato Forli' di mister Scardovi, nell'anticipo dell'ultima giornata di campionato e quella che è mancata ieri ad un buon Tropical nel match del "Morgagni"; sono state tre infatti le azioni da gol create dai forlivesi e tre sono stati i gol. Sinonimo di grande squadra. Le due rivali che l'hanno scorso si sono affrontate fino all'ultimo per un posto in Promozione e anche questa volta hanno vinto i padroni di casa. Peccato davvero, perchè l'approccio alla gara dei biancorossoblù era stato dei migliori: sullo 0 a 0 e anche dopo lo svantaggio infatti, i corianesi hanno saputo tener testa alla corazzata forlivese, con ottime giocate palla a terra. Il cruccio, come sempre, è stato quello di aver creato poco poco in attacco, con il solito Poziello là davanti (Baldinini era infortunato, ma forse recuperabile per domenica), a battagliare contro due "muri" umani come Magnani e Roccetti. Ma la vittoria del Forli' è meritata, per carità: più tonici i "galletti", come detto, più concreti sottoporta, più esperti e soprattutto più tecnici. Ma ribadiamo, l'equilibrio del primo tempo aveva fatto ben sperare per un possibile pareggio, ma il 2 a 0 di Cuttone, su un'errore di Guerra S. in uscita al 15' st, ha tagliato le gambe al Tropical e da li (nonostante la traversa di capitan Colonna 10 minuti dopo), era ormai conclusa. Achille Fabbri conferma Grechi terzino e Pacassoni in mediana e sposta Buldrini al posto di Poziello. I primi minuti di gara dei i biancorossoblù sono buoni: ottima aggressività, buone giocate e giusta concentrazione. Ma all'11' ecco il gol beffa, che fa saltare i piani di Achille Fabbri: Balestra batte velocemente una punizione da destra verso Sozzi che va sul fondo e crossa basso in mezzo, Tentoni nel tentativo di rinviare svirgola la palla che si va a stampare sul palo cogliendo in controtempo Guerra S., in mezzo all'area c'è Cuttone che non ha problemi a toccare in rete. Dopo lo svantaggio il Tropical è costretto ad attaccare, ma di pericoli dalle parti di Spada non se ne vedono, nonostante i corianesi costringano il Forli' nella propria metacampo. Si va all'intervallo sullo 0 a 1. Nel secondo tempo la partita cambia. I biancorossoblù, nonostante l'uomo in più a centrocampo, soffrono terribilmente le giocate di Balestra e Cuttone, pagando anche la serataccia di Berardi e Tentoni, ovvero coloro che dovrebbero prendere la squadra per mano. Cosi al 15' st ecco il raddoppio: sempre Balestra su punizione calcia da destra verso il centro, Guerra S. esce a vuoto e Cuttone lo anticipa segnando il 2 a 0. Partita chiusa. Chiusa si, ma il Tropical continua a giocarsela, nonostante il doppio vantaggio e al 25' st va vicino al gol con Colonna, che dai 20 metri colpisce la traversa con un tiro secco e preciso a Spada battuto. Poi ancora alla mezz'ora, Poziello apre bene sulla destra per Buldrini, questi effettua un cross basso per il neo-entrato Angelini che non riesce a girare la sfera verso la porta e l'azione sfuma. Nel finale, il 3 a 0 firmato Muratori - Biserna. Cala il sipario sulla gara. Rimane il rimpianto di aver subito gol troppo presto, perchè altrimenti lo schema tatttico disegnato da Achille Fabbri pareva essere quello azzeccato. Altro dato negativo da sottolineare sono le troppe ammonizioni subite: ricordiamo che nel taccuino dell'arbitro sono stati annotati solo giocatori del Tropical (giustametne), e addirittura, dopo appena mezz'ora di gioco, i due centrali difensivi (Babbini per gioco scorretto ed addirittura Zanzani per proteste), erano entrambi ammoniti. Avendo la "coperta corta", andrebbe fatta maggiore attenzione , perchè se domenica dopo domenica vengono a mancare giocatori chiave come Tentoni, Zanzani, Berardi ecc, allora la situazione si fa ancora più difficile. Ma una sconfitta a Forli' ci può stare, anche se ora la classifica si fa ancora brutta e sempre più corta. Ma non c'è tempo per riflettere e piangersi addosso, perchè tra tre giorni è di nuovo campionato e al "Grandi" arriverà un'altra grande squadra, la Copparese.

Per l'Imolese terza vittoria consecutiva 1-0 (pt 0-0) IMOLESE: Zannoni, Biavati, Monti, Falco, Poggi, Rizzotto, Borini (dal 41' st Poli), Onori, Toschi (dal 34' st Sanò), Antonellini (dal 35' st Donattini), Muzzi. All.: Pietro Assennato. A disp.: Dirani, Sanò, Cimatti, Venturi Casadei, Casadio Loreti. REAL CESENATICO: Farsoni, Platone, Bendoni, Bonacci (dal 1' st Bonacci), Righe, Farabegoli (dal 34' st Micheli), Franchini, Fattore, Salzano, Lombardini, Zavattini (dal 27' st Grossi). All.: Rocco Cotroneo. A disp.: Sanchi, Milzoni, Taioli, Giancotieri. Arbitro: Quaranta di Piacenza Assistenti: Zaccaria (Finale Emilia) e Cannizzaro (Ravenna) Marcatori: 17' st Antonellini, Ammoniti: Platone, Fattori, Antonellini, Lombardini, Salzano, Zannoni IMOLA - Partita che stenta a decollare, nei primi 25 minuti praticamente il nulla con le due squadre che battagliano in mezzo al campo. Al 28' ci prova Falco con Farsoni che respinge con i pugni. Passano tre minuti e Lombardini colpisce il palo con una conclusione da 25 metri. E' il 41' quando Muzzi su punizione impegna Farsoni che toglie la palla dall'incrocio dei pali. Inizio di ripresa soporifero come il primo tempo, taccuino scarno di occasioni. E' il 16: Gualtieri conquista palla rubandola a Rizzotto, tira e coglie il secondo legno della serata. Sul capovolgimento di fronte Muzzi subisce fallo, punizione che è un angolo corto, batte Antonellini che infila l'1-1. Ancora Imolese al 25': Muzzi serve Rizzotto che di testa colpisce debolmente fra le braccia di Farsoni. L'imolese sale a quota 18 mentre i corsari rimangono a 13

Buccioli commenta il punto di Copparo (Copparese - Dozzese) Un punto è pur sempre un punto. Certo meglio una vittoria, ma quando arrivi da due sconfitte consecutive e conquisti un X sul campo di uno 'squadrone' come la Copparese suona quasi come una vittoria. Se poi aggiungi che mancavano giocatori importanti come Turchi, Alpi (tre giornate di squalifiche, due ancora da scontare), Bonini Caroli, Barbieri, Lucatini e con Giorgi e Neri in panchina. Una mezza squadra out, ma quando la Dozzese gioca con lo spirito dozzese, è dura per chiunque mettere al tappeto gli uomini di Buccioli e se n'è accorta la Copparese: "Giocavamo contro una grande squadra – dice il tecnico gialloblù- e nonostante le tante assenze tutti hanno fatto il massimo per conquistare quello che io ritengo sia un ottimo punto. La Dozzese ha mostrato grande carattere e la voglia di tornare a fare risultato dopo i risultati negativi delle ultime settimane". Un punto che muove la classifica sempre più corta ed avvincente: "La nostra situazione stava diventando pesante, questo punto è un buon brodino, centrare la terza sconfitta consecutiva avrebbe nuociuto al nostro morale, ora possiamo guardare avanti con un po' più di ottimismo che non guasta mai". Buccioli è stato costretto a lanciare nella mischia tanti giovani e i vari Pierri, Morsiani, Cascone, ma anche Piancastelli subentrato a Zaccherini, non hanno deluso le attese: " Nel nostro settore giovanile ci sono tanti giovani interessanti e questi quando vengono chiamati in causa non deludono mai, li ringrazio per quello che fanno perché non è facile esordire in Eccellenza e farsi trovare pronti. Ogni volta che manca qualcuno so di poter contare su ragazzi interessanti, che portano il loro mattoncino al gruppo senza farsi schiacciare dalle responsabilità, e questo è molto positivo per tutto l'ambiente". All'orizzonte c'è già la sfida contro il Boca San Lazzaro: "Con l'organico che ho a disposizione giocare tre partite in una settimana non è certamente il massimo, spero di poter recuperare qualcuno degli assenti per poter far rifiatare chi fin qui ha tirato la carretta. Giochiamo contro un Boca che verrà a Monte del Re con tanto entusiasmo e voglia di fare risultato, e noi faremo altrettanto". L'infermeria è ancora piena, ma ovviamente Buccioli spera di avere più giocatori arruolabili possibili.

FAENZA – SASSO MARCONI 0-2 FAENZA: Gozzi, Melandri, Oliva, Rossi, Paglialonga, Palmieri, Pacifico (59’ Menichetti), Pezzi, Vallefuoco (67’ Errani), Salomone, Taddei (63’ Manaresi). All. Giordani. SASSO MARCONI: Giaroli, Prati, Gavaruzzi (72’ Ferriero), Brancaccio, Bonetti, Corvino, Livi, Mancuso, Bencivenni, De Maria (72’ Nugara), Cerbone (91’ Scarpuzza). All. Farneti. Arbitro: Magliano di Rimini. Reti: 54’ Livi, 89’ Cerbone. Note. Ammoniti: Brancaccio, Bonetti, Ferriero. Spettatori 300 circa. FAENZA – L’infrasettimanale del mercoledì porta male al Faenza, che dopo quattro risultati utili consecutivi torna alla sconfitta. Prova opaca quella dei biancazzurri di Giordani (che ha scontato in tribuna la sua quarta ed ultima giornata di squalifica), contro un Sasso Marconi attento, ordinato e ben coperto davanti alla propria porta. Il Faenza cade soprattutto nella ragnatela tessuta a centrocampo dagli emiliani ed in fase di impostazione non riesce a costruire quasi nulla. Rappresentano solo una parziale giustificazione le assenze fra i manfredi dello squalificato Dell’Anno e dell’infortunato Ruggiero, quest’ultimo in panchina solo per onor di firma. Al 10’ la prima occasione da rete per gli ospiti: calcio d’angolo battuto Mancuso e bel colpo di testa di Bonetti, parato a terra da Gozzi. La partita ristagna a lungo, col Sasso Marconi che prende un po’ di più l’iniziativa ma raramente si rende pericoloso, mentre per vedere la prima vera azione da gol dei locali occorre aspettare il 43’, quando un’azione condotta da Salomone viene conclusa con un tiro di Pacifico di poco sopra la traversa. Si va negli spogliatoi col pubblico piuttosto scontento della pochezza vista in 45’ di gioco. Al 2’ della ripresa ottima occasione per il Faenza: tiro di Vallefuoco respinto a fatica da Giaroli coi pugni, poi il successivo tentativo di Salomone viene sventato in modo provvidenziale dal piede di Gavaruzzi. Al 52’ altra occasione per Salomone, che però spara alto sopra la traversa a pochi passi dalla porta ospite. Sono questi gli unici minuti in cui i padroni di casa danno la sensazione di poter prevalere, perché in seguito il pallino della partita passa nuovamente nelle mani del Sasso Marconi, che al 54’ passa in vantaggio. Calcio d’angolo battuto da Mancuso; al centro Livi si coordina bene e gira al volo nel “sette” alla sinisra di Gozzi. Il Faenza non riesce a rispondere ed il Sasso Marconi sfiora il rappoddio al 63’, con un incrocio dei pali colpito da Bencivenni con un tiro da fuori area. Al 69’ occasione anche per Cerbone, la cui azione viene neutralizzata da una buona uscita di Gozzi. Al 78’ sempre Cerbone sfugge in mezzo a tre avversari e si presenta solo davanti a Gozzi, che ancora una volta in uscita sventa la rete dello 0-2. Al’ 89, però, arriva il raddoppio di Cerbone, ben smarcato da Bencivenni. Nei tre minuti di recupero Paglialonga, il migliore in campo per il Faenza, ha due occasioni per accorciare le distanze, dapprima con un calcio di punizione che sibila di poco a lato del palo destro di Giaroli, poi con un tiro da fuori area che va ad incocciarsi sulla traversa. Vittoria importante per il Sasso Marconi, che scavalca in classifica lo stesso Faenza


18/11/2008

Eccellenza: domani in campo per la 17^ giornata  I due gironi di Eccellenza tornano in campo per la diciasettesima giornata, tre giorni dopo aver disputato l’undicesima. Quale sia stata la mente perversa che ha partorito un simile calendario non ci è dato sapere. Ma piazzare l’ultima giornata del girone di andata dopo l’undicesima è stato veramente un coupe de theatre. Una di quelle soluzioni inspegabili, che solo una mente perversa può immaginare. La diciassettesima giornata, in origine, era stata pianificata per il 4 gennaio 2009. La prima di ritorno, inoltre, fissata per martedì 6 gennaio. Le vivaci proteste delle società per il calendario troppo fitto a cavallo della Befana, ha consigliato la federazione per un cambio di programma. E invece di fissare in un turno settimanale, magari il dodicesimo dopo l’undicesimo, si è pensato di piazzare il diciassette fra l’undici e il dodici. Se questa è una soluzione… Complimenti!! Questa opzione ha avvantaggiato qualcuno e penalizzato qualche altro. L’Imolese di Pietro Assennato ne ha tratto dei benefici. Il mister rossoblu appena subentrato a Marco Menghi, ha avuto la possibilità di disputare tre gare interne subito dopo il suo insediamento. Contro Low Ponte e Calderara le prime due. E due le ha vinte, risultando agli occhi dell’opinione pubblica il salvatore della patria. Ad onor del vero, le due gare bisognava, poi, vincerle, perché nessuno ti regala niente e l’Imolese le ha vinte. Di misura, ma le ha vinte. Quanto sia stata bravura del nuovo mister o pura fortuna o reazione nervosa dello spogliatoio non ci è dato sapere. Ma il tempo, si sa, è galantuomo e a fine dicembre trarremo le nostre conclusioni sulle qualità del nuovo mister rossolu. Forse inizieremo già domani, quando alle Acque Minerali scenderà il Cesenatico che è, di certo, una squadra meglio attrezzata delle ultime due. Sul fronte Dozzese, invece, alle due trasferte consecutive, già previste in calendario si è aggiunta la diciassettima giornata con l’ulteriore impegno esterno di Copparo, contro una delle squadre accreditate alla vittoria finale del girone. La Dozzese ha sprecato molto nelle ultime tre gare. Dal 2-0 alla 2-2 con la Savignanese, 0-1 a Morciano con il Del Conca e 0-2 a Sasso Marconi. Un momento no, per la squadra di Andrea Buccioli, che deve fare i conti anche con i forti ferraresi domani. E speriamo che il diciasette non porti sfortuna sempre e solo ai gialloblu.


Il punto sull'Eccellenza B L'undicesima giornata è fatale al Del Conca che cade a Cervia con un in­discutibile 3-1. Fratta e Troiano per i gialloblù, il Del Conca accorcia con Mara­ni ma Casetti chiude per il Cervia. Tre vit­torie consecutive e il presidente cervese, entusiasta, dedica la vittoria al sindaco. No­nostante la vittoria del Riccione, sempre più alle costole, il Del Conca mantiene an­cora il primato in classifica. Il Riccione, do­po sei vittorie consecutive (una sola scon-f­itta, la prima giornata) si pone al secondo posto solitario. La vittima di turno è il Forlì che sembrava in ripresa. Mazzoli, e Tolo­meo in rovesciata, gli autori delle reti ric­cionesi. Parte in svantaggio la Copparese che ospita il Fusignano subito in gol con Ricci. Pareggiano i ferraresi nel secondo tempo con Beccati, ma segna di nuovo il Fusignano con Pitocchi costringendo i pa­droni di casa ad inseguire e ci riescono strap­pando il pareggio con Magri. Sconfitta ca­salinga per il Low Ponte, inflitta dal Tropi­cal, dopo la prima vittoria arrivata in setti­mana nel recupero con il Calderara. Fallo di Cancelliere, il portiere, espulsione e ri­gore: Poziello trasforma. Il Low Ponte non recupera e la partita finisce 0-1. PROSSIMO TURNO Faenza-Sasso Marconi; Savignanese-Cer- via; Prosider Low P.-Del Conca; Massa Lombarda-Boca S.Lazzaro; V.Riccione- Alfonsine; Calderara-Fusignano; Coppa- rese- Dozzese; Imolese- Cesenatico C.; Folgore Bagno. Forli’-Trop.Coriano.

In vista di Faenza - Sasso Marconi FAENZA, 17 novembre 2008 - Reduce dall'1-1 casalingo contro l'Alfonsine, oggi il Faenza è già tornato al lavoro per preparare la partita di mercoledì prossimo, di nuovo al 'Bruno Neri' (ore 15) contro il Sasso Marconi, nella partita valida per la diciassettesima giornata (che è stata anticipata nella sua totalità). Il mister biancazzurro Maurizio Giordani analizza così la prestazione dei suoi contro l'Alfonsine: "Molte cose, purtroppo, ci hanno detto male. Ruggiero è dovuto uscire dopo pochi minuti per un problema al nervo di un piede. L'espulsione immeritata di Dell'Anno sul finire del primo tempo ci ha poi penalizzato. E non ultimo, le parate del loro portiere Faedi ci hanno impedito il gol in diverse occasioni. Oltretutto, la rete che abbiamo subito poteva essere evitata. Ma nonostante tutto, sul piano dell'impegno e della voglia non ho nulla da recriminare ai miei ragazzi. Come intensità di gioco, hanno dato tutto ciò che potevano". Ad ogni modo, il pareggio contro l'Alfonsine è servito quantomeno per muovere nuovamente la classifica. Il Faenza è sempre in zona playout, dalla quale potrebbe però uscire mercoledì con un successo sul Sasso Marconi, avversario diretto nella corsa verso la salvezza. "Per noi è come una finale di Champions - dice Giordani - Mercoledì dobbiamo soltanto vincere. Non conta la bella prestazione: contano i tre punti. Non voglio complimenti a fine partita: desidero solo potermi gustare una vittoria". Contro il Sasso Marconi, Giordani avrà qualche problema di formazione in attacco: Dell'Anno è squalificato e Ruggiero non è detto che riesca a recuperare.


17/11/2008

RICCIONE - FORLI 2-0 RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Freschi (59' Lapi), Lepri, Caminati (79' Guerra), Domini, Tolomeo (85' Imola), Mazzoli, Dall'Aglio. All: Onorato. FORLÌ: Chiadini, Brighi (81' Ancarani), Gualdi (76' Cuttone), Spighi, Magni, Magnani, Mordini, Balestra, Ceschi (67' Muratori), Sozzi, Biserna. All: Scardovi. Arbitro: Kroj di Bologna. Reti: 71' Mazzoli; 75' Tolomeo. Il Riccione resta agganciato al vagone del vertice classifica, grazie alla vittoria casalinga ai danni del Forlì, davanti ad una nutrita cornice di pubblico. I padroni di casa prendono subito le redini del gioco e dopo due minuti sfiorano il gol con Tolomeo, il quale da buona posizione non trova il bersaglio. Il Riccione intensifica la spinta offensiva con il passare dei minuti: al 29' Tolomeo anziché adoperare la sciabola per chiudere di potenza una grande discesa, colpisce di fioretto con un "cucchiaio" che è facile preda dell'estremo difensore ospite. Nella ripresa la compagine di Onorato rientra in campo con il serbatoio pieno di energie e voglia di strafare, ma il Forlì contiene bene la pressione degli avversari anche se si limita ad una gara prettamente di contenimento. Al 71' il Riccione riesce a trovare la combinazione giusta per aprire la cassaforte forlivese grazie a Mazzoli, che infila Chiadini con un tocco ravvicinato. Dopo il gol del vantaggio, il Riccione sale sulle ali dell'entusiasmo, e al 75' cala il bis con una splendida girata di Tolomeo, che si insacca sotto l'incrocio dei pali. Nel finale non accade più nulla; solo i festeggiamenti per un Riccione spumeggiante, cui sorride sempre più la classifica e che pregusta inediti orizzonti ricchi di ambizioni.

3°Cross in area del Forlì, Tolomeo colpisce al volo, palla alta sulla traversa.

10° Ceschi lanciato in area, interviene la difesa prima che l'attaccante possa concludere.

14°Corner per il Riccione, sulla ripartenza lancio lungo per Biserna che entra in area e cade a terra dopo un contatto con Freschi. L'arbitro non interviene.

17°Pressione del Riccione, due tiri dal limite senza seguito.

19°Sozzi in area, tiro di destro deviato, parata del portiere.

22° Dopo un cross di Biserna senza esito, punizione per il Forlì da circa 30 metri; il rasoterra di Mordini termina fuori di paio di metri a sinistra della porta di Bertozzi.

30° Pericolo per il Forlì: Tolomeo approfitta di una indecisione di Magnani e si lancia solo verso la porta, tentativo di pallonetto fallito e Chiadini para.

31° Il Forlì risponde con un tiro di Balestra dal limite, diagonale che attraversa l'area e si spegne a un paio di metri dal palo destro.

34° Dall'Aglio in area, tiro fiacco, Chiadini senza problemi,

35° Biserna in area lanciato da Sozzi, un attimo prima del suo tiro interviene la difesa che spazza in fallo laterale.

Negli ultimi dieci minuti del primo tempo leggera supremazia del Riccione, nessuna azione pericolosa comunque per la nostra difesa. Al 46° purtroppo l'ammonizione di Marco Sozzi, diffidato, salterà il prossimo incontro. Angoli 4 a 1 per il Riccione.

Secondo Tempo

2° Ammonito Freschi (gomitata a metà campo ai danni di Ceschi).

6° Primi minuti senza occasioni di rilievo.

13° Equilibrio fra le due squadre. Infortunio per Freschi, sostituito da Lapi.

17° Biserna dal limite, il suo destro alto sulla traversa.

22° Sostituzione per il Forlì: entra Muratori per Ceschi.

25° Dopo un paio di incursioni di Biserna, prima lanciato da Muratori poi da Sozzi, angolo per il Forlì: per un soffio Magnani non riesce a colpire di testa.

26° GOL Riccione Tolomeo sfonda al centro dell'area, passaggio per Mazzoli che solo colpisce di sinistro e segna.

30° GOL Riccione Tolomeo sfugge a Magni e raccoglie un cross dalla destra; Chiadini non può fare niente, è il raddoppio.

31° Cuttone sostituisce Gualdi.

34° Guerra sostituisce Caminati.

35° Sul cross di Mordini il colpo di testa di Sozzi, palla fuori di poco.

37° Ancarani subentra a Brighi.

40° Supremazia del Forlì, mancano le conclusioni a rete.

41° Imola prende il posto di Tolomeo.

42° Due corner per il Forlì, sul secondo Mordini colpisce dal limite, palla alta di poco.

45° Quattro minuti di recupero: il Forlì non riesce a rendersi pericoloso, il Riccione amministra il vantaggio.

E' finita: Il Riccione supera il Forlì per 2 a 0.

COPPARESE - FUSIGNANO 2-2 COPPARESE: Finessi, Banzi, Magri, Mazzacani, Stradaroli, Conficconi, Biliotti, Dianti (85' Tralli), Beccati, Giuriola, Grassi (70' Belluzzi). All.: Mastrocinque. FUSIGNANO: Bartolini, Baldini, Conficconi, Grasso, Onestini, Pressi (57' Abdulahi), Piticchi, Foschini, Ricci (84' Bassani), Samsak, Gatta (48' Pellicanò). All.: Orecchia. Arbitro: Magliano di Rimini. Reti: 7' Ricci; 72' Beccati; 77' Piticchi; 83' Magri. La sfortuna e l'arbitro fermano la Copparese col Fusignano. Il 2-2 non è neanche da disprezzare ma non si può dire che gli episodi abbiano favorito i rossoblù. Che al 7' sono già sotto: dopo una mischia in area Giuriola 'spazza' ma il pallone colpisce la schiena di Ricci ed entra beffardo in porta. La Copparese reagisce e al 16' ha una doppia palla gol con Conficconi da fuori area (traversa) poi con Beccati che sul rimbalzo manda fuori da due passi. La Copparese fatica contro l'organizzazione dei romagnoli. Nella ripresa ancora Copparese: al 5' Grassi sfiora il palo, al 10' Conficconi manda alto. Il Fusignano sornione ha la palla del 2-0 con Abdulahi che spreca. Pareggio al 27' con Beccati. La gioia dura poco: al 32' Abdulahi, in fuorigioco, dà a Piticchi che batte Finessi: il guardalinee alza la bandiera ma l'arbitro convalida fra le proteste. Al 38' ci pensa Magri a mettere le cose a posto con un sinistro dal limite.

Sala stampa: Copparese - Fusignano E' deluso per il pareggio del suo Fusignano mister Orecchia. Dopo il secondo vantaggio pensava di aver ormai portato a casa la gara. «Peccato per la vittoria sfumata nel finale — afferma negli spogliatoi — potevamo portare a casa tre punti d'oro su un campo difficilissimo. Venivamo da un momento negativo e una vittoria ci avrebbe dato tanto morale. Ecco perché il punto ci va stretto, abbiamo contrastato bene il loro gioco e creato occasioni anche nella ripresa. Conoscevamo abbastanza bene il loro tipo di gioco e sapevamo che ci avrebbero affrontato con un 3-4-1-2. Abbiamo preso perciò le dovute contromisure e credo che alla fine gli abbiamo concesso poco. Le nostre difficoltà? Non posso fare paragoni con l'anno scorso, abbiamo cambiato 7-8 giocatori e dobbiamo ancora trovare la giusta quadratura». Un'analisi della gara in netto contrasto con quella dell'allenatore della Copparese che ha rosicchiato un punto al Del Conca sconfitto a Cervia ma che si è vista superare dal Riccione: «Secondi o terzi adesso conta poco — spiega a fine gara Fabio Mastrocinque —: in questo momento penso solo all'occasione persa per vincere. Di solito non commento gli episodi ma il loro secondo gol è allucinante; non capisco perché l'arbitro non abbia guardato il guardalinee che aveva sbandierato il fuorigioco. Eppure tutti hanno visto che il loro attaccante era davanti a tutti quando ha ricevuto la palla. Se a questo aggiungiamo che il primo gol praticamente ce lo siamo fatti da soli... Abbiamo sempre fatto la gara e schiacciato dietro il Fusignano, creato occasioni per segnare, eppure non è bastato per vincere. Di positivo ho visto però ancora una volta la voglia di non mollare mai della squadra, anche di fronte ad un doppio ed ingiusto svantaggio».
 

BOCA SAN LAZZARO - SAVIGNANESE 0-0 BOCA S.LAZZARO: Giovannini; Ancona (52' Cazzola), Leone, Di Giulio, Picchi; Paselli (63' Ferrari), Cacciari, Ceresi, Drago; Tonelli, Rispoli. All. Poli. SAVIGNANESE: Pacileo; Ceppini, Scirica, Fantini, Mariani; Dotti (35' Pasolini), Lucchi, Bartolini, Casadei (73' Tozzi); Zagnoli, Farneti (78' Faedi). All. Farneti. Arbitro: Savini di Lugo. Il Boca ha cercato il bis con la Savignanese, dopo la prima vittoria in trasferta ad Alfonsine, ma non è andato oltre il primo pareggio al Kennedy a reti bianche. Con Boschin ancora in panchina a sostituire lo squalificato Fabio Poli, il Boca ha pagato la mancanza di un bomber di riferimento. La Savignanese ringrazia e coglie così il quarto punto esterno, con un buon primo tempo e limitando i danni nella ripresa. Al 5' Giovannini respinge con i pugni la punizione di Lucchi; al 23' il numero uno giallorosso salva il risultato, deviando la rovesciata di Casadei (per la Savignanese l'occasione più limpida dell'incontro). Al 31' Pacileo toglie dall'incrocio la punizione di Rispoli. Al 35' Picchi con una bordata da fuori lambisce il palo. Nella ripresa tocca al Boca sfiorare il vantaggio: al 9' Picchi per Tonelli che non aggancia a un passo da Pacileo. Al 10' è Tonelli a servire in area l'accorrente Rispoli che però, di sinistro, mette incredibilmente sul fondo.

MASSALOMBARDA - CESENATICO  1 - 1 Potrebbe sembrare una barzelletta ma e' tutto vero. Il Massalombarda pareggia in casa 1-1 per la 4 volta consecutiva e se ci vogliamo mettere anche il pareggio 0-0 contro la Copparese i pareggi diventano ben 5. Difficile tuttavia trovare il pelo nell'uovo, nella sfida di oggi contro il Cesenatico, ad un Massalombarda ai minimi termini che contava tra squalificati e infortunati una mezza squadra titolare in tribuna, se poi contiamo che in campo vi erano un Cantalupi incerottato e Lanzoni e Berti Yuri alle prese con lutti in famiglia ( le condoglianze sono di dovere da parte del Webmaster), ecco che possiamo capire la difficile situazione della giornata. Ne e' uscita quindi una partita tutto Cuore da parte dei bianconeri, che per 90 minuti dimenticano dei problemi appena citati, e sfoderano una prestazione corale di grosso spessore; gli sforzi sono ripagati allo scadere del primo tempo quando Tosi si inventa un cross che va ad incocciare proprio sulla testa del giovane Trombetti al suo primo goal in Eccellenza. Il secondo tempo diventa quindi un forcing continuo da parte della corazzata Cesenatico, ma l'impressione e' che questo Massa oggi possa essere insuperabile tanto e' la forza di volontà da parte dei giocatori di sacrificarsi l'uno con l'altro, ma ad 8 minuti dalla fine l'irreparabile: Mattia Berti viene colpito duramente ad una caviglia ed e' costretto ad uscire dal campo e nel fallo laterale successivo un batti e ribatti in area porta il Cesenatico al pareggio ma ancora una volta, il rammarico e' legittimo in quanto il goal sembra viziato da un fuorigioco non evidente solo al guardalinee ( stavolta le immagini televisive sono presenti). La partita termina 1-1 e per quanto possa essere deludente in termini di punti in classifica, da sicuramente morale ad una squadra che sta dimostrando di fronte ad avversità più grandi( infortuni?, Arbitri?) di tenere il colpo in attesa che possa arrivare un periodo in cui si possa chiedere qualcosa alla buona sorte. Il Migliore: Il Cuore. Be devo dire che oggi e' stato proprio il Cuore di tutta la squadra il migliore in campo e quello con la C maiuscola che ha permesso e permetterà di dare un seguito ad oggi.

Massalombarda - Cesenatico 1-1 MASSALOMBARDA: Monterastelli, Fusconi, Massarenti, Crivellaro, Berti M., (88' Mascherini), Tosi, Cantalupi (63' Mazzanti), Trombetti (73' Carè), Strocchi, Lanzoni, Berti J. All. Scozzoli CESENATICO: Farsoni, Grossi (73' Zavattini), Bendoni, Bonacci (52' Gualtieri), Righi, Farabegoli, Teodorani (18' Franchini), Fattori, Salzano, Lombardini, Giancontieri. All. Cotroneo Arbitro: Rubino di Reggio Emilia Reti: Trombetti 45'; Gualtieri 80'. Note: espulso al 55' Crivellaro per doppia ammonizione. MASSALOMBARDA — Ennesimo pareggio casalingo per un Massalombarda che, privo di molti titolari e in 10 per quasi tutto il secondo tempo, non riesce a portare a casa la vittoria e viene raggiunto nel finale. I locali partono bene e già al 3' hanno un'occasione con Strocchi, ma Farsoni fa buona guardia. Dopo 3 minuti palla buona per gli ospiti, ma Monterastelli riesce a deviare la deviazione sottomisura di Righi. Al 45' vantaggio dei locali: bella palla di Juri Berti per Tosi che di prima crossa per la testa dell'accorrente Trombetti: rete. Nel secondo tempo il forcing degli ospiti aumenta, e al 65'ancora Righi va vicino al gol. All'80' il pareggio: palla lunga in area, si avventa Righi che calcia a botta sicura, Monterastelli para ma sulla respinta il più lesto è Gualtieri in scivolata.

Sasso Marconi-Dozzese Sasso Marconi-Dozzese 2-0 Sasso M.:Giaroli, Chiapparini, Pezzoli, Brancaccio, Bonetti, Corvino (5’st Cerbone), Prati, Mancuso, Bencivenni, De Maria, Livi (37’st Gardosi).A disp.:Soldati, Cenacchi, Gavaruzzi, Scarpuzza.All.Farneti Dozzese:Moruzzi, Cascone, Alpi, Brunetti, Baroncini, Facchini, Carboni (15’st Barbieri), Bonini, Giorgi, Neri, Agboton.A disp.:Pandolfi, Pierri, Caroli, Morsiani, Tozzoli, Zaccherini.All.Buccioli Arbitro:Barbieri di Bra;assistenti:Ballardini di Ravenna e Bastoni di Cesena. Reti:De Maria (23’pt), Cerbone (10’st) Ammoniti:De Maria, Cerbone, Brunetti, Giorgi. Espulso:Alpi (39’st) La Dozzese si è presentata a Sasso Marconi priva del portiere Turchi e di Bertozzi, squalificati dal Giudice sportivo dopo i cartellini rossi di domenica scorsa, con Lucatini e Cappiello ancora out e con Caroli costretto in panchina da una forma influenzale. Ma si poteva ovviare a queste assenze se si fosse vista la Dozzese di sette giorni fa a Morciano contro la capolista Del Conca;invece in campo i gialloblù si sono presentati con tutt’altro spirito. E così il Sasso Marconi, che oltre ai due gol, con l complicità per altro della difesa gialloblù, non ha mai tirato in porta, ha portato a casa l’intera posta. Arrendevoli, sempre in ritardo sul pallone, i ragazzi di Buccioli hanno impensierito poche volte il portiere di casa Giaroli:l’occasione più nitida, quella che avrebbe potuto riaprire la gara, si è registrata al 22’ della ripresa con Giorgi che davanti al portiere si è fatto parare il tiro. Il Sasso Marconi è passato in vantaggio al 23’ del primo tempo con De Maria su calcio di punizione e nella ripresa al 10’ con Cerbone che ha ringraziato la difesa gialloblù depositando alle spalle di Moruzzi. A pochi minuti dal termine da segnalare infine l’espulsione di Alpi, reo, secondo l’arbitro, di aver indirizzato un calcio al giocatore avversario Mancuso a gioco fermo. Neanche il tempo per piangere tropo sul latte versato, perché mercoledì si torna in campo. Si gioca infatti l’anticipo dell’ultima giornata di andata e la Dozzese farà visita alla Copparese:mancheranno Turchi (che sconta la 2^giornata) e Alpi, rientrerà a disposizione invece Bertozzi.

Dozzese: parla capitan Caroli Le trasferte non portano bene alla Dozzese, la squadra di Andrea Buccioli dopo aver perso a Morciano ha concesso il bis sul campo di Sasso Marconi. I gialloblù sono stati sconfitti 2-0 con le reti segnate da Di Maria e Cerbone, nel finale di partita è stato espulso Luca Alpi che così salterà la sfida di mercoledì, ancora in viaggio, sul campo della Copparese. Oltre al semaforo rosso i risultati provenienti dagli altri campi non sono il massimo, la graduatoria è sempre più corta e la Dozzese deve assolutamente ricominciare a fare punti: «Siamo partiti molto bene — dice il capitano Devis Caroli — ma il loro rocambolesco gol del primo tempo ci ha letteralmente tagliato le gambe. Dopo il loro vantaggio ci siamo demoralizzati, la Dozzese non è stata più in grado di fare gioco, e nella ripresa non ci è capitata nemmeno un'occasione. Dovevamo vincere e invece torniamo a casa con un pugno di mosche in mano, e così non va bene». Il capitano della Dozzese ha le idee molto chiare sui prossimi impegni con Copparese, mercoledì, e Boca San Lazzaro domenica: «L'ideale sarebbe conquistare quattro punti, ma non sarà facile dato che avremo di fronte due grosse squadre difficili da superare. La classifica? Meglio non guardarla dato che potrebbe codnizionarci ulteriormente».

Faenza - Alfonsine 1-1 FAENZA: Gozzi, Melandri, Manaresi, Rossi, Paglialonga, Palmieri, Dell’Anno, Casanova (46’ Taddei), Ruggiero (14’ Vallefuoco), Salomone, Oliva. All. Tabanelli (Giordani squalificato). ALFONSINE: Faedi, Lagorio, Damassa, Di Tuccio (59’ Lanconelli), Donati, Bianchedi, Petrascu, Miserocchi, Monti, Innocenti, Callegari (55’ Valandro). All. Evangelisti. Arbitro: Rusticali di Ravenna. Rete: 16’ Paglialonga, 17’ Petrascu. Ammoniti: Bianchedi, Vallefuoco, Melandri. Espulsi: 44’ Dell’Anno, 71’ Bianchedi. Spettatori 400 circa. FAENZA – Pareggio con qualche recriminazione per il Faenza, nel derby del ‘Bruno Neri’ contro l’Alfonsine. Basta dire che il migliore in campo è stato il portiere ospite Faedi, che ha sventato il gol almeno in un paio di occasioni con interventi prodigiosi. Invece il peggiore della giornata è stato forse l’arbitro ravennate Rusticali, che ha decretato due espulsioni francamente eccessive in una partita tutto sommato corretta. La partita inizia con un’occasione per l’Alfonsine al 6’. Di Tuccio si infila in area e serve un pallone delizioso a Petrascu, che da posizione ravvicinata calcia bene verso l’angolo destro della porta di Gozzi, ma l’estremo difensore biancazzurro in tuffo devia in angolo. Al quarto d’ora il Faenza è già costretto alla prima sostituzione: l’attaccante Ruggiero, al suo esordio casalingo, deve rientrare anzitempo negli spogliatoi per un problema di tendini. Al 17’ il Faenza passa. Punizione dal limite splendidamente battuta da Paglialonga: la palla scavalca la barriera e si insacca nell’angolo alto alla destra dell’incolpevole Faedi. Passano poco più di sessanta secondi e gli ospiti pareggiano. Punizione dai venti metri per l’Alfonsine: la palla sibila diagonalmente dentro l’area piccola della porta manfreda e Petrascu è il più lesto di tutti a toccarla quel tanto che basta per spedirla dentro. Dopo questo ‘botta e risposta’, i ritmi non calano. Al 23’ il Faenza sfiora il nuovo vantaggio con un colpo di testa ravvicinato di Melandri, sventato difficilmente in angolo da Faedi, che due minuti dopo si ripete respingendo ancora in corner un tiro scoccato dal limite dell’area da Oliva. Poi la partita si spegne un po’, almeno fino al 44’, quando al già ammonito (per proteste) Dell’Anno viene nuovamente mostrato il cartellino giallo per simulazione e quindi espulso. Si va così negli spogliatoi sull’1-1, ma col Faenza in difficoltà tattica. Un problema che in realtà non si presenta all’inizio della ripresa, perché i biancazzurri riescono con un buon 4-3-2 a tamponare bene l’uomo in meno, tanto che spesso mantengono l’iniziativa. Al 54’ gran tiro da fuori area di Salomone, respinto coi pugni sopra la traversa dal sempre attento Faedi. Al 71’ arriva anche l’espulsione dell’ex Bianchedi, per proteste, parsa troppo severa come nel caso di Dell’Anno. In dieci contro dieci, il Faenza ricomincia a premere. Al 76’ Paglialonga ci riprova con una nuova punzione dal limite: stavolta la palla finisce di poco sopra la traversa. Al 77’ un bel tiro da fuori di Salomone viene respinto coi pugni in angolo da Faedi. Poi quasi più nulla fino al termine.


15/11/2008

Valleverde Riccione - Forli´

SALE LA FEBBRE PER IL MATCH- CLOU FRA RICCIONE E FORLI´, INNTANTO LA SOCIETA´ COMUNICA CHE DOMENICA VERRA´ INDETTA LA GIORNATA BIANCAZZURRA, QUINDI SARANNO SOSPESI ABBONAMENTI E INGRESSI DI FAVORE. APERTURA CANCELLI ORE 13.30. ARBITRO DELL´INCONTRO IL SIG. KROJ ALDO DI BOLOGNA. QUALCHE PROBLEMA PER CAVOLI SICURA L´ASSENZA DI FILOCOMO. SI ASPETTA UNA CORNICE DI GRAN PUBBLICO VISTA L´IMPORTANZA DELL´INCONTRO.

Tropical: momento no Smaltito il pesante ko contro il Faenza, domenica a Ponte Nuovo per il Tropical sarà già gara da ultima spiaggia. La prestazione contro i faentini è stata decisamente sottotono e per tentare di portare a casa punti contro il Low Ponte fanalino di coda (ma con una gara in meno da disputare), servirà decisamente un'altra squadra. Voglia, carattere, determinazione ed umiltà sono le armi da mettere in campo subito, altrimenti addio sogni di gloria. E' vero, siamo solo ad inizio stagione, ma occorre vincere al più presto in trasferta, per riprendersi i punti persi contro il Faenza e per dare una svolta a questo campionato, fino ad ora veramente pieno di insidie. Come al solito, Achille Fabbri sarà costretto a fare la conta degli indisponabili, perchè se domenica torneranno a disposizione Tentoni ed Angelini, il tecnico biancorossoblù questa volta perderà sia capitan Colonna che Buldrini, entrambi ammoniti al "Grandi". Solo all'ultimo si deciderà se schierare il play Berardi, la cui assenza in queste ultime partite si è fatta sentire come non mai. Quella di domenica sarà quindi una sfida chiave: occorre fare senza meno punti, per non venire raggiunti dalle squadre dietro e per non perdere contatto con il gruppo che si giocherà la salvezza fino alla fine. Novembre dunque sarà un mese durissimo e decisivo per i corianesi. Anche perchè dopo la sfida contro i ravennati, il Tropical se la vedrà Mercoledi 19 nel turno infrasettimanale contro il Forli di Scardovi al "Morgagni", poi Domenica 23 al "Grandi" arriverà la Copparese seconda in classifica, il 30 si salirà ad Imola per sfidare l'Imolese del nuovo mister Assennato, mentre il 7 Dicembre a Coriano andrà in scena il derby con il Valleverde Riccione


14/11/2008

Faenza: al Neri arriva l'Alfonsine FAENZA - Rilanciato dalle ultime due vittorie consecutive (1-0 in casa col Fusignano e 0-1 a Coriano), che nell’arco di una settimana lo hanno fatto risalire dal diciassettesimo al dodicesimo posto, il Faenza Calcio ospita domenica l’Alfonsine (stadio ‘Bruno Neri’, ore 14,30). Discrete le condizioni di salute della squadra di mister Giordani, che ha recuperato tutti gli infortunati, ad eccezione naturalmente del brasiliano Mascarenha, operato nei giorni scorsi ai legamenti di un ginocchio e quindi indisponibile per tutto il resto della stagione. Ovviamente buono il morale della formazione biancazzurra, che nelle ultime due partite è riuscita a concretizzare quanto di buono stava già costruendo fin dall’inizio del campionato. Stranezze del calcio: pur offrendo un rendimento abbastanza regolare, il Faenza ha conquistato più punti nelle ultime due partite (6) che nelle precedente otto (4). Ora i biancazzurri sono chiamati a non distrarsi contro un avversario pericoloso come l’Alfonsine, che mister Giordani descrive così: «E’ una squadra imbottita di giocatori importanti per la nostra categoria, come Innocenti, Patrascu ed il portiere Faedi. Nell’Alfonsine militano poi numerosi ex faentini, che saranno tutti estremamente motivati. Parlo di Lagorio, Donati, Bianchedi (tre che formano sostanzialmente la linea difensiva dei bianconeri, ndr.) e Di Tuccio. Contro una squadra così temibile, credo destinata a navigare nella prima metà della classifica, noi cercheremo di dare continuità ai nostri ultimi buoni risultati». Intanto in settimana il consiglio direttivo del Pool Calcio Faenza ha ufficialmente ratificato ad Angelo Goldoni l’incarico di “amministratore unico” del club. Queste le prime dichiarazioni di Goldoni: «Ora è arrivato il momento di accelerare sugli indirizzi che da tempo ci siamo dati: la valorizzazione dei giovani calciatori faentini. Dal gruppo della juniores, che sta facendo un ottimo campionato, ritengo ci siano già alcuni elementi in grado di fare il salto verso la prima squadraIl consiglio direttivo mi ha chiesto di spingere sul direttore generale e sul mister affinché si proceda in questo percorso».


13/11/2008

Recupero Low Ponte-Calderara  Si è giocata ieri la gara tra Low Ponte e Calderara rinviata il 2 Novembre scorso per la scomparsa del Presidente della Società ravennate.La partita è terminata con la vittoria dei padroni di casa 1-0 con rete di Vici al 27’del secondo tempo.Il Low Ponte raggiunge così a 6 punti il Calderara e le due formazioni dividono l'ultimo posto della classifica del girone B.

Imolese: parla Mauro Lelli LA PRIMA delle tre partite casalinghe consecutive è andata, l'Imolese ha conquistato tre punti e si è risollevata in graduatoria. Alla prima partita in panchina il neo allenatore Pietro Assennato ha portato subito in dote una vittoria ottenuta con l'ultima della classe, ad una settimana esatta dall'arrivo dell'ex allenatore del Faenza abbiamo fatto il primo bilancio con il direttore generale rossoblù Mauro Lelli: "L'arrivo di Pietro – dice Lelli – ha portato entusiasmo nell'ambiente, è un ragazzo che ha tanta voglia di fare e il suo spirito è contagioso all'interno dello spogliatoio. Ogni tecnico ha il suo modo di fare e di allenare, fin qui i ragazzi con il neo trainer sono stati molto disponibili e il risultato di domenica ne è la testimonianza dato che questa vittoria ci serviva come il pane quotidiano". Nel primo quarto d'ora il pubblico del Romeo Gallo ha visto tornare i fantasmi del passato: "Dopo il gol subito su calcio di rigore la squadra ha avuto un momento difficile, ma con entusiasmo e voglia i ragazzi si sono tirati fuori dalla palude. Anche se giocavamo con l'ultima in classifica ci serviva la vittoria ottenuta con grinta e carattere, la squadra è preparata a livello fisico e questo ci consentirà di fare bene anche in futuro". Nelle prossime due partite, domenica e mercoledì, giocherà ancora fra le mura amiche con Calderara di Reno e Real Cesenatico: "Sono altre due partite importanti dove dobbiamo continuare a fare punti e i ragazzi saranno ancora una volta sotto esame, al momento dell'ingaggio di Assennato abbiamo detto ai ragazzi che le quattro partite successive sarebbero servite al nuovo tecnico per fare delle valutazioni. Dopo di che verranno prese delle decisioni ed eventualmente prenderemo dei giocatori tenendo ben conto delle nostre esigenze di bilancio". Tutti sotto esame con Assennato che deciderà chi tenere o meno: "Sarà il mister a dirci quali sono le sue esigenze e se serviranno dei giocatori li prenderemo per rinforzare il gruppo". L'Imolese in pratica attende i primi giorni di dicembre per rinforzare l'attuale gruppo, qualcuno farà la valigia, mentre qualcun altro arriverà alla corte di Assennato, e fra questi potrebbe esserci il centrocampista Fabbi che lo scorso anno giocava proprio con la maglia rossoblù. Va detto però che da qui a dicembre molte cose potrebbero cambiare.

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 9/11/2008


A CARICO DI MEDICI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 19/11/2008

RICEPUTI SERGIO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

Per proteste nei confronti del direttore di gara.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE


TURCHI FILIPPO (DOZZESE A.S.D.)

SQUALIFICA PER UNA GARA

PITTALIS MANUEL (D.PIETRI CARPI A.S.D.)

BERTOZZI LUCA (DOZZESE A.S.D.)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

TRONCOSSI FEDERICO (ALFONSINE F.C.)

CALABRESE VINCENZO (BOCA SAN LAZZARO SRL)

MILZONI ALESSANDRO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

GARDENGHI LUCA (MASSA LOMBARDA)

RESTA ALESSANDRO (MASSA LOMBARDA)

FERRIERO RICCARDO (SASSO MARCONI)

BULDRINI FEDERICO (TROPICAL CORIANO)

COLONNA FRANCESCO (TROPICAL CORIANO)
 

DIFFIDE

AMMONIZIONE CON DIFFIDA VII infr

MEINI MARCO (PROSIDER LOW PONTE)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

MISEROCCHI LUCA (ALFONSINE F.C.)

SPAGNOLI LORENZO (CERVIA 1920)

NUCCI ANDREAONOFRIO (DEL CONCA A.S.D.)

BARONCINI GIANLUIGI (DOZZESE A.S.D.)

FACCHINI STEFANO (DOZZESE A.S.D.)

SOZZI MARCO (FORLI SRL DILETTANTISTICA)

AGRUSTI MARCO (FUSIGNANO CALCIO)

PRESSI CLAUDIO (FUSIGNANO CALCIO)

LANZONI LUCA (MASSA LOMBARDA)

CHIAPPARINI ANDREA (SASSO MARCONI)

BARTOLINI LUCA (SAVIGNANESE)

ZANZANI MASSIMILIANO (TROPICAL CORIANO)

CAMINATI PIER PAOLO (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

DOMINI TOMMASO (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)


11/11/2008

Il punto sull'Eccellenza B Il Del Conca (26) prende il largo. Domenica ha superato una buona Dozzese (11) nonostante la pesantissima assenza di Buonocore. Nella prossima gara i morcianesi dovranno difendere la vetta dall’assolto del Cervia che insegue a 18: Buonocore è ancora squalificato ed il campionato potrebbe riaprirsi. La squadra del momento è il Riccione (21) che, in questo momento va fortissimo. Ne sa qualcosa la Savignanese (8) che ha preso tre sberle in casa ed ora trema per via di una classifica assolutamente deficitaria. Nel prossimo turno, Zagnoli e compagni andranno a fare visita al Boca San Lazzaro, che, nonostante i 16 punti in classifica è la squadra che esprime il miglior calcio. Alle spalle del Del Conca, apri punti con il Riccione c’è la Copparese (21). La squadra ferrarese ha pareggiato a Calderara (6), in casa di quella che era definita la Cenerentola del girone, ma che sta provando a dar filo da torcere a tutti. La Copparese ospita il Fusignano (10) del pericolante Orecchia. Il mister neroverde è fortemente contestato perché i risultati sono molto miseri. L’ultima sconfitta casalinga con il Cervia potrebbe decretare la caduta di una testa eccellente. Avremo maggiori lumi sul futuro di Andrea Orecchia in giornata. La rinascita dell’Imolese di Pietro Assennato sta tutta nelle reti di Antonellini e Muzzi. Per il successore di Marco Menghi c’è ancora molto lavoro da fare. Ma in particolare, se l’atteggiamento della squadra deve somigliare a quello del suo allenatore allora la strada è veramente durissima. Comunque l’inizio appare quanto meno promettente. Per finire la Dozzese, che nel suo trittico esterno novembrino si trasferisce in quel di Sasso Marconi (6) per un incontro che ha il sapore di spareggio salvezza. Entrambe sono reduci da una sconfitta di misura e domenica entrambe dovranno cercare la vittoria.
 


10/11/2008

Gir. B - Copparese fermato, del Conca in fuga
Il Valleverde Riccione vince ancora e sale al secondo posto


Il Del Conca non lascia spazio alle inseguitrici e continua imperterrito la sua marcia. Anche domenica ha conseguito una vittoria, 2-1 sulla Dozzese, frutto della buona organizzazione di gioco che gli ha permesso di sostituire delle perdine importanti come Perazzini, Buonocore e Ticchi senza risentirne più di tanto. I padroni di casa giocano bene il primo tempo e passano in vantaggio con Protti al 38, sfiorando poi il raddoppio in altre due occasioni. La ripresa è invece appannaggio degli ospiti che mettono in difficoltà la difesa del Del Conca ridisegnata per l’occasione causa assenze da Mr. Tentoni. Il Del Conca però su contropiede riesce a raddoppiare con Marani al 30’ st, subito imitato da Agboton che accorcia per gli ospiti al 35’st. Finale concitato con la Dozzese all’arrembaggio in cerca del pareggio e Del Conca chiuso in difesa a difendere il risultato.

Fila tutto liscio invece per il Riccione, che vince a Savignano 3-1 su una squadra che sembrava in ripresa. A passare in vantaggio è il Riccione con Luconi al 15’, ma un errore difensivo quattro minuti dopo permette a Zagnoli di pareggiare. La Savignanese sente che ce la può fare e crea occasioni su occasioni sventate dall’ottimo portiere riccionese Bertozzi. Nella ripresa la Savignanese restituisce il favore al Riccione, e su un tiro innocuo di Merendino il portiere Tentoni si impapera facendosi passare la palla tra le mani e sotto le gambe. Una vera doccia fredda per la Savignanese che fin qui stava giocando una buona partita. Perso il filo del ragionamento, il Riccione ne approfitta con Caminati che su punizione porta il risultato sul 3-1, risultato che non cambierà più fino al termine. Con questa vittoria il Riccione sale al secondo posto con 21 punti, affiancando la Copparese che è stata fermata sull’1-1 dal Calderara. E’ proprio la squadra di Mr. Broglia a passare in vantaggio al 1’ minuto di gioco, gelando gambe e menti della più quotata ospite. Per tutto il primo tempo la squadra di casa crea le occasioni per chiudere la partita, ma senza fortuna. Nella ripresa così la Copparese cresce con il calare del ritmo del Calderara, e raggiunge il pareggio su rigore al 36’ con Mazzacani. Sconfitta evitata per la principale inseguitrice del Del Conca, che però viene appunto raggiunta dal Riccione.

Il Forlì ha smaltito la batosta di domenica scorsa e torna a vincere in casa contro il Massa Lombarda. All’8’ minuto Ceschi trova il gol che sarà poi decisivo nell’esito del match. Il Forlì vuole l’intera posta e cerca insistentemente il colpo del KO, ma senza troppa fortuna. Il Massa invece non riesce a creare gioco, affidandosi ai tiri da fuori. Nella ripresa stesso copione, con il portiere ospite Monterastelli sugli scudi in un paio di occasioni a negare il raddoppio al Forlì, mentre il Massa è non pervenuto. Finisce così la gara che rilancia il Forlì portandolo in 3° posizione a 19 punti.

Scendendo la classifica troviamo il Cervia, vittorioso anche domenica 1-0 in casa del Fusignano. I padroni di casa fanno gioco ma non riescono a passare, e anzi subiscono il contropiede micidiale del Cervia al 37’ con Troiano. Nella ripresa stesso copione e ancora il Cervia in contropiede a sfiorare il raddoppio. Nei minuti finali forcing del Fusignano alla disperata ricerca del pareggio, ma la difesa del Cervia è solida e non lascia spazi ai padroni di casa.

Gara ricca di emozioni quella tra Alfonsine e Boca, due formazioni che non lasciano spazio a tatticismi e giocano sempre a viso aperto. A passare per primi sono gli ospiti con Italia, complice il portiere Faedi sorpreso dal tiro da fuori area. Nella ripresa l’Alfonsine prima pareggia con Petrascu al 2’ minuto, poi al 19’ passa in vantaggio con Innocenti su rigore. Il Boca reagisce e pareggia a sua volta con Rispoli al 28’. Quando la gara sembrava ormai finire sul 2-2 sbuca la testa di Ferrari che gela lo stadio di Alfonsine. 3-2 per il Boca e occasione sprecata per i padroni di casa.

Il Cesenatico non spreca l’occasione nell’affrontare il Sasso Marconi in difficoltà da diverse giornate e lo supera con un 1-0 che poteva però essere ben più rotondo. Cesenatico subito in vantaggio, ma l’arbitro annulla per fuori gioco, dopodiché tante azioni per i padroni di casa con il Sasso Marconi a difendere. Al 39’ Salzano devia di testa un cross di Teodorani per l’1-0. Nella ripresa ancora il Cesenatico in avanti, con gli ospiti a cercare le ripartenze, ma è la squadra di casa a sfiorare ancora più volte il raddoppio ma senza fortuna. Alla fine la vittoria arriva, ma il Cesenatico dovrà capitalizzare meglio in futuro le occasioni create, perché non sempre basta un solo gol per portare a casa la vittoria.

L’Imolese vince agilmente sopra un Low Ponte sempre più ultimo, anche se una disattenzione difensiva poteva costargli veramente cara. All’8’ minuto Biavati commette fallo da rigore che Galdiolo trasforma. Il vantaggio ospite mette la carica ai padroni di casa che sfornano azioni a ripetizioni mentre gli ospiti passano in difesa. Al 18’ Antonellini trova il gol del pareggio, e nella ripresa Muzzi con una doppietta completa l’opera. Una prestazione convincente che andrà però misurata nuovamente nelle prossime gare contro squadre più motivate.

L’ultima gara in programma era quasi una sfida salvezza tra Tropical Coriano e Faenza, e a spuntarla sono stati gli ospiti grazie al gol di Ruggiero al 23’ della ripresa. Il Coriano dopo il gol subito prova a reagire, ma la traversa al 70’ nega la gioia del gol a Zaniboni.

Interessantissime la prossima domenica le sfide tra Cervia e Del Conca, e del Riccione contro il Forlì, un turno che potrebbe dire molto sulla voglia di arrivare in alto di queste formazioni.


09/11/2008

Del Conca vs Dozzese 2-1

Il Del Conca allunga sulle inseguitrici e porta a cinque punti il vantaggio su Copparese e Riccione. Non e' stato facile battere la Dozzese, nonostante il doppio vantaggio, nel finale la squadra di casa ha sofferto l'agonisimo degli ospiti. Il Del Conca ha giocato un buon primo tempo chiudendo in vantaggio per uno a zero grazie al gol di Protti (ottava rete stagionale) e sfiorando la rete ancora con Protti e Bacchini. Nella ripresa la Dozzese e' scesa in campo con maggiore concentrazione e ha messo in difficolta' il Del Conca che ha comunque raddoppiato con Marani ma la rete di Agboton al 75 ha dato la forza agli ospiti per cercare il pareggio. Al 6 Bacchini da ottima posizione potrebbe centrare il bersaglio per il vantaggio ma tira a lato con il piede sinistro. Al 18 Paganelli lancia Protti, esce Turchi e  l'attaccante di casa tira alto sulla traversa. Al 38 pero' Protti si riscatta con un bel tiro dal limite dell'area che batte imparabilmente Turchi. Al 50 e 52 ci provano Bonini e Tozzoli ma Foiera fa' buona guardia. Al 56 Paganelli solo davanti a Turchi con un perentorio colpo di testa si mangia il raddoppio, palla alta sulla traversa. Al 75 Marani (azione di contropiede) batte Turchi in uscita con un tocco preciso rasoterra. Al 75 Agboton e' bravo a infilarsi nella difesa locale e battere Foiera in uscita. A tempo scaduto due espulsi nella Dozzese, Bertozzi per doppia ammonizione e Turchi per proteste (rosso diretto).Proteste della Dozzese sull'operato dell'arbitro Migani di Forli. 

Forlì vs Massalomabarda 1-0

Pronto riscatto del forlì che, dopo la sonora batosta rimediata a copparo, vince e convince nella gara interna giocata tra le mura amiche del Morgagni con l'ostico massalombarda. Gli oltre mille spettatori hanno potuto applaudire i Galletti bincorossi apparsi subito determinati a far propria l'intera posta. Dopo appena otto minuti Forlì in vantaggio: Mordini, piena di sostanza la sua prova, cambia fronte di gioco lanciando sulla fascia Sozzi: il centrocampista foirlivese semina un paio di avversari sulla sinistra e mette in mezzo un perfetto rasoterra sul quale Ceschi non ha difficoltà ad avventarsi e spingere in gol. Il resto della prima frazione è un monologo dei padroni di casa che con Mordini, Sozzi e Muratori sfiorano a più riprese il raddoppio. Il Forlì controlla bene anche la ripresa e sfiora più volte il bersaglio grosso: bellissima ma sfortunata una combimazione tra Biserna e Mordini col turo di quest'ultimo a parato da Monterastelli. Per il Massalombarda solo qualche debole tiro da fuori nonostante l'impegno del veloce Guardenghi che tiene in apprensione la retroguardia avversaria senza però impegnare seriamente Chiadini. Nelle fila di casa, oltre a Mordini e Sozzi sicuro Magnani al centro della difesa bene anche Spighi ed un rinfrancato Ceschi.

FORLI': Chidini; Brighi, Gualdi; Spighi, Magni, Magnani; Mordini, Balestra, Ceschi (86° Valgimigli), Sozzi (74° Cuttone), Muratori (60° Biserna) (A disp.: Spada, Sassi, Montanari, Roccetti. Allenatore: Scardovi)

MASSALOMBARDA: Monterastelli; Mascherini (87° Mazzanti), Massarenti; Resta, Berti M., Fusconi; Lanzoni, Cantalupi (74° Ruggiero), Strocchi (82° Bassi), Gardenghi, Baerti Y. (A disp.: Zani, Carrè, Gherardi, Trombetti. Allenatori: Scozzoli)

ARBITRO: Urselli di Taranto (Costa - Grillandi)

MARCATORE: Ceschi all' 8°

Imolese - Low Ponte 3-1 IMOLESE: Dirani, Biavati, Monti, Falco, Ercolani, Rizzotto, Poli (dal 29' st Spada), Donattini (dal 16' st Sanò), Toschi (dal 21' st Onori), Antonellini, Muzzi. All.: Pietro Assennato. A disp.: Zannoni, Poggi, Venturi Casadei, Casadio Loreti. PROSIDER LOW PONTE: Cancelliere, Romboli (dal 30' st Mazza), Spani, Galdiolo, Giovane (dal 21' st Acquaviva), Frisari, Meini, Lemma (dal 25' st Larak), Vici, Orlandini, Marzana. All.: Giuseppe Pregnolato. A disp.: Masetti, Migliaccio, Garavini, Ziraldo. Arbitro: Bianchini di Cesena Assistenti: Macaddino (Rimini) e Capelli (Cesena) Marcatori: 9' pt rig. Galdiolo, 18' pt Antonellini, 17' st e 26' st Muzzi. Ammoniti: Biavati, Rizzotto, Meini. L’esordio di Pietro Assennato sulla panchina dell’Imolese è baciato dalla fortuna. Perché alla luce di quanto visto in campo, il Low Ponte è squadra molto mediocre e, del resto, la classifica lo testimonia. Fortunato perché, dopo pochi minuti l’Imolese si trova in svantaggio grazie ad uno sciagurato intervento difensivo di Rizzotto che trattiene per la maglia Marzanae costringe l’arbitro a fischiare un penalty che Galdiolo, trasforma spiazzando Dirani. Non poteva iniziare peggio la domenica di Pietro Assennato e anche lui lo sa. Ma, probabilmente, non poteva iniziare meglio: perché a questo punto i rossoblu devono darsi una bella svegliata. E così accade. Anche perché, come è ben noto, la fortuna è cieca o aiuta gli audaci. In questo caso propendiamo per la prima, anche se la reazione dell’Imolese c’è, è vivace e porta al pareggio di Antonellini che spara una bordata all’incrocio su punizione dal limite. Abbiamo assistito al miracolo numero uno. Sull’1-1, tutti si aspettano una Imolese formato Assennato: determinazione e cattiveria. Si rivede, invece, la solita Imolese che rallenta il ritmo e smette di giocare. Forse la nuova ricetta non è stata ancora assimilata. Alla ripresa delle ostilità, gli spettatori iniziano a sbadigliare e la noia ci assale. Ma, ecco, che Pietro alza un braccia e si rivolge agli uomini della panchina che da tempo provvedevano ad effettuare esercizi di riscaldamento. Chiama a sé Sanò e lo inserisce al posto di Donattini: cambio praticamente alla pari. Alla pari? Macché. Due minuti dopo, la difesa dell’Imolese respinge per Toschi che serve Muzzi oltre la linea dei difensori ospiti. Il figliuol prodigo corre verso la porta di Cancelliere e lo trafigge con un violento tiro al volo dal limite dell’area: altro miracolo, Muzzi è tornato!!! Passano pochi minuti e si compie il miracolo numero 3: punizione per l’Imolese dalla destra. Si incarica della battuta il figliuol prodigo, che indovina un terra-aria all’incrocio opposto della porta difesa da Cancelliere e decreta agli increduli spettatori che l’era di Pietro Assennato è iniziata. Ma che dire di quanto visto? Che l’Imolese non è ancora guarita e che non è possibile che elementi che la scorsa settimana non la “sfregavano” oggi risultino determinanti. Questo è argomento di riflessione. Sia per chi è andato, sia per chi è arrivato. Ma, soprattuto, per chi è rimasto.

Tropical Coriano - Faenza 0-1 Marcatori: 23' st Ruggiero (FA) TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 2 Buldrini, 6 Zanzani, 4 Babbini, 3 Casadei; 11 Guerra L. (dal 20' st Ghiselli), 5 Colonna, 8 Pacassoni, 10 Chiaravalloti (dal 30' st Sinai), 7 Poziello; 9 Baldinini A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Grechi, 15 Costantini, 16 Saccani, 17 Montanari Allenatore: Achille Fabbri FAENZA (4-3-1-2): 1 Gozzi; 3 Menichetti (dal 43' st Bertoni), 6 Palmieri, 5 Paialonga, 11 Oliva; 2 Melandri, 4 Rossi, 8 Pezzi; 10 Salomone; 7 Dell'Anno (dal 30' st Manaresi), 9 Ruggiero A disposizione: 12 Bentivoglio, 14 Taddei, 16 Casanova, 17 Errani, 18 Vallefuoco Allenatore: Maurizio Giordanii Arbitro: Dall' Oco di Finale Emilia Assistenti: Sodano di Bologna e Zaccarini di Lugo Ammoniti: Buldrini, Zanzani e Colonna (TC); Ruggiero (FA) Espulsi: / Il Tropical sull'orlo del precipizio, ora comincia ad aver paura di cadere. La seconda sconfitta consecutiva in casa è allarmante e davvero pesante. Il Faenza, arrivato a Coriano per fare la partita, non ha rubato nulla, ed è riuscito cosi a prendere due piccioni con una fava: battere il Tropical e, addirittura, superarlo in classifica. Già, la classifica, ora veramente brutta da vedere e davvero preoccupante. Ai biancorossoblù però non si può rimproverare nulla, hanno dato tutto quello che avevano dentro, chiudendo la partita stremati; ma le occasioni create sono state davvero poca cosa e allo stato attuale, senza il duo Berardi-Tentoni (ovvero mente e muscoli della mediana), la squadra non è affatto competitiva. Ora la strada è più in salita che mai. Achille Fabbri, arroccato strenuamente intorno a un modulo 4-5-1, avanza Colonna a centrocampo per dare maggiore qualità al centrocampo. Al posto del capitano, dentro Casadei. La gara si gioca prevalentemente a centrocampo: i faentini dimostrano che a palla bassa possono fare male al Tropical, ma non si registrano azioni degne di nota. I biancorossoblù invece faticano a far girare palla e si affidano solo a lanci lunghi per Poziello e Baldinini. Proprio quest'ultimo al 9' prova a dare uno scossone alla gara con un tiro dai 20 metri, ma Gozzi non ha difficoltà a bloccare. Al 20' Chiaravalloti se ne va via palla al piede e serve, largo, Poziello, l'ex Sant' Ermete si accentra e fa un partire un tiro secco di destro, ma ancora una volta la conclusione è debole. Due minuti dopo è il turno di capitan Colonna, Gozzi c'è. Poi più nulla fino al 45', quando il Faenza va vicinissimo al gol: punizione da sinistra di Salomone, la palla dopo un batti e ribatti giunge in mezzo all'area a Dell'Anno che stoppa e prova il destro, il suo tiro è rimpallato da Zanzani, sulla sfera si avventa Ruggiero che senza pensarci due volte prova il tiro, Guerra S. si oppone alla grande in corner. Dopo questo brivido, termina il primo tempo. Dopo il thè caldo il leit motiv della gara cambia: gli ospiti scendono in campo più determinati e costringono il Tropical a difendersi con affanno. Al 4', Dell'Anno calcia una punizione dal limite, il tiro viene deviato dalla barriera, palla che giunge nuovamente al numero 7 faentino che tira di prima intenzione, Guerra S. si distende sulla propria sinistra e blocca. Ma gli uomini di Giordani sono più determinati, più lucidi e all' 11 vanno ancora vicini al vantaggio: Melandri serve l'inserimento del solito Dell'Anno che punta la porta e, una volta entrato in area, prova di sinistro, la sfera viene deviata dal piede di Zanzani ed esce, toccando la parte altra della traversa. Tre minuti dopo sul fronte opposto ci prova Poziello, Gozzi para a terra. Ma è solo un'illusione perchè al 23' st il Faenza è avanti: Salomone scappa via sulla destra, tocco centrale verso l'area, li, ben appostato c'è Ruggiero, che tutto solo mette in rete facilmente. I biancorossoblù però reagiscono subito allo svantaggio: 26', punizione tagliata di Babbini, Zanzani anticipa di testa Gozzi, palla sulla traversa e sulla linea di porta. La sfera rimane dentro l'area, ma nessuno riesce a ribadire in rete. Dopo l'azione appena descritta però, il vuoto; per annotare un'altra occasione da rete per il Tropical infatti, bisogna arrivare addirittura al 41' quando Baldinini raccoglie al limite dell'area un pallone di Babbini, lo controlla di petto, si gira e prova il tiro, palla alta. Poi, proprio nell'ultimo dei 3 minuti di recupero, palla ancora a Poziello che si accentra nuovamente, tira, ma la palla si spegne sul fondo. Cosi come si spengono, purtroppo, le speranze del Tropical di raddrizzare la gara. Il Faenza centra l'obiettivo sorpasso e torna a casa con pesantissimi 3 punti. Male, molto male. Sembra andare davvero tutto storto.. La squadra lotta e corre, per carità, ma non basta. Ha dei grossi limiti e come detto, i ricambi non sembrano essere all'altezza degli 11 titolari. Dietro le squadre si stanno avvicinando e domenica si salirà a Ponte Nuovo per affrontare il Low Ponte, ultimo in classifica. Mancheranno Buldrini e Colonna squalificati, ma rientreranno Angelini e Tentoni, non ancora Berardi. Difficile trovare una cosa a cui aggrapparsi, perchè il futuro sembra veramente nero: dopo la gara di domenica contro i ravennati infatti, il Tropical affronterà nell'ordine "squadrette" del calibro di Forli', Copparese, Imolese e Valleverde Riccione.

La Dozzese esce a testa alta da Morciano Se si guarda solo il risultato finale, non sorprende la vittoria della capolista Del Conca contro la Dozzese.Ma se si è assistito alla partita, allora l’opinione cambia.I gialloblù di Buccioli hanno giocato una grande partita oggi al campo “Brigo” di Morciano, tenendo testa ai padroni di casa. Sotto 1-0 al 35’ del primo tempo in virtù del gol segnato da Protti,la Dozzese ha continuato a giocare e ad avere nei piedi le occasioni più ghiotte. Nella ripresa al 12’ ci prova Carboni, al 15’ il tiro di Giorgi è di poco fuori e al 24’ è Baroncini ad avere la possibilità del colpo ravvicinato, ma il suo tiro è sporco. Qualche minuto dopo c’è fallo su Bertozzi: il giocatore gialloblù rimane a terra infortunato, ma l’arbitro fa proseguire l’azione e Marani, lanciato in contropiede, segna il gol del raddoppio. Non si curano delle proteste generali il signore in nero e il suo assistente, che prima della fine saranno ancora protagonisti. La gara comunque non è finita e la Dozzese accorcia le distanze con un bel tiro di Agboton al 32’. All’ultimo minuto del tempo regolamentare l’arbitro sorvola su un colpo su Zaccherini, atterrato sulla fascia e anzi ammonisce Bertozzi per un successivo fallo. Il giocatore gialloblù protesta e il fischietto in nero estrae il secondo giallo e lo manda sotto la doccia. Anche con un uomo in meno negli ultimi minuti è solo la Dozzese a creare occasioni e tiri.Nel recupero, non pago, l’arbitro estrae il rosso diretto nei confronti del portiere Turchi, reo probabilmente di essersi lamentato per una fischiata nei suoi confronti per una presunta irregolarità nel rinvio. La Dozzese ha esaurito i cambi e per gli ultimi istanti di gara va in porta Morsiani. Peccato perché il pareggio, per quello che si è visto in campo, sarebbe stato il risultato più giusto. Vince la capolista, esce a testa alta la Dozzese, ma qualcuno che deve rivedere la sua prova c’è, e non sono certo nè giocatori, né tecnico…….Buona la prova di tutti i ragazzi gialloblù, ma una nota di merito in più per Cascone, un '91 che si è difeso bene, prima della sostituzione nell'intervallo.Domenica prossima seconda trasferta consecutiva per la Dozzese a Sasso Marconi:rientrerà dopo la squalifica Alpi, non ci saranno, ovviamente, Bertozzi e Turchi. Del Conca-Dozzese 2-1 Del Conca:Foiera, Santoni, Turchi, Cangini (34’st Brilli), Martini, Nucci, Bacchini, Lisi, Protti, Paganelli (43’st Rossi), Marani.A disp.:Micheletti, Ciavatta, Longhi, Pagnini, Ticchi.All.Tentoni Dozzese:Turchi, Cascone (1^st Zaccherini), Baroncini, Brunetti (28’st Agboton), Caroli, Facchini, Carboni, Bonini (30’st Morsiani), Giorgi, Bertozzi, Tozzoli.A disp.:Moruzzi, Pierri, Morcone, Neri.All.Buccioli Arbitro:Migani di Forlì.Assistenti:Orsini di Faenza e Gianessi di Cesena Reti:Protti (35’èt), Marani (27’st), Agboton (32’st) Ammoniti:Bacchini, Lisi, Baroncini, Facchini Espulsi:Bertozzi(45'st) e Turchi(48'st)


07/11/2008

Tropical Coriano: con il Faenza allarme a centrcampo Sudato, sofferto, meritato. Il punto conquistato a Massa è arrivato dopo una partita difficile, risolta grazie ad una magia del solito Poziello. Un solo punto conquistato in 3 gare. Poco, è vero, ma quello che si è preso il Tropical al "Dini e Salvalai" vale molto perchè regala ossigeno per la classifica e perchè è un'ottimo toccasana per il morale. Tutto questo aiuterà a concentrarsi meglio in vista dell'importante match di domenica prossima, quando al "Grandi" arriverà il Faenza dietro solamente di 2 punti. In casa però non si potrà fallire, altrimenti la salvezza sarà soltanto un miraggio. Sarà dura, durissima, perchè i faentini sono una squadra molto tecnica e quadrata, che non vale certamente la posizione in classifica che occupa attualmente e perchè mancheranno i due giocatori chiave del centrocampo, ovvero Berardi (ancora alle prese con l'infortunio alla caviglia), e Tentoni (espulso a Massa); a questo punto, Pacassoni, Montanari e Casadei si giocheranno 2 maglie da titolare. Ma è in questi momenti che serve tirare fuori il cuore ed il carattere, qualità che non mancano di certo biancorossoblù. Questa è quella dopo contro il Low Ponte saranno impegni veramente imporanti per il Tropical, per capire se questa squadra ha gli attributi necessari per raggiungere l'obiettivo tanto agognato.Servirà compattarsi, magari cercando di offendere non solo cercando le individualità personali, ma utilizzando maggiormente le manovre corali.

Il prossimo futuro di Pietro Assennato Dopo la seperazione da Marco Menghi, l'Imolese riparte da Pietro Assennato. Menghi in una intervista sul Resto del Carlino parla delle cause e delle motivazioni che hanno posto termine prematuramente al suo rapporto con la panchina dell'Imolese. Fra le cause principali, l'ovvia mancanza di risultati, ma anche lo scarso feeling con alcuni giocatori e una profonda amicizia con altri. Sono probabilmente state queste le cause alla base del divorzio con i rossoblu. Amicizia duratura con alcuni, vedi Toschi, Poggi, Donattini, assoluta mancanza di dialogo e di fiducia con altri, vedi Facciotto e Muzzi. Bisognerà vedere come il nuovo allenatore affronterà la situazione spogliatoio. Può percorrere due strade: affidarsi con un rinnovato rapporto ai 'soliti' senatori ,aspettando il mercato per puntellare il gruppo, oppure provvedere ad una rivoluzione sia in termini di relazioni interpersonali sia in prospettiva mercato. Saranno decisive le prossime tre gare casalinghe. Paradossalmente per tutti sarà un esame, tranne che per Assennato che avrà tutti gli alibi in caso di fallimento ed i meriti in caso di successo.


05/11/2008

Pietro Assennato è il nuovo allenatore dell'Imolese Dopo una giornata di passione è stato finalmente dichiarato il nome del nuovo allenato rossoblu: si tratta di Pietro Assennato la scorsa stagione al Faenza. Uomo di carattere e molto determinato Assennato sostituisce Marco Menghi dopo due giornate convulse e dopo che erano stati fatti numerosi altri nomi. A partire dal Ferri fino ad arrivare a Bobo Dal Monte. Alla fine ha prevalso la linea Lelli che voleva alla guida della propria squadra un uomo dalle caratteristiche di Pietro Assennato. Al nuovo mister gli in bocca al lupo della redazione di Sportdata.it e un caloroso saluto e abbraccio a Marco Menghi che lascia dopo due anni e mezzo.

 


03/11/2008

Sonora batosta per il Forlì: La Copparese vince 4-0
Prima vittoria della stagione per il Faenza

Il Forlì sale a Copparo con la voglia di vincere e scavalcare la squadra di casa in classifica, ma ne esce con le ossa rotte. Mr. Scardovi schiera in campo una formazione con un modulo molto difensivo, per cercare nelle ripartenze di infilare l’esperta squadra di Ferrara, ma qualcosa non funziona. La Copparese parte subito forte com’è sua consuetudine e al 7’ passa in vantaggio con Arveda. Il Forlì prova a farsi offensiva, ma l’impostazione in campo non glielo consente e si accontenta solo di tiri da fuori. La Copparese invece è molto pericolosa in avanti, ed al 27’ raddoppia con Grassi. Nella ripresa il Forlì cambia assetto con un paio di sostituzioni e al quarto d’ora ha la sua occasione per riaprire la gara, ma il tiro di Stradaroli viene ribattuto sulla linea. Alla mezz’ora Grassi porta a 3 le reti per la Copparese, affossando definitivamente il Forlì che subisce anche il quarto gol sul finale di tempo. Mr. Scardovi deve accollarsi molte responsabilità perlomeno per il primo tempo, in cui ha solo subito senza riuscire a rendersi mai pericoloso. Nella ripresa sono state fatte delle correzioni, ma sul 2-0 la Copparese è riuscita a controllare la partita e a fare altri due gol. Squadra da rivedere per la prossima delicata sfida col Massa Lombarda.

Il Del Conca passa anche contro il Boca in una gara giocata a lunghi tratti alla pari con i più giovani avversari. Ticchi al 10’ e Protti al 13’ realizzano i due gol partita, che permetono al Del Conca di rimanere solitario in vetta, ma il Boca non ha giocato male e solo il palo non gli ha permesso di riaprire i giochi già al 34’ del primo tempo. Nella ripresa il Boca si rende molto pericoloso e Foiera è chiamato a splendidi interventi per difendere la propria porta, compreso respingere un rigore a Calabrese nei minuti di recupero.

Il Riccione diventa la terza forza del campionato battendo l’Imolese 3-2 e salendo a 18 punti in classifica generale. Tutto fila per il verso giusto in casa Riccionese e al 15’ i locali sono già avanti di due gol. Falco al 23’ riesce ad accorciare per l’Imolese, ma al 9’ della ripresa Tolomeo porta a 3 i gol per il Riccione. Ancora una volta però la squadra di casa non riesce a mantenere i piedi per terra e concede una punizione che Antonellini sfrutta appieno siglando il 3-2. l’ultima mezz’ora è una continua sofferenza, con azioni confuse e mischie in area, che però non portano a niente.

Torna alla vittoria il Cervia con un 2-0 su un Cesenatico fresco di nuovo allenatore e impegnato con un restyling  della squadra. Eppure la vittoria non è stata così netta come il punteggio può far credere. Al 12’ infatti è uno sfortunato autogol di Farabegoli a sbloccare il risultato a favore del Cervia. Il Cesenatico reagisce ma nessuno là davanti riesce a impensierire Bertaccini. Nella ripresa è il Cervia a passare ancora con Spagnoli. Il Cesenatico ha l’occasione per accorciare ma Gualtieri si fa parare un rigore da Bertaccini a soli 2 minuti dal termine, e così svaniscono le ultime speranze di rimonta.

Il Massa Lombarda rischia grossi nella sfida contro il Tropical Coriano, e riesce alla fine ad agguantare un pareggio. Primo tempo equilibrato, con il Massa a fare la partita e il Tropical a respingere ogni attacco. Nella ripresa sono gli ospiti a cominciare con più intraprendenza, e al secondo tentativo passano in vantaggio con Poziello. Il Massa reagisce, il Coriano si chiude in difesa, ma regge solo fino al 42’ quando Tosi trova il gol del pareggio. Nel recupero il portiere ospite Guerra salva il risultato su Massarenti, ma anche Monterastelli compie un miracolo su Ghiselli, quindi tutto sommato un giusto pareggio.

L’Alfonsine non riesce a passare sul campo del Sasso Marconi e deve accontentarsi di un punticino. Fnisce 1-1 la gara che al Sasso Marconi porta un po’ di fiducia e che invece in casa Alfonsine fa rammaricare. Sono i ravennati a essere padroni del campo, ma non riescono a sfondare grazie solo alle parate del portiere di casa Giaroli. E così è Bencivenni a portare in vantaggio il Sasso al 37’. Nella ripresa rimedia Innocenti per l’Alfonsine su calcio di punizione, e per fortuna, perché nessuna palla su azione riuscirà a superare la difesa di casa.

Una Dozzese aggressiva non riesce ad andare oltre al pareggio 2-2 contro la Savignanese. Parte forte la squadra emiliana e al 7’ con Tozzoli poi al 10’ con Giorgi si porta subito sul 2-0. La Savignanese però non si butta giù e reagisce con grinta, riuscendo ad accorciare al 22’ con Tozzi. Nella ripresa è ancora la Dozzese a cercare il colpo del KO, ma Tentoni fa buona guardia. A pochi minuti dal termine Merloni trova il gol del pareggio per la Savignanese, per un punto più trovato che meritato.

Il Faenza conquista la sua prima vittoria contro un Fusignano a due marce. La squadra ravennate appare troppo lenta e macchinosa nel primo tempo, permettendo al Faenza di controllare il gioco e di passare in vantaggio con Dell’Anno al 38’. Nella ripresa il Fusignano entra in campo con un altro spirito, e cerca più volte il gol del pareggio ma senza fortuna. E’ il Faneza al 38’ infatti a piazzare il colpo del Ko con Pezzi.

L’ultima gara in programma tra le due squadre di coda Low Ponte e Calderara non è stata giocata per il lutto chiesto dalla società di casa. Verrà recuperata il 12 novembre.

Riccione - Imolese 3-2 RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Freschi (74' Lapi), Lepri, Cavoli (66' Guerra), Domini, Tolomeo, Mazzoli, Dall'Aglio (46' Luconi). All. Onorato. IMOLESE: Dirani, Rizzotto, Venturi Casadei, Poggi, Ercolani, Donatini (72' Onori), Poli (59' Spada), Falco,Toschi, Antonellini, Monti (80' Muzzi). All. Menghi. Arbitro: Sig. Prontera di Bologna. Reti: 10' Dall'Aglio, 14' e 54' Tolomeo, 23' Falco, 60' Antonellini. Ammoniti: Bertozzi, Taraj, Lepri, Guerra, Venturi Casadei, Poggi. Note: Angoli 3 a 2 per l'Imolese. Continua la corsa del Riccione che inanella la quarta vittoria consecutiva. Gara bella ed emozionante condita da ben cinque reti. Parte decisa l'Imolese ma è il Riccione a passare per primo in vantaggio. Al 10', dopo una corta respinta in area su tiro ravvicinato di Cavoli, è Dall'Aglio a trovare lo spiraglio giusto per mettere in rete. Il raddoppio arriva di lì a poco, al 14'. Tolomeo ricorda a memoria la rete di domenica scorsa e con una rete fotocopia, dopo essersi accentrato, lascia partire dal limite una parabola che si insacca nell'angolo alto alle spalle di Dirani. L'Imolese non ci sta' e al 23' Falco dimezza le distanze con un forte tiro da appena dentro l'area. Al rientro in campo il Riccione ha l'occasione per andare di nuovo a rete ma Tolomeo non trova tempo e coordinazione per infilare in rete un cross dalla destra di Luconi. La rete arriva comunque al 54', quuando il Riccione fa tris grazie al bis di Tolomeo il quale, da vero opportunista, raccoglie palla sfruttando una papera dell'ex Dirani per poi mettere nella porta sguarnita. Imolese non ancora doma e al 60' è perfetto Antonellini, nel piazzare la palla nell'angolo alto alla destra di Bertozzi con un ben calibrato calcio di punizione dal limite.

Cervia - Cesenatico 2-0 CERVIA: Bertaccini, Lessi, Olivieri, Troiano, Fratta, Missiroli, Zaghini (55' Casetti), Spagnoli, Sabbadini (88' Storti), Balducci, Rafael. All. Baldazzi. CESENATICO: Farsoni, Facondini (58' Giancontieri), Bendoni, Fattori, Righi (73' Bonacci), Farabegoli, Teodorani, Lombardini, Micheli, Zavattini, Gualtieri. All. Cotroneo. Arbitro: Guidi di Imola Reti: 12' Rafael, 75' Spagnoli Il derby della riviera va al Cervia, capace di segnare un gol per tempo. All'11' il Cesenatico aveva sfiorato la rete con Farabegoli di testa. Un minuti dopo arriva il vantaggio cervese, su un traversone di Rafael deviato in porta da Farabegoli. Il tempo si chiude con occasioni ancora per Zaghini e Spagnoli, mentre al 47' Lombardini tira da buona posizione, Bertaccini para sulla linea di porta. In apertura di ripresa, all'8', Bertaccini non trattiene un tiro di Bendoni, ma Micheli non ne approffitta. Al 26' Bertaccini respinge di pugno, raccoglie Lombardini al volo, ma il tiro è alto. Al 30' il raddoppio del Cervia: Spagnoli riceve in area, dribbla un difensore e di sinistro deposita in rete. Al 41' gol degli sopiti con Micheli, annulla per fuorigioco e al 45' fallo su Farabegoli, rigore per il Cesenatico, ma Bertaccini para il tiro di Gualtieri.

 Copparese - Forlì 4-0 COPPARESE: Finessi, Banzi, Magri, Mazzacani, Ballacci (44' Conficconi), Stradaroli, Arveda (46' Dianti), Tripepi, Belluzzi, Giuriola, Grassi (77' De Angelis). All.: Mastrocinque. FORLI': Chiadini, Brighi, Baldinotti (46' Corzani), Mordini (53' Cuttone), Magni, Magnani, Spighi, Balestra, Biserna (46' Ceschi), Sozzi, Muratori. All.: Scardovi. Arbitro: Milan di Padova. Reti: 8' Arveda, 22' e 74' Grassi, 88' Giuriola. Spaventosa prova di forza della Copparese contro il quotato Forlì. La squadra di Mastrocinque ha letteralmente 'asfaltato' i romagnoli con due reti per tempo. Prestazione fisica e gioco orchestrato da un sublime Giuriola sono state le armi vincenti della squadra di casa. Cronaca fittissima di occasioni da rete per i rossoblù, mentre gli avversari hanno avuto soltanto un'occasione per segnare con Corzani, ma il suo tiro è stato respinto sulla linea di porta. All'8' la Copparese è già in vantaggio con il 'baby' Arveda freddissimo davanti a Chiadini dopo una bella azione Giuriola-Belluzzi. Il raddoppio è arrivato al 22' ed è capitan Grassi a metterci la zampata decisiva davanti a Chiadini dopo un tiro cross effettuato daTripepi dalla sinistra. Al 34' la Copparese potrebbe chiudere il conto, ancora con Arveda, ma il suo colpo di testa a due passi dalla porta finisce fra le braccia di Chiadini. Memore delle ultime gare casalinghe la Copparese cerca di chiudere il conto ad inizio ripresa, ma Chiadini fa il superman sul colpo di testa a botta sicura di Giuriola servito da Grassi. Poi a turno Belluzzi e Mazzacani non trovano la porta. Ci pensa allora ancora Grassi a segnare la rete de 3-0 davanti a Chiadini su assist dello scatenato Giuriola che aveva vinto un duello con Brighi. Dopo l'occasione descritta di Corzani, Finessi è sicuro nel deviare in angolo una punizione di Balestra. Ma non è finita perché c'è spazio anche per il poker realizzato dal migliore in campo, Giuriola, che di testa insacca all'88' un perfetto cross di Belluzzi.

Massalombarda - Tropical Coriano 1-1 MASSALOMBARDA: Monterastelli, Mascherini (82' Bassi N.), Berti Y., Crivellaro, Berti, Tosi, Lanzoni, Errani (45' Massarenti), Resta (78' Fusconi), Gardenghi, Cantalupi. All. Scozzoli TROPICAL CORIANO: Guerra S., Buldrini, Colonna, Babbini, Tentoni, Zanzani, Poziello, Pacassoni (91' Grechi), Baldinini (79' Montanari), Chiaravallotti (84' Ghiselli), Guerra L. All. Fabbri Arbitro: Palomba di Imola Reti: 56' Poziello, 87' Tosi Note: espulso Tentoni al 93' Il Massalombarda rimanda ancora l'appuntamento con la prima vittoria casalinga pareggiando contro un Coriano decisamente vivace. La prima occasione è per i locali, con una rovesciata, centrale, di Lanzoni al 6'. Passano 20 minuti e Gardenghi ha un'occasione in contropiede ma il pallonetto finisce alto. Al 43' Poziello impegna Monterastelli da fuori area. Al 56' il gol degli ospiti: lancio dalle retrovie per Poziello che salta il difensore, poi da posizione angolata insacca di destro. I locali faticano, ma al 71' prodezza di Guerra su colpo di testa di Tosi. All'87' il pareggio massese: Gardenghi calcia una punizione che sembra lunga, ma dalle retrovie sbuca Tosi che da posizione defilata riesce ad impattare bene la palla e a depositarla in rete.

Sasso Marconi - Alfonsine 1-1 SASSO MARCONI: Giaroli, Corvino, Chiapparini; Prati, Bonetti (80' De Maria), Bencivenni; Livi (70' Ferriero), Brancaccio, Tacconi, Mancuso, Pezzoli (90' Nugara). All. Farneti. ALFONSINE: Faedi, Troncossi, Bianchedi; Di Tuccio (60' Valandro), Donati, Lagorio; Petrascu, Miserocchi, Callegari (88' Cosenza), Innocenti, Monti. All. Evangelisti. Arbitro: Spassi di Rimini Reti: 41' Bencivenni, 70' Innocenti Giusta divisione della posta fra Sasso Marconi e Alfonsine, in una gara ben giocata dalle due squadre. Il primo affondo è degli ospiti con Petrascu al 9', ma il tiro ravvicinato non ha sorpreso il portiere Giaroli. Al 35' di nuovo i romagnoli pericolosi, stavolta con Callegari che non centra la porta da buona posizione. Al 41' il vantaggio dei locali con Bencivenni, lesto a impossessarsi di una palla respinta da Faedi su punizione di Tacconi. Il pareggio ospite arriva al 25' della ripresa con una magistrale punizione dal limite di Innocenti. Sei minuti dopo Prati ha avuto fra i piedi la palla del 2-1 per i locali, ma c'è stato il recupero provvidenziale di Donati. All'80 altra punizione di Innocenti, ma in Giaroli non si è fatto sorprendere, così come ha fatto dalla parte opposta Faedi su una conclusione di De Maria.

 Boca San Lazzaro – Del Conca 0-2 La gioventù contro l’esperienza. Questa è la sintesi della gara fra Boca e Dal Conca. Il Boca schiera una squadra giovanissima, il più “anziano” è addirittura Tramamondo classe 1985. Dall’altra parte Buonocore è 1971, Protti un ’73 e Lisi un 74. I due centrali Ticchi e Perazzini sono rispettivamente un 1982 e un 1978. Sul campo gli anni hanno avuto il loro peso, se è vero che il del Conca ha giocato solo di rimessa, affidandosi ai colpi di un fuoriclasse come Buonocore, mentre il Boca, ocn la sua fitta rete di passaggi e movimenti ha dimostrato di saper giocare al calcio ma ha finito per sbattere contro il muro eretto dai romagnoli. In sintesi questo il responso del calcio che ha premiato il Del Conca aldilà dei meriti sportivi. La differenza di esperienza si è notata subito. Al 5° palla profonda di Buonocore alle spelle dei due centrali che si fanno sorprendere. Cazzola sventa in angolo con un prodigioso recupero su Protti. Sul corner, spizzata di Marani sul primo palo. Sul palo opposto Ticchi si fa trovare pronto: 0-1. Al 10° altro svarione dei due centrali difensivi e Protti, che non è un velocista, si invola verso la porta di Giovannini. Dribla l’estremo ospite e deposita in rete. Sotto di due rete, il Boca prova a replicare ma gli attacchi si infrangono sulla poderosa difesa ospite. Bene sull’out sinistro Picchi e Drago, che spingono con contiuità L’unica palla gol è di Tiago tonelli che spara su Foiera da pochi metri. Nella ripresa, la musica non cambia, con il Boca a giocare e il Del Conca attestato a difesa dell’area. Alla mezzora, Buonocore protesta immotivatamente e platealmente: l’arbitro lo espelle. Vanno anzitempo fuori dal campo una buona parte dei componenti della panchina locale, compreso l’allenatore Fabio Poli. In superiorità numerica, il filo conduttore della gara non cambia, ma gli attacchi producono quelche buona occasione, non concretizzata. Al 49° rigore per il Boca che Calabrese si fa ribattere: la porta è proprio stregata.

Boca - Del Conca 0-2 BOCA SAN LAZZARO: Giovannini, Ancona (73' Italia), Picchi; Calabrese, Leone, Cazzola; Tremamondo (60' Paselli), Cacciari (76' Ceresi), Tonelli, Drago, Ferrari. All. Poli. DEL CONCA MORCIANO: Foiera, Santoni, Martini; Cangini, Ticchi (36' Nucci), Perazzini; Bacchini, Lisi, Protti (75' Paganelli), Buonocore, Marani (75' Turchi). All. Tentoni. Arbitro: Dessena di Ozieri. Reti: 10' Ticchi, 13' Protti Note: espulsi Perazzini, al 92' per proteste, e l'allenatore del Boca Fabio Poli al 76' per la stessa ragione. Prima sconfitta casalinga per il Boca San Lazzaro. Ma è una sconfitta che stride, poiché la seconda rete messa a segno da Protti è sembrata viziata da un fuorigioco non rilevato dal guardalinee, né dal direttore di gara. Inutili sono state le vibranti proteste della squadra di casa per far recedere l'arbitro dalla decisione di convalidare la segnatura. Il Del Conca Morciano è partito piuttosto forte e al 10' si è portato in vantaggio con Ticchi in seguito a un calcio d'angolo. Tre minuti dopo i romagnoli, primi in classifica con 23 punti e ancora imbattuti, hanno poi raddoppiato con la rete di Protti, avvenuta nel modo sopra descritto. Realizzato il doppio vantaggio, gli ospiti hanno poi badato soprattutto a difenderlo, limitandosi ad agire in contropiede e in alcune sortite hanno messo in difficoltà la retroguardia di casa che, però, è sempre riuscita a salvarsi, anche se con un po'di affanno. Al 30' e al 35' il Boca ha avuto due ottime opportunità per segnare, ma nella prima circostanza Tiago Tonelli si è fatto parare da Foiera un pallone destinato al fondo del sacco, mentre nella seconda è stato il palo a negare a Calabrese la gioia del gol. Nella ripresa, i padroni di casa si sono gettati in avanti nel disperato tentativo di raddrizzare la baracca, ottenendo, però, soltanto calci d'angolo. Per la verità, l'opportunità per dimezzare lo svantaggio l'hanno avuto all'86', quando l'arbitro ha punito col rigore un fallo di mano commesso in piena area da Perazzini, ma Calabrese si è fatto fatto parare da Foiera il penalty che avrebbe potuto riaprire la partita.
 

FAENZA - FUSIGNANO 2-0 FAENZA: Gozzi, Melandri (88’Casanova), Manaresi (77’ Bertoni), Rossi, Palmieri, Paglialonga, Dell’Anno, Pezzi, Errani (72’ Vallefuoco), Salomone, Taddei. All. Tabanelli (Giordani squalificato). FUSIGNANO: Bartolini, Rossi, Conficconi, Agrusti, Onestini, Pressi, Abdoulani, Samsak, Ricci, Pellicanò (57’ Gatta), Bassani (79’ Fabbri). All. Tarroni (Orecchia squalificato). Arbitro: Tonti di Rimini. Reti: 38’ Dell’Anno, 83’ Pezzi. Note. Ammoniti: Ricci al 94’. Spettatori 300 circa. FAENZA – Prima vittoria stagionale per il Faenza, che batte con merito un Fusignano piuttosto rinunciatario. Privo dello squalificato Oliva e degli infortunati Menichetti e Dalmonte, la squadra biancazzurra si presenta in campo con un accattivante 4-1-4-1, con Rossi filtro fra difesa e centrocampo, ed Errani unica punta. Ciò produce fin da subito un dominio territoriale dei biancazzurri, che hanno la meglio a centrocampo, ma non riescono a concretizzare la loro superiorità di gioco. Il Fusignano esce per la prima volta allo scoperto al 21’, quando un tiro da fuori area scoccato da Samsak risulta alto di poco sopra la traversa. Al 26’ azione prolungata del Faenza, innescata da Taddei: prima un tiro di Salomone viene ribattuto dalla difesa avversaria, poi ancora Salomone colpisce di testa in area, ma non riesce a dare la potenza necessaria e Bartolini blocca con facilità. Torna a farsi vedere il Fusignano al 29’: triangolazione Abdulani – Bassani ed il primo si presenta in area palla al piede, ma Gozzi è bravo a chiudergli lo specchio della porta e l’azione sfuma. Torna avanti il Faenza nel finale del primo tempo: al 34’ una punizione di Dell’Anno termina di poco a lato; due minuti dopo Melandri spara alto a pochi metri dalla porta avversaria. Ma il vantaggio biancazzurro è solo questione di minuti. Al 38’ Salomone crossa una bella palla in area: nessuno interviene con convinzione, nemmeno il portiere Bartolini, finché Dell’Anno irrompe sulla sfera vagante ed insacca ad un paio di metri dalla porta. Si va negli spogliatoi sull’1-0. La ripresa inizia con un’insidiosa punizione calciata al 50’ da Ricci: Gozzi deve tuffarsi per sventare il pericolo. Al 54’ bella azione sulla fascia di Salomone, che scarta due avversari e dà un palla deliziosa al centro, all’accorrente Rossi, che calcia di prima intenzione ma non centra lo specchio della porta, mandando la palla di mezzo metro fuori sulla destra. All’83’ il Faenza chiude la partita. Pezzi conquista la palla al limite dell’area, scatta veloce verso la porta avversaria, scarta Bartolini ad insacca il gol del 2-0. Il Fusignano prova a reagire ed all’85’ Gozzi si salva in difficoltà su un tiro ravvicinato di Ricci. Gli ospiti si sbilanciano ed all’87’, su un contropiede condotto da Salomone, il Faenza sfiora il terzo gol: Dell’Anno alza un tiro in diagonale di poco sopra la traversa. Poi, al triplice fischio arbitrale, che arriva al 95’, la gioia dei biancazzurri, che guadagnano per la prima volta tre punti. Dal canto suo, il Fusignano visto al “Bruno Neri” è apparso abbastanza rinunciatario e poco concreto.

Una bella Dozzese pareggia con la Savignanese DOZZESE-SAVIGNANESE 2-2 Dozzese:Turchi, Cascone, Alpi, Brunetti, Caroli, Facchini, Cappiello (dal 17st Carboni), Bonini, Giorgi (dal 45’st Baroncini), Bertozzi, Tozzoli (dal 25’st Agboton).A disp.:Pandolfi, Morsiani, Morcone, Barbieri.All.Buccioli Savignanese:Tentoni, Bertozzi (dal 10’st Pasolini), Fantini, Bartolini, Scirica, Basini, Casadei, Lucchi (dal 10’st Mariani), Merloni , Zagnoli, Tozzi.A disp.:Bartolini, Dotti, Ricci, Farneti, Magnani.All.Farneti Arbitro:Di Gioia di Ferrara, Assistenti:Giannessi di Cesena e Bolognese di Ferrara. Reti:Tozzoli (7’pt), Giorgi (10’pt), Tozzi (22’pt), 38’st Merloni Ammoniti:Alpi, Fantini A 7 minuti dal termine della gara in tribuna un pensierino ai tre punti qualche tifoso di sponda gialloblù l’aveva sicuramente fatto. Poi al 38’ è arrivata la rete di Merloni per la Savignanese che ha siglato il 2-2 che sarebbe poi stato il risultato definitivo. Una grande prova comunque della Dozzese che è partita subito fortissimo ,oggi al campo di Monte del re, con un paio di occasioni in avvio di gara e con due gol segnati dopo appena 10 minuti. Al 7’ è Tozzoli a mettere alle spalle di Tentoni, dopo che il tiro del compagno Bertozzi era stato respinto dal numero uno ospite. Tre minuti dopo è Giorgi a firmare il raddoppio al termine di un’azione personale da incorniciare. La Savignanese non si fa abbattere dal doppio svantaggio ed ha un paio di occasioni, delle quali la più ghiotta al 12’ con Fantini, tiro respinto praticamente sulla linea di porta. Al 22’ arriva il gol degli ospiti con Tozzi:sugli sviluppi di un calcio d’angolo cross di Zagnoli per il n.11 della Savignanese che insacca. Dopo il 2-1 la Dozzese si fa vedere più volte davanti alla porta difesa da Tentoni:al 28’ bella azione manovrata dei gialloblù che termina con il passaggio di Tozzoli per Brunetti, gran tiro, para Tentoni.Al 39’, dopo un calcio d’angolo, recupera Brunetti e questa volta il suo tiro è di poco a lato.Al 43’ è poi Bertozzi, su passaggio di Tozzoli, ad alzare troppo il tiro.Nella ripresa è ancora dominio Dozzese con due ghiotte occasioni per Giorgi:al 12’ di pochissimo a lato e al 35’.Tre minuti dopo questa occasione mancata arriva il gol del pareggio della Savignanese con Merloni che mette alle spalle di Turchi.La classifica si muove ancora, dopo il successo di sette giorni fa a Cesenatico, e i punti diventano 11.Ora i ragazzi di Buccioli sono attesi da tre trasferte consecutive:Del Conca, Sasso Marconi e Copparese (turno infrasettimanale e serale del 19 Novembre).

Mister Buccioli elogia i suoi ragazzi “Se facciamo un’analisi del primo tempo loro ci hanno messo in difficoltà, specie su palla inattiva, quindi magari avrebbero anche meritato il pareggio-commenta nel dopo gara di Dozzese-Savignanese il tecnico gialloblù Andrea Buccioli-. Nel secondo tempo invece siamo stati più bravi, abbiamo sofferto, rischiando meno. Il calcio è anche questo:abbiamo avuto la palla per chiudere la partita,non abbiamo segnato e loro hanno pareggiato. Mancavano 7-8 minuti e sinceramente un pensierino ai 3 punti l’avevamo fatto. E’ stata una partita che si è messa subito su dei binari ai quali non siamo abituati, quindi sul 2-0 siamo arretrati troppo e abbiamo concesso agli avversari qualche cosa di troppo, anche se tutte le opportunità sono venute da palla inattiva. Nel secondo tempo un po’ meglio da quel punto di vista, abbiamo rischiato un po’ meno. Comunque al di là di tutto devo fare i complimenti a tutti i ragazzi che sono andati in campo perché hanno dato tutti il 110 % di quello che potevano dare; alla fine si va a vedere prima di tutto il risultato, perché è quello che rimane, ma alla base c’è questa prestazione che voglio veramente evidenziare, al di là del risultato. Chiunque vada in campo riesce a dare tutto quello che ha e bisogna dare atto che il gruppo sta facendo un ottimo lavoro da questo punto di vista e i ragazzi mettono in condizione tutti di poter dare quello che hanno e questa per noi è una buona cosa. Adesso ci aspettano tre trasferte consecutive, Del Conca, Sasso Marconi, Copparese:pensiamo ad una gara alla volta e domenica andiamo a Morciano contro il Del Conca a fare la partita, come abbiamo fatto sempre ultimamente”


01/11/2008

Valleverde Riccione - Imolese

Secondo incontro interno per i ragazzi di mister Onorato, ospite al "Nicoletti" l´Imolese di Mister Menghi, priva di Facciotto e Raschetti che sono stati liberati dalla societa´ rossoblu´ nella giornata di ieri. In casa biancazzurra oltre ai soliti infortunati dubbi per le condizioni di Filocomo, che rimane fortemente in dubbio per la gara. Arbitro dell´incontro il Sig. Prontera Alessandro di Bologna inizo ore 14.30 apertura cancelli ore 13.30. Intanto la FIGC ha accolto le richiesta della societa´ di anticipare alle ore 14.30 la gara di mercoledì 19/11/2008 anzichè alle 20.30 Valleverde Riccione - Alfonsine anticipo del 17° giornata.

La Dozzese ospita la Savignanese L’avversario della Dozzese domenica 2 Novembre, per la nona giornata del Campionato di Eccellenza è la Savignanese.La squadra rivierasca è attualmente al quintultimo posto in classifica con 7 punti (1 vittoria, quattro pareggi e 3 sconfitte-10 gol fatti e 13 subiti).Le sconfitte sono arrivate a Fusignano alla prima di campionato (3-1), con la Copparese in casa alla 6^(1-3) e con il Del Conca in trasferta (3-1) alla 7^giornata. Domenica scorsa i ragazzi di Farneti hanno vinto contro il Low Ponte 3-0.Fondata nel 1932, la Savignanese dal ’95 ad oggi ha sempre militato in Eccellenza, con l’eccezione di un solo anno-stagione 99-2000 in Promozione. L’allenatore è Oscar Farneti, il Ds è Massimiliano Lucchi.Della rosa fanno parte:i portieri Pacileo (85) e Tentoni (90);i difensori Mariani (77), Tamburini (78) Scirica (79), Fantini (84), Ceppini (87), Bertozzi (89), Piastra (90).I centrocampisti:Basini (77), Lucchi (80), Bartolini (84), Baiardi (87), Dotti (89), Pasolini (89), Ricci (90).Gli attaccanti:Merloni (72), Zagnoli (76), Tozzi (82), Casadei (84), Magnani 889), Faedi (90).Fino ad ora hanno segnato:Zagnoli (3), Fantini (2), Magnani, Casadei, Tozzi, Merloni (1).

Domani Faenza - Fusignano Il Faenza calcio attende la visita del Fusignano, domani alle 14,30 al ‘Bruno Neri’, sperando di poter sfatare il tabù della prima vittoria in campionato, che dopo otto giornate ancora manca. Quattro pareggi e quattro sconfitte hanno posizionato la squadra biancazzurra al penultimo posto della classifica: collocazione sicuramente immeritata, se si considera che il Faenza in più di un’occasione ha giocato un buon calcio, a volte meritando la vittoria, ma è puntualmente stato penalizzato dal risultato sportivo. Domani quindi i biancazzurri ci riproveranno contro il Fusignano, attualmente a centro classifica dopo due vittorie, altrettante sconfitte e quattro pareggi. Sulla panchina manfreda non ci sarà mister Giordani, squalificato per tre turni dopo l’espulsione di domenica a Calderara di Reno. Ciò complica ulteriormente la situazione nel team biancazzurro, che continua ad avere anche problemi di infortuni. Domani mancheranno Dal Monte (rottura del setto nasale) e Menichetti (tendinite), ai quali occorre aggiungere l’assenza dello squalificato Oliva. Ovviamente resta sempre indisponibile anche Mascarenha, che sarà operato al ginocchio infortunato alla fine della settimana entrante. «Il Fusignano ha più qualità ed esperienza rispetto a noi – commenta Giordani – Ed anche fisicamente è più prestante di noi. Ciò non toglie che ci proveremo comunque».


30/10/2008

Facciotto e Raschetti lasciano l'Imolese Con uno scarno comunicato l'Imolese rende nota la separazione consensuale con Daniele Facciotto e Massimiliano Raschetti. Di seguito il cominicato Stampa: Si informa che il Sig. Daniele Facciotto in comune accordo con la società ha interrotto il rapporto che lo teneva legato all' Imolese Calcio, lo stesso sarà per il Sig. Massimiliano Raschetti che per motivi famigliari lascerà l'Imolese Calcio.

Tropical Coriano: Angelini fermato per due turni Puntuale, come un'orologio svizzero, è arrivata la stangata (anche se attesa). Per il rosso diretto rimediato domenica scorsa nel bruciante ko casalingo contro il Sasso Marconi infatti, il corianese Michael Angelini è stato squalificato dal Giudice Sportivo per 2 giornate. L'attaccante sarà cosi costretto a saltare le importanti partite contro Massa Lombarda (fuori) e Faenza (al "Grandi"). Una sciocchezza dal conto molto salato che, speriamo, possa servire da lezione. Da segnalare inoltre, che da oggi entrano in diffida (oltre ai già presenti Baldinini e Berardi), anche Buldrini, Chiaravalloti, capitan Colonna e Tentoni.


29/10/2008

Le decisioni del Giudice Sportivo

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 19/10/2008

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA

CAITI FRANCESCO (BAGNOLESE)

FRISARI FABIO (PROSIDER LOW PONTE)

DIFFIDE

SPANI GIULIO (PROSIDER LOW PONTE)

GARE DEL 26/10/2008

A CARICO DIRIGENTI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 19/11/2008

TAMBURI ENZO (FUSIGNANO CALCIO)

Per espressioni offensive nei confronti dell'Assistente dell'Arbitro.

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 5/11/2008

GALLI LAURO (ALFONSINE F.C.)

Per proteste nei confronti del direttore di gara.

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA FINO AL 19/11/2008

GIORDANI MAURIZIO (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

Per espressioni offensive nei confronti della terna arbitrale.

SQUALIFICA FINO AL 5/11/2008

ORECCHIA ANDREA (FUSIGNANO CALCIO)

Per proteste nei confronti dell'assistente dell'Arbitro.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

DI GIULIO SIMONE (BOCA SAN LAZZARO SRL)

ANGELINI MICHAEL (TROPICAL CORIANO)

SQUALIFICA PER UNA GARA

RISPOLI SIMONE (BOCA SAN LAZZARO SRL)

BONDI SANZIO (CERVIA 1920)

FOSCHINI MARCO (FUSIGNANO CALCIO)

DIFFIDE

SIRRI ALEX (CERVIA 1920)

FRANCHINI ROBERTO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

GUALTIERI GIACOMO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

MILZONI ALESSANDRO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

ROSSI NICOLA (FUSIGNANO CALCIO)

TOSI IVAN (MASSA LOMBARDA)

BULDRINI FEDERICO (TROPICAL CORIANO)

CHIARAVALLOTI VALENTINO (TROPICAL CORIANO)

COLONNA FRANCESCO (TROPICAL CORIANO)

TENTONI MATTEO (TROPICAL CORIANO)

 

E’ Rocco Cotroneo il nuovo mister del Cesenatico.

E’ Rocco Cotroneo il nuovo mister del Cesenatico. L’ex tecnico di Forlì e San Sepolcro, che già oggi pomeriggio ha diretto il primo allenamento, succede a Moreno Farsoni, esonerato nella giornata di ieri. Cotroneo ha vinto la concorrenza di Ferri, Del Monte e Valdifiori e ritorna sulla panchina rossoblù, su cui si era già seduto nel 2002

ECCELLENZA B: la classifica di ottobre Quattro su quattro per il Forlì nel mese di ottobre. Con questo ruolino la squadra biancorossa recupera 4 punti al Del Conca che ne totalizza solo, si fa per dire, otto. Male il Low Ponte ultimo con uno clamoroso zero su quattro che lo relega abbondamente in fondo anche alla classifica generale. Bene, invece, il Riccione con 10 punti e la Dozzese con 7. Male Imolese ed Alfonsine con quattro e tre punti. Classifica: FORLI 12, RICCIONE 10, COPPARESE 9, MASSA LOMBARDA 8, DEL CONCA 8, DOZZESE 7, FUSIGNANO 5, BOCA SAN LAZZARO 5, CALDERARA 4, CERVIA 4, SASSO MARCONI 4, SAVIGNANESE 4, TROPICAL CORIANO 4, IMOLESE 4, ALFONSINE 3, CESENATICO 3, FAENZA 2, PROSIDER LOW PONTE 0.


27/10/2008

Il Del Conca ringrazia i cugini del Riccione
Il Forlì recupera altri due punti alla capolista

Secondo pareggio esterno per il Del Conca, che deve rimontare un gol con la grinta della vera capolista. Una bella partita quella giocata allo stadio di Alfonsine, dove la capolista è salita per sfidare una squadra la cui classifica appare bugiarda, e che meriterebbe qualche posizione in più. Il gioco è subito sui alti ritmi. Siuni subito pericoloso, la difesa ospite salva. Poi Buonocore con due tiri costringe il portiere a due belle parate. Ci prova al 21’ anche l’Alfonsine con Innocenti da fuori area, e stavolta Foiera è battuto. In vantaggio di una rete l’Alfonsine cerca il colpo del KO con Petrascu prima e Innocenti poi, ma Foiera si oppone egregiamente. Anche il Del Conca prova a sparare le sue cartucce con Buonocore, ma Faedi si fa trovare pronto. Allo scadere del primo tempo Buonocore guadagna una punizione dal limite, che con una parabola meravigliosa si infila nel sette, ed è pareggio. Anche la ripresa prosegue sugli stessi ritmi del primo tempo. Al 1’ minuto Innocenti cerca di cogliere fuori dai pali Foiera, che si salva in angolo. Al 4’ Marani con un tiro da fuori coglie in pieno la traversa. Risponde l’Alfonsine con Petrascu deviato in angolo e con Miserocchi, che colpisce anche lui la traversa. Ancora Petrascu cerca il gol personale ma senza fortuna, poi la gara si placa e scivola dolcemente negli ultimi minuti finali. Un pareggio più che giusto per due squadre che hanno giocato a viso aperto.

La squadra di Morciano deve ringraziare il Valleverde Riccione che ha sconfitto 1-0 la temuta Copparese, impedendole di agguantarla in testa alla classifica. Una squadra molto quadrata quella messa in campo da Onorato, che a parte qualche giocata iniziale degli ospiti, ha subito preso in mano la partita conducendola senza troppi affanni fino alla fine. Bertozzi, il portierone del Riccione, salva porta e risultato al 6’ su tiro ravvicinato di Grassi, poi sale il Riccione e al 27’ Tolomeo fa tutto da solo saltando due avversari, converge al centro e scarica una palla a rientrare che supera Finessi. Tutto perfetto, anche il proseguo della gara, con il riccione che riesce ad imbrigliare e controllare la seconda forza del campionato. Alla fine i tre punti sono più che meritati, e la salita al 4° posto in classifica anche.

Sale anche il Forlì e si avvicina pericolosamente alle squadre di testa, merito della vittoria importantissima sul Cervia. Spagnoli fa subito capire che non sarà una gara facile per i padroni di casa, e al 2’ minuto su punizione incoccia la traversa, ma poco dopo il Forlì ribatte con Muratori che sbaglia una ghiotta occasione servita da Mordini. Il forlì cresce, e il Cervia va un po’ in confusione, tanto che Biondi commette due falli da ammonizione in pochi minuti, lasciando la propria squadra in 10. Nella ripresa il Forlì sfrutta la superiorità e con una bella azione a tre passa in vantaggio con Sozzi. Con il vantaggio acquisito, e l’uomo in più, il Forlì si risistema in campo e chiude maggiormente la difesa, continuando comunque a controllare la partita che terminerà senza ulteriori emozioni. Tre punti preziosissimi per il Forlì che ora è terzo a soli 4 punti dalla capolista.

Avanza anche il Massa Lombarda che sfrutta la giornata no dell’Imolese andando a vincere in trasferta 3-1. L’Imolese spreca tutto e di più, compreso un rigore assegnato dall’arbitro che Muzzi si fa intercettare. Poi arriva il gol ospite con Gardenghi, a cui rimedia però prima dell’intervallo Poli. Nella ripresa l’Imolese si fa superare al 7’ da Berti, e nel tentativo di recuperare, si fa infilare da un contropiede micidiale di Gardenghi. La squadra di casa prova ancora a recuperare, ma il risultato rimane com’è.

Fusignano e Boca San Lazzaro pareggiano 2-2, in una gara vivace ma senza esclusione di colpi. Il Fusignano passa al quarto d’ora con Ricci F., ma su rigore al 35’ Rispoli pareggia il conto delle reti. Nella ripresa è ancora Rispoli a trovare il gol del vantaggio per il Boca, ma l’Alfonsine pareggia immediatamente con Foschini. Il finale di gara si fa molto concitato, troppo, e l’arbitro è costretto ad espellere alcuni giocatori per portare la calma, per fortuna eravamo già al 45’ e non succede nient’altro.

Passo falso del Cesenatico che in casa perde 1-0 con la Dozzese e le lascia il posto in classifica generale. Sono gli ospiti che partono forte in cerca della vittoria, e per una buona mezz’ora il Cesenatico deve solo pensare a difendersi. Appena si fa avanti però, il portiere ospite Turchi deve impegnarsi per sventare il tiro di Lombardini, e poco dopo è Gualtieri che di testa manca il colpo ravvicinato con Turchi battuto. Nella rpresa è ancora Turchi a dover salvare la porta su tiro di Fattori, ed ecco che poi la Dozzese cn Agboton trova il gol vittoria al 73’, Il Cesenatico si fa arrembante in cerca del pareggio, ma la Dozzese è brava a chiudere gli spazi e a portare a casa i tre punti.

Il Tropical Coriano subisce una inattesa sconfitta ad opera del Sasso Marconi, un 2-0 che permette agli ospiti di allontanarsi un po’ dalla coda della classifica. Nella prima parte di gara il Coriano non gioca come di solito, e il Sasso si affaccia pericolosamente dalle parti di Guerra, ma senza centrare la porta. Nella ripresa invece è il Coriano che crea le occasioni più ghiotte, sbagliando solo il tocco finale, mentre alla prima azione il Sasso Marconi guadagna un rigore che Tacconi trasforma. Passano una ventina di minuti e una banale palla persa a centrocampo diventa una punizione dal limite che Tacconi infila alle spalle di Guerra. Un 2-0 maturato con calci piazzati, ma il Coriano ha sbagliato troppo sottoporta per non piangere sui propri errori.

La Savignanese affronta un Low Ponte troppo dimesso per non approfittarne, e con un 3-0 si gode il primo successo stagionale. La squadra ospite costruisce veramente poco, e la Savignanese può fare indisturbata il suo gioco, andando a segno nel primo tempo con Tozzi e nella ripresa con Merloni e Fantini. Tre punti preziosi per la squadra di Savignano, una vittoria che cercavano da tempo e che è finalmente arrivata. Chissà se servirà a invertire il trend fin qui negativo?

Finisce 2-2 la sfida di bassa classifica tra Calderara e Faenza, un risultato giusto per quanto mostrato in campo. La squadra di casa passa al 30’ con Madriselvi, per poi raddoppiare con un autogol al 5’ della ripresa. Il Faenza allora reagisce furiosamente costringendo alla difesa i padroni di casa. Taddei al 22’ accorcia per il faenza e il gol pareggio arriva direttamente su punizione a tempo scaduto con Palmieri.

 

VALLEVERDE RICCIONE - COPPARESE 1-0



Encomiabile la prestazione di tutta la squadra per la partita disputata ieri. Si è vista veramente la grinta la forza e la determinazione per portare a casa i tre punti. Valori che al Comunale non si vedevano da anni. Una fantastica azione di Tolomeo che salta due giocatori in palleggio e insacca dal limite dell'area facendo esplodere il calorosissimo pubblico accorso ad assistere la gara, un pubblico che non si vedeva così dai tempi della Serie D. Ottima gara anche di Bertozzi che salva un paio di volte la gara con parate molto difficili da eseguire su tiri tanto insidiosi. Bella prestazioni della difesa che ha saputo arginare la Copparese nonostante qualche piccolo errore di precisione. Buono anche il centrocampo che in vari momenti della partita hanno dato spettacolo in particolare con Mazzoli e Domini con bei colpi di classe. Incoraggiante anche la prova del neo acquisto Luconi nonostante la sua non migliore forma ha fatto vedere che come giocatore c'è sfiorando anche nel finale la rete. Adesso non ci rimane che rimanere concentrati e attenti per continuare su questa strada.

IL RICCIONESE WM

RICCIONE - COPPARESE 1-0 RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Patregnani, Filocomo, Lepri, Cavoli (68' Guerra), Domini, Tolomeo (79' Caminati), Mazzoli. Dall'Aglio (53' Luconi). All. Onorato COPPARESE:Finessi, Conficconi, Magri, Mazzacani, Ballacci, Trajkovic (74' Dianti), Biliotti (48' Belluzzi), Tripepi, Tralli (46' Arveda), Giuriola, Grassi. All. Mastrocinque Arbitro: La Rovere Rete: 24' Tolomeo Il Riccione consolida la posizione nelle zone alte sconfiggendo la Copparese, che era ancora imbattuta. Splendida la rete di Tolomeo, che vale la terza vittoria consecutiva: al 24' supera due avversari al limite dell'area e poi infila una palla millimetrica all'incrocio dei pali. La reazione della Copparese è tutta nel primo quarto d'ora della ripresa quando Bertozzi è grandissimo nel deviare una conclusione ravvicinata di Grassi. Poco oltre il quarto d'ora un tiro-cross di Mazzacani impegna Bertozzi che tocca ma non trattiene; la difesa riccionese libera. Occasionissima per il raddoppio due minuti dopo quando Luconi con perentorio colpo di testa manda fuori a fil di palo. Poco prima della mezz'ora, tocca alla Copparese sprecare malamente l'occasione per il pareggio: Belluzzi al volo e palla che finisce incredibilmente a lato.

FORLI - CERVIA 1-0 FORLI': Chiadini, Brighi, Baldinotti, Mordini, Magni, Magnani, Spighi (73' Sassi), Balestra, Ceschi (67' Biserna), Sozzi (86' Roccetti), Muratori. All. Scardovi CERVIA: Bertaccini, Missiroli, Olivieri, Pezzi, Sirri, Bondi, Zaghini (65' Casetti), Spagnoli, Sabbadini (65' Rossi), Troiano (81' Battistini), Severo. All. Baldazzi Arbitro: Saccenti di Modena Rete: 56' Sozzi Note: spettatori 1200 circa; espulso al 41' Bondi per doppia ammonizione. Angoli 6-3 per il Forlì. Trascinati da un pubblico da serie C, i 'galletti' infilano la quarta perla consecutiva a spese di un Cervia solido, ma ingenuo. Primo tempo a senso unico: dopo la traversa al 2' di Spagnoli su punizione, il Forlì si divora diverse occasioni, la più lampante al 4' con Mordini che entra a destra e mette in mezzo, ma sul dischetto Muratori a porta vuota cicca la palla. Ci provano ancora Mordini da fuori e Muratori al volo, ma Bertaccini è pronto. Al 41' l'episodio che spiana la strada ai biancorossi: Bondi ammonito qualche minuto prima falcia Muratori e guadagna il rosso. Nella ripresa il Forlì riparte a mille, agguantando il gol-partita al 56' con un pregevole schema: punizione di Balestra, sponda sul secondo palo di Magnani e Sozzi che di destro al volo piazza in rete. Poi, la consueta paura di vincere, ma con le punte gialloblù scariche. L'ultimo brivido al 90', ma la punizione di Spagnoli si spegne oltre la traversa.

ALFONSINE - DEL CONCA 1-1 ALFONSINE: Faedi; Troncossi (78' Cosenza), Bianchedi, Di Tuccio (75' Lanconelli), Donati, Lagorio; Petrascu, Miserocchi, Callegari (78'Belli), Innocenti, Siuni. All. Evangelisti DEL CONCA MORCIANO: Foiera; Santoni, Martini, Cangini, Ticchi, Perazzini; Bacchini, Lisi, Protti (63' Turchi), Buonocore, Marani (65' Paganelli). All. Tentoni Arbitro: Bacchi di Macerata Reti: 25' Innocenti, 45' Buonocore - ALFONSINE - La capolista Del Conca esce indenne dal 'Brigata Cremona', conservando l'imbattibilità stagionale grazie ad una specialità di Buonocore che, pur col passare degli anni, paga da solo il biglietto in queste platee: 'foglia morta' a scavalcare la barriera su calcio di punizione dal limite, pochi secondi prima dell'intervallo. Risultato giusto, perchè, dopo le emozioni della prima frazione di gioco, le due contendenti si sono equivalse a centrocampo, trovando rari sbocchi offensivi. I padroni di casa sono stati bravi a tenere testa alla 'corazzata' del girone, anzi nel primo tempo hanno palesato maggior intraprendenza, pilotati com'erano da un Innocenti in grande spolvero. E proprio il n.10 biancazzurro aveva dato fuoco alle polveri al 25' con una rasoiata 'chirurgica' da 25 metri che sorprendeva il portiere morcianese.

FUSIGNANO - BOCA SAN LAZZARO 2-2 FUSIGNANO: Bartolini, Rossi (46' M.Ricci), Conficconi, Agrusti (87' Maikano), Onestini, Pressi, Fabbri(67' Samsak), Foschini, F.Ricci, Piticchi, Bassani. All. Orecchia BOCA S.LAZZARO: Giovannini, Guidozzi (80' Ceresi), Di Giulio, Calabrese, Leone, Cazzola (46' Ferrari), Paselli, Cacciari, Tonelli (75' Dozzi), Rispoli, Picchi. All.Poli Arbitro: Bianchini di Cesena Reti: 16' F.Ricci, 35' (rigore) e 56' Rispoli, 75' Foschini Note: espulsi Rispoli al 90', Foschini e Di Giulio al 91'. - FUSIGNANO - MATCH vibrante e combattuto con spunti tecnici interessanti che termina con il risultato più giusto. In campo si sono viste due formazioni affrontarsi a viso aperto e con sportività e per questo non deve trarre in inganno l'assurdo epilogo finale a colpi di cartellini rossi. Al primo vero affondo passano i padroni di casa: Piticchi per Fabbri, cross per Bassani che di testa chiama Giovannini a una prodezza. Dal susseguente calcio d'angolo capitolano gli emiliani: Foschini dalla bandierina, Francesco Ricci da sotto misura ad anticipare tutti e palla nel sacco. Il gol del pareggio, poco dopo la mezz'ora: pallone che taglia tutta l'area dei ravennati da destra a sinistra, Rossi, ingenuamente, aggancia Poselli e per il direttore di gara è rigore. Dagli undici metri và Rispoli che non sbaglia. Nella ripresa calano i ritmi ma non la qualità del gioco che si mantiene sempre su buoni livelli. Al 56' ancora Rispoli, il migliore dei suoi, si incarica di un tiro piazzato da 30 metri. Pallone sul primo palo a giro sulla barriera, Bartolini è in ritardo ed è il vantaggio ospite. Il Fusignano non ci sta a perdere ed il meritato pareggio giunge al 75' quando su angolo di Samsak, Foschini si inserisce di testa all'altezza del lato corto dell'area avversaria e con precisione supera Giovannini. Il finale come accennato è convulso: ne fa le spese prima il tecnico Orecchia reo di proteste, poi Rispoli per una gomitata forse accidentantale ed infine Di Giulio e Foschini che si rendono protagonisti di un inutile battibecco e reciproco strattonamento. appena accennato, il tutto dettato più dalla stanchezza che da altre motivazioni personali. Il Boca torna a casa con un buon punto ma soprattutto con una buona prestazione: la squadra di Poli è apprezzabile sia nel gioco a ritmi bassi che quando deve accellerare. Ovvia e ancora una volta evidente la dipendenza da Rispoli che soprattutto nella ripresa ha tentato di far valere la sua classe. In fase offensiva, evidente e significativa l'assenza di Cataldi anche se Picchi e Tonelli hanno fatto molto movimento per gli inserimenti da dietro.

CALDERARA - FAENZA 2-2 CALDERARA: Donini, Rizzo (dal 50's.t. Granatieri), Madriselvi, Pilato, Ferrari, Todisco, Manta, Bini, Longo, Degli Esposti (dal 15's.t. Ballarin), Lalomia (dal 13's.t. Lombia). A disp.: Lazzari, Giadrossi, Brognara, Capogreco. All.: Broglia. FAENZA: Gozzi, Melandri, Manaresi, Rossi, Palmieri, Paglialonga, Dell'Anno, Dalmonte (dal 10's.t. Vallefuoco), Errani (dal 20's.t. Taddei), Pezzi , Salomone. A disp.: Bentivoglio, Bertoni, Casanova, Pacifico, Visani. All.: Giordani. Arbitro: Gibellini di Modena (collaboratori Mari di Ravenna e Rovesti di Reggio Emilia). Marcatori: p.t. 25'Madriselvi; s.t. 5'autogol di Manaresi, 22'Taddei, 50'Melandri. Note: ammoniti: nel Calderara Lalomia, Ballarin, nel Faenza Pezzi. Espulso il mister del Faenza Giordani al 25's.t. per proteste. Rottura del setto nasale per Dalmonte (Faenza) in uno scontro di gioco. di Carlo Frassoldati E' un Calderara che si mangia le mani, non foss'altro per quel che recitava il tabellino al 5' della ripresa: 2-0 e la concorrenza del Faenza che sembrava definitivamente smontata. Ma non è bastato, ai ragazzi dell'accoppiata Fausto Franchini (diesse) – Ivan Broglia (allenatore), no perché i romagnoli ci hanno creduto fino alla fine e sono tornati in linea di galleggiamento al 95', dopo aver rischiato veramente grosso. E' ottima la partenza-lampo del Faenza che impegna per ben due volte nell'arco di pochi minuti, il portiere del Calderara Donini. Prima Dell'Anno, poi Salomone non fanno dormire sonni tranquilli all'estremo difensore di casa. Ma è il Calderara che alla prima vera occasione, passa: è il 25', bel traversone dalla destra che trova libero Madriselvi che stoppa e lascia partire un colpo che incrocia sul secondo palo e non dà il minimo scampo a Gozzi. E' un gol molto bello, a cui solo allo scadere della prima frazione abbozzano una risposta i romagnoli: perfetto il colpo da calcio d'angolo di Errani che imbecca Dalmonte ma c'è un Donini da applausi sulla sua strada che esibisce una paratona, sulla respinta Errani imbecca dall'angolo Dell'Anno che sfiora di poco la segnatura. Al 5' della ripresa su azione di Lalomia dalla sinistra, Gozzi devia sulla traversa ma la sfera come una palla da flipper schizza su Manaresi che infila la sua porta per il pù classico degli autogol. Il Faenza non demorde nonostante la quasi sconfitta, si rimbocca le maniche e mette a segno col neo entrato Taddei il 2-1 (diagonale dal vertice alto dell'area). Al 5' di recupero, poi, il miracolo faentino è compiuto: tutta la squadra di mister Giordani _ espulso per proteste al 25's.t. _ è nell'area del Calderara, Gozzi compreso e Melandri in mischia chiude la pratica di un pareggio comunque giusto.

Imolese - Massa Lombarda 1-3

Marcatori: 45° pt Gardenghi, 46° pt Poli, 9° st Berti, 18° st Gardenghi. Ripiomba nuovamente nel baratro, una Imolese per niente brillante. Contro il Massalombarda, il numeroso pubblico assiste ad un match bloccato per i primi 35 minuti, in cui le squadre si equivalgono ed il gioco staziona prevalmentemente a centrocampo. La noia sembra avere il sopravvento finché la giacchetta nera, oggi in giallo, decide di travestirsi da destino e fischia un inesistente calcio di rigore per un presunto fallo di mano in area, che neanche l’assistente di fascia, a pochi metri dall’azione, aveva sbandierato. Un rigore a favore dovrebbe far propendere la gara a favore di chi lo ottiene: l'Imolese. Ma Muzzi dal dischetto tira centrale e debole e Monterastelli con un colpo di reni devia e salva la sua porta. La partita improvvisamente si anima. Ancora Muzzi vola verso la porta avversaria in contropiede e, da solo, al cospetto di Monterastelli calcia incredibilmente a lato: un altro rigore fallito, questa volta in movimento. La gara cresce di intensità. Punizione al limite che Gardenghi gira all’incrocio: il Massa è in vantaggio. Ma la gioia dura un giro di lancette perché il giovane Poli, dal limite dell’area, non si fa pregare e spara un siluro a pelo d’erba che si insacca alla destra del portiere massese: 1-1 e tutti a bere il the. Nella ripresa il crollo imolese. Ci si attendeva, invece, la reazione rossoblu, ma la ripresa si apre con il Massalombarda a cercare il vantaggio. Sulla corsia destra Berti sembra indemoniato. Al 7° riceve palla sul limite destro, si incunea, taglia tutta la difesa e defilato sulla sinistra impegna un attento Dirani. E’ il prologo al vantaggio ospite che matura due minuti dopo con lo stesso Berti che palla al piede avanza, supera la linea dei centrocampisti, arriva al limite e, indistrurbato, spara all’incrocio. Dirani questa volta nulla può. E’ la Caporetto imolese. La squadra di casa già titubante ad avvio di ripresa si scioglie come neve al sole e subisce la terza rete ad opera di Gardenghi che in contropiede non fallisce al cospetto di Dirani: 1-3 dopo un’ora di gioco. La reazione Imolese è inconsistente, la squadra si sfarina e si affida ai singoli. Muzzi e Antonellini non sembrano in giornata ed i tentativi dei rossoblu si infrangono contro la retroguardia bianconera. In contropiede è ancora Massa a farsi pericolosa: è solo grazie alle imprecisioni degli avanti ospiti e a qualche buon intervento di Dirani che la gara non diventa una disfatta. I cambi, che il mister imolese effettua, non portano giovamento: la scelta a 10 minuti dalla fine di sostituire Muzzi, una punta, con Cimatti, un difensore, che andrà ad improvvisarsi centravanti, è il segno della resa Imolese. Con questa sconfitta l’Imolese si trova invischiata nella bagarre play-out, mentre il Massa può guardare al futuro con molta serenità.

Marco Menghi: "Troppe le assenze" Il calcio è fatto di episodi positivi. Quando, invece, arriva una somma di episodi negativi alla fine devi quasi gioco forza arrenderti. Ieri l'Imolese è stata battuta 3-1 dal Massa Lombarda, nel primo tempo Muzzi ha sbagliato un calcio di rigore, ma Menghi ha dovuto fare i conti soprattutto con le assenze: «Non è facile tutte le settimane dover cambiare difesa — dice il tecnico rossoblù Marco Menghi — e oggi (ieri, ndr) ho dovuto fare a meno di Casadei Venturi che si è infortunato durante il riscaldamento. Nel primo tempo non abbiamo sfruttato l'occasione del rigore sbagliato da Muzzi, poi anche Antonellini è andato vicino al gol. Senza contare che successivamente ci siamo trovati a tu per tu con il portiere e abbiamo messo la palla fuori. Il calcio è questo e quanto accaduto ieri con il Massa Lombarda è la fotografia del momento che stiamo attraversando». Menghi non parla delle assenze, ma è evidente che in questo frangente di stagione l'Imolese non possa regalare giocatori agli avversari. Ad onor del vero il Massa Lombarda è stato bravo ad approfittare della situazione, non ha rubato e messo in cassaforte i tre punti: «Eravamo stati bravi a recuperare subito lo svantaggio — continua Menghi — poi però nella ripresa siamo crollati; la squadra non ha reagito come era accaduto a Copparo domenica e soprattutto mercoledì nella sfida di Coppa con il Forlì. Tutte le energie nervose che avevamo le abbiamo lasciate in campo mercoledì, ora rimettiamoci in carreggiata perchè bisogna far subito risultato a partire da domenica prossima». Nel prossimo turno Menghi recupera Toschi e Poggi che hanno scontato la squalifica, e spera di riavere anche qualcuno dei fuoriquota.

CESENATICO - DOZZESE 0-1 CESENATICO: Farsoni, Milzoni, Bendoni, Fattori, Righi, Farabegoli, Zavattini, Bonacci (74' Micheli), Salzano, Lombardini, Gualtieri (60' Franchini). All. Moreno Farsoni. DOZZESE: Turchi, Pierri (56' Cascone), Alpi, Brunetti, Caroli, Facchini, Cappiello, Bonini (81' Morsiani), Giorgi, Bertozzi, Barbieri (64' Agboton). All. Andrea Buccioli. Arbitro Andrea Rusticali di Ravenna. Note: ammoniti Milzoni, Gualtieri, Franchini, Facchini, Barbieri. Reti: 73' Agboton. Spettatori 150. Un Cesenatico con il morale sotto gli scarpini, riesce a perdere una partita in casa contro un avversario che aveva scritto in fronte "siamo venuti qui per pareggiare". La prima azione in attacco è della Dozzese: al 13' si rende pericolosa con un diagonale di Alpi, para in due tempi Farsoni. Ci sono poi occasioni da rete per il Cesenatico con Salzano, Lombardini, Zavattini (buona la sua prova), e Gualtieri, mentre per gli ospiti Betozzi calcia di poco alto una punizione. Nella ripresa al 49' Fattori vicinissimo al gol, costringe il portiere della Dozzese ad una disperata deviazione sul palo. Al '73 Bendoni si traveste da Babbo Natale e liscia, Agboton ringrazia, s'invola e infila Farsoni con un rasoterra velenoso sull'angolino destro. I padroni di casa reagiscono con Salzano che al '76 si mangia un gol fatto e Fattori al '78. L'arbitro in alcune circostanze ci mette del suo ma il Cesenatico è troppo poca cosa per raddrizzare il risultato e sprofonda in piena crisi. La Dozzese con il minimo sforzo, un solo tiro nello specchio della rete, porta a casa tre punti preziosi. A fine partita il patron rossoblù Matteo Bagnolini non parla, il direttore sportivo Giorgio Screpis ammette che questo Cesenatico non può pensare ad una corsa al vertice, mentre mister Moreno Farsoni ritiene che la sua squadra, pur non brillando, ha perso immeritatamente.

La Dozzese corsara a Cesenatico Con un gol di Joseph Agboton la Dozzese fa bottino pieno in quel di Cesenatico.L'attaccante nigeriano ha realizzato il gol della vittoria al 73'.Tre punti importantissimi per i ragazzi di Buccioli che si portano a 10 punti in classifica (2 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte, 9 gol fatti e 12 subiti)e che si apprestano ad affrontare un ciclo di partite da "paura";Savignanese in casa poi tre trasferte consecutive:a Morciano con la capolista Del Conca,a Sasso Marconi e nel turno infrasettimanale del 19 Novembre a Copparo.Nel Cesenatico mancava oggi per squalifica Teodorani, mentre nella Dozzese rientrava Turchi dopo il turno di stop.

Tropical Coriano - Sasso Marconi 0-2 Tropical troppo brutto per essere vero. Senza' anima, cuore ed idee, i biancorossoblù falliscono una gara quasi decisiva contro l'ex fanalino di coda Sasso Marconi e crollano sotto i colpi di Tacconi, capace di realizzare prima su rigore e poi su punizione, le reti decisive. Ci si attendeva una reazione dopo il brutto ko di Cervia di sette giorni fa, invece al "Grandi" si è vista una squadra che, priva del suo regista Berardi (ko per una caviglia in disordine), non ha saputo tenere testa alla modesta formazione bolognese che non ha rubato nulla e si è portata a casa, zitta zitta, i pesantissimi 3 punti. Non può essere un'alibi però l'assenza di "Chicco": si è vero, la sua assenza si è fatta sentire parecchio, ma il Tropical che deve salvarsi, deve fare molto di più. Dov' è finita la squadra che fino a pochi mesi fa lottava su ogni pallone con il coltello tra i denti contro qualsiasi avversario? Oggi di quegli 11 non si è vista nemmeno l'ombra e senza grinta e determinazione, il ritorno in Promozione sarà più immediato che mai. Per, appunto, sopperire all'assenza di Berardi, Achille Fabbri cambia ed osa: dentro Saccani come terzino sinistro, Buldrini avanza a centrocampo. Rientra anche Tentoni, dopo aver saltato Cervia per squalifica. A dire il vero però, il Tropical di offensivo non ha assolutamente niente. I primi minuti di gara infatti evidenziano una supremia territoriale del Sasso, anche se a dire il vero pericolo dalle parti dei due portieri non arrivano mai. I corianesi, molto pasticciono e confusionari, non riescono a costruire niente di buono. La fase di studio dura più del previsto. Bisogna aspettare il 22' per vedere una misera occasione da rete: rimessa di Chiapparini, Tacconi spizza di testa dentro l'area per l'accorrente Livi che taglia verso il centro, ma una volta a contatto con la sfera non riesce dare forza al tiro che si spegne comodamente tra le braccia di Guerra. Poi ci prova Baldinini a dare uno scossone alla gara: al 32' è autore di un tiro debole da fuori area che non fa male a Giaroli, mentre sul finire del tempo il suo colpo di testa in mischia dentro l'area, non è niente di che. Finisce cosi un primo tempo alla camomilla. Il secondo si apre, al 2' con una conclusione di capitan Bencivenni, respinta bene di piede da Guerra. Al 6' l'occasione da rete più netta del Tropical: lancio sulla destra di Buldrini per Colonna, passaggio rasoterra per Tentoni che rimette in mezzo basso per Baldinini, il bomber, smarcatissimo e a due passi dalla porta, non riesce a fare altro che sparare addosso al corpo di Giaroli in uscita. Cosi 6 minuti dopo, lancio di Chiapparini per Tacconi che vende l'inserimento di Livi e lo serve di testa, il laterale prende palla e viene steso da Saccani in scivolata. E' rigore. Sul dischetto, la conclusione di Tacconi è intuita da Guerra, ma il tiro è ben piazzato e l'1 a 0 Sasso Marconi è cosa fatta. Per tentare il pareggio, al 14' Achille Fabbri getta nella mischia Angelini, ma più che un rinforzo il suo ingresso si rivelerà assai dannoso per la squadra: circa 20 minuti dopo infatti, l'attaccante protesta vivacemente con il direttore di gara per una punizione non concessa e rimedia cosi il rosso diretto. Tropical in 10. Poco dopo al 33', Zanzani si addormenta a centrocampo e si fa soffiar palla, Colonna per spegnere il contropiede avversario non può fare altro che stendere, al limite dell'area, il neo-entrato De Maria lanciato a rete. E' punizione. Dai 20 metri e da posizione leggermente defilata, Tacconi fa secco Guerra con una dolce traiettoria che sovrasta una non perfetta barriera e va ad insaccarsi nell'angolino lontano. 0 a 2. Con il Tropical tutto lanciato in avanti alla ricerca del possibile gol che riapra la partita, gli ospiti hanno pure l'opportunità di triplicare le proprie marcature, ma al 42' Bencivenni a tu per tu con Guerra, fallisce il gol. Finisce cosi la gara. E la reazione del Tropical, chi l'ha vista?? Una partita che si doveva assolutamente vincere, la si è addirittura persa. Si sapeva che in questa stagione ci sarebbero stati tanti momenti difficili, ma questi sembrano essere arrivati troppo presto. Certo, si è fatto poco, pochissimo, per cercare di portare a casa i 3 punti ma, come detto, con questo spirito si farà poca strada; si è tentato di rafforzare il gioco sulle fasce, ma Buldrini e Poziello non hanno inciso. Davanti Baldinini sembra troppo solo ed inoltre, mancano valide alternative ai titolari: insomma, i problemi sembrano essere molti, ma questa squadra ha le capacità per venire fuori da questa situazione e far cambiare il vento. Ora la spia comincia a diventare rossa: seconda sconfitta consecutiva, le squadre che precedono hanno quasi tutte fatto punti e, per completare il quadretto, domenica si salirà a Massa Lombarda per affrontare al difficilissimo "Dini e Salvalai" i forti ravennati davvero in salute e reduci dalla bella vittoria odierna per 3 a 1 a Imola. Se questa squadra possiede degli attributi, è arrivato il momento di tirarli fuori. Marcatori: 12' e 33' st Tacconi (SM) TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 2 Colonna, 6 Zanzani (dal 42' st Casadei), 4 Babbini, 3 Saccani (dal 22' st Guerra L.); 7 Buldrini, 5 Tentoni, 8 Pacassoni (dal 14' st Angelini), 10 Chiaravalloti, 11 Poziello; 9 Baldinini A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Grechi, 14 Ghiselli, 16 Montanari Allenatore: Achille Fabbri SASSO MARCONI (4-4-2): 1 Giaroli; 4 Prati, 2 Corvino, 5 Bonetti, 3 Chiapparini; 7 Livi, 8 Brancaccio, 10 Cuopolo (dal 5' st Mancuso), 11 Gavaruzzi (dal 29' st De Maria); 6 Bencivenni, 9 Tacconi (dal 44' st Ferriero) A disposizione: 12 Soldati, 13 Nugara, 17 Gardosi, 18 Scarpuzza Allenatore: Franco Farneti Arbitro: Mestieri di Finale Emilia Assistenti: Fiorentini di Forli' e Canizzaro di Ravenna Ammoniti: Tentoni, Colonna, Buldrini e Chiaravalloti (TC); Corvino, Chiapparini e Bonetti (SM) Espulso: 30' st Angelini per proteste (TC)


26/10/2008

DESIGNAZIONI ARBITRALI - giornata 08 - gare del 26/10/2008

    Arbitro Assistente 1 Assistente 2
ALFONSINE F.C. DEL CONCA A.S.D. Sacchi Juanluca
- Macerata
Dal Muto Matteo
- Cesena
Sodano Adriano
- Bologna
CALDERARA 97 L.C.L. FAENZA CALCIO S.R.L. Gibellini Riccardo
- Modena
Mari Gaetano
- Parma
Rovesti Devis
- Reggio Emilia
FORLI SRL DILETTANTISTICA CERVIA 1920 Saccenti Alessio
- Modena
Mancino Antonio
- Bologna
Foti Giuseppe
- Bologna
FUSIGNANO CALCIO BOCA S.LAZZARO Bianchini Luca
- Cesena
Macaddino Giuseppe
- Rimini
D'alessandro Ernesto
- Forli'
IMOLESE A.S.D. MASSALOMBARDA Spassi Marco
- Rimini
Ciserchia Dario
- Cesena
Rossi Giorgio
- Ferrara
REAL CESENATICO DOZZESE A.S.D. Rusticali Andrea
- Ravenna
Pellegrino Silvio
- Bologna
Orsi Elia
- Finale Emilia
SAVIGNANESE PROSIDER LOW PONTE Roncarati Fabrizio
- Bologna
Zito Nicola
- Modena
Bastoni Ruben
- Cesena
TROPICAL CORIANO SASSO MARCONI Mestieri Stefano
- Finale Emilia
Fiorentini Mattia
- Forli'
Cannizzaro Alessandro
- Ravenna
VALLEVERDE RICCIONE SRL COPPARESE La Rovere Stefano
- Chieti
Zaccarini Enrico
- Lugo Di Romagna
Bartolini Cristian
- Cesena

25/10/2008

Domani il Faenza a Calderara di Reno Confronto diretto in “zona retrocessione” per il Faenza, domani alle 14,30 allo stadio “Gino Pederzini” di Calderara di Reno, nell’ottava giornata del campionato d’Eccellenza. Se la classifica non sorride alla squadra di mister Giordani, pericolosamente ferma al panultimo posto con tre punti (tre pareggi e quattro sconfitte), non sta tanto meglio la formazione emiliana, che di punti ne ha quattro e, esattamente come il Faenza, non ha ancora vinto una partita. Nelle ultime giornate, pur disputando prove discrete, i romagnoli si sono ritrovati ad affrontare un’emergenza assoluta: non riescono a concretizzare. Un dato è preoccupante: il gol non arriva da 225 minuti. Domenica scorsa, in casa contro il Forlì, sono giunti soltanto una traversa ed un pizzico di sfortuna in qualche altra occasione da rete. Dunque, domani i biancazzurri prenderanno la strada per Calederara di Reno anche con l’auspicio che la buona sorte giri finalmente dalla loro parte, cercando naturalmente di ripetersi sui buoni livelli delle ultime prestazioni. Non ci sarà Oliva, squalificato per due giornate dopo l’espulsione di domenica scorsa. Mister Giordani dovrà probabilmente sopperire anche ai guai fisici occorsi in settimana ad Errani e Menichetti

La Dozzese domenica a Cesenatico Domenica 26 Ottobre la Dozzese farà visita al Cesenatico (alle 14.30).Retrocessa dalla serie D, la squadra del Presidente Bagnolini in estate ha sperato fino all’ultimo nel ripescaggio, che non è arrivato.Al momento la classifica segna 9 punti (2 vittorie, tre pareggi e due sconfitte), 10 gol fatti 9 subiti.Le reti sono state segnate da Salzano (4), Gualtieri (2), Righi (2), Zavattini, Teodorani.Domenica scorsa il Cesenatico è tornato a mani vuote dalla trasferta di San Lazzaro dove il Bo.ca si è imposto 3-2.In attacco sono arrivati alla corte del tecnico Moreno Farsoni Salzano e Gualtieri;completano il parco attaccanti:Pisolini (89), Giacontieri (90), Micheli (79), Bonandi (89).I portieri sono Faraoni e Orlandi;i difensori:Farabegoli, Bendoni, Righi, Domeniconi, Taioli, Facondini, Platone.Centrocampisti:Teodorani, Bonacci, Fattori, Franchini, Lombardini, Antoniacci, Montaguti, Grossi, Romagnoli, Milzoni.Il direttore sportivo del Cesenatico è Giorgio Screpis e le gare interne si giocano allo stadio “Moretti”in Via G.Sozzi 2.La Società è stata fondata nel 1951 da Alfieri Moretti, dal quale prende il nome lo Stadio.Dopo alcuni campionati anche in serie C (dall’83 all’87), dal ’95 ad oggi ha alternato la militanza in serie D, Eccellenza, promozione e prima categoria.Hanno vestito la maglia del Cesenatico come Mister o come allenatori, Azeglio Vicini, Giorgio Grezzi e Alberto Zaccheroni.Domenica nel Cesenatico non sarà della partita Teodorani,per squalifica, mentre nella Dozzese rientra, dopo il turno di stop, Turchi.


24/10/2008

VALLEVERDE RICCIONE - COPPARESE

PRIMA DELLE DUE GARE INTERNE, DOMENICA 26/10/2008 COPPARESE E DOMENICA 02/11/2008 IMOLESE CON IL NUOVO ORARIO D´INIZIO 14.30. LA NOVITA´ GRANDE E L´ARRIVO DELL´ ESPERTO ATTACCANTE CRISTIANO LUCONI BOMBER DI RAZZA CHE DOVRA´ ESSERE IL VALORE AGGIUNTO DELLA TRUPPA DI MISTER ONORATO.
ROSA IN OTTIMO STATO TRANNE GLI INFORTUNATI DI SEMPRE CIOE´. LANDOLFI, GABELLINI E GORI CHE SARANNO INTRIBUNA A TIFARE I PROPRI COMPAGNI. L´ARBITRO DESIGNATO VERRA´ DA FUORI REGIONE. APERTURA DEI CANCELLI ORE 13.30
.


22/10/2008

                                                                                                                                                                          
 COMUNICATO STAMPA VALLEVERDE RICCIONE

Si comunica  che in data odierna la Società Valleverde Riccione F.C. Srl ha raggiunto l’accordo con il calciatore Sig. LUCONI Cristiano, Attaccante, classe 1972, cresciuto nel settore Giovanile dell’Ancona, ha militato anche nell’Imolese, Sassuolo, Cuneo, Viareggio, Rimini, Castelnuovo. Il calciatore sarà già disponibile per la gara di domenica 26/10/2008 Valleverde Riccione- Copparese con inizio alle ore 14.30 

Riccione, lì 22/10/2008

Valleverde Riccione F.C. Srl

Ufficio Stampa 

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI SETTIMA GIORNATA

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 19/10/2008

A CARICO DIRIGENTI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 29/10/2008

MONTANARI DAVIDE (CESENATICO CHIMICART A.D.)

Per proteste nei confronti del direttore di gara.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

OLIVA PIERFRANCESCO (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

SQUALIFICA PER UNA GARA

POGGI LORIS (IMOLESE CALCIO 1919SSDARL)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

LESSI STEFANO (CERVIA 1920)

TEODORANI ALESSANDRO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

CUTTONE ALESSANDRO (FORLI SRL DILETTANTISTICA)

TOSCHI UMBERTO (IMOLESE CALCIO 1919SSDARL)

DIFFIDE

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

TRONCOSSI FEDERICO (ALFONSINE F.C.)

DI GIULIO SIMONE (BOCA SAN LAZZARO SRL)

BALLARIN GIOVANNI (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

BENDONI THOMAS (CESENATICO CHIMICART A.D.)

FARABEGOLI ANDREA (CESENATICO CHIMICART A.D.)

MAGRI TOMMASO (COPPARESE)

ALPI LUCA (DOZZESE A.S.D.)

OLIVA PIERFRANCESCO (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

BERTI MATTIA (MASSA LOMBARDA)

FERRIERO RICCARDO (SASSO MARCONI)

BERARDI FEDERICO (TROPICAL CORIANO)

Tropical: su la testa!! Dopo il ko di Cervia, domenica i biancorossoblù saranno chiamati al riscatto contro il Sasso Marconi ultimo in classifica Rialzare la testa e ripartire. Questo è quello che dovrà fare immediatamente il Tropical dopo la parentesi negativa di Cervia. Occorrerà ricominciare dal secondo tempo del "Todoli", da quella grinta e da quella determinazione che per poco non fruttava 1 punto, fino a quel momento a dir poco insperato anche se l' approccio alla gara dovrà essere completamente diverso: nei primi 45 minuti infatti i biancorossoblù erano stati autori della gara più brutta da 3 anni a questa parte. Ma non c'è tempo per pensare, perchè domenica arriverà al "Grandi" il Sasso Marconi, fanalino di coda del campionato e quindi bisognoso di punti salvezza. Bisognerà vincere, senza se e senza ma e lo si dovrà fare senza il play "Chicco" Berardi, sicuramente indisponibile per la gara di domenica, causa la distorsione alla caviglia rimediata a Cervia


20/10/2008

Il Riccione passeggia sul Low Ponte
Il Del Conca è sempre primo, la Copparese insegue

Il Riccione sfodera una bella prestazione e va a vincere 3-1 sul campo del Low Ponte. La squadra di casa parte bene e passa in vantaggio con Macan al 13’, ma poco prima della mezz’ora rimane in 10 per l’espulsione di Frisari. In inferiorità numerica, riesce a tenere il passo del Riccione fino all’intervallo, ma nella ripresa, grazie all’innesto di Caminati e Dall’Aglio, il Riccione diventa inarrestabile e con tre gol del sua attaccante ribalta il risultato e guadagna tre punti preziosi.

Sorte inversa invece per il Tropical Coriano, che in casa del Cervia perde 2-1 a causa di un black-out di due minuti, quelli sufficienti a Rafael per realizzare una sua personale doppietta. Sono i primi minuti quelli fatali alla squadra di Coriano, che forse non erano preparati per un inizio così veemente del Cervia. Al 4’ Rafael trova l’incornata giusta per battere Guerra, e un solo minuto dopo ancora Rafael devia in porta un assist dalla fascia. Tramortito dall’1-2 il Tropical fatica a mettere ordine in campo e nella testa, lasciando gioco al Cervia che impegna ancora il portiere ospite Guerra. Nella ripresa il Coriano non è ancora lucido, e il Cervia sfiora il raddoppio in almeno tre occasioni. E’ però il Tropical ad accorciare su rigore, questa volta realizzato da Colonna al 37’. Mancano pochi minuti alla fine è il Coriano tenta il tutto per tutto costringendo il Cervia a difendersi con le unghie e con i denti, ma il risultato non cambierà. Cervia batte Coriano 2-1.

 

Il Massalombarda incappa in un pareggio contro il Calderara, che nulla fa se non l’unico gol che le regala il prezioso punto. Al via fischiato dall’arbitro, il Calderara indovina il contropiede giusto e passa in vantaggio con Frisenda al 6’, dopodiché sarà il Massalombarda a fare gioco e ad impadronirsi del campo. Per oltre 84’ minuti la squadra di casa le proverà tutte per portare a casa i tre punti, colpendo un palo, realizzando il gol del pareggio ma vedendosi annullati anche due gol per fuorigioco alquanto dubbi, oltre ovviamente alle grandi parate del portiere ospite Donini. Una gara maledetta per i padroni di casa, che comunque riescono a pareggiare, e una bella iniezione di fiducia per il Calderara.

Sorte avversa anche per il Cesenatico, che contro un Boca imbottito di giovani, incassa una sconfitta per 3-2. E’ la squadra di casa di San Lazzaro a passare in vantaggio una prima volta con Tonelli al 12’, ma dura solo un minuto, il tempo di ripartire da centrocampo che Teodorani ristabilisce la parità. Il Cesenatico preme di più e il Boca sfrutta il contropiede come al 22’, con Di Giulio che parte sul filo del fuorigioco (oppure l’arbitro non lo vede), e arriva solo davanti al portiere riuscendo a realizzare. Il Cesenatico non demorde e cerca il pareggio, ma la difesa non è attenta e al 31’ arriva il terzo gol con Tonelli. Nella ripresa la squadra ospite entra in campo con un piglio diverso, e costringe nella sua area il Boca. Al 4’ Salzano trova il gol del 3-2, ma per il resto della gara, nessun’altro riuscirà a superare la difesa di casa e i guantoni del bravo portiere Giovannini. Un passo indietro per il Cesenatico che paga a caro prezzo alcune disattenzioni difensive.

 

La Copparese riesce a vincere sul filo di lana una dura sfida contro una sfortunata Imolese fermata dai pali. Sembrava tutto facile per la squadra di casa, in vantaggio già al 2’ minuto su rigore trasformato da Mazzacani e raddoppio al 9’ con Biliotti. Dopo dieci minuti di gioco la squadra di Copparo era in vantaggio per 2-0, e forse è stata questa facilità di trovare il gol che ha quietato gli animi bellicosi della squadra. Alla mezz’ora Toschi accorcia per l’Imolese, che sfiorerà il pareggio sempre con Toschi questa volta però fermato dal palo. Ma bastano 10’ minuti nella ripresa e ancora Toschi trova il pareggio. L’Imolese alza ancora il baricentro costringendo la Copparese nella propria a rea, ma ancora un palo all’89’ nega la vittoria alla squadra di Imola. Gol sbagliato gol subito, recita un vecchio proverbio del calcio, ed ecco che puntualmente al 90’ arriva il terzo gol della Copparese con Biliotti. Con questi 3 punti la Copparese rimane ben salda al secondo posto.

Al primo posto rimane il Del Conca, che vince 3-1 sulla Savignanese in una bella gara piena di spunti pericolosi. Le due squadre non si nascondono dietro a dei tatticismi, e fin dalle prime battute sfiorano il gol del vantaggio. La prima a concretizzarne uno è il Del Conca al 29’, ma già al 38’ la Savignanese pareggia il conto, a dimostrazione che è stata una partita alquanto vivace. Nella ripresa ancora occasioni da ambo le parti, ma un rigore a favore del Del Conca realizzato da Marani spezza l’equilibro, costringendo la Savignanese a scoprirsi in cerca del pareggio, permettendo al Del Conca la terza rete a tempo ormai scaduto con Bacchini. Il Del Conca si gode la vetta che mantiene saldamente, mentre la Savignanese è ancora in cerca della prima vittoria, ma se saprà giocare sempre così non tarderà di sicuro.

 

La Dozzese acciuffa un pareggio al 92’ ai danni dell’Alfonsine, che deve ringraziare il proprio portiere Faedi per aver difesa la porta da un risultato ben peggiore. Nel primo tempo le due squadre si equivalgono e il risultato non si sblocca. Nella ripresa invece un veloce contropiede di Petrascu al 11’ regala il vantaggio all’Alfonsine. La Dozzese prova e riprova a pareggiare , ma Faedi si oppone in tutti i modi. Anche Agboton al 37’ si fa parare un rigore, ma il gol è nell’aria e arriva al 47’ con Baroncini, che per lo meno rende giustizia all’impegno profuso dalla squadra.

A Faenza un Forlì corsaro vince 1-0 e mantiene inalterato il distacco dalla vetta. Sono passati solo 7 minuti quando Muratori trova la deviazione vincente alle spalle di Gozzi. Il Faenza reagisce, ma non trova la porta avversaria, mentre il Forlì costringe Gozzi a parate sempre più difficili. Nella ripresa ancora Gozzi salva dal raddoppio la propria porta sul tiro di balestra, mentre il Faenza latita un po’. Al 60’ la squadra di casa rimane anche in 10 per l’espulsione di Oliva, e forse a quel punto scatta l’orgoglio di lottare anche contro la sfortuna e preme sull’acceleratore, colpendo anche una traversa con Paglialonga. Purtroppo per loro tutti gli sforzi degli ultimi minuti rimangono vani, e il Forlì può esultare per l’importante vittoria in trasferta.

 

Anche il Fusignano vince la propria gara in trasferta a spese del Sasso Marconi, sempre fermo a due punti. La partita nel primo tempo è tutta tattica, con le squadre racchiuse in un fazzoletto attente al fuorigioco, così la gara si riduce a due tiri da fuori di Samsak, anche se molto pericolosi. Nella ripresa arriva il gol del Fusigano: Bassani batte una punizione, nessuno riesce ad intervenire per la deviazione vincente e la palla si insacca da sola beffando il portiere. Sotto di un gol il Sasso Marconi non sa reagire e subisce anche la seconda rete con Foschini. Solo allora il Mister Farneti mescola le carte e fa qualche variazione nella formazione, variazione che porta al gol Bencivenni al 32’. Nei restanti minuti il Sasso Marconi effettua un forcing nell’area avversaria, ma il Fusignano difende con attenzione e porta a casa i suoi tre punti.

 

Prosider Low Ponte - Riccione 1-3 PROSIDER LOW PONTE: Cancelliere, Romboli, Spani, Garavini (25' Acquaviva), Giovane, Frisari, Meini, Lemma, Macan, Galdiolo (46' Mara), Lagonegro (46' Orlandini). All. Delli Carri VALLEVERDE RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Filocomo (55' Caminati), Lapi, Lepri, Patregnani (75' Guerra), Domini, Tolomeo, Mazzoli, Cavoli (55' Dell'Aglio). All. Aresu Arbitro: Rubino di Reggio Emilia Reti: 13' Macan, 68', 75' e 95' Dell'Aglio Note: espulso Frisari al 25' — RAVENNA — CON UNA tripletta dello scatenato Dell'Aglio, entrato in avvio di ripresa al posto di Cavoli, la Valleverde Riccione ha conquistato i tre punti sul campo della Prosider. E dire che i ravennati erano andati in vantaggio al 13' con un colpo di testa di Macan. Poi al 25' l'esulsione di Frisari per fallo da ultimo uomo. Al 35' prodezza di Cancelliere che nega il gol a Tolomeo; segnatura sfiorata anche da Patregnani. Nella ripresa sale in cattedra Dell'Aglio. Al 23' incursione sulla fascia di Patregnani, cross al centro per Dell'Aglio che segna con una girata al volo. Al 30', la doppietta personale con un bel tuffo di testa e al 95', in contropiede, il terzo gol ospite, con Dell'Aglio ben servito con un cross dalla sinistra.

Copparese - Imolese 3-2 COPPARESE: Finessi, Conficconi, Magri, Mazzacani, Ballacci, Trajkovic, Biliotti, Tralli, Tripepi, Giuriola, Grassi (17' s.t. Belluzzi). All.: Mastrocinque. IMOLESE: Dirani, Onori, Venturi (43' s.t. Biavati), Poggi, Ercolani, Donattini, Borini ( 25' s.t. Poli), Falco, Toschi, Muzzi, Raschetti (17' s.t. Monti). All.: Menghi. Arbitro: Dall'Oco da Finale Emilia. Reti: al 3' p.t. Mazzacani (R), al 9' p.t. e al 45' s.t. Biliotti, al 29' p.t. e al 10' s.t. Toschi. Note: ammonirti Magri, Ballacci, Tralli, Toschi. Espulso Poggi al 46' s.t. COPPARO - Ci ha provato anche stavolta l'Imolese a rovinare la festa della Copparese. Ma ieri la squadra di Menghi non ha fatto i conti con Biliotti. Al 45' della ripresa sul 2-2, con i rossoblu rimontati due volte, sugli sviluppi di un corner l'ex spallino si è inventato una splendida rovesciata nell'area piccola che ha fatto esplodere di gioia il "Preziosa". Sarebbe stata una beffa pareggiare dopo tutte le occasioni create ma l'Imolese ha reso vita dura a Grassi e compagni. Eppure la gara sembrava in archivio già al 9' del primo tempo. Al 3' Mazzacani portava in vantaggio la Copparese su rigore dopo una magia di Giuriola, steso in area fra tre difensori. Subito dopo Grassi dal fondo crossava al bacio per la testa di Biliotti che schiacciava in rete indisturbato. Con i padroni di casa in grande spolvero Grassi falliva (respinta miracolosa di Dirani) il 3-0 dopo un assist generoso di Biliotti. Dalla rete che poteva chiudere la gara a quella che l'ha riaperta: al 29' Toschi si batteva bene in area ma Finessi lo favoriva con un'uscita avventata; il pallonetto dell'attaccante finiva così in rete. Momento di sbandamento in difesa e ancora Toschi, su azione di Muzzi, centrava in pieno il palo. Poi toccava a Biliotti sbagliare la rete della sicurezza con un tiro alto di poco. Così al 10' della ripresa Toschi firmava il pareggio con un grande stacco di testa fra Ballacci e Trajkovic. Nel concitato finale Imolese vicina addirittura al vantaggio con un palo esterno di Poli al 44'. Solo 1' dopo però la magia di Biliotti descritta prima.

E' già la seconda volta che negli spogliatoi della Copparese si esulta per un gol al 90'. Questa volta è stato Emiliano Biliotti a regalare la vittoria ai suoi con una splendida rovesciata: «Mi fa piacere la mia prima doppietta qui a Copparo - spiega l'ala rossoblu - ma sono ancora più felice per la rete che ci ha dato la vittoria. Devo ringraziare i compagni per gli assist preziosi, oggi ci siamo mossi bene e potevamo chiudere la gara già nel primo tempo con tre-quattro gol. Poi un episodio e il gol del pareggio nella ripresa ci hanno penalizzato. Lì la squadra ha accusato a livello mentale la rimonta ma siamo poi stati bravi a recuperare e a credere nella vittoria fino alla fine. Complimenti comunque all'Imolese che è un'ottima squadra». Il gol della vittoria è arrivato ancora una volta in zona Mastrocinque. «Fa lo stesso, chiamatelo come volete, l'importante è che sia arrivato - commenta divertito l'allenatore della Copparese - sono i tre punti quelli che contano alla fine e oggi sono arrivati. C'è voluto un finale vietato ai cardiopatici ma alla fine credo che sia stata premiata la squadra che ha giocato meglio e creato più occasioni. Sarebbe stata una beffa perdere due punti dopo tutto quello che avevamo creato, specialmente nel primo tempo. Una frazione da incorniciare dove però non abbiamo chiuso la gara, poi abbiamo sbagliato sul loro primo gol mentre il raddoppio è stata un'azione pregevole. Noi ci siamo ripresi e abbiamo mantenuto la nostra mentalità fino al 90'». Felicissimo naturalmente anche il presidente della Copparese: «Sono contento della squadra, abbiamo un ottimo gruppo e un fuoriclasse in panchina - afferma Gabriele Montanari - stiamo giocando bene e sono fiducioso; mantenendo questa mentalità possiamo andare lontano».

Sasso Marconi - Fusignano 1-2 SASSO MARCONI: Giaroli, Chiapparini, Nugara; Brancaccio, Bonetti, Corvino; Gardosi (65' Ferriero), Mancuso, Bencivenni, Tacconi, Livi (60' Gavaruzzi). A disposizione: Soldati, Puopolo, Scarpuzza, Gezdari, Cazzola. Allenatore: Farneti. FUSIGNANO: Bartolini, Piticchi, Baldini; Agrusti, Onestini, Pressi; Pellicanò (46' Ricci M.) Foschini, Ricci S. (85' Conficconi), Samsak, Bassani. A disposizione: Grandi, Baroncini, Fabbri, Abdoulani, Gatta. Allenatore: Orecchia. Arbitro: Salvatori di Rimini. Assistenti: Preti di Imola e Ciserchia di Cesena. Marcatori: Bassani 57' (F), Ricci S. 70' (F), Bencivenni 77' (S) Note: campo perfetto, spettatori un centinaio, calci d'angolo 4 a 3, ammoniti Bonetti, Tacconi, Foschini e Agrusti. Ancora KO il Sasso. Dopo le sconfitte interne subite dall'Imolese e dal Forlì, i ragazzi di Franco Farneti, ancora a digiuno di vittorie e ultimi in classifica con soli due punti, ieri sono stati battuti in casa dal Fusignano per 2 a 1, peggiorando la loro già delicata situazione. E' stata una partita giocata a ritmo elevato, con gli ospiti che sono partiti molto forte, andando vicinissimi al gol al 23': hanno colpito un palo pieno con Foschini. Quanto ai padroni di casa, dopo lo scampato pericolo hanno cercato di organizzarsi, creando buone opportunità per andare a rete al 39', al 42' e al 44', ma Livi, Gardosi e Bonetti non le hanno sfruttate. Nella ripresa, ospiti ancora determinati a portarsi in vantaggio, e ci sono riusciti al 12' con Bassani direttamente su punizione. Nell'azione, però, Mancuso era finito a terra dolorante in uno scontro fortuito con un avversario ed i sassesi si aspettavano che gli ospiti mettessero la palla fuori. Invece l'azione è proseguita e Bonetti ha poi commesso fallo su Bassani, che ha trasformato in gol la punizione. Inutili le proteste dei locali. Al 25' il Fusignano ha raddoppiato con Ricci, che ha spedito alle spalle di Giaroli un pallone lavorato da Bassani, mentre sette minuti dopo i locali hanno dimezzato le distanze con Bencivenni, su suggerimento di Tacconi. A quel punto il Sasso si è buttato in avanti alla disperata per cercare di raddrizzare la baracca, ma non c'è riuscito, anche perché al 45' Tacconi è stato fermato per un dubbio fuorigioco quando si trovava tutto solo davanti al portiere Bartolini.

Del Conca - Savignanese 3-1 DEL CONCA: Foiera, Nucci (64' Marani), Martini, Cangini, Ticchi, Perazzini, Santoni, Lisi, Protti (83' Turchi), Paganelli, Bacchini (90' Rossi). All. Tentoni SAVIGNANESE: Tentoni, Ceppini, Basini, Bartolini, Fantini, Tamburini, Pasolini, Lucchi (77' Mariani), Merloni, Zagnoli, Tozzi (64' Casadei). All. Farneti. Reti: 29' Protti, 38' Tozzi, 69' Marani (rig.), 89' Bacchini Il Del Conca mantiene la testa della classifica, con 6 vittorie su sette gare disputate. Miglior attacco (18 reti), seconda miglior difesa (5 reti subite), nessuna sconfitta, unica squadra che ha sempre segnato in ogni gara: il Del Conca merita la testa della classifica. Però non è stato facile battere la Savignanese, in cui mancava Buonocore (influenzato) e Marani inizialmente era in panchina reduce dalle gare con la Nazionale di San Marino. Parte forte il Del Conca che sfiora la rete in tre occasioni con Paganelli e Protti intervallato da una conclusione di Zagnoli respinta da Foiera. Al 29' Protti con un colpo di testa porta in vantaggio il Del Conca. Al 38' il pareggio della Savignanese per merito di Tozzi (deviazione su tiro di Lucchi), protesta il Del Conca per la dubbia posizione del giocatore ospite. Al 66' Lisi su punizione colpisce la traversa e al 69' contatto in area fra Ticchi e Merloni, l'arbitro decreta il rigore per i locali fra le proteste. Marani dal dischetto realizza il 2-1 e in chiusura Bacchini fa il 3-1 in contropiede con uno splendido tiro.

Massalombarda - Calderara 1 - 1 E da oggi lo possiamo ufficialmente dire. Il "Dini e Salvalai" rimane per i padroni di casa un campo stregato dove regna l'impossibilità di uscire dal campo con una vittoria. Ne e' una conferma oggi, contro un Calderara sicuramente non trascendentale, dove i bianconeri non riescono ad andare più in la di un pareggino. Il film della partita e' molto semplice: Il Massalombarda tenta di fare la partita, mentre il Calderara cerca difendersi affidandosi a qualche contropiede per rendersi pericoloso; ed e' proprio uno di questi contropiedi dopo 5 minuti di gioco a portare in vantaggio il Calderara , complice un errore della difesa, che permette al giovane attaccante bolognese di trovarsi a tu per tu con Monterastelli e batterlo dopo averlo messo per terra. Passata la doccia fredda iniziale, i bianconeri dopo riessersi assestati con un più ottimale 4-4-2 ( la squadra si era infatti presentata in campo con un più "esotico" 4-1-4-1) cominciano a macinare gioco e occasione su occasione riescono grazie a una Bella percussione centrale di Yuri Berti a trovare il goal del meritato pareggio( siamo a 35° minuto). La ripresa riprende confermando il film visto alla fine del primo tempo e l'impressione e' quella di vedere prima o poi la palla gonfiare la rete della porta difesa dal portiere bolognese. Ma purtroppo ciò non accade e a fine della partita sono almeno 7 le nitide occasioni avute per portarsi a casa i 3 punti, ma tra il portiere che compie almeno 3 mezzi-miracoli, il guardalinee che sbandiera un fuorigioco che non aveva senso esistere, un goal fantasma da moviola, un goal annullato per gioco pericoloso e mettiamoci anche qualche errore di mira ecco che ci si deve accontentare di un misero punticino che porta più rabbia che altro. Colpa dell'arbitro? del guardalinee ? della disattenzione difensiva? Dei tanti infortuni ( 5!!) ? dei goal clamorosamente sbagliati? Potremmo, trovare 3mila motivi per la delusione di oggi, ma quello che posso dire e' che non e' giusto nascondersi quest' oggi dietro ad un alibi. Oggi sono 2 punti persi e questo e' tutto, perciò facciamoci tutti un piccolo esame di coscienza per capire dove migliorare e chissà che lavorandoci su questa Maledizione del Salvalai possa finalmente sgretolarsi. Il Migliore: Yuri Berti. Autore del goal e molto altro ancora. Regala grandi giocate sia a destra che a sinistra unendo corsa a una buona tecnica. Speriamo di tenerci questo Berti il più tempo possibile.
 

Dozzese - Alfonsine 1-1 DOZZESE: Moruzzi, Cascone, Alpi, Brunetti, Baroncini, Facchini (dal 75° Carboni), Cappiello (dal 70° Barbieri), Bonini, Giorgi, Neri, Agboton. A Disp.: Pandolfi, Caroli, Pierri, Bertozzi, Tozzoli. All.: Buccioli. ALFONSINE: Faedi, Troncossi, Bianchedi, Di Tuccio (dal 75° Lanconelli), Donati, Lagorio, Petrascu (dal 90° Ricci), Miserocchi, Monti (dal 65° Siuni), Innocenti, Callegari. A Disp.: Casadei, Mondardini, Belli, Cosenza. All.: Evangelisti. Marcatori: 11° st Petrascu (1-0), 47° st Baroncini (1-1). Ammoniti: DOZZESE: Alpi al 60°, Baroncini al 32°, Facchini al 30°. ALFONSINE: Troncossi al 60°, Di Tuccio al 70°. Arbitro: Gandolfi di Modena. Assistenti: Benigno di Ferrara e Puglisi di Reggio Emilia. DOZZA. Il pareggio è il risultato sostanzialmente giusto per la gara che Dozzese ed Alfonsine hanno disputato a Monte del Re. I padroni di casa hanno avuto il merito di crederci fino alla fine, nonostante il rigore fallito al 37° della ripresa. Occasione che avrebbe potuto tagliare le gambe, ma i gialloblu di Andrea Buccioli hanno avuto, ancora, la forza di recuperare al 47° grazie alla rete di Baroncini. La gara nel primo tempo è tatticamente bloccata. Dopo una fase di studio, è l’Alfonsine a prendere in mano le redini della partita, ma al predominio territoriale non corrispondono occasioni importanti. Al 10° punizione dalla tre quarti di campo di Innocenti. Moruzzi non trattiene e Callegari spara alto sul rimpallo. AL 37° è Petrascu che tira dal limite, ma Moruzzi controlla. Gli ultimi 10 minuti del tempo vedono una Dozzese più intraprendente che chiude in attacco. Nella ripresa, al 1° è Agboton a tirare volo in area: Faedi controlla il debole tiro. Al 10° fiammata dell’Alfonsine: da 25 metri la punizione di Lagorio viene respinta da Moruzzi e sulla ribattuta il colpo di testa di Petrascu viene sventato sulla linea di porta da Cappiello. All’11° la Dozzese sbanda: su un ribaltamento di fronte, Petrascu viene servito in profondità e defilato sulla destra batte imparabilmente Moruzzi. La Dozzese recrimina per un presunto fuorigioco di Pertascu e per il comportamento antisportivo visto l’infortunio a Brunetti steso al limite dell’area romagnola. La rete al passivo scuote i padroni di casa che iniziano ad affacciarsi nell’area ospite con maggiore intraprendenza. Al 28° ci prova ancora l’Alfonsine con Callegari che spara di poco fuori. La Dozzese ha una buona occasione con Barbieri che spara di poco alto da 25 metri. Al 37° punizione laterale per la Dozzese: Donati cintura Baroncini e l’arbitro decreta il penalty. A sopresa a battere Agboton che si fa ipnotizzare da Faedi. Per la Dozzzese è una doccia fredda. Ad un passo dal baratro, la Dozzese prova si rialza grazie al solito Baroncini che, al 47°, ribadisce in rete una punizione dal limite di Giorgi su cui Faedi non sembre impeccabile. La Dozzese può tirare un sospiro di sollievoe guardare ai prossimi impegni con fiducia.

Cervia - Tropical Coriano 2-1 Marcatori: 5' pt e 6' pt Rafael (CE), 38' st rig. Colonna (TC) CERVIA 1920 (4-3-3): 1 Bertaccini; 2 MIssiroli, 6 Bondi, 5 Lessi (dall' 8' st Girri), 3 Olivieri; 10 Garroni (dal 21' st Casetti), 4 Troiano, 8 Spagnoli; 7 Zaghini (dal 30' st Delvecchio), 9 Sabbadini, 11 Rafael A disposizione: 12 Pieri, 13 Storti, 15 Rossi, 17 Fratta Allenatore: Marino Baldazzi TROPICAL CORIANO (4-5-1): 1 Guerra S.; 2 Colonna, 6 Zanzani, 4 Babbini, 3 Buldrini; 11 Guerra L. (dal 1' st Saccani), 10 Chiaravalloti (dal 30' st Ghiselli), 8 Berardi (dal 45' pt Pacassoni), 10 Chiaravalloti, 7 Poziello ; 9 Baldinini A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Costantini, 17 Casadei, 18 Angelini Allenatore: Achille Fabbri Arbitro: Galvani di Parma Assistenti: Medri ed Orsini di Parma Ammoniti: Lessi, Troiano ed Oliveri (CE); Chiaravalloti, Zanzani, Buldrini, Colonna, Berardi e Montanari (TC) Espulsi: / CERVIA. Il Tropical torna dal "Todoli" a mani vuote. L'inizio shock dei biancorossoblù ha pesato moltissimo. La doppietta di Rafael (autore di due gol nel giro di 1 minuto), è quella che poi ha deciso la gara. Oltre al danno, anche la beffa, perchè il Tropical dopo un tempo è costretto a rinunciare, oltre allo squalificato Tentoni, pure a "Chicco" Berardi, uscito con una caviglia malconcia dopo un banale scontro di gioco a centrocampo con Spagnoli. Cosi, il timido risveglio dei corianesi, non è servito per evitare la terza sconfitta stagionale. Per sopperire appunto all'assenza di "Tento", mister Achille Fabbri lascia sorprendentemente in panca Pacassoni e gli preferisce Montanari; il resto rimane invariato. Pronti via ed il Tropical rimane negli spogliatoi; il Cervia attacca, pressa, morde le caviglie, mentre i corianesi intimiditi ed impauriti non possono fare altro che guardare Rafael andare a segno due volte. Il primo gol lo realizza su corner di Spagnoli, ma non è una rete difficile, perchè il brasiliano lasciato colpevolmente solo, ha tutto il tempo di guardare la sfera, prendere la mira e infilarla sotto la traversa, li, dove Guerra non ci può arrivare. 50 secondi dopo, palla a Spagnoli sulla destra, taglio centrale per Rafael che sottoporta fa 2 a 0. A questo punto si attende la reazione del Tropical, che però non arriverà mai. Anzi al 14' Oliveri ha l'opportunità di chiudere già la gara, ma il suo sinistro rasoterra da dentro l'area è deviato d' istinto di piede da Guerra. 5 minuti dopo Sabbadini scappa via a Babbini, salta Guerra in uscita, si defila e calcia verso la porta, il difensore corianese salva sulla linea di porta. C'è solo una squadra in campo, i ragazzi di mister Fabbri paiono non avere energie per reagire. L' unico pericolo lo crea Colonna al 20' su punizione, la sfera termina a lato di poco sotto lo sguardo vigile di Bertaccini. Ma è solo un'illusione, è ancora il Cervia infatti ad andare vicino al terzo gol; al 29' infatti Garroni serve Rafael sulla sinistra, il brasiliano si accentra, prova la conclusione a giro sul palo lungo, ne viene fuori però un tiro che non impensierisce il povero numero 1 corianese. Poi come detto, Berardi è costretto a lasciare il campo, causa una distorsione della caviglia. Domani verranno effettuati degli esami per stabilire l'entità dell' infortunio. A questo punto non resta che sperare di arrivare all'intervallo sullo 0 - 2 (magra consolazione ma...), e cosi sarà. Durante la pausa Achille Fabbri prova ad inventarsi qualcosa nel tentativo di ribaltare una gara che sembra ormai più che compromessa. Fuori dunque uno spaesato Lorenzo Guerra dentro Saccani, mentre Buldrini avanza sulla destra, con Montanari terzino. Anche nel secondo tempo però il Tropical non tira mai verso la porta avversaria. I padroni di casa controllano senza problemi e la gara sembra scivolare via. L'unico pericolo il Tropical lo crea ancora su calcio da fermo, ma il tiro di Babbini dai 25 metri è fuori di poco. Poi al 38' un po' di luce: Baldinini si destreggia in area, Bondi non riesce a fare altro che stenderlo, è rigore. Questa volta è il turno di capitan Colonna, che si presenta sul dischetto e realizza un gol perfetto, spiazzando imparabilmente Bertaccini. E' una rete inutile però, perchè nei rimanenti minuti di gara i biancorossoblù non impensieriscono mai la squadra cervese ed ecco arrivare cosi la terza sconfitta su quattro trasferte. A dire il vero, errori e gol iniziali a parte, il Cervia si è dimostrato superiore, perchè dotato di giocatori di qualità e perchè il passo dei giocatori di Baldazzi era decisamente diverso; gli avversari arrivavano prima sul pallone, specialmente nel primo tempo. Certo, l'amaro in bocca rimane, perchè alla fine magari, con un pizzico di fortuna in più, si poteva portare a casa anche un punto, ma se in 90' si creano solo due occasioni da rete, oltretutto su calci di punizione, allora il dato è veramente allarmante. Approccio alla gara più che sbagliato dunque e stavolta non si è potuto contare nemmeno su Poziello, veramente giù di tono oggi, anche se il suo stop di tacco e dribbling al 14' pt su Missiroli, merita una citazione, anche in una giornata nera come questa. Domenica altra sfida importantissima contro il fanalino di coda Sasso Marconi. Visto che fuori casa i punti non si fanno, bisognerà assolutamente vincere domenica, per continuare la cavalcata salvezza. Sperando soprattutto di recuperare Berardi il prima possibile.

Faenza - Forlì 0-1 FAENZA: Gozzi, Melandri, Taddei (52' Dal Monte), Rossi, Palmieri, Paglialonga, Menichetti (20' Errani), Oliva, Dell'Anno, Pezzi (70' Manaresi), Salomone. All. Giordani. FORLì: Chiadini, Brighi, Baldinotti, Cuttone (65' Gualdi), Magni, Magnani, Spighi, Balestra (56' Mordini), Ceschi, Sozzi, Muratori (77' Biserna). All. Scardovi. Arbitro: Guidi di Imola. Reti: 7' Muratori. Note. Ammoniti: Oliva, Cuttone, Spighi. Espulso Oliva al 60'. Spettatori 500 circa, con folta rappresentanza ospite. FAENZA - Il Forlì porta a casa i tre punti; il Faenza ancora una volta gioca una buona partita e produce più occasioni da rete rispetto ai cugini biancorossi, ma non raccoglie nulla. Questa la sintesi di un derby discreto, giocato davanti ad un folto pubblico, che al "Bruno Neri" non si vedeva da qualche anno, dai tempi della serie C2. Appena il tempo di prendere le misure agli avversari, che al 7' il Forlì passa in vantaggio. Sozzi recupera palla sulla fascia, entra in area e serve un passaggio filtrato per Muratori, il quale indisturbato, a cinque metri dalla porta biancazzurra, insacca alle spalle dell'incolpevole Gozzi. Al 16' il Faenza reagisce. Paglialonga serva un ottimo pallone in profondità a Salomone, che brucia nello scatto il suo avversario diretto, ma una volta arrivato davanti alla porta avversaria spara alto sopra la traversa. Al 31' calcio d'angolo per gli ospiti battuto da Balestra e colpo di testa pericoloso di Cuttone di poco sopra la traversa. Due minuti dopo il Forlì si rende nuovamente pericoloso: fuga sulla destra di Muratori, che entra in area e calcia bene in diagonale, ma Gozzi è bravo a respingere in tuffo. Negli ulimi dieci minuti del primo tempo è il Faenza a premere maggiormente, senza però impensierire più di tanto i biancorossi. Ripresa. Al 53' calcio di punizione di Balestra dai quindici metri a scavalcare la barriera e bella respinta di pugni di Gozzi che salva dallo 0-2. Al 60' il Faenza resta in dieci per l'espulsione di Oliva, per fallo su cutton a terra. La partita sembrerebbe chiusa, invece nell'ultima mezz'ora sono i biancazzurri a tenere il pallino del gioco ed a sfiorare ripetutamente il pareggio. Al 75' l'occasione più clamorosa. Punizione tre metri fuori dall'area rigore battuta da Paglialonga e palla sulla traversa, con Chiadini messo fuori causa. All'85' Mordini colpisce di testa su cross di Dell'Anno: la palla, schiacciata a terra, esce di pochissimo a lato sulla destra di Chiadini. Anche nei minuti di recupero il Faenza continua disperatamente ad attaccare alla ricerca del pareggio, senza però trovare la via del gol.

Boca San Lazzaro - Cesenatico 3-2 Marcatori: 11’ Tonelli, 12’ Teodorani, 22’ Di Giulio, 32’ Tonelli, 48’ Salzano. Boca San Lazzaro: Giovannini, Guiduzzi (89’ Nobile), Di Giulio, Calabrese, Leone, Cazzola, Paselli (67’ Dozzi), Cacciari, Tonelli (74’ Italia), Rispoli, Picchi. All. Poli Cesenatico: Farsoni, Facondini, Bendoni, Antoniacci, (46’ Micheli), Righi, Farabegoli, Teodorani, Zavattini, Salzano, Fattori, Gualtieri (72’ Franchini). All. Farsoni. Arbitro: Lodi di Piacenza. Note: giornata soleggiata, terreno in buono stato


18/10/2008

DESIGNAZIONI ARBITRALI - Giornata 07 - gare del 19/10/2008

 

 

Arbitro

Assistente 1

Assistente 2

BOCA S.LAZZARO

REAL CESENATICO

Lodi Gustavo
- Piacenza

Ballardini Christian
- Ravenna

Grillandi Elvis
- Faenza

CERVIA 1920

TROPICAL CORIANO

Pirriatore Graziella
- Bologna

Medri Mattia
- Cesena

Orsini Luca
- Faenza

COPPARESE

IMOLESE A.S.D.

Dall'oco Giacomo
- Finale Emilia

Biasini Lorenzo
- Cesena

Cannizzaro Alessandro
- Ravenna

DEL CONCA A.S.D.

SAVIGNANESE

Arbitro Cai
-

Gallo Alfonso
- Rimini

Capelli Ivan
- Cesena

DOZZESE A.S.D.

ALFONSINE F.C.

Gandolfi Daniele
- Modena

Benigno Massimo
- Ferrara

Puglisi Davide
- Reggio Emilia

FAENZA CALCIO S.R.L.

FORLI SRL DILETTANTISTICA

Guidi Marco
- Imola

Lodi Riccardo
- Bologna

Sodano Adriano
- Bologna

MASSALOMBARDA

CALDERARA 97 L.C.L.

Digioia Vito
- Ferrara

Rappazzo Gianluca
- Rimini

Ticci Alessandro
- Modena

PROSIDER LOW PONTE

VALLEVERDE RICCIONE SRL

Rubino Paolo
- Reggio Emilia

Ragazzini Massimo
- Forli'

Perrone Davide
- Imola

SASSO MARCONI

FUSIGNANO CALCIO

Salvatori Alessandro
- Rimini

Preti Davide
- Imola

Ciserchia Dario
- Cesena

PROSIDER LOW PONTE - VALLEVERDE RICCIONE

ULTIMA GARA CON INIZIO ALLE 15.30, CHE VEDE I BIANCAZZURRI DI MISTER ONORATO DOMENICA AL RIENTRO IN PANCHINA DOPO I DUE TURNI DI SQUALIFICA, CON IMPORTANTI NOVITA´ IL RIENTRO NELLA ROSA DEI CONVOCATI DI MANUEL MAZZOLI, E IL GRADUALE RECUPERO DI LUCA PATRIGNANI SCESO GIA IN CAMPO NELLA GARA INTERNA VINTA COL FAENZA. ARBITRO DELLA GARA IL SIG.RUBINO PAOLO DI REGGIO EMILIA.

Il Faenza al Neri contro il tabù Forlì Doppio tabù da sfatare domenica prossima per il Faenza Calcio, impegnato alle 15,30 al “Bruno Neri” nel derby contro il Forlì. Innanzitutto i biancazzurri, attualmente penultimi assieme a Low Ponte e Calderara, sono ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale, dopo tre pareggi ed altrettante sconfitte (per il Forlì, invece, terzo posto in classifica con un bilancio di tre vittorie, un pareggio e due sconfitte). In secondo luogo, la cabala dice che il Faenza non batte il Forlì in campionato da ben trentotto anni. L’ultimo successo dei manfredi risale al campionato di Serie D 1970. I successivi dieci confronti diretti hanno registrato cinque successi dei biancorossi e cinque pareggi. Alla vigilia tutto sembra quindi giocare a favore del Forlì, squadra sicuramente ricca di talento ed esperienza. Ci sono tuttavia alcuni aspetti che rendono fiducioso l’ambiente biancazzurro. Nelle ultime due partite la squadra di Giordani si è espressa su buoni livelli, nonostante abbia raccolto soltanto un punto: 2-2 interno contro l’Imolese e sconfitta per 1-0 a Riccione. L’inserimento di Salomone ha dato maggiore incisività all’attacco del Faenza, che è sicuramente in credito con la fortuna: fin qui molti problemi fisici hanno infatti reso difficile il suo lavoro. Soltanto negli ultimi giorni l’infermeria biancazzurra si è finalmente svuotata, fatto salvo per il brasiliano Mascarenhas, che dopo essere rimasto in lista d’attesa per quasi un mese, la prossima settimana dovrebbe essere operato al ginocchio lesionato. Tempi di recupero previsti: cinque mesi. Intanto, in settimana la società faentina ha rescisso il contratto con l’attaccante Cirillo, attualmente squalificato (per tre giornate, dopo la partita contro l’Imolese), che si è poi aggregato al Chieti. A proposito del derby col Forlì, mister Giordani dichiara: «Loro sono fra i favoriti alla vittoria del campionato. Hanno diversi giocatori di categoria superiore. Per fare risultato, noi dovremo giocare al massimo delle nostre possibilità». Fonte: Comunicato stampa Nella foto l'allenatore del Faenza, Giordani.

Boca San Lazzaro vs Cesenatico, il prepartita

Dopo la sconfitta esterna a Forlì il Boca torna a giocare tra le mura amiche del Kennedy contro il Cesenatico. Molte le assenze tra le file dei giallorossi: Ceresi squalificato, Ortiz e Tremamondo non ancora recuperati, Ancona e Ferrari che riprendono questo fine settimana nella squadra Juniores e in ultimo l'infortunio a Cataldi che ne avrà per un mese.

Tropical Coriano: toccherà a Paca? Messi in cassaforte tre punti pesantissimi contro una diretta concorrente per la salvezza, domenica il Tropical salirà a Cervia per tentare di metterne via altri contro la squadra di Marino Baldazzi. Campo difficile il "Todoli", ma la squadra vista nelle ultime uscite fan ben sperare. Non farà parte di questa trasferta Matteo Tentoni, che sarà fermato dal Giudice Sportivo per il rosso rimediato nell'ultimo turno contro la Dozzese. Assenza pesantissima certo, ma da quest'anno i biancorossoblù potranno contare su un giocatore di sicuro affidamento, ovvero quel Matteo Pacassoni poco utilizzato quest'anno (appena 24' minuti a Cesenatico), e quindi da considerarsi per ora un "rincalzo di lusso". (Tratto da http://www.juniorcoriano.com) Centrocampista dai piedi buoni con ottima visione di gioco, ragazzo dal carattere speciale dentro ma sopratutto fuori dal campo, l'ex Fontanelle (con un passato anche nelle file del Rimini, del Real Misano, del Fontanelle e nelle giovanili della Juventus), dovrà sfruttare a pieno l'assenza del suo compagno di reparto, per mettersi in mostra e dare una mano ai suoi compagni, anche se nell'ultima gara con la Dozzese "Paca" non è potuto andare nemmeno in panchina, causa un problemino al ginocchio che ne ha reso impossibile la convocazione. Ma comunque sia dovrebbe recuperare in tempo per Cervia. Sarebbe il giusto premio ad un giocatore che, nonostante il poco minutaggio concessogli da mister Achille Fabbri, non ha mai fatto volare una lamentela ed anzi, ha sempre lavorato duro e sudo per farsi trovare pronto in occasione come queste

Dozzese: arriva l'Alfonsine Per la settima giornata del Campionato di Eccellenza la Dozzese ospita allo stadio “L.Pezzi” di Monte del Re l’Alfonsine. La squadra allenata da Stefano Evangelisti ha conquistato fin qui 9 punti (2 vittorie, tre pareggi e una sconfitta), 9 reti segnate e 4 subite.In gol sono andati Petrascu (4), Callegari (2), Miserocchi, Donati, Innocenti. Della rosa dell’Alfonsine fanno parte i portieri Faedi (76), Casadei (89) e Cupane(91).I difensori: Donati (79), Lagorio (82), Bianchedi (83), Scarlatella (84), Mondardini (88), Carioli (90), Damassa (90), Troncossi (90), Vinci (91).I centrocampisti:Innocenti (80), Miserocchi (80) Callegari (81), Di Tuccio (81), Lanconelli (88), Monti (89), Siuni (89), Cosenza (90), Lippi (91). Attaccanti: Petrascu (82), Ricci (83), Placci (86).Gli acquisti dell’estate sono: Callegari dal Low Ponte, Lagorio, Donati e Bianchedi dal Faenza, Petrascu e Di Tuccio dall’Imolese, Ricci dal Forlì e il portiere Faedi dal Fusignano. La Società, fondata nel 1921, è presieduta da Daniele Alberani. Il Direttore generale è Samuel Gasperoni, il Direttore sportivo è Lauro Galli (l’anno scorso all’Imolese). Negli ultimi anni l’Alfonsine ha quasi sempre disputato il campionato di Eccellenza, in particolare dalla stagione ’95/96 a quella 2001/2002, poi la retrocessione in Promozione e il ritorno in Eccellenza l’anno successivo, 2003/2004. Nella Dozzese domenica mancherà per squalifica il portiere Turchi.


15/10/2008

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI SESTA GIORNATA

Il Giudice Sportivo, assistito dal rappresentante dell’A.I.A., BRUNO PASQUALI, ha adottato le decisioni che di seguito integralmente si riportano:

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 12/10/2008

 

A CARICO DI SOCIETA’

AMMENDA

Euro 250,00 VALLEVERDERICCIONE FC SRL

Perche' gruppi di tifosi insultavano, per buona parte dell'incontro, la terna arbitrale e la Lega Italiana Calcio.

Euro 150,00 PROSIDER LOW PONTE

Per intemperanze dei propri sostenitori.

 

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA FINO AL 29/10/2008

PREGNOLATO GIUSEPPE (PROSIDER LOW PONTE)

Per gravi proteste nei confronti dell'Arbitro

 

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

BALDUCCI MATTEO (CERVIA 1920)

SQUALIFICA PER UNA GARA

CERESI MASSIMO (BOCA SAN LAZZARO SRL)

MIGLIACCIO PIETRO (PROSIDER LOW PONTE)

TENTONI MATTEO (TROPICAL CORIANO)

 

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

LOMBARDINI MANUELE (CESENATICO CHIMICART A.D.)

TURCHI FILIPPO (DOZZESE A.S.D.)

PRATI MARCO (SASSO MARCONI)

 

DIFFIDE

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

SABBADINI MATTEO (CERVIA 1920)

TRAJKOVIC MARKO (COPPARESE)

LISI ALTIN (DEL CONCA A.S.D.)

RESTA ALESSANDRO (MASSA LOMBARDA)

FRISARI FABIO (PROSIDER LOW PONTE)

BRANCACCIO VINCENZO (SASSO MARCONI)

MANCUSO STEFANO (SASSO MARCONI)

BALDININI FRANCESCO (TROPICAL CORIANO)


13/10/2008

Faenza, manca la concretezza

Così come domenica scorsa, anche in occasione della partita esterna giocata dal Faenza sul campo del Riccione, la gran mole di gioco sviluppata non ha portato ad un risultato positivo e la compagine manfreda è tornata a casa a mani vuote.
Rossi, Pezzi e Salomone hanno profuso grande impegno ma non è bastato a raggiungere il Riccione che ha tenuto ben stretto un vantaggio conquistato con il minimo sforzo possibile. Un Bertozzi in giornata di grazia ha negato in più di un'occasione quel pareggio che, a detta di tutti, sarebbe stato il risultato più giusto. La squadra ha tenuto un costante possesso di palla ma ciò che ha fatto difetto è stata la scarsa propensione a concretizzare la gran mole di lavoro sviluppata dal centrocampo . Ora la classifica inizia a farsi preoccupante e l'appuntamento prossimo con il Forlì, squadra costruita per il salto di categoria, assume contorni infuocati. Il derby con i galletti manca da tempo ed arriva in un momento delicato, con i biancazzurri affamati di punti ed ancora incapaci di mostrare quel carattere e quella risolutezza necessari per risalire la china. Una vittoria servirebbe per incentivare una compagine che dimostra buone trame di gioco ma una sterilità preoccupante in attacco. Il solo Salomone, in gran spolvero, non può da solo risolvere problemi che iniziano a farsi preoccupanti.

Il Forlì vince ancora e sale al terzo posto
Il Del Conca incappa nel primo pareggio del campionato dopo cinque vittorie consecutive, e pur mantenendo la vetta della classifica, vede avvicinarsi con prepotenza la Copparese, ora distante solo due punti.

 E' il Fusignano la squadra che per prima è riuscita a bloccare l'avanzata del Del Conca, grazie a un pareggio per 2-2 maturato con due rigori a favore. E' grazie a un rigore che il Fusignano passa in vantaggio al 37' con Bassani, ma poco prima Buonocore per il del Conca si vede ribattere un tiro sulla linea di porta a portiere battuto. Nella ripresa il Del Conca sfodera gli artigli e già al 3' minuto raggiungre il pareggio con Buonocore, per poi passare in vantaggio con Bacchini al 23'. passano però pochi minuti e per un fallo in area l'arbitro decreta il secondo rifore a favore del Fusignano, rigore che ancora Bassani non sbaglia. Sul 2-2 ci sono ancora una ventina di minuti da giocare, ma nessuna delle due formazioni riuscirà più ad avvicinarsi al gol.

La Copparese si avvicina alla vetta andando a vincere in casa della Savignanese per 3-1, che ormai sembra essere entrata in un tunnel psicologico da cui sarà difficile uscirne. La squadra di Savignano gioca bene, e al 6' passa in vantaggio con Fantini, ma viene raggiunta da Stradaroli al 22'. Ad inizio ripresa però la difesa della Savignanese fa acqua e permette alla Copparese di realizzare due gol in 3 minuti, al 4' e al 7', grazie a delle ingenuità e disattenzioni. Sotto per 3-1 la squadra di Mr. Farneti cerca la reazione, ma è anche sfortunata. Al 27' c'è l'occasione per accorciare grazie a un rigore assegnato dall'arbitro, ma Bartolini se lo fa parare dall'ottimo Finessi, e sul finire di gara un tiro di Magnani incoccia sul palo. Vedremo se contro il Del Conca domenica prossima la squadra saprà reagire anche alla sfortuna.

Vince anche il Forlì che si ritrova così al terzo posto in classifica. La squadra da battere questa domenica è il Boca, ma non sembra così facile. Alla squadra di San Lazzaro bastano infatti 10 minuti per passare in vantaggio con Cataldi, che è il primo a riprendere una corta respinta del portiere. Il gol subito comunque provoca la reazione dei forlivesi che cominciano a premere e a creare diverse palle gol, finchè Ceschi trova lo spiraglio giusto per l'1-1. Prima del riposo il Boca rimane in 10 per l'espulsione di Ceresi (doppia amomnizione), e questa perdità vaforirà il Forlì nella ripresa. Al riavvio infatti, Sozzi al 6' trova il gol del vantaggio. Il Boca reagisce come può e reclama anche per un rigore negato, ma è il Forlì ancora a diminare e passa ancora al 36' con Biserna. Una vittoria quindi che restituisce fiducia alla squadra, e che la mette in una tranquilla posizione di classifica.

L'Alfonsine perde in casa del Cesenatico 2-1, e si fa raggiungere in classifica a 9 punti. Il Cesenatico fa tutto nel primo tempo, dove realizza due reti con Zavattini e Salzano, per poi controllare la gara anche nel secondo tempo. L'Alfonsine invece è apparsa poco pericolosa e con poche idee, realizzando il gol della bandiera solo a tempo scaduto e su punizione con Petrascu. Una vittoria che mancava al Cesenatico da diverse giornate, atteso domenica prossima dal Boca per la gara della conferma.

Avanza in classifica anche il Massa Lombarda, che va a vincere in casa del Low Ponte per 3-1. Al 5' minuto il Massa è già in vantaggio con Resta, ma viene ripreso da Vici al 16'. poco dopo il Low Ponte commette fallo in area e l'arbitro assegna il rigore espellendo il difensore. Rigore che poi Gardenghi realizza. Nella ripresa, sotto di un gol e con l'uomo in meno, la squadra di casa prova l'arrembaggio ma si espone al contropiede avversario, che puntulamente arriva al 13' con Mazzanti, che di fatto chiude la partita. Una vittoria importante per il Massa che la porta a metà classifica, mentre il Low Ponte continua la sua striscia negativa.

Prima vittoria per l'Imolese, che sul proprio campo supera il Cervia 1-0. Il gioco stenta ancora ad arrivare, e il gol arriva in una delle poche azioni pulite con Toschi. Il Cervia dopo il gol subito rimane anche in 10' per l'espulsione di Balducci, e gioca quindi tutta la ripresa in inferiorità numerica. Il Cervia offre ben pochi spunti propositivi, e cos' anche l'Imolese, per un risultato di stallo a centrocampo. Tre punti preziosi per l'Imolese e un passo indietro per il Cervia.

Il Riccione vince in casa 1-0 sul Faenza, in una gara mediocre e poco avvincente. Pur essendo in fondo alla classifica, il Faenza sembra giocare meglio dei rivali, ma il Riccione passa in vantaggio al 23' con Lapi in una delle poche incursioni offensive. Il Faenza prova e riprova anche se con non troppa lucidità a perforare la difesa riccionese, ma senza successo. Anzi, rischia di subire il raddoppio su contropiede a tempo scaduto, ma ormai sarebbe stato ininfluente sul risultato finale della partita.

Il Tropical Coriano continua nel suo assestamento nella nuova categoria e vince con la Dozzese, pur sbagliando altri gol. Al 15' Berardi sbaglia il terzo rigore per il Tropical, facendo sfumare così l'occasione per il vantaggio, e nella ripresa perde anche Tentoni per doppia ammonizione rimanendo in 10. La Dozzese però non è quasi mai pericolosa, così al 30' poziello parte da solo palla al piede e dopo aver scartato tutti gli avversari sul suo cammino infila Turchi, realizzando il gol che è il sogno di tutti i giocatori. Tre punti importantissimi per il Tropical, che supera così senza troppi traumi l'incapacità di realizzare su rigore.

La sfida tra le due ultime squadre della classifica, Calderara e Sasso Marconi, è stata la sfida della paura. Perdere anche questa significava diventare la squadra materasso, quella incapace di vincere e garantire 3 punti sicuri alle avversarie. Il Calderara ci prova a vincere la gara, ma dopo aver speso il primo tempo in inutili tentativi, nella ripresa passa sulla difensiva badando più a portare a casa il pareggio, e lo stesso vale per il Sasso Marconi. Un punto per uno che non risolve i problemi, e che ha evidenziato notevoli difficoltà di gioco in entrambe le formazioni.

Cesenatico - Alfonsine 2 - 1

Giornata negativa per la formazione dell’Alfonsine F.C. Nella trasferta di Cesenatico è arrivata la prima sconfitta stagionale che interrompe la serie positiva delle prime cinque giornate.

Nulla di drammatico, prima o poi doveva capitare: è accaduto. L’Alfonsine è partito abbastanza bene, poi, in breve tempo, le cose si sono sovvertite. L’incontro è stato sicuramente deludente per i colori bianco – azzurri sotto l’aspetto del gioco, sopratutto nel primo periodo di gara dove il punteggio di due reti a zero poteva essere nettamente più pesante.

Nella ripresa si è avuto un certo riequilibrio; difficile da classificare se per un calo delle velleità della formazione di casa o se per un reale merito delle direttive di Evangelisti, di fatto vi è stata l’insolita sostituzione di Innocenti (con Ricci) e la rete, su punizione, di Petrascu che “alleggerito” la sconfitta.

Una nota di merito particolare va all’estremo difensore alfonsinese che in alcune circostanze ha compiuto delle vere prodezze, negando ai locali la possibilità di strafare.

Calderara – Sasso Marconi 0-0
Un pareggio cha non accontenta nessuna delle due contendenti che avrebbero bisogno di fare risultato pieno per muovere la classifica in modo più concreto. Il Calderara prova a creare gioco e occasioni da rete senza trovare la conclusione vincente. Il Sasso fatica di più ad arrivare al tiro, ma riesce ad ottenere un buon punto dopo una serie di sconfitte non sempre meritate.

Padroni di casa in avanti al 3° con Longo che prolunga di testa per Frisenda atterrato al limite dell’area. Punizione battuta da Longo direttamente sul fondo. Al 10° il Sasso prova a colpire con l’ex con Chiapparini, Bertolotti blocca. Al 18° Longo conclude in diagonale, Giaroli blocca in due tempi. Sul versante opposto, ci prova Mancuso che alza troppo la mira. Al 39° Frisenda centra per Longo che conclude sfiorando il palo alla destra di Giaroli.

Al 42°, Frisenda riceve palla in area e si districa fra due avversari riuscendo ad andare al tiro che Giaroli neutralizza.

In avvio di ripresa, Granatieri ci prova dal limite, il pallone, deviato da un difensore, finisce a fondo campo. Al 22° ci prova Longo su calcio piazzato, Giaroli si distende e devia in angolo. L’ultima conclusione è di Granatieri che, al 34° colpisce bene, il pallone è deviato da un difensore e sorvola la traversa. 

Franco Farneti (all Sasso Marconi): “Un Pareggio che non accontenta sicuramente noi che eravamo venuti a Calderara con l’intento di fare risultato pieno. Bisogna dire che, alla luce dei 90 minuti visti oggi, non avremmo certo meritato la vittoria. Il risultato di parità è abbastanza giusto anche se alcune decisioni potrebbero farci discutere. Quello che è più importante è che la squadra è riuscita a raccogliere un risultato utile contro una squadra che, in questo momento, ha più o meno i nostri stessi problemi. Non era semplice oggi affrontare questa gara con la mentalità vincente che occorreva. Ha forse prevalso la paura e la squadra ha giocato un po’ contratta, ma ho visto qualche segnale di crescita che ci permetterà di affrontare il Fusignano con un po’ di fiducia in più nei nostri mezzi.

Ivan Broglia (all. Calderara): “Direi che oggi abbiamo fatto un altro passo in avanti dal punto di vista del gioco. Oggi abbiamo creato alcune occasioni importanti che non siamo riusciti a concretizzare senza comunque mai rischiare nulla. Sappiamo che è un campionato difficile nel quale dovevamo trovare degli equilibri e continuità di risultato anche grazie ai giocatori infortunati che abbiamo recuperato. Sono tre pareggi consecutivi che possono darci la fiducia che occorre per affrontare questo campionato, ma per fare un salto in avanti in classifica è necessario riuscire a trovare anche qualche vittoria.”

Forlì - Boca San Lazzaro 3-1

Il Forlì dà continuità alla vittoria di Sasso Marconi e, dopo due gare interne senza vittoria, "espugna" il Morgagni e rimanda a casa il Boca San Lazzaro con la prima sconfitta. Dopo dieci minuti i bolognesi passano in vantaggio con Cataldi lesto a metter dentro una punizione di Rispoli ribattuta da Chiadini. Il Forlì reagisce prontamente e dopo un paio di azioni pericolose fermate stranamente dalla terna pareggia con Ceschi che, al volo, mette dentro un assist di Sozzi stupendamente liberatosi in dribbling sulla destra. A cinque minuti dal termine del primo tempo Ceresi fuori per il secondo giallo con la gara che prende la piega voluta dalla Scardovi band. Dopo pochi minuti della ripresa i Galletti passsano in vantaggio con Sozzi che in girata aerea mette dentro una corta respinta di Giovannini su cross di Spighi. Nell'ultima mezz'ora Mordini torna in campo al posto di Cuttone lanciando segnali assai incoraggianti sulle sue condizioni ed a dieci dal termine "bomber" Biserna firma il definitivo  3 a 1 su assist di un incontenibile Sozzi.

 

Tropical: battuta la Dozzese con un eurogol di Pozziello  Poziello show. E' tutta sua la copertina di Tropical - Dozzese. Il "Maradona" di Coriano, tira fuori dal cilindro un eurogol che fa esplodere il "Daniele Grandi" e lancia il Tropical verso una pesante e meritatissima vittoria, la seconda stagionale. Mai da queste parti, s'era vista una "perla" simile. Ma il gol e punti guadagnati oggi valgono doppio, perchè ottenuti contro una squadra diretta concorrente nella strada verso la salvezza, perchè ottenuta nel momento più difficile della gara, dopo aver fallito l'ennesimo rigore (il terzo errore su 3 tentativi), e dopo aver perso Tentoni per espulsione al 5' del secondo tempo. E meno male che la fortuna a volte ha gli occhi, perchè la partita odierna non poteva avere risultato diverso e se cosi fosse stato, si sarebbe potuto gridare allo scandalo: troppo rinunciataria la Dozzese, capace di tirare una sola volta in porta in tutti i 90 minuti e difendendosi sempre con 10 uomini dietro la linea della palla. Nell'11 inziale del Tropical non cambia nulla. In avvio l e due squadre si studiano e non riescono a farsi male. Cosi al 5' pt Poziello con un'avventato retropassaggio, decide di "regalare" una palla-gol ad Agboton che però spreca malamente strozzando troppo il sinistro. Poi al 15' la percussione di Buldrini palla al piede è devastante, il terzino corianese prende palla ai 40 metri, fugge via in velocità, nessuno riesce a contrastarlo, una volta giunto in area crossa al centro, Zaccherini in versione portiere respinge nettamente di braccio. E' rigore. Questa volta sul dischetto va Berardi, che sbaglia calciando male e centrale. Turchi ringrazia e respinge. Come contro l'Alfonsine però il Tropical non si abbatte e prova a scuotersi non riuscendo però a creare palle gol clamorose. Una la creano gli ospiti al 33' st con Lucatini che prova a fare male di sinistro, Babbini è eccellente a ribattergli il tiro in scivolata. In apertura di secondo tempo, al 5' st ecco la fesseria di Tentoni: il mediano, mai in partita e già ammonito, entra in ritardo in gamba tesa su un'avversario. Rosso giusto. La gara (in teoria), dovrebbe farsi in salita per il Tropical, ma cosi non è. La Dozzese, anche in superiorità numerica, pare volersi accontentare del punticino e rallenta ulteriormente il ritmo della gara, difendendosi sempre con accortezza. Cosi i biancorossoblù osano: minuto 20' angolo di Berardi, Turchi è fuori tempo e viene superato dalla sfera, raccoglie palla Zanzani che defilato calcia al volo di destro verso la porta, palla fuori. E' sempre il Tropical che fa la partita, c'è solo una squadra in campo. Minuto 19' Guerra salta Alpi, mette al centro per Poziello, il numero 7 corianese si defila troppo e calcia addosso al corpo di Zaccherini. Ma è solo il preludio all'eurogol: 25' st, Poziello prende palla a metà campo, salta Carpiello, Baroncini e ancora Zaccherini in velocità, nessuno riesce a contenerlo, "Poz"si accentra in area, tocca per mettersi la palla sul destro e batte Turchi sotto le gambe. GOL FAVOLOSO!!! A questo punto si attende la reazione degli ospiti che però non arriverà mai. L'unica conclusione verso la porta di Guerra porta la firma di Barbieri, ma il destro del neo entrato è debole. Nel finale, Angelini, subentrato ad un'esausto Baldinini, ha addirittura l'occasione di realizzare il 2 a 0, ma il suo pallonetto di sinistro termina a lato. Finisce cosi, 1 a 0, non poteva e non doveva finire diversamente. E' stata dura però, perchè come detto, la squadra di Buccioli è venuta a Coriano con l'obiettivo chiaro del punticino e se non fosse stato per la magia di Poziello, sarebbe davvero stata difficile sbloccare la gara. Già, Poziello. Campioncino dal talento purissimo, al quale il Tropical ha affidato ed affiderà le speranze salvezza. Il problema rigori? Meglio non parlarne...

Low Ponte - Massalombarda  1 - 3 E finalmente ci siamo dopo 1 sconfitta e 3 pareggi consecutivi il Massalombarda riesce a cavalcare l'onda della vittoria e a portare a casa i 3 punti dal difficile campo di PonteNuovo. Una partita caratterizzata da una serie di eventi ora positivi e ora negativi che hanno permesso il delinearsi di una partita tutt'altro che scontata ma che ha permesso ai bianconeri di portare a casa l'intera posta in gioco. L'incontro ancora prima di iniziare parte sotto una cattiva stella per la nostra squadra, infatti oltre agli infortunati di inizio settimana Tosi ( problemi alla schiena) e Crivellaro ( Stiramento al quadricipite), Mr Scozzoli deve rinunciare all'ultimo anche ad Errani ( Contrattura) e al Giovane Trombetti ( problemi al ginocchio) e questo lo costringe a mettere un campo una formazione rinnovata per i 5/11 da domenica scorsa. La partita nonostante tutto si mette ben presto bene perchè una bella punizione di Gardenghi, mette nelle condizioni Resta di segnare un gran goal in tuffo, peccato che il tutto venga vanificato 5 minuti dopo da una dormita difensiva che permette ai Giallo-rossi pareggiare subito i conti. Il goal del pareggio però ricarica i bianconeri che spingono sull'acceleratore e mettono in crisi la retroguardia avversaria fino alla mezz'ora quando un lancio dalle retrovie si trasforma in un assist per Guarnieri che viene steso dentro l'area da Migliaccio; scelta coraggiosa per l'arbitro di Modena che decreta rigore , più l'espulsione del giocatore( non me ne vogliano i tifosi del Low ponte, ma regola assurda a parte, il fallo sembrava proprio esserci). Tiro dal dischetto e Gardenghi sigla il 2-1. Il secondo tempo riparte con altra brutta tegola infatti, dopo l'infortunio al 40° di Guarnieri ( probabile stiramento) anche il suo sostituto Strocchi non rientra in campo per una probabile distorsione alla caviglia e per Scozzoli l'unica soluzione e' quella di inserire Mazzanti classe 89 di professione difensore a fare la prima punta. E dopo 10 minuti del secondo tempo, proprio nel momento migliore dei giallo-rossi, succede l'impensabile, infatti una rapida azione di contropiede dei bianconeri porta Gardenghi a mettere un invitante palla in mezzo ed ecco spuntare come un rapace d'area Mazzanti  che anticipa tutti e mette la palla dentro per il definitivo 3-1. E' sicuramente la mazzata finale per un Low ponte già ridotto in 10 e adesso sotto di 2 goal e che non riuscirà più nei rimanenti 35 minuti ad impensierire la retroguardia bianconera. Una grossa iniezione di fiducia, questo vogliono dire questi 3 punti, che mettono in luce come ancora una volta i bianconeri abbiano nel gruppo la loro forza migliore e questo deve dare loro la consapevolezza di avere una carta importante da giocare in tutte le partite che va aldilà dell'aspetto tecnico e fisico di una squadra. Il Migliore: Mazzanti Niccolò. Non me ne vogliano gli altri suoi compagni di squadra, ma penso che oggi sia stata proprio la sua giornata che forse mai dimenticherà negli anni avvenire. Un giusto premio per chi in silenzio e con la giusta carica, trova nell' amore per il gioco la forza di migliorarsi sempre.

La Dozzese torna a mani vuote da Coriano Tropical Coriano-Dozzese 1-0.I tabellini:Tropical Coriano:Guerra S.,Colonna,Zanzani,Babbini,Buldrini,Guerra L.,Tentoni,Berardi,Chiaravalloti,Poziello(33'st Angelini),Baldinini(27'st Montanari).A disposizione: Marcaccini,Saccani,Sinai, Casadei,Costantini. Allenatore:Fabbri Dozzese:Turchi;Zaccherini,Baroncini,Facchini,Alpi, Cappiello (28'st Barbieri),Brunetti (13'st Giorgi), Bertozzi,Lucatini (30'st Cascone),Agboton,Tozzoli.A disposizione: Pandolfi, Pierri, Caroli, Morsiani.Allenatore:Buccioli Marcatori: 25'st Poziello Arbitro: Bruni di Ancona Assistenti: Gianessi di Cesena e Cariffa di Ravenna Ammoniti: Baldinini, Buldrini,Angelini,Zaccherini, Turchi, Bertozzi, Barbieri, Cascone,Alpi Espulso:5'st Tentoni per doppia ammonizione Con un eurogol di Poziello il Tropical Coriano fa sua l’intera posta contro la Dozzese.Il gol dei padroni di casa è arrivato al 25’della ripresa, nel momento di maggior difficoltà:dopo un rigore fallito da Berardi (per fallo di mano di Zaccherini) e dopo l’espulsione di Tentoni al 5'del secondo tempo per doppia ammonizione. Poche le occasioni per la Dozzese:al 35’ del primo tempo con Lucatini e sul finire della ripresa con Barbieri. Il gol che fissa il risultato arriva al 25’del secondo tempo:Poziello prende palla a metà campo, salta i giocatori della Dozzese Cappiello, Baroncini e Zaccherini in velocità, si accentra in area, tocca per mettersi la palla sul destro e batte Turchi. Se non fosse stato per la perla di Poziello, sarebbe stato difficile sbloccare la gara.


10/10/2008

Sulla compagine manfreda piove sul bagnato Sulla compagine manfreda piove sul bagnato. Al termine della gara interna disputata contro l'Imola, l'attaccante Cirillo s'è rivolto all'arbitro con parole ingiuriose, meritandosi tre giornate di squalifica, una bazzecola, tenendo conto della cronica sterilità dell'attacco (solo quattro reti  su cinque gare disputate, ed una su rigore)... La squadra appare sempre nervosa, incapace di controllare ogni partita nei termini di una maturità oggi necessaria anche in una categoria come l'Eccellenza. Molti giocatori mostrano impegno e sacrificio mentre altri dimostrano limiti caratteriali che penalizzano oltre misura una compagine alle prese con diversi problemi. Primo fra tutti, la ricerca di un equilibrio ancora lontano dal raggiungimento. Giocare al calcio significa anche credere nello sport, esaltando sul campo (e fuori) quell'educazione comportamentale che è alla base di ogni società seria. Ci auguriamo che il pool calcistico faentino capisca la situazione, assumendosi le responsabilità di certi comportamenti sportivi fuori da ogni regola. Non è protestando ed offendendo che si fanno punti in classifica. Serve pedalare di buona lena, in perfetta armonia.

Verso Tropical - Dozzese Nel campionato di Eccellenza 2008/2008 ci sono cinque squadre che non hanno ancora vinto: Savignanese, Prosider Low Ponte, Faenza, Calderara di Reno e Sasso Marconi. Fino alla scorsa settimana in questo elenco c’era anche la Dozzese che dopo cinque partite si è sbloccata vincendo 1-0, rete di Davide Tozzoli nella ripresa, il Fusignano di Andrea Orecchia. Un’affermazione importante per i gialloblù che avevano bisogno dei tre punti per sbloccarsi e soprattutto per togliersi la scimmia dalla spalla. I ragazzi di Andrea Buccioli ci sono riusciti giocando una grande partita: “In settimana – dice Buccioli – avevamo preparato la partita così come l’abbiamo giocata; la Dozzese ha sfoderato una prestazione super contro un avversario che difficilmente lascerà molti punti per strada. Sono molto contento per la prova dei ragazzi e soprattutto per la prima vittoria stagionale che serviva proprio alla nostra classifica, ora possiamo guardare avanti con un po’ più di fiducia”. La Dozzese ha battuto il Fusignano a dispetto delle assenze di capitan Caroli, Barbieri, Giorgi e Scaglioni: “Questo è un gruppo dove tutti possono dare il loro contributo e mi piace elogiare la prestazione di chi ha giocato, ho rivisto finalmente lo spirito dozzese che lo scorso anno ci ha permesso di salvarci. Dopo la batosta con il Forlì qualcosa è cambiato, ci attende un cammino difficile ma sapremo farci trovare pronti in ogni circostanza”. Domenica la Dozzese è attesa a Coriano dalla neo promossa Tropical: “Un’altra partita da giocare con il coltello fra i denti, non è un campo facile e andiamo ad affrontare un team che ha solo un punto in meno di noi. Serve un’altra prestazione come quella di domenica scorsa, mi aspetto un’altra bella partita e un risultato positivo”. Buccioli dovrebbe recuperare capitan Caroli e Barbieri, da verificare le condizioni di Elia Giorgi.

Dozzese: parla capitan Caroli IL PROFUMO della vittoria è il miglior profumo per uno spogliatoio. Questa frase, pronunciata spesso da un noto allenatore della Nfl americana, vale anche per la Dozzese che dopo cinque turni ha centrato la prima affermazione stagionale. Il ruolino di marcia dei gialloblù fin qui recita: 3 pareggi, una sconfitta e una vittoria. Quattro risultati su cinque sono un buon bottino, ma con la regola dei tre punti il pareggio ha più o meno lo stesso peso specifico di una sconfitta, e i sei mattoncini messi in cassaforte finora valgono un posto a centro gruppo nel girone B di Eccellenza. Anche quest'anno dopo le prime giornate si capisce che sarà un torneo di grande equilibrio, un campionato dove è indispensabile muovere la graduatoria ogni domenica, e se la muovi vincendo e incamerando i tre punti tanto meglio. L'ultimo bottino gialloblù è servito allo spogliatoio per riacquisire fiducia, la pensa così capitan Caroli: "Dopo la batosta con il Forli – dice il capitano della Dozzese – e il pareggio di Calderara questa affermazione è arrivata nel momento giusto, non vincere stava diventando un po' il nostro cruccio ed essersi sbloccati contro il Fusignano è stata una grande soddisfazione. Io purtroppo non ero in campo a causa di un infortunio, ma vedere i miei compagni vincere, giocare benissimo e tenere testa al team di Andrea Orecchia, è stato davvero molto esaltante, ho sofferto ma sono comunque contento". Il capitano è ai box per un problema alla caviglia dopo una botta rimediata in gara: "Non mi piace stare fuori dal campo a guardare i compagni giocare, e se servirà andrò in campo anche saltellando su una gamba sola. Spero di poter rientrare quanto prima, nel nostro gruppo c'è bisogno di tutti dal giocatore che gioca di più al giovane che magari vede il campo meno degli altri. Anche quest'anno la forza della Dozzese è lo spogliatoio dove trovano posto imbianchini e geometri". Nel prossimo turno la Dozzese giocherà in trasferta contro la neo promossa Tropical Coriano: "E' una sfida alla nostra portata, sarà una partita dura e piena di insidie da giocare nello stesso modo in cui è stata giocata Dozzese – Fusignano; con la stessa intensità si può tornare a casa con più punti degli attuali sei. Io spero di esserci". E uno come Caroli meglio averlo in campo che da spettatore.

Il Tropical si prepara al trittico salvezza Ma questo Tropical riuscirà a salvarsi? Presto per dirlo. Dopo 5 gare di campionato però un primo bilancio lo si può fare e a tutti è balzata agli occhi la prova dei biancorossoblù domenica a San Lazzaro; come in tutte le gare precedenti, la partita del "Kennedy" ha messo in mostra una squadra che magari non è al livello qualitativo di certe corazzate, ma che comunque con grinta e cuore riesce (ed è riuscita), a giocarsela con tutte. L'inizio è stato veramente di quelli tosti visto l'insidioso calendario, ma in nessuna delle 5 partite il Tropical non è stato all'altezza della situazione, perchè vedi Morciano, oppure Fusignano ed Alfonsine, i biancorossoblù sono stati protagonisti di partite davvero eccellenti, anche se come già ripetuto più e più volte, con un pizzico di cinismo in più, magari, si sarebbero potuti mettere in cascina più di 5 punti. Anche se, quello attuale, rimane un bottino di tutto rispetto. Ora, in questo mese di Ottobre Achille Fabbri ed i suoi sono impegnati in partite contro squadre che hanno come obiettivo la salvezza; domenica infatti scenderà a Coriano la Dozzese, rinvigorita dalla prima bella vittoria in campionato di sette giorni fa ai danni del Fusignano. Il 19 invece il Tropical sfiderà il Cervia, forse la vera sorpresa di questa prima parte di stagione perchè capace di occupare attualmente la terza posizione in classifica, grazie soprattutto alla miglior difesa del campionato (1 gol subito appena sin d'ora). Ultima gara, a chiudere il mese, sarà quella del 26, quando al "Daniele Grandi" i corianesi sfideranno il Sasso Marconi, attualmente fanalino di coda del campionato con appena 1 punto guadagnato. Tre gare in cui servirà il miglior Tropical, tre gare in cui non basteranno solamente le doti tecnico-tattiche, ma occorrerà tirare fuori cuore e muscoli. E di queste due qualità i biancorossoblù ne hanno da vendere. Dopo queste tre "finali" conosceremo finalmente il destino del Tropical.

 


08/10/2008

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI 5° GIORNATA

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER TRE GARE

CIRILLO RAFFAELE (FAENZA CALCIO SSD A.R.L.)

A fine gara protestava e rivolgeva espressioni offensive nei confronti

dell'arbitro.

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

TEODORANI ALESSANDRO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

NERI MAURO (DOZZESE A.S.D.)

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

LANCONELLI MATTEO (ALFONSINE F.C.)

ROSSI ANDREA (FIDENZA S.R.L.)

TOSCHI UMBERTO (IMOLESE CALCIO 1919SSDARL)

BARATTI DAVIDE (TERME MONTICELLI)

MONTANARO FABIO (XII MORELLI A.S.D.)

 


06/10/2008

E' ufficiale: il Del Conca va in fuga
Il Faenza raggiunto al 90'


Il Del Conca continua imperterrito la sua marcia, indipendentemente dalle squadre che via via va ad affrontare. Questa domenica è toccato al Real Cesenatico doversi inchinare davanti alla capolista, ma non è stata una gara facile, aperta a qualunque risultato. Nel primo tempo il Del Conca si è reso senz'altro più pericoloso, con le conclusioni di Protti e Marani, che ha colpito anche un palo, conclusioni che il bravo portiere ospite Farsoni ha sempre neutralizzato. Il Cesenatico invece ha avuto difficoltà ad entrare in area, e ci ha provato più spesso con dei tiri da fuori. Nella ripresa al primo affondo il Del Conca si guadagna un rigore che Marani trasforma, e che mette in discesa la partita. Il Cesenatico diventa più aggressivo e pericoloso, ma il Del Conca sfrutta gli spazi e va più volte al tiro con le sue punte. I portieri hanno così il loro daffare per protegera la propria porta, ma ci riescono fino alla fine. In una gara giocata a viso aperto il Del Conca vince su rigore, e allunga il passo. Con 5 vittorie su 5, 13 gol fatti e solo 2 subiti, sono entrati in piena media ammazza-campionato.

L'unica per il momento a tenere il passo è la Copparese, che vince 3-2 sul Low Ponte. Un fuorigioco mal riuscito spiana la strada a Mazzacani che viene steso dal portiere Cancelliere: rigore e trasformazione di Mazzacani. La Copparese, forte del vantaggio acquisito, cerca fin dai primi minuti della ripresa di chiudere la partita, e con la doppietta di Beccati nella prima mezz'ora pone al sicuro il risultato. Il Low Ponte nel finale realizza due gol a tempo scaduto, approfittando della rilassatezza della Copparese ormai con la testa negli spogliatoi.

Alfonsine, Boca e Cervia, le inseguitrici, non vanno oltre il pareggio e vedono allungarsi di due punti il distacco dal Del Conca.

Cervia e Alfonsine pareggiano 0-0 rispettivamente con Calderara e Savignanese. Il Cervia le prova tutte per vincere sulla squadra fanalino di coda, ma le sue azioni offensive si infrangono spesso sulla difesa o sui guantoni del portiere del Calderara. Anche Bertaccini in verità è più volte chiamato in causa, quindi alla fine un pareggio è forse giusto. Così com'è giusto anche lo 0-0 tra Alfonsine e Savignanese. Entrambe le squadre non si sono risparmiate e si sono prodotte in una notevole mole di azioni offensive, ma la bravura dei portieri e la solidità delle difese hanno mantenuto inalterato il risultato.

Pareggio per 1-1 invece del Boca con il Tropical Coriano, con gli ospiti che sfiorano il colpaccio andando in vantaggio per primi al 41' con Tentoni. Il Boca però reagisce immediatamente e già al 45' pareggia con Cataldi. Nel finale il Boca rimane in 10 per infortunio a Rispoli, e questo causa uno sbandamento nell'ordine della squadra, di cui non riesce ad approfittare Montanari che al 90' nell'area piccola manda incredibilmente a lato. Un occasione per il Coriano che poteva costare cara al Boca, ma un punto guadagnato da entrambe le formazioni, per inseguire i rispettivi obiettivi di inizio stagione: promozione per il Boca, salvezza per il Coriano.

Il Forlì torna alla vittoria, e lo fa con un 2-0 in casa del Sasso Marconi. La squadra di casa viene da una serie di risultati negativi e cerc il riscatto, ma una traversa al 16' gli nega il gol della riscossa. Il Forlì si vede in due occasioni che il portiere di casa Giaroli sventa. Gol che però arriva nella ripresa per il Forlì con Ceschi. Il Sasso Marconi sbanda, Farneti effettua dei cambi ma la squadra non si scuote. Il Forlì rimane padrone del campo ma non riesce a raddoppiare che al 49' con Sozzi, ma la gara era già finita.

L'Imolese rischia grosso in casa del Faenza, e per due volte è costretta ad inseguire. Il Faenza è determinato ad agguantare il primo successo stagionale, e così non si risparima e fin dal primo minuto si propone in sgroppate offensive. Gli sforzi vengono premiati al 22' con Palmieri, ma la soddisfazione del vantaggio viene subito scemata dal pareggio di Borini 5 minuti dopo. Il timore di un nuovo pareggio serpeggia tra le file del Faenza e così Salomone si inventa il gol della domenica: drbbla tre uomini, entra in area e scocca un tiro preciso a fil di palo. E' il 45' e le squadre vengono inviate negli spogliatoi. Nella ripresa il faenza comincia piano piano a pagare il forcing del primo tempo e l'Imolese alza sempre di più il baricentro, segnando anche un gol annullato però per fuorigioco. Il gol quello buono arriva però su rigore al 90', quando l'arbitro fischia per un fallo in area visto da pochi, ecco perchè le proteste dei giocatori faentini. Dal dischetto Antonellini non sbaglia, e l'Imolese se ne torna a casa almeno con un punto, mentre il Faenza non riesce a sfatare il suo tabù.

Pareggiano 1-1 Massalombarda e Riccione, in una gara ben giocata e che poteva finire con un risultato più rotondo. Il Massa gioca di più nel primo tempo, sfiorando più volte il vantaggio e facendo gol solo nei minuti di recupero. Il Riccione reagisce nella ripresa e trova il pareggio su autogol di Tosi. Il Massa recimina per le tante occasioni sprecate, per la traversa di Guarnieri e per un rigore non dato dall'arbitro, mentre il Riccione si gode il suo punto trovato con un autogol. Ma è il calcio ad essere proprio così.

L'utlima gara della giornata vede la vittoria della Dozzese per 1-0 sul Fusignano, che viene così scavalcato proprio dalla squadra di Dozza. Il gol vittoria viene realizzato da Tozzoli al 24' del primo tempo, e viene suggellato dalle parate del portiere ospite Grandi che limita i danni. Anche il Fusignano ha avuto le sue occasione, ma si è dovuto scontrare con i guantoni del portiere di casa Grandi, che in più occasioni a salvato la propria porta.

TABELLINI 5° GIORNATA

Alfonsine - Savignanese: 0 - 0
Alfonsine: Faedi, Troncossi, Bianchedi, Di Tuccio (55’ Lanconelli), Donati, Lagorio, Petrascu (67’ Ricci), Miserocchi, Siuni (77’ Cosenza), Innocenti, Callegari. All.: Evangelisti.
Savignanese: Pacileo, Ceppini (46’ Mariani), Piastra (75’ Ricci), Bartolini, Scirica, Basini, Pasolini, Baiardi, Magnani (80’ Casadei), Zagnoli, Tozzi. All.: Farneti.
Arbitro: Guidi di Imola
Note: ammoniti: Troncossi (A), Lanconelli (A), Pasolini (S)

Boca San Lazzaro - Tropical Coriano: 1 - 1
Marcatori: 41’ Tentoni (T), 45’ Cataldi (B)
Boca San Lazzaro: Giovannini, Guiduzzi (54’ Nobile), Picchi, Calabrese, Di Giulio, Cazzola, Paselli, Ceresi (70’ Cacciari), Cataldi, Rispoli, Drago (54’ Tremamondo). All.: Poli.
Tropical Coriano: S. Guerra, Colonna, Buldrini, Babbini, Tentoni, Zanzani, Poziello (83’ Montanari), Berardi, Baldinini (67’ Angelini), Chiaravallotti, L. Guerra (79’ Chieselli). All.: Fabbri.
Arbitro: Grillandi di Faenza

Cervia - Calderara: 0 - 0
Cervia: Bertaccini (63’ Pieri), Lessi, Sirri (46’ Bondi), Pezzi (46’ Zaghini), Fratta, Olivieri, Balducci, Spagnoli, Sabbadini, Garroni, Severo. All.: Baldazzi.
Calderara: Bertolotti, Rossi, Manta, Pilato, P. Ferrari, Todisco, Langone (63’ Granatieri), Paccagnini, Madriselvi (80’ Giadrossi), Frisenda, Ventura (74’ Kinayeno). All.: Broglia.
Arbitro: Salvatori di Rimini
Note: Ammoniti: Rossi (Ca), Pilato (Ca), Frisenda (Ca)

Copparese - Prosider Low Ponte: 3 - 2
Marcatori: 23’ rig. Mazzacani (C), 49’ e 72’ Beccati (C), 92’ Vici (L), 93’ Mazza (L)
Copparese: Finessi, Conficconi, Magri, Mazzacani, Ballacci, Trajkovic, Biliotti (dal 75’ Arveda), Tripepi, Beccati, Giuriola (dal 75’ Grassi), Tralli (dal 77’ Zanaga). A disp. D’Andrea, Stradaroli, Belluzzi, Banzi. All. Mastrocinque
Prosider Low Ponte: Cancelliere, Migliaccio, Spani (dal 52’ Mazza), Ziraldo (dal 60’ Lagonegro), Giovane, Frisari, Larak, Galdiolo, Vici, Orlandini (dal 60’ Lemma), Acquaviva. A disp. Masetti, Romboli, Zoli, Garavini. All. Pregnolato
Arbitro: Pirriatore di Bologna
Note:  ammoniti Magri e Trajkovic (C), Cancelliere (L)

Del Conca Morciano - Cesenatico: 1 - 0
Marcatore: 48’ Marani
Del Conca Morciano: Foiera, Santoni, Martini, Cangini, Ticchi (75’ Nucci), Perazzini, Bacchini (82’ Rossi), Lisi, Protti, Buonocore (46’ Paganelli), Marani. All.: Tentoni.
Cesenatico: Farsoni, Facondini, Bendoni, Antognacci, Righi, Farabegoli, Teodorani (79’ Franchini), Fattori (60’ Bonacci), Giancontieri (55’ Pasolini), Lombardini. All.: Farsoni.
Arbitro: Medri di Cesena
Note: amm. Giancontieri (C), Protti, Paganelli (M)

Dozzese - Fusignano: 1 - 0
Marcatore: 68’ Tozzoli
Dozzese: Turchi, Zaccherini, Alpi, Brunetti, Baroncini, Facchini, Cappiello (85’ Carboni), Bonini, Tozzoli (89’ Tini), Neri, Agbaton. All.: Muccioli.
Fusignano: Grandi, Rossi, Conficconi (69’ Fabbri), Agrusti, Onestini, Pressi, Maikano (83’ Gatta), Piticchi, F. Ricci, Foschini (69’ Samsak), Bassani. A disposizione: All.: Orecchia.
Arbitro: Ferri di Parma
Note: ammoniti Alpi, Brunetti, Bonini e Neri della Dozzese

Faenza - Imolese: 2 - 2
Marcatori: 22’ Palmieri (F), 27’ Borini (I), 45’ Salomone (F), 90’ rig. Antonellini (I)
Faenza: Gozzi, Melandri, Oliva, Rossi, Palmieri, Paglialongo, Dell’Anno (68’ Dal Monte), Casanova (85’ Pacifico), Cirillo, Pezzi, Salomone. All.: Giordani.
Imolese: Dirani, Onori, Venturi Casadei, Poggi, Ercolani, Falco, Antonellini, Facciotto (72’ Raschetti), Borini, Muzzi, Donattini All.: Menghi.
Arbitro: Mestieri di Finale Emilia
Note: ammoniti: Paglialongo (F), Pezzi (F), Salomone (F), Poggi (I), Facciotto (I), Toschi (I).

Massalombarda - Riccione: 1 - 1
Marcatori: 46’ Berti (M), 73’ Tolomeo (R).
Massalombarda: Zani, Mascherini, Berti, Crivellaro (17’ Resta), Tosi, Lanzoni, Errani (78’ Massarenti), Guarnieri, Gardenghi, Trombetti (65’ Cantalupi). All.: Scoffoli.
Riccione: Bertozzi, Taraj (52’ Cali’), Merendino, Filocomo, Lapi, Lepri, Guerra, Domini, Tolomeo, Caminati, Cavoli. All.: Pascucci.
Arbitro: Roncarati di Bologna
Note: ammoniti: Berti, Tosi e Resta del Massalombarda; Lapi e Domini del Riccione

Sasso Marconi - Forlì: 0 - 2
Marcatori: 57’ Ceschi, 92’ Sassi
Sasso Marconi: Giaroli, Scarpuzza (52’ Livi), Pezzoli, Prati (65’ Brancaccio), Corvino, Bencivenni, Ferrero (62’ Chiapparini), Mancuso, De Maria, Tacconi, Nugara. All.: Farneti.
Forlì Calcio: Chiadini, Brighi, Baldinotti, Cuttone, Magni (86’ Mordini), Magnani, Spighi, Balestra, Ceschi, Ciossi, Muratori.All.: Scardovi.
Arbitro: Indino di Ferrara
Note: Ammoniti Ferrero e Mancuso del Sasso Marconi, Brighi del Forlì


05/10/2008

Sasso Marconi - Forlì 0-2

Il Forlì fà punto e a capo e riparte da Sasso Marconi. Mister Keegan Scardovi corregge il 4-3-3 convertendosi ad un più prudente 4-4-2 e coglie con un meritato 2 a 0 al termine di una gara condotta con autorità. Nel primo tempo i padroni di casa colgono la parte superiore della traversa con Gezdari poi Muratori e Ceschi si divorano due clamorose occasioni a tu per tu con l'ex Giaroli. Nella ripresa Ceschi mette dentro un suggerimento sbloccando il nulla di fatto ed avviando la gara sui binari voluti dai Galletti. Dopo la scarpata riportata da Magni che perde sangue dal capo, è Sozzi in contropiede a siglare la rete della sicurezza dei tre punti per iniziare la rincorsa.

Del Conca Morciano - Cesenatico 1-0

Il Del Conca si conferma capolista indiscussa e coglie la quinta vittoria consecutiva in altrettante gare disputate. La squadra di Tentoni ha creato diverse occasioni da rete, il Cesenatico e' uscito fuori alla distanza ma nonostante il pressing finale non e' riuscito a raggiungere il pareggio; la squadra di Farsoni  e' stata pericolosa  con tiri da fuori area. Al 4 tiro di Protti ma la sua conclusione viene respinta sulla linea  di porta dalla difesa del Cesenatico. Al 9 Perazzini a porta completamente vuota calcia incredibilmente alto sulla traversa. Al 20 Marani colpisce il palo a portiere battuto. Il Cesenatico nel primo tempo ha impegnato Foiera con tre tiri da fuori area di Gualtieri (13°), Teodorani al 29° e 32°, il portiere del Del Conca si e' difeso neutralizzando le conclusioni. Nella ripresa al 3° Facondini stende Marani, rigore netto che trasforma lo stesso Marani. Il Cesenatico si butta in avanti alla ricerca del pareggio ma impegna Foiera sempre con tiri da fuori area, al 55 con Antoniacci, al 74° con Teodorani. Il Del Conca ha sfiorato il raddoppio con Protti, Paganelli e Marani.

l Tropica conquista il primo punto esterno in casa del Boca San Lazzaro
Boca San Lazzaro - Tropical Coriano 1-1

Dura solo 4 minuti il vantaggio del Tropical a San Lazzaro contro il Boca.
La rete del mediano corianese Tentoni, la prima stagionale lontano dal "Grandi", non è bastata ai biancorossoblù per fare bottino pieno, perchè Cataldi 4 minuti dopo, ha pareggiato i conti.
Finisce 1 a 1, è il secondo pareggio consecutivo.

Alfonsine - Savignanese 0-0

Giornata ancora di pareggio per l’Alfonsine, una domenica giocata all’insegna della consueta supremazia territoriale dei bianco - azzurri nell’arco dei novanta minuti. I padroni di casa hanno creato ed avuto un notevole numero d’occasioni, soprattutto, con Petrascu che, però, è risultato essere un pizzico in eccesso nell’individualità, vale a dire che ha preferito tirare da posizioni impossibili, o quasi, piuttosto che produrre (almeno in alcuni casi) assist che sarebbero stati interessanti. La teoria della legge dei grandi numeri (su tot. tiri prima o poi qualcuno entra) oggi non ha funzionato, ma gli si deve riconoscere il grande opportunismo, la velocità, l’impegno e la voglia di fare.

Una partita assolutamente corretta, dove le due ammonizioni per parte, comminate dall’arbitro, sembrano un tantino eccessive, ma sappiamo tutti che un conto è vivere l’incontro dalla tribuna e altra musica è essere a pochi passi dallo sviluppo del gioco…

Il Savignano ha avuto due occasioni consistenti che non è riuscito a concretizzare, quindi ne è uscito un pareggio che sostanzialmente accontenta entrambi i contendenti, pur se con motivazioni diverse; gli ospiti hanno passato indenni un turno non certamente facile, l’Alfonsine ha mantenuto l’imbattibilità nell’attesa di tempi migliori, vale a dire il rientro fisico di elementi infortunati non ancora in grado di esprimersi al meglio della condizione.

Vale la pena di ricordare che gli obiettivi bianco azzurri sono semplicemente d’effettuare un campionato dignitoso, scevro dalle preoccupazioni vissute nelle ultime stagioni; il pubblico di casa è contento, soddisfatto, i commenti di tribuna al termine della partita sono stati:

…la passata stagione, in un incontro come quello odierno, saremmo stati sconfitti…

 

Massalombarda - Riccione 1-1 Sotto ad un sole caliente e davanti ad un discreto pubblico si sono affrontate Massalombarda e Riccione. L'inizio di partita non lascia presagire nulla di buono, sembra infatti che le due squadre non vogliano più di tanto farsi male, il gioco ristagna a centrocampo e le poche azioni che si sviluppano sulle fasce si spengono nel momento in cui si avvicinano all'area; ma allo scoccare del 45° come un fulmine a ciel sereno ecco che uno spunto in mischia del centrale Mattia Berti trova impreparata la difesa riccionese che per ben 2 volte permette il tiro del centrale. Tiro nell'angolino e portiere battuto 1-0. Il Vantaggio bianconero rompe gli induci e il secondo tempo si trasforma. E' ora il Riccione che deve fare la partita e il Massa si scopre più a suo agio a fare la partita di rimessa. Ed e' proprio nel momento migliore dei massesi dopo 2 conclusioni a lato di Gardenghi ed una ancora più clamorosa con la traversa di Guarnieri a tu per tu con Bertozzi che il Riccione riesce a trovare il pareggio grazie ad un azione prolungata che termina con una paurosa mischia in area e la palla che termina in rete dopo aver preso Traversa e gamba di Tosi. La partita e' fatta di episodi e lo dimostra il fatto che all'ultimo minuto della partita l'arbitro abbia clamorosamente sorvolato su un tocco di mani in area riccionese e che avrebbe potuto significare un tutt'altro finale di partita. E' ancora una volta il segno X a fare da padrone le domeniche del Massalombarda, un risultato che spesso può essere anche visto come un segnale positivo e dare un iniezione di fiducia ( vedi pareggi con Copparese e Savignanese) ma alla lunga rischia di determinare croniche situazioni di sfiducia nei propri mezzi, in quanto con la legge dei 3 punti, i tre pareggi consecutivi possono essere equiparati come 2 sconfitte ed 1 vittoria. E' questa l'analisi oggettiva, matematica e spietata che aldilà di quello fatto vedere in campo e d e' perciò necessario rimanere uniti ed affinare una mentalità vincente fondamentale per poter portare gli episodi nella giusta direzione. Il Migliore: Berti Mattia. Non mi sento di trovare altri Man of The Match quando un difensore dopo aver espletato egregiamente i suoi compiti difensivi, riesce a trovare anche la forza e la convinzione per segnare simili goal. Poteva valere i 3 punti. Peccato.

Dozzese - Fusignano 1-0

DOZZESE: Turchi, Zaccherini, Alpi, Brunetti, Baroncini, Facchini, Cappiello (dal 80° Carboni), Bonini (dal 85° Bertozzi), Tozzoli (dal 85° Lucatini), Neri, Agboton. A Disp.: Moruzzi, Cascone, Pierri, Grosso. All.: Buccioli. FUSIGNANO: Grandi, Rossi, Conficconi (dal 67° Fabbri), Agrusti, Onestini, Pressi, Abdoulahi (dal 85° Gatta), Piticchi, Ricci, Foschini (dal 67° Samsak), Bassani. A Disp.: Bartolini, Grasso, Baldini, Ricci. All.: Orecchia. Marcatori: 65° Tozzoli. Ammoniti: DOZZESE: Alpi, Cappiello, Bonini, Neri. Arbitro: Ferri di Parma. Assistenti: Bartolini di Cesena e Del Muto di Cesena.
Con un gol di Tozzoli al 24’ della ripresa la Dozzese conquista i tre punti contro il Fusignano, ottenendo la prima vittoria di questa stagione.Priva di capitan Caroli e di Giorgi, infortunati,la squadra gialloblù ha disputato una buona gara, tutta grinta e cuore.Dal primo minuto Mister Buccioli ha messo in campo per la prima volta in questa stagione dopo l’infortunio in precampionato, il giovane Cappiello (’89), mentre rientrava dopo le due giornate di squalifica Baroncini.Non troppe le azioni pericolose nel primo tempo:al primo minuto il tiro di Onestini del Fusignano finisce fuori, mentre al 18’ proprio Cappiello segna la rete del vantaggio gialloblù, ma l’arbitro annulla per un dubbio fuorigioco. Qualche minuto dopo occasione per Agboton che con una gran botta da fuori mette a lato;il nigeriano della Dozzese si ripete al 32’ con un tiro che finisce poco sopra la traversa.Nella ripresa, al 15’, pericolosa punizione di Bassani per il Fusignano:è bravo Turchi a parare. Al 24’ arriva il gol:cross di Agboton per Tozzoli che da due passi mette alle spalle di Grandi. Al 36’ ancora una occasione per il Fusignano con il tiro di Ricci parato da Turchi.L’ultima palla pericolosa arriva al 38’ con Neri:il portiere ospite salva alzando la palla sopra la traversa. “Abbiamo fatto una gran partita oggi, una buona prestazione sotto tutti i punti di vista-sono le prime parole del tecnico della Dozzese Andrea Buccioli nel dopo gara di Dozzese-Fusignano-;abbiamo concesso poco, ed era la cosa che volevamo.Siamo stati molto bravi anche nelle ripartenze, siamo stati pericolosi più nel primo tempo, mentre nella ripresa ci siamo un po’ abbassati. Ma devo dire che i ragazzi sono stati veramente bravissimi:avevamo chiesto una prestazione di questo tipo, fatta di grande determinazione,che ci mancava ancora quest’anno.Sono tre punti pesantissimi anche perché ottenuti contro una squadra ottima e non sarà facile per nessuno strapparle punti. Vorrei sottolineare la prestazione di chi ha giocato, anche di quelli che da un pò non scendevano in campo, vedi Cappiello, Baroncini.Per la prima volta in questa stagione, al di là del secondo tempo di Riccione, abbiamo visto lo spirito Dozzese” “Nel primo tempo siamo partiti molto bene, ma non siamo riusciti a concretizzare una mole di gioco, comunque anche la Dozzese ha avuto un paio di occasioni in contropiede e poteva segnare- commenta l’allenatore del Fusignano Andrea Orecchia-.Poi nella ripresa ci siamo un po’ disuniti, è arrivato il loro vantaggio e non siamo più riusciti a rimediare. Onore alla Dozzese che ha fatto un’ottima partita, sicuramente ce l’abbiamo messa tutta e secondo me abbiamo fatto anche una buona gara, ma è normale che quando non fai gol e lo prendi diventa tutto più difficile. Ora ci rimboccheremo le maniche, siamo all’inizio, sappiamo che in questo momento i valori delle squadre sono ancora da definire.Io comunque ho grande fiducia in questa squadra e in questo gruppo, è normale che dobbiamo crescere”.

Faenza - Imolese 2-2 Faenza: Gozzi, Melandri, Oliva, Rossi, Palmieri, Paglialonga, Dell'Anno (67' Dal Monte), Casanova (90' Pacifico), Cirillo, Pezzi, Salomone. All. Giordani. Imolese: Dirani, Onori, Venturi, Poggi, Ercolani, Falco, Antonellini, Facciotto (71' Raschetti), Borini, Muzzi (66' Toschi), Donatini (52' Monti). All. Menghi. Arbitro: Mestieri di Finale Emilia. Reti: 22' Palmieri, 27' Borini, 45' Salomone, 89' Antonellini su rigore. Note. Spettatori 400. Ammoniti: Rossi, Salomone, Poggi. FAENZA - Gran derby ed emozioni fino al novantesimo al "Bruno Neri", dove il pareggio finale accontenta l'Imolese e lascia qualche rammarico in casa faentina. Sicuramente per il Faenza si tratta della miglior prestazione nelle prime cinque giornate, non a caso giunta con l'ingresso in campo del giovane attaccante napoletano Salomone (al termine della pesante squalifica di quattro giornate inflittagli al termine della passata stagione, quando giocava nel Gragnano). La squadra di Giordani inizia la partita col piglio giusto, proiettata nella metà campo offensiva. Al 3' una punizione calciata da Cirillo finisce di poco a lato sulla destra di Dirani. Salomone spazia soprattutto sulla fascia sinistra, mettendo spesso in difficoltà la difesa rossoblu. Al 22' il Faenza passa. Rossi calcia bene una punizione dai venti metri, la palla spiove in area di rigore e Palmieri insacca di testa la rete del meritato vantaggio. L'Imolese risponde con Antonellini, che due minuti dopo calcia di poco a lato un tiro da fuori area. Al 27' il diciassettenne Burini trova il gol del pareggio, con un bel diagonale che sorprende Gozzi. Ma il Faenza non si scompone e riprende in mano il "pallino" della partita. Al 44' Salomone recupera palla sulla tre quarti e serve un buon pallone sui piedi di Pezzi, il cui tiro insidioso è deviato in angolo coi piedi da Dirani. Un minuto dopo, allo scadere del primo tempo, i biancazzurri tornano in vantaggio. Salomone palla al piede si proietta in una straordinaria azione personale: scarta tre uomini e con un destro perfetto, scagliato dal limite dell'area, infila l'estremo difensore rossoblu, insaccando nell'angolino basso destro. Squadre negli spogliatoi col Faenza meritatamente in vantaggio. Poi nella ripresa la partita cambia leggermente volto. I padroni di casa hanno un calo, probabilmente determinato dalla stanchezza, mentre l'Imolese lentamente prende coraggio ed esce alla distanza. Al 63' un pericoloso tiro di Muzzi è bloccato a terra da Gozzi. Al 78', su una potente punizione di Antonellini, Gozzi respinge coi pugni, poi Onori di rincorsa raccoglie la palla ed insacca. Ma il gol viene annullato, fra le proteste degli ospiti, per un fuorigioco (dubbio) sbandierato dal guardialinee. Questo discutibile annullamento viene poi largamente compensato dall'arbitro con un rigore inesistente attribuito all'Imolese all'88'. Su un cross, nel momento in cui la palla finisce a ridosso della porta di Gozzi, l'arbitro attribuisce il penalty per una "cintura in area" che dalla tribuna nessuno è riuscito a scorgere. L'ex Antonellini dal dischetto non sbaglia e riporta il derby in parità. Senza esito, nei quattro minuti di recupero, i quattro calci d'angolo battuti dal Faenza.


03/10/2008

Designazioni arbitrali - Giornata 05 - gare del 05/10/2008

    Arbitro Assistente 1 Assistente 2
ALFONSINE F.C. SAVIGNANESE Guidi Marco
- Imola
Perrone Davide
- Imola
Zanotti Sergio
- Rimini
BOCA S.LAZZARO TROPICAL CORIANO Giardina Emanuele
- Acireale
Grillandi Elvis
- Faenza
Rambelli Ennio
- Ravenna
CERVIA 1920 CALDERARA 97 L.C.L. Salvatori Alessandro
- Rimini
Bertuccioli Valerio
- Rimini
Macaddino Giuseppe
- Rimini
COPPARESE PROSIDER LOW PONTE Pirriatore Graziella
- Bologna
Bonetti Simone
- Bologna
Mancino Antonio
- Bologna
DEL CONCA A.S.D. REAL CESENATICO Spinello Andrea
- Adria
Medri Mattia
- Cesena
Gianessi Paolo
- Cesena
DOZZESE A.S.D. FUSIGNANO CALCIO Ferri Paolo
- Parma
Bartolini Cristian
- Cesena
Dal Muto Matteo
- Cesena
FAENZA CALCIO S.R.L. IMOLESE A.S.D. Mestieri Stefano
- Finale Emilia
Gallo Alfonso
- Rimini
Fiorentini Mattia
- Forli'
MASSALOMBARDA VALLEVERDE RICCIONE SRL Roncarati Fabrizio
- Bologna
Benedettino Matteo
- Bologna
Mainetti Luca
- Forli'
SASSO MARCONI FORLI SRL DILETTANTISTICA Indino Pierpaolo
- Ferrara
Micillo Giovanni
- Modena
Scalera Gianluca
- Modena

02/10/2008

ll Tropical sale a San Lazzaro per invertire la rotta Senza aver raccolto nemmeno un punto nelle precedenti due trasferte e senza aver segnato neppure un gol, il Tropical sale a San Lazzaro di Savena per tentare di invertire questo trend negativo, in casa del forte Boca appena retrocesso dalla D. Certo, le prime gare lontano dal "Grandi" non erano per niente abbordabili sulla carta ed infatti si sono rivelate tali, però se si vuole raggiungere al più presto la salvezza per non arrivare con l'acqua alla gola nelle ultime giornate, urge fare punti anche fuori casa. Il Tropical ci proverà già da domenica, ma al "Kennedy" sarà davvero dura perchè i bolognesi sono secondi in classifica e tra le mura amiche hanno già sconfitto Valleverde Riccione e Calderara, senza peraltro subire alcuna rete. Achille Fabbri potrà contare in vista di questa delicatissima trasferta di tutta la rosa, eccezzion fatta per il solito Grechi, ancora alle prese con la pubalgia che lo tormenta dalla passata stagione. Il pareggio contro l'Alfonsine ha ridato morale ed entusiasmo, anche se domenica il Tropical è atteso da 95 minuti di fuoco.


01/10/2008

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 28/ 9/2008

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA FINO AL 15/10/2008

ONORATO RICCARDO (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

Per gravi proteste nei confronti dell'Arbitro

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA

SALZANO IVAN (CESENATICO CHIMICART A.D.)

A CARICO CALCIATORI NON ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA PER RECIDIVA IN AMMONIZIONE IV infr

MEINI MARCO (PROSIDER LOW PONTE)

DIFFIDE

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

FERRARI PIERO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

TEODORANI ALESSANDRO (CESENATICO CHIMICART A.D.)

TURCHI FILIPPO (DOZZESE A.S.D.)

CUTTONE ALESSANDRO (FORLI SRL DILETTANTISTICA)

PRATI MARCO (SASSO MARCONI)


30/09/2008

TABELLINI 4a GIORNATA

Calderara - Dozzese: 1 - 1
Marcatori: 10’ Neri (D), 12’ Gombia (C)
Calderara: Lazzari (20’pt Bertolotti), Manta, Madriselvi, Gom
bia (42’st Kjbinajeno), Ferrari,Rizzo, Giadrossi, Ballarin (30’st Degli Esposti), Longo, Frisenda, Granatieri. A disp.:Brognara, Stipcevich, Calzati, Paccagnini. All.Broglia.
Dozzese:Turchi, Alpi, Scaglioni (dal 32’st Cascone),Brunetti, Caroli, Facchini, Agboton, bovini, Tozzoli (44’st Lucatini), Neri, Carboni. A disp.:Moruzzi, Pierri, Bertozzi, Zaccherini, Grosso. All.Buccioli

Arbitro
: Angioli di Modena

Copparese - Faenza: 1 - 0
Marcatore: 32’ st Banzi
Copparese: Finessi; Banzi, Magri, Mazzacani (63’ Conficconi), Ballacci, Stradaroli, Biliotti, Tralli, Beccati (90’ Belluzzi), Giuriola, Grassi (74’ Tripepi). A disp.: D’Andrea, Arveda, De Angelis, Ansaloni. All. Mastrocinque
Faenza: Gozzi, Meandri (76’ Dell’Anno), Taddei, Rossi, Calmieri, Paglialonga, Menichetti (63’ Bertoni), Dal Monte (85’ Pacifico), Cirillo, Pezzi, Oliva. A disp.. Della Corte, Casanova, Errani, Mongardi. All.: Giordani
Arbitro: Marzari di Imola (Bo)
Note: giornata soleggiata ma con folate di vento. Terreno di gioco in discreto stato, spettatori 250. Ammoniti: Stradaroli e Grassi (C), Melandri (F)


Forlì - Del Conca Morciano: 1 - 3
Marcatori: 4’ e 11’ Protti (M), 38’ Cuttone (F), 84’ Paganelli (M)
Forlì: Spada, Molinari, Sassi (74’ Spighi), Cuttone, Magni, Magnani, Ceschi, Balestra (76’ Gualdi), Biserna (80’ Valgimigli), Sozzi, Muratori. A disp.: Chiadini, Brighi, Corzani, Roccetti. All.: Scardovi
Del Conca Morciano: Foiera, Santoni, Martini, Cangini, Ticchi, Nucci, Bacchini (78’ Rossi), Lisi, Protti (81’ Paganelli), Buonocore, Marani (61’ Turchi). A disp.: Petrucci, Brilli, Ciavatta, Del Magno. All.: Tentoni
Note: giornata soleggiata


Fusignano - Cesenatico: 1 - 1
Marcatori: 23’ Bassani (F), 89’ Righi (C)
Fusignano: Bartolini, Rossi, Conficconi, Agrusti, Onestini, Pressi, Fabbri (77’ Baldini), Piticchi (86’ Pellicanò), Maikano (63’ Samsak), Foschini, Bassani. A disp.: Grandi, Grasso, Ricci, Ricci. All.: Orecchia
Cesenatico: Farsoni, Facondini, Bendoni, Zavattini (53’ Pasolini), Righi, Farabegoli, Teodorani, Fattori, Salzano, Lombardini (65’ Bonacci), Gualtieri (74’ Franchini). A disp.: Orlandi, Platone, Taioli, Antognacci. All.: Farsoni
Arbitro: Prontera di Bologna


Imolese - Boca San Lazzaro: 0 - 0
Imolese: Dirani, Casadio Loreti, Venturi Casadei, Poggi, Onori, Donattini (58’ Monti), Antonellini (88’ Borini), Facciotto (75’ Sano’), Toschi, Muzzi, Falco. A disp.: Zannoni, Meccheri, Cimatti, Biavati. All.: Menghi
Boca San Lazzaro: Giovannini, Guiduzzi, Picchi, Calabrese, Di Giulio, Cazzola, Paselli, Cacciari, Cataldi, Rispoli, Tonelli (77’ Ceresi). A disp.: Conti, Greco, Drago, Gnudi, Nobile, Bonafé. All. Poli
Note: ammoniti Picchi del Boca San Lazzaro; Donattini, Poggi e Toschi dell’Imolese


Prosider Low Ponte - Cervia: 0 - 1
Marcatore: 41’ Refatti
Prosider Low Ponte: Cancelliere, Migliaccio, Acquaviva (70’ Lagonegro), Spani, Giovane, Frisari, Meini, Ziraldi, Vici, Orlandini (80’ Garavini), Mazza (46’ Lemma). A disp.: Masetti, Mara, Zoli, Larac. All.: Pregnolato
Cervia: Bertaccini, Lessi, Sirri, Pezzi, Pratta, Olivieri, Balducci, Spagnoli, Sabbadini (65’ Zaghini), Garroni, Refatti. A disp.: Pieri, Storti, Casetti, Bondi, Piraccini, Pasquali. All.: Baldazzi
Arbitro: Rusticali di Ravenna


Savignanese - Massa Lombarda: 1 - 1
Marcatori: 75’ Zagnoli (S), 91’ Guarnieri (M)
Savignanese: Tentoni, Bertozzi, Mariani (77’ Ceppini), Basini, Scirica, Fantini, Casadei, Bartolini, Baiardi, Zagnoli, Tozzi (78’ Doppi). A disp.: Pacileo, Tamburini, Pasolini, Piastra. All.: Farneti
Massa Lombarda: Monterastelli, Mascherini, Mazzanti, Crivellaro, Berti, Tosi (85’ Strocchi), Lanzoni, Trombetti (60’ Cantalupi), Guarnieri, Gherardi, Berti (60’ Errani). A disp.: Zani, Massarenti, Fosconi, Gardenghi. All.: Scozzoli
Arbitro: Agostini di Bologna


Tropical Coriano - Alfonsine: 1 - 1
Marcatori: 45’ Petrascu (A), 61’ Buldrini (TC)
Tropical Coriano: Guerra; Colonna, Zanzani, Babbini, Buldrini; L. Guerra, Tentoni, Berardi, Chiaravalloti, Poziello (41’ st Casadei), Baldinini (25’ st Angelini). All. Fabbri
Alfonsine: Faedi; Lagorio, Bianchedi, Donati, Troncossi; Siuni (15’ st Monti), Lanconelli, Miserocchi, Callegari (39’ st Ricci), Innocenti, Petrascu. All. Evangelisti
Arbitro: Bianchini di Cesena
Note: giornata soleggiata


Valleverde Riccione - Sasso Marconi: 2 - 1
Marcatori: 5’ Cavoli (R), 35’ Canini (R), 81’ rig. Tacconi (SM)
Valleverde Riccione: Bertozzi, Taraj, Merendino, Filocomo, Freschi (15’ Lapi), Lepri,. Guerra, Domini, Tolomeo, Caminati (66’ Launi), Cavoli. A disp.: Margheritini, Canini, Cali’, Dall’Aglio. All.: Ornato
Sasso Marconi: Giaroli, Chiapparini, Pezzoli (65’ Bonetti), Prati (80’ Brancaccio), Corvino, Bencivenni, Cerbone, Mancuso, Ferrero (55’ Gardosi), Tacconi, Nugara. A disp.: Soldati, De Maria, Livi, Scarpuzza. All.: Farneti
Arbitro: Migani di Forlì


29/09/2008

La Dozzese torna da Calderara con un punto Calderara-Dozzese 1-1 Calderara:Lazzari (20’pt Bertolotti), Manta, Madriselvi, Gorbia (42’st Kjbinajeno), Ferrari,Rizzo, Giadrossi, Ballarin (30’st Degli Esposti), Longo, Frisenda, Granatieri.A disp.:Brognara, Stipcevich, Calzati, Paccagnini.All.Broglia. Dozzese:Turchi, Alpi, Scaglioni (dal 32’st Cascone),Brunetti, Caroli, Facchini, Agboton, bovini, Tozzoli (44’st Lucatini), Neri, Carboni.A disp.:Moruzzi, Pierri, Bertozzi, Zaccherini, Grosso.All.Buccioli Arbitro:Angioi di Modena;assistenti Barbi e Bernabei di Finale Emilia Marcatori:Neri (9’pt), Gombia (11’pt) Ammoniti:Longo, Manta,Ferrari, Caroli, Turchi, Tozzoli. Non è bastato alla Dozzese un gol segnato da Neri al 9’ primo tempo per centrare la prima vittoria stagionale a Calderara. I padroni di casa hanno colmato il distacco appena un minuto dopo; 1-1 il risultato finale (per i padroni di casa gol di Gombia). Mister Buccioli ha dovuto fare i conti con le assenze: oltre allo squalificato Baroncini, hanno dato forfait Giorgi e Barbieri, mentre durante il riscaldamento si è infortunato Scaglioni, che ha provato comunque a rimanere in campo, finchè ha resistito.


28/09/2008

Valleverde Riccione - Sasso Marconi 2-1

Marcatori: Cavoli (VR) 13’st – Caminati (VR) 29’st – Tacconi (SM) 90’ st



RICCIONE - Ottima prova dei biancoazzurri riccionesi che portano a casa la prima vittoria del campionato dopo le ultime due partite sfortunate e sopratutto quella di Milano Marittima giocata contro il Cervia che hanno visto sfumare i tre punti per pochissimo.
Un primo tempo noioso e avaro di emozioni nel quale il Riccione sfiora per ben due volte la rete, la più clamorosa con Cavoli che viene lanciato in area e si fa respingere il tiro dal portiere avversario e nella ribattuta con l'estremo difensore a terra tira clamorosamente a lato. Nel secondo tempo un Riccione decisamente più tonico e aggressivo prende una traversa a pochi metri dalla porta con Tolomeo e nella seguente ribattuta di Cavoli non riesce a insaccare. Il Riccione passa in vantaggio poco dopo con Cavoli che di testa insacca un cross alto proveniente dalla sinistra.
Passano alcuni minuti e Caminati sigla il suo secondo gol stagionale che lanciato al centro dell'area salta un difensore e insacca a botta sicura con l'estremo difensore incolpevole.
A pochi minuti dalla fine escono i due protagonisti Cavoli e Caminati, il Riccione cala il ritmo della partita e il Sasso Marconi prova a proporsi. Agli sgoccioli l'arbitro molto generosamente assegna un calcio di rigore su fallo di Taraj con conseguente ammonizione che atterra un giocatore avversario che si stava proponendo al centro dell'area e Sasso Marconi accorcia le distanze. Non accade più nulla ma nel finale da segnalare l'espulsione di mister Onorato per qualche parola di troppo rivolta al direttore di gara. Finisce la partita e può esplodere la festa della squadra che festeggia con i propri sostenitori la gioia per questa vittoria meritata.

Nelle altre gare da segnalare la vittoria fuori casa del Del Conca Morciano che davanti a 1500 spettatori stende per 3-1 il Forlì di mister Scardovi.

Calderara – Dozzese 1-1
Marcatori: Combia (C) - Neri (D) pt

Copparese – Faenza 1-0
Marcatori: Banzi 33’st

Forlì – Del Conca 1-3
Marcatori: Protti (DC) 4’pt 11’ pt, Cuttone (F) 38’ pt, Paganelli (DC) 38’ st

Fusignano – Cesenatico 1-1
Marcatori: Bassani (F) 23’pt – Righi (C) 45’ st

Imolese – Boca 0-0

Low Ponte – Cervia 0-1
Marcatori: Raphael pt

Savignanese – Massa Lombarda 1-1
Marcatori: Zagnoli 35’st – Guarnieri 44’st

Trop. Coriano – Alfonsine 1-1
Marcatori: Petrascu (A)45’ pt – Buldrini (TC) 17’ st

Classifica: DEL CONCA 12,
ALFONSINE - BOCA SAN LAZZARO - COPPARESE - CERVIA 8,
CESENATICO 6,
MASSA LOMBARDA - FUSIGNANO - IMOLESE - RICCIONE 5,
FORLI 4 - TROPICAL CORIANO 4,
PROSIDER LOW PONTE - SAVIGNANESE - DOZZESE 3,
FAENZA 2,
SASSO MARCONI - CALDERARA 1.

Forlì - Del Conca 1-3

Quella che doveva essere la partita del definitivo rilancio si trasforma in una cocente delusione per un Forlì che trascortre i primi 15 minuti in totale apnea: il duo Buonocore - Protti fanno bello e cattivo tempo e gelano un Morgagni incredulo che vede i "Galletti" andar sotto 2 a 0 colpiti dal miciadiale uno-due di Protti. La reazione si fà attendere poi a poco dal termine del primo tempo un tiraccio di Molinari è messo dentro dal solito Cuttone che riapre la gara. Nella ripresa il Forlì appare più tonico e và vicinissimo al pari con Muratori, Ceschi e Biserna che non riescono a concretizzare la gran mole di gioco confezionata da Balestra & C. Nel finale un palo di Protti e il definitivo 3 a 1 di Paganelli legittimano la vittoria della capolista.

FORLI': Spada; Molinari, Sassi (30° Spighi); Cuttone, magni, Magnani; Ceschi, Balestra (75° Gualdi), Biserna (79° Valgimigli), Sozzi, Muratori (A disp.: Chiadini, Brighi, Corzani, Roccetti. Allenatori: Scardovi)

DEL CONCA: Foiera; Santoni, Martini; Cangini, Ticchi, Nucci; Bacchini (76° Rossi), Lisi, Protti (80° Paganelli), Buonocore, Marani (61° Turchi L.) (A disp.: Petrucci, Brilli, Ciabatta, Del Magno. Allenatore: Tentoni)

ARBITRO: Montanari di Ancona (Medri - Bartolini)

MARCATORI: 5°, 13° Protti, 41° Cuttone; 85° Paganelli

NOTE: Spettatori attorno al migliaio, ammoniti: Molinari, Cuttone, Muratori; Nucci.

 Tropical Coriano - Alfonsine 1-1

C'è da vedere il bicchiere mezzo pieno, stavolta.
Perchè agguantare un pareggio cosi, contro una squadra davvero quotata e quadrata come l'Alfonsine, è davvero sinonimo di squadra dal cuore grande.
Va dato merito doppio infatti ai biancorossoblù: dopo l'ennesimo rigore fallito da Baldinini sullo 0 a 0 e dopo lo svantaggio di Petrascu (avvenuto poi nel miglior momento dei corianesi), con il morale sotto i tacchi i corianesi sono riusciti ad essere più forti della sfortuna e a portare a casa un'ottimo pareggio. Perchè l'Alfonsine resta sempre l'Alfonsine, ma il Tropical ha dimostrato ancora una volta di essere cliente difficile per tutti e non è rimasto a guardare gli altri giocare, affatto.
L'impressione però è che anche quest'anno, come due anni orsono, non tiri una buona aria dagli undici metri, perchè quello odierno di Baldinini (a dir poco inguardabile), è il secondo penalty consecutivo fallito del Tropical, dopo quello di Poziello a Morciano. E in gare cosi, gli episodi fanno la differenza e se, anche stavolta, se l'ex attaccante della Savignanese, avesse realizzato il rigore, la partita sarebbe cambiata.
L'avvio di gara è abbastanza lento. Il "Grandi" rimane incantato dal bel gioco espresso dai biancoazzurri di mister Evangelisti, che con Innocenti ed il rapido Patrascu mettono in mostra belle giocate, ma comunque senza creare grossi grattacapi al rientrante Guerra.
Il Tropical non resta a guardare e con Colonna al 14' pt , su traversone da calcio piazzato di Berardi, va vicino al gol con un piatto al volo, ma Faedi si rifugia in corner.
E' comunque l'Alfonsine a condurre il gioco, con i corianesi che si difendono e ripartono.
Intorno a ventesimo s'inserisce come un treno Tentoni che da destra va sul fondo, ma il cross per Poziello è troppo alto e l'azione sfuma.
Poi risponde l'Alfonsine, Innocenti per Patrascu, fuggito in sospetta posizione, diagonale dell'ex Imolese, palla a lato.
Al 27' punizione per i ravennati, pennellata del solito Innocenti da destra, la palla tocca la parte alta della traversa ed esce.
Alla mezz'ora episodio chiave: punizione, Colonna viene strattonato da un'avversario e cade. E' rigore.
Questa volta è Baldinini a presentarsi dal dischetto e non Poziello, come sette giorni fa a Morciano, ma il risultato è il medesimo, se non peggiore: il suo tiro di destro infatti termina alle stelle, tra la disperazione di tutto il "Daniele Grandi".
I biancorossoblù però non paiono risentire dell'errore, anzi, si scuotono e creano gioco, ma vengono puniti nel loro momento migliore.
Sul finire di tempo però, la difesa del Tropical si distrae e l'errore diventerà fatale; minuto 45', sempre Innocenti lancia Patrascu sul taglio, Zanzani è in netto ritardo ed il rumeno non ha difficoltà a battere Guerra di destro: gli ospiti sono davanti.
Timida reazione del Tropical nel secondo dei tre minuti di recupero concessi da Bianchini: Berardi dalla sua mattonella calcia tagliato di sinistro, sulla sfera si avventano Tentoni e Buldrini che però non riescono a toccare la palla, Faedi è battuto ma la rete viene annullata per offside.
Nella ripresa i biancorossoblù paiono sottotono e la gara si fa sempre più in salita, con l'Alfonsine che controlla senza troppi problemi.
Ma al 16' ecco il pareggio: ancora l'ottimo Tentoni s'inserisce palla al piede, cross dentro il cuore dell'area, Faedi è superato, sulla sfera si avventa come un falco Buldrini che tocca facilmente sottoporto e realizza la sua prima rete in Eccellenza.
Il pari sembra accontentare entrambe le squadre, ma il solito Innocenti fa venire i capelli bianchi ad Achille Fabbri ed i suoi: a 15 minuti dal termine infatti, il forte numero 10 ravennate prende palla da sinistra in occasione di un corner fa partire un sinistro potentissimo e precisissimo che, se non ci fosse stata la parata da campione di Guerra, avrebbe terminato la propria corsa proprio nell'incrocio dei pali. Super parata! Poco dopo Lagorio prima e Lanconelli poi provano a far male con due tiri insidiosi, ma sono fuochi di paglia.
Dopo quattro minuti di recupero, si chiude la contesa.
Il Tropical porta cosi a casa un punto che ne vale almeno tre.
Magari in quelle occasioni, quando si sta soffrendo e si sta giocando contro una grande squadra come quella vista oggi e ti capita un rigore che è oro colato, è meglio cercare cose sicure senza rischiare nulla e non tentare il tiro all'incrocio dei pali, come fatto da Baldinini che, per carità, è stato autore di una prova preziosissima, ma purtroppo anche il protagonista in negativo di quell'orrendo errore, che poteva costare veramente carissimo.
La via intrapresa dalla squadra però è quella giusta. Come detto, grandi meriti per questo gruppo, capace di gettare il cuore oltre l'ostacolo.
Quindi avanti cosi, senza paura. Non bisognerà avarne nemmeno domenica, quando il Tropical salirà a San Lazzaro di Savena, per affrontare il forte Boca, secondo in classifica.

Marcatori: 45' pt Petrascu (AL), 16' st Buldrini (TC)

TROPICAL CORIANO (4-5-1):
1 Guerra; 3 Colonna, 6 Zanzani, 4 Babbini, 2 Buldrini; 7 Guerra L., 5 Tentoni, 8 Berardi, 10 Chiaravalloti, 11 Poziello (dal 41' st Casadei); 9 Baldinini (dal 25' st Angelini)
A disposizione: 12 Marcaccini, 13 Ciandrini, 14 Ghiselli, 15 Montanari, 17 Pacassoni
Allenatore: Achille Fabbri

FUSIGNANO (4-4-2):
1 Faedi; 6 Lagorio, 3 Bianchedi, 5 Donati, 2 Troncossi; 7 Siuni (dal 15' st Monti), 4 Lanconelli, 8 Miserocchi, 11 Callegari (dal 39' st Ricci); 10 Innocenti, 7 Petrascu
A disposizione: 12 Casadei, 13 Mondardini, 14 Belli, 15 Di Tuccio, 17 Carioli
Allenatore: Stefano Evangelisti

Arbitro: Bianchini di Cesena
Assistenti: Fiorentini di Forlì e Dal Muto di Cesena
Ammoniti: Babbini, Zanzani e Tentoni (TC); Siuni, Donati, Lagorio e Troncossi (AL)

Savignanese - Massalombarda 1 - 1 I bianconeri rimangono affezionati al segno X ed anche a Savignano escono con un punticino che smuove la classifica e da morale, non tanto per il pareggio in se che comunque non era da buttare alla vigilia, ma quanto per come e' stato ottenuto. Una partita ,che ha visto le due squadre affrontarsi a viso aperto, mettendo in campo tanto agonismo e una buona mole di gioco; Un primo tempo dai due volti caratterizzato da un bell'inizio dei padroni di casa che schiacciano nella metacampo i bianconeri, mentre nella seconda parte del primo tempo sono i bianconeri che riescono ad uscire dal proprio guscio e si rendono pericolosi con qualche conclusione da lontano di Gardenghi, Berti Yuri e Lanzoni. Un secondo tempo che inizia sulla falsa riga del primo,nel quale i gialloblu partono più forte e mettono in difficoltà i bianconeri , ma nella seconda parte del tempo quando i romagnoli erano riusciti a passare indenni il momento in difficoltà ecco che l'ennesima grande giocata di Tozzi mette nelle condizione Zagnoli di calciare a rete da pochi passi da Monterastelli che non può fare niente di meglio che raccogliere il pallone in fondo al sacco. Siamo al 80 minuto. Ma e' a questo punto che abbiamo la vera reazione del Massa: 10 minuti di grande calcio con palla bassa e tocchi di prima, che creano una serie infinita di occasioni ( se ne conteranno almeno 5-6), 2 pali e un buon numero di mischie ma purtroppo la palla non vuol saperne di entrare fino a quando sullo scadere del tempo regolamentare Strocchi entrato da pochi minuti si inventa una girata di sinistro parata nuovamente da uno strepitoso Tentoni ( classe 90) che pero nulla puo sul tapin vincente di Guarnieri. E' stata infatti la carica , il temperamento e la voglia di far gruppo nelle difficoltà a fare la differenza negli ultimi minuti e a permettere di aggiustare una partita che non si stava mettendo sui binari giusti. Ed e' proprio da questa carica che il Massa deve ripartire se vuole togliersi delle soddisfazioni anche quest'anno. Il migliore: ERRANI: Se la squadra finisce la partita in crescendo e' sicuramente anche merito suo. Entra a 15 minuti dalla fine e mette in luce geometrie mai viste con una naturalezza da gran giocatore. Se rimane quello di oggi il buon Davide può diventare il vero cervello della squadra.

Imolese - Boca San Lazzaro 0-0 Dopo la vittoria di Sasso Marconi, l'Imolese era attesa ad una prova convincente, per confermare che l'affermazione di domenica scorsa non era stato frutto di un episodio favorevole. Così non è stato, anche perché l'avversario visto oggi al Romeo Galli, il Boca di San Lazzaro è compagine di tutto rispetto. In campo 4-3-3 dell'Imolese contro il 4-4-2 del Boca. Pronti via e il Boca inizia a fare la partita. Gli uomini di Fabio Poli prendono l'inerzia della gara. L'Imolese non riesce a replicare e la prima frazione è un monologo. Cataldi e Rispoli fanno impazzire la difesa imolese, Calabrese detta i tempi della manovra anche se gli avanti giallorossi non riescono a perforare la porta di Dirani. All'intervallo, l'Imolese non ha mai impensierito l'estremo ospite Giovannini, mentre il Boca può recriminare su diverse occasioni sfumate o non concretizzate. In avvio di ripresa, l'Imolese ha un sussulto ma è un fuoco di paglia. E' ancora il Boca a condurre il gioco anche se con il trascorrere dei minuti con minore intensità. Menghi prova a cambiare: Monti per Donattini e Sanò per Facciotto, ma i rossoblu non decollano. Allo scadere grossa occasione per l'Imolese: Toschi, di testa da pochi passi, spedisce sopra la traversa. Sarebbe stata un punizione eccessiva per i bolognesi.
 


27/09/2008

Domenica la Dozzese a Calderara Domenica 28 Settembre, per la quarta giornata di campionato, la Dozzese sarà in trasferta a Calderara. Promossa in Eccellenza al termine della stagione 2005/2006, il Calderara ha disputato l'anno succcessivo (2006/2007 ) il campionato di Eccellenza, retrocedendo subito in Promozione. Nella stagione seguente (2007/2008) il salto nuovamente di categoria e il ritorno in Eccellenza.Si gioca al campo Comunale "G. Pederzini"in Via Garibaldi, 6 a Calderara di Reno (BO.)Della rosa, allenata da Ivan Broglia, fanno parte,tra gli altri, il portiere Lazzari, i difensori Bini, Manta, Ballarin, Ferrari, i centrocampisti Madriselvi, Gombia, Capogreco, Giadrossi, Longo, gli attaccanti Granatieri, Degli Esposti, Gherman, Stipcevic.Nella prima giornata il Calderara ha perso in trasferta contro il Del Conca 4-1, mentre nella seconda gara di campionato è stata sconfitta in casa dall'Alfonsine con un netto 1-5.Domenica scorsa terza sconfitta:1-0 in quel di San Lazzaro contro il Bo.ca.Al momento sono andati a segno Longo e Ballarin.Domenica non saranno della gara Baroncini per la Dozzese e Longo per il Calderara:entrambi hanno scontano la seconda giornata di squalifica.Nella Dozzese da verificare anche le condizioni d alcuni "acciaccati".Arbitra Angioi di Modena;assistenti Barbi e Bernabei di Finale Emilia.

VALLEVERDE RICCIONE -SASSO MARCONI
QUARTA GIORNATA DEL CAMPIONATO D´ECCELLENZA GIRONE "B"

DI SCENA AL COMUNALE NICOLETTI IL SASSO MARCONI (DOMENICA 28/09/2008 ORE 15.30) CON TANTI PROBLEMI PER MISTER ONORATO PER SCHIERARE LA FORMAZIONE CHE SCENDERA´ IN CAMPO. FUORI
GABELLINI, LANDOLFI E GORI, DA VERIFICARE LA SITUAZIONE DI PATREGNANI,DOMINI , CANINI E MAZZOLI. SARANNO DISPONIBILI GUERRA E LAUNI CHE HANNO SCONTATO LE DUE GIORNAE DI SQUALIFICA. ARBITRERA´ MIGANI FRANCESCO DI FORLI´. LA SOCIETA´ INOLTRE COMUNICA CHE PROSEGUIRA´ LA CAMPAGNA ABBONAMENTI, POTRANNO ESSERE SOTTOSCRITTI ALLA CASSA DELLO STADIO APERTURA ORE 14.15. I SETTORI APERTI SARANNO SOLE LE TRIBUNE COPERTE, INTERO EURO 10,00 RIDOTTO EURO 5,00
DONNE E RAGAZZI UNDER 14 INGRESSO GRATUITO.

 

Designazioni Arbitarli Giornata 04 - Gare del 28/09/2008

    Arbitro Assistente 1 Assistente 2
CALDERARA 97 L.C.L. DOZZESE A.S.D. Angioi Stefano
- Modena
Barbi Massimiliano
- Finale Emilia
Bernabei Maurizio
- Finale Emilia
COPPARESE FAENZA CALCIO S.R.L. Marzari Luca
- Imola
Camaggi Luca
- Bologna
Damico Mario
- Bologna
FORLI SRL DILETTANTISTICA DEL CONCA A.S.D. Arbitro Cai
-
Medri Mattia
- Cesena
Bartolini Cristian
- Cesena
FUSIGNANO CALCIO REAL CESENATICO Prontera Alessandro
- Bologna
Orsini Luca
- Faenza
Benigno Massimo
- Ferrara
IMOLESE A.S.D. BOCA S.LAZZARO Arbitro Cai
-
Galati Raffaele
- Bologna
Orsi Elia
- Finale Emilia
PROSIDER LOW PONTE CERVIA 1920 Rusticali Andrea
- Ravenna
Califano Antonio
- Bologna
Della Marchina Luca
- Rimini
SAVIGNANESE MASSALOMBARDA Agostini Gabriele
- Bologna
Zanotti Sergio
- Rimini
Gallo Alfonso
- Rimini
TROPICAL CORIANO ALFONSINE F.C. Bianchini Luca
- Cesena
Fiorentini Mattia
- Forli'
Dal Muto Matteo
- Cesena
VALLEVERDE RICCIONE SRL SASSO MARCONI Migani Francesco
- Forli'
Cannizzaro Alessandro
- Ravenna
Costa Marco
- Faenza

25/09/2008

Tropical, con l'Alfonsine gara chiave Forse è ancora troppo presto per parlare di gare da ultima spiaggia o partite chiave, ma quella che giocherà il Tropical domenica si avvicina moltissimo. Dopo la bella, bellissima prestazione in casa della capolista Del Conca, che ha privato però i biancorossoblù di punti d'oro che sarebbero stati più che meritati, domenica al "Daniele Grandi" arriva l'Alfonsine, squadra tosta e anch'essa data da molti (tanto per cambiare...), come una delle principali antagoniste alla vittoria finale. Il Tropical quindi è chiamato ad una prova super, per confermare quanto di buono visto al "Brigo" e per mettere fieno in cascina, in vista del freddo e lungo inverno. Attualmente, i corianesi navigano nelle zone basse della classifica con 3 punti in 3 gare (1 vittoria, 2 sconffite), mentre i ravennati di mister Evangelisti sono secondi, a quota 7 punti. Per quanto riguarda la formazione, l'unico indisponbile dovrebbe essere come al solito Grechi, mentre dovrebbe essere della partita "SuperSimo" Guerra, ristabilitosi a pieno dopo il brutto infortunio capitatogli nella gara con il Fusignano; Achille Fabbri (che domenica sconterà la sua ultima giornata di squalifica), dovrebbe confermare gli 11 che hanno sfiorato il colpaccio in casa del Del Conca, con appunto l'unico inserimento dell'ex portiere del Sant'Ermete, a discapito del positivo Marcaccini.


24/09/2008

Le decisioni del Giudice Sportivo per la Terza Giornata

Il Giudice Sportivo, assistito dal rappresentante dell’A.I.A., BRUNO PASQUALI, ha adottato le decisioni che di seguito integralmente si riportano:

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 14/ 9/2008

A CARICO DI SOCIETA’

AMMENDA

Euro 300,00 VALLEVERDE RICCIONE FC SRL

A fine gara propri sostenitori in campo avverso colpivano con sputi l'Assistente dell'Arbitro numero due e il massaggiatore della squadra avversaria.

Euro 250,00 DEL CONCA A.S.D.

Per tutta la durata della gara propri sostenitori rivolgevano espressi inoffensive e minacce nei confronti degli Assistenti dell'Arbitro, inoltre a fine gara persone non in elenco sostavano indebitamente all' interno recinto spogliatoi.

AMMONIZIONE

Si pongono a carico della Societa' VALLVERDE RICCIONE, i danni arrecati ad un seggiolino della panchina, se in quanto richiesti.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER UNA GARA

LALOMIA MAURO (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

PERAZZINI MARCO (DEL CONCA A.S.D.)

ERCOLANI MATTEO (IMOLESE CALCIO 1919SSDARL)

 

DIFFIDE

AMMONIZIONE CON DIFFIDA III infr

LESSI STEFANO (CERVIA 1920)

LOMBARDINI MANUELE (CESENATICO CHIMICART A.D.)

NERI MAURO (DOZZESE A.S.D.)

MEINI MARCO (PROSIDER LOW PONTE)

MIGLIACCIO PIETRO (PROSIDER LOW PONTE)


23/09/2008

Girone B - Solo il Del Conca resiste a punteggio pieno
Molti gli 0-0, riporta in media il totale la gara Dozzese vs Forlì

 

Alla terza giornata di campionato nel girone B di Eccellenza rimane a punteggio pieno il solo Del Conca. Morcianesi vittoriosi ieri per 3-0 sul Tropical Coriano. L'Alfonsine non è andata oltre lo 0-0 contro il Fusignano.

Il Del Conca ha battuto un Coriano gagliardo che ha messo in campo agonismo ed una buona tattica studiata dall'allenatore Fabbri, ma il  Del Conca ha mostrato maggiori qualità tecniche e nella ripresa pur con giocando in dieci uomini ha segnato tre reti di ottima fattura. Il Coriano può recriminare sul rigore parato da Petrucci (tiro di Poziello) al 65' sul risultato di 1 a 0 in favore del Del Conca e su un paio  di legni colpiti ma il Del Conca si è dimostrata squadra quadrata e forte in ogni reparto riuscendo alla fine a ottenere la vittoria.  Primo tempo di marca ospite che non lascia giocare i locali. Al 28' si infortuna seriamente il portiere Foiera che viene colpito involontariamente al collo da Guerra, il gioco resta fermo per circa 6 minuti e il giocatore viene portato in ospedale per accertamenti. Entra in campo Petrucci (19 anni) debuttante in Eccellenza e alla fine risultera' determinante per il rigore parato e per alcuni interventi risolutivi. Al 60' Buonocore lancia Marani che batte Marcaccini con un preciso rasoterra. Al 65' Petrucci commette fallo su Poziello,  rigore calciato dallo stesso Poziello e parata a terra di Petrucci che si riscatta. Dopo un paio di occasioni d'oro non sfruttate dal Coriano, all'80' Buonocore lancia Protti, stop e  tiro preciso che batte per la seconda volta Marcaccini. Al 84 ancora Buonocore assist per Bacchini,  tiro in corsa rasoterra preciso che termina alle spalle del portiere corianese per il 3 a 0 finale.

Termina in bianco il derby Alfonsine vs Fusignano, le squadre hanno dato vita ad un incontro combattuto, con continui rovesciamenti di fronte per tutti 90' di gara.

Salomonico il commento a fine gara di Andrea Orecchia, coach nero-verde “abbiamo visto in campo due squadre che volevano vincere, abbiamo visto in campo due squadre che non volevano perdere”.

Opinione condivisa anche dal Mister bianco-azzurro Evangelisti che elogia la squadra ospite collocandola fra le “forti del campionato”, ma giustamente, evidenzia come il numero d’occasioni da rete sia stato nettamente favorevole alla propria squadra e come, a suo parere, siano stati negati due tiri dai undici metri.

Veniamo alla gara: Il Fusignano parte forte cercando di sorprendere l’Alfonsine che, però, tiene e nel giro di una manciata di minuti prende in mano la supremazia territoriale. Le formazioni sono guardinghe, attente a non esporsi troppo al contropiede avversario, vi sono diversi tentativi della squadra di casa di forare la difesa avversaria e l’occasione principe si ha quando Monti, solo davanti all’estremo difensore ospite Bartolini, non riesce a trovare la rete.

Da segnalare, a pochi minuti dalla fine della prima parte di gara, l’infortunio di Scarlatella, sostituito da Mondardini.

Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo, da segnalare diversi tiri di Petrascu ben neutralizzati da Bartolini ed una buona occasione per il Fusignano sprecata quando Piticchi e Arboullahi, a due passi dalla rete, si ostacolano a vicenda e non centrano la porta. Al 90° angolo per l’Alfonsine, tiro e palla che ai più appare toccata nettamente, in area, di braccio. L’arbitro non è di questo parere e poco dopo vi è il fischio finale.

Il Boca San Lazzaro vince il derby con il Calderara per 1-0 ed approfitta del mezzo passo falso dell'Alfonsine agganciandola a 7 punti. Come domenica scorsa Cataldi è nuovamente decisivo, quando finalizza una bella azione corale, realizzando il gol della vittoria.

Cesenatico, Cerevia e Copparese seguono con 5 punti all'attivo.

Il Cervia ha giocato una gara molto intensa contro il Riccione vissuta con grande pathos da entrambe le squadre e dalle rispettive tifoserie,molto calorose nonostante la fredda giornata. Partenza sprint dei padroni di casa che al 3' si rendono subito pericolosi con Sabbadini che conclude debolmente. Risponde subito il Riccione che nell'arco di pochi minuti si fa più volte vivo dalle parti di Bertaccini,chiamato in causa prima da Mazzoli poi da Tolomeo che qualche istante dopo sfiora la traversa con un delizioso pallonetto approfittando dell'uscita fuori dai pali dell'estremo difensore gialloblù. Il Cervia reagisce con un colpo di testa di Rafael,alto sulla traversa dopo angolo di Sirri. Poi è Garroni,che con un giochetto di prestigio se ne va sulla fascia destra,a regalare una palla d'oro a Sabbadini che però spreca,concludendo debolmente. Gioca bene il Riccione ma da metà tempo in poi è la noia a farla da padrone con le due squadre lontane dalla porta. Sono poche le azioni di rilievo. Da segnalare le proteste del Riccione per un intervento deciso di Sirri su Caminati,ma l'arbitro opta per assegnare solo un angolo. Lamentele cervesi,invece, per un fallo su Sabbadini ma il direttore di gara lascia correre. Nel finale di tempo la retroguardia ospite sbroglia senza particolari affanni un'azione avviata da Rafel e trema per una punizione ben calciata da Sirri che vede però il pallone alzarsi inesorabilmente sopra la traversa.Nella ripresa finalmente si alzano i ritmi .Al 2'Tolomeo resiste alla carica degli avversari,scivola ma riesce comunque a calciare e a beffare Bertaccini per l'inaspettato vantaggio ospite. Immediata la reazione del Cervia con il brasiliano Rafael, bloccato ancora una volta dallo straordinario Bertozzi. Il Riccione è,però,padrone del campo e sfiora il raddoppio con Tolomeo e Caminati, stoppato provvidenzialmente da Sirri. I padroni di casa non riescono più ad impostare azioni e Spagnoli e Olivieri sembrano due aghi in un pagliaio,mal assistiti dai compagni di squadra. Il più pericoloso è ancora una volta Rafael ma per l'ennesima volta il vincitore della mini-sfida è il portiere avversario Bertozzi,il quale al 32' si esalta e con un miracolo respinge un colpo di testa preciso e a botta sicura di Fratta,sugli sviluppi di un corner battuto da Olivieri.Determinante per i gialloblù è l'ingresso del giovane Zaghini che dà alla manovra quella vivacità che fino ad allora era mancata. Il Riccione ci prova in contropiede al 36'con il neo entrato Calini. Al 42'grande occasione per Balducci,che spara alto sulla respinta dei centrali ospiti dopo una punizione di Olivieri. Un minuto dopo ha del clamoroso l'errore di Rafael che si trova a tu per tu con Bertozzi,dopo un pasticcio dei difensori bianco-celesti,ma tira centralmente e il portiere avversario respinge. Sembra finita e il Riccione sente aria di impresa ma al 95' Sabbadini viene messo giù al limite dell'area da Filocomo. Calcio di punizione per il Cervia: sul pallone il capitano Spagnoli,specialista,che con un'esecuzione magistrale fulmina l'estremo difensore ospite. Grandissimo gol che fa esplodere la gioia dei sostenitori di casa. Spagnoli viene sommerso dai compagni di squadra festanti. Finisce la gara e si scatenano le proteste del Riccione che accusa l'arbitro Agostini di aver concesso troppi minuti di recupero e di aver fischiato il termine del match oltre i minuti previsti.

Il Cesenatico ha impattato 2-2 contro la Savignanese. Un pareggio sostanzialmente giusto tra due ottime formazioni.

Nel primo tempo, al 26', Salzano ha aperto le marcature per il Cesenatico grazie ad un calcio di rigore. La parità viene ristabilita al 31' da Zangoli che ribadisce in rete un conclusione respinta dalla traversa. Nella ripresa il Cesenatico cerca maggiormente la vittoria, ma la Savignanese dimostra di essere una squadra quadrata e limita al minimo i pericoli. A 10' dal termine il gol de Cesenatico che sembra decidere la gara: cross di Bonacci per Salzano che fa da torre per Righi che insacca. Ma la Savignanese non ci sta e sono i due ex corsari Tozzi e Zagnoli a confezionare la rete del definitivo pareggio: discesa sulla fascia di Tozzi e cross perfetto per Zagnoli che realizza il gol del 2-2 e la sua doppietta personale.

La Copparese non è andata oltre lo 0-0 in casa del Massalombarda ancora scottato per brutta prestazione di domenica scorsa. Una gara con poche emozioni e sulla quale pesa la decisione del direttore di gara di non concedere un calcio di rigore in favore dei padroni di casa a pochi minuti dal fischio finale.

Poche emozioni anche nel derby tra Faenza e Low Ponte e lo 0-0 finale è lo specchio perfetto di quanto visto sul terreno di gioco. L'unica vera occasione da rete è sui piedi di Cirillo (Faenza) al 7' di gioco, ma la sua punizione e deviata in angolo con una prodezza dal portiere ospite.

Le poche reti messe a segno in questa terza giornata sono compensate dal 6-2 che il Forlì ha rifilato alla Dozzese.

 

L'undici messo in campo da "Keegan" Scardovi mette immediatamente sotto i padroni di casa con una doppietta di uno scatenato Cuttone: dopo otto minuti punizione di Balestra, torre di Ceschi e spettacolare rovesciata del mediano che al 27° concede il bis insaccando di testa un'azione Balestra - Muratori. Al 35° ancora Cuttone di testa colpisce la traversa e sulla ribattuta è Biserna lesto a firmare il 3 a 0. Al 42° il 4 a 0 di un incontenibile Muratori che trasforma un penalty. La Dozzese accorcia al 44° con Agboton che dal limite segna con una strana traiettoria. Nella ripresa il 5 a 1 è ancor opera di Muratori che in contropiede non dà scampo a Turchi. Al 73° la Dozzese bussa per la seconda volta con una splendida punizione di Brunetti. A cinque dal termine è Corzani che segna il definitivo 6 a 2 con un rigore per un fallo di Turchi sullo stesso attaccante biancorosso.

 


22/09/2008

 Cervia-Riccione:un pari ricco di polemiche
Si chiude sull'1-1 un match vibrante soprattutto nel finale


Gara molto intensa vissuta con grande pathos da entrambe le squadre e dalle rispettive tifoserie,molto calorose nonostante una giornata fredda.Partenza sprint dei padroni di casa che al 3' si rendono subito pericolosi con Sabbadini che conclude debolmente.Risponde subito il Riccione che nell'arco di pochi minuti si fa più volte vivo dalle parti di Bertaccini,chiamato in causa prima da Mazzoli poi da Tolomeo che qualche istante dopo sfiora la traversa con un delizioso pallonetto approfittando dell'uscita fuori dai pali dell'estremo difensore gialloblù.Il Cervia reagisce con un colpo di testa di Rafael,alto sulla traversa dopo angolo di Sirri.Poi è Garroni,che con un giochetto di prestigio se ne va sulla fascia destra,a regalare una palla d'oro a Sabbadini che però spreca,concludendo debolmente.Gioca bene il Riccione ma da metà tempo in poi è la noia a farla da padrone con le due squadre lontane dalla porta.Sono poche le azioni di rilievo.Da segnalare le proteste del Riccione per un intervento deciso di Sirri su Caminati,ma l'arbitro opta per assegnare solo un angolo.Lamentele cervesi,invece,per un fallo su Sabbadini ma il direttore di gara lascia correre.Nel finale di tempo la retroguardia ospite sbrogla senza particolari affanni un'azione avviata da Rafel e trema per una punizione ben calciata da Sirri che vede però il pallone alzarsi inesorabilmente sopra la traversa.Nella ripresa finalmente si alzano i ritmi .Al 2'Tolomeo resiste alla carica degli avversari,scivola ma riesce comunque a calciare e a beffare Bertaccini per l'inaspettato vantaggio ospite.Immediata la reazione del Cervia con il brasiliano Rafael,bloccato ancora una volta dallo straordinario Bertozzi.Il Riccione è,però,padrone del campo e sfiora il raddoppio con Tolomeo e Caminati,stoppato provvidenzialmente da Sirri.I padroni di casa non riescono più ad impostare azioni e Spagnoli e Olivieri sembrano due aghi in un pagliaio,mal assistiti dai compagni di squadra.Il più pericoloso è ancora una volta Rafael ma per l'ennesima volta il vincitore della mini-sfida è il portiere avversario Bertozzi,il quale al 32' si esalta e con un miracolo respinge un colpo di testa preciso e a botta sicura di Fratta,sugli sviluppi di un corner battuto da Olivieri.Determinante per i gialloblù è l'ingresso del giovane Zaghini che dà alla manovra quella vivacità che fino ad allora era mancata.Il Riccione ci prova in contropiede al 36'con il neoentrato Calini.Al 42'grande occasione per Balducci,che spara alto sulla respinta dei centrali ospiti dopo una punizione di Olivieri.Un minuto dopo ha del clamoroso l'errore di Rafael che si trova a tu per tu con Bertozzi,dopo un pasticcio dei difensori bianco-celesti,ma tira centralmente e il portiere avversario respinge.Sembra finita e il Riccione sente aria di impresa ma al 97' a tempo palesemente scaduto Sabbadini viene messo giù al limite dell'area da Filocomo.Calcio di punizione per il Cervia:sul pallone il capitano Spagnoli,specialista,che con un'esecuzione magistrale fulmina l'estremo difensore ospite.Grandissimo gol che fa esplodere la gioia dei sostenitori di casa.Spagnoli viene sommerso dai compagni di squadra festanti.Finisce la gara e si scatenano le proteste del Riccione che accusa l'arbitro Agostini di aver concesso troppi minuti di recupero e di aver fischiato il termine del match oltre i minuti previsti.Imbufaliti i dirigenti ospiti che inveiscono contro la terna arbitrale e con qualche tesserato del Cervia:si sentono defraudati e sono pronti addirittuta a fare un dossier per i torti subiti in queste prime tre giornate di campionato.Sono comunque soddisfatti mister Onorato e capitan Lepri per la grande prova disputata,per la grande caparbietà mostrata dalla squadra e per le buone manovre viste.Entrambi sperano che col tempo la squadra possa continuare ad offrire questo genere di prestazioni e che la squadra rimanga invariata fino al termine della stagione.Preoccupano invece le condizioni di Mazzoli,infortunatosi nei minuti finali.In casa Cervia c'è grande soddisfazioni per aver agguantato un pareggio che sembrava ormai insperato.Dalle parole di mister Baldazzi trapela anche un pò di rammarico per le numerose occasioni sprecate ma la gioia è tanta visto che "il Riccione è davvero un'ottima squadra,sottovalutata,con ottime individualità e con un ottima impostazione di gioco,con elementi che conosco bene tutti e che meritano tutti la categoria se non qualcosina di più".Parola di mister Baldazzi.L'obiettivo finale delle due squadre è una salvezza tranquilla ma se tutto prosegue come in quest'inizio di stagione le prospettive potrebbero diventare ben altre.
 
Cervia:Bertaccini 6;Lessi 5(dal 38'st Casetti sv);Sirri 6,5;Pezzi 4(dal 23'st Zaghini 7);Fratta 5;Olivieri 6,5;Balducci 4;Spagnoli 8,5;Sabbadini 5;Garroni 5;Rafael 4,5.All.Marino Baldazzi 6(A disp.Pieri,Marzelli,Piraccini,Del Vecchio,Pasquali)

Riccione:Bertozzi 8;Taraj 6(dal 25'st Canini 6);Merendino 6,5;Filocomo 6;Freschi 6;Lepri 6,5;Cavoli 6(dal 32'st Binotti sv);Domini 7,5;Tolomeo 7;Caminati 7,5;Mazzoli 7(dal 38'st Dall'Aglio sv).All.Riccardo Onorato 7(A disp.Margheritini,Lualdi,Lapi,Calì)
 
Arbitro:Sig.Gabriele Agostini di Forli 4,5
Assistenti:Fiorentini e Medri di Forli
Marcatori:47'Tolomeo(R)95'Spagnoli(C)
Ammoniti:Sirri e Spagnoli(Cervia)Cavoli e Lepri(Riccione) per gioco scorretto
Calci d'angolo:7 Cervia 5 Riccione
Tempo di recupero:2'pt e 5'st
Note:Terreno di gioco in discrete condizioni,giornata fredda con leggera pioggerellina,discreta rappresentanza di tifosi ospiti.

 

Del Conca Morciano - Tropical Coriano 3-0

Marcatori: 15' st Marani (DC), 35' st Protti (DC), 39' st Bacchini (DC)

DEL CONCA MORCIANO (4-4-1-1):

1 Foiera (dal 29' pt Petrucci), 2 Santoni (dal 15' st Nucci), 3 Martini, 4 Cangini, 5 Ticchi, 6 Perazzini, 7 Bacchini, 8 Lisi, 9 Protti,
10 Buonocore, 11 Marani (dal 29' st Turchi)
A disposizione:
Allenatore: Davide Tentoni

TROPICAL CORIANO (4-5-1):

1 Marcaccini; 2 Buldrini, 6 Zanzani, 4 Babbini, 3 Colonna; 7 L. Guerra (dal 16' st Ciandrini), 5 Tentoni, 8 Berardi, 10 Chiaravalloti, 11 Poziello; 9 Baldinini (dal 7' st Angelini)
A disposizione: 12 Guerra S., 13 Casadei, 14 Belfiore, 15 Pacassoni, 16 Saccani
Allenatore: Achille Fabbri

Arbitro:
Assistenti:
Ammoniti: Lisi, Marani, Buonocore (DC); Baldinini, Berardi (TC)
Espulsi: Perazzini (DC)

Il Del Conca alla terza vittoria consecutiva mantiene la testa solitaria della classifica a punteggio pieno. Il Coriano ha giocato una partita gagliarda mettendo in campo agonismo e buona tattica studiata dall'allenatore Fabbri ma il  Del Conca ha maggiori qualita' tecniche e nella ripresa pur con giocando in dieci uomini ha segnato tre reti di ottima fattura. Il Coriano puo' recriminare sul rigore parato da Petrucci (tiro di Poziello) al 65 sul risultato di 1 a o per il Del Conca e su un paio  di legni colpiti ma il Del Conca si e' dimostrata squadra quadrata e forte in ogni reparto riuscendo alla fine a ottenere la vittoria.  Primo tempo di marca ospite che non lascia giocare i locali. Al 28 si infortuna seriamente il portiere Foiera che viene colpito involontariamente al collo da Guerra, il gioco resta fermo per circa 6 minuti e il giocatore viene portato in ospedale per accertamenti. Entra in campo Petrucci (19 anni) debuttante in Eccellenza e alla fine risultera' determinante per il rigore parato e per alcuni interventi risolutivi. Al 60 Buonocore lancia Marani che batte Marcaccini con un preciso rasoterra. Al 65 Petrucci commette fallo su Poziello,  rigore calciato dallo stesso Poziello e parata a terra di Petrucci che si riscatta. Dopo un paio di occasioni d'oro non sfruttate dal Coriano, al 80 Buonocore lancia Protti, stop e  tiro preciso che batte per la seconda volta Marcaccini. Al 84 ancora Buonocore assist per Bacchini,  tiro in corsa rasoterra preciso che termina alle spalle del portiere corianese per il 3 a 0 finale.

Tropical, quanta sfortuna. Uno 0 a 3 a dir poco immeritato

Chi ha avuto la fortuna di assistere alla partita del "Brigo", lo sa.
Il Tropical di oggi non meritava assolutamente di tornarsene a casa con 0 punti e addirittura 3 gol sul groppone, anzi.
E' veramente incredibile un risultato cosi, dopo una prestazione del genere.
Sopratutto nel primo, ma anche nel secondo, i biancorossoblù sono stati capaci di tenere testa al Del Conca, andando vicini al vantaggio, senza però (questo forse è il più grande limite del momento), essere capaci di finalizzare le occasioni.
I ragazzi di mister Tentoni invece si, hanno capitalizzato al massimo 3 contropiedi, tutti nati da lanci di Buonocore, ed hanno portato a casa una vittoria preziosa, ma veramente troppo larga nel punteggio.
Ma, come detto più e più volte, questa è l'Eccellenza.
Achille Fabbri è costretto ad affidarsi tra i pali ancora a Marcaccini perchè Guerra non è ancora pronto.
Poi dentro Buldrini per Casadei, con capitan Colonna sulla fascia sinistra; per il resto stessa squadra che ha affossato il Fusignano.
Nel primo tempo è il Tropical a giocare meglio e a prevalere sul campo: ci prova al 4' Poziello, ma il suo tiro è sbilenco.
Poco dopo punizione di Berardi che diventa un'ottimo assist per Buldrini, ma il numero 2 corianese cicca la palla che si spegne sul fondo.
Risposta immediata del Del Conca, Bacchini, l' ex, fugge sulla fascia, si accentra, ma il suo sinistro termina a lato.
Intorno alla mezz'ora episodio chiave: i padroni di casa perdono il portiere Foiera, uscito malcioncio dopo uno scontro di gioco con Guerra L, al suo posto il giovane Petrucci. E' proprio il neo entrato numero 1, al 35' pt, respinge un tiro cross di Poziello dalla sinistra, sulla ribattuta Baldinini fallisce un comodo tap in.
Gioca meglio il Tropical, il Del Conca, con il fantasista Buonocore ben controllato nella morsa tra Berardi, Tentoni e Chiaravalloti, non incide mai.
Nella ripresa, è ancora il Tropical a sfiorare il vantaggio. Corner di Berardi, mischia in aerea morcianese, la palla giunge sui piedi di Colonna che spara di destro a botta sicura, Petrucci si salva di piede: gli sforzi biancorossoblù, non ricevono il giusto premio.
Cosi, al 15' il Del Conca passa in vantaggio: lancio di Buonocore per Marani, Buldrini si dimentica del numero 11 che si invola, si aggiusta il pallone e fa secco Marcaccini di sinistro.
Il Tropical accusa il colpo ma non molla: cross di Berardi, il numero 1 di casa esce ma non riesce a bloccare la sfera, prende palla Poziello che viene steso da capitan Perazzini, che già ammonito, viene espulso. E' rigore.
Proprio Poziello s'incarica di batterlo, ma il suo è un vero e proprio passaggio a Petrucci che blocca facilmente e ringrazia. Pesante colpo per il morale del Tropical, che però non demorde e va vicino al pari: minuto 26' angolo di Berardi, Colonna sceglie bene il tempo e va su di testa, traversa piena.
A questo punto i corianesi si scoprono, alla ricerca del pareggio. Ma questo si rivelerà fatale per gli uomini di Achille Fabbri.
Ed infatti: 35' st Buonocore pennella, Zanzani perde totalmente Protti che con uno splendido diagonale incrocia sul secondo palo di sinistro, 2 a 0.
Successivamente ha una buona opportunità Bacchini, il tiro però non fa male a Marcaccini
Dopo 3 minuti, cross di Buldrini per Angelini (appena entrato per l'esausto Baldinini), l'attaccante si avvita bene di testa, la palla termina fuori di un niente.
Cosi, al 39' la gara si chiude, con il colpo del ko dell'ex. Bacchini che questa volta non sbaglia: tiro non irresistibile da destra da fuori area, Marcaccini si tuffa in ritardo e non riesce ad evitare il gol.
Dopo questa azione, il risultato non cambierà più.
Bhè, che dire, sperando di non iniziare nuovamente a parlare di sfortuna e di maledizione dagli undici metri, prendiamoci pure questa sconfitta.
Ma il Tropical ha dimostrato di avere carattere, cuore, determinazione e anche doti tecniche, per giocarsela fino in fondo e di battagliare contro chiunque. Quel carattere che l'anno scorso regalò un'inaspettato secondo posto e degli automatismi che consentono ad Achille Fabbri di variare uomini e facce, senza alterara la sostanza.
Sfidiamo noi a trovare squadre, che riescono a giocarsela alla pari contro il Del Conca nel proprio stadio.
La prestazione di oggi, al di là del risultato, fa ben sperare, in vista delle altre prossime partite.
E' allora è da li che bisogna ripartire, per costruire un gran campionato. A cominciare già da domenica contro l' Alfonsine.

 Alfonsine - Fusignano 0-0

Termina in bianco il derby Alfonsine – Fusignano, le squadre hanno dato vita ad un incontro combattuto, con continui rovesciamenti di fronte per tutti 90 minuti di gara. Salomonico il commento di Andrea Orecchia, Coach nero-verde << …abbiamo visto in campo due squadre che volevano vincere, abbiamo visto in campo due squadre che non volevano perdere.>>. Opinione condivisa anche dal Mister bianco-azzurro Evangelisti che elogia la squadra ospite collocandola fra le “forti del campionato”, ma giustamente, evidenzia come il numero d’occasioni da rete sia stato nettamente favorevole alla propria squadra e come, a suo parere, siano stati negati due tiri dai nove metri. Veniamo alla gara: Il Fusignano parte forte cercando di sorprendere l’Alfonsine che, però, tiene e nel giro di una manciata di minuti prende in mano la supremazia territoriale. Naturalmente le formazioni sono guardinghe, attente a non esporsi troppo al contropiede avversario, vi sono diversi tentativi della squadra di casa di forare la difesa avversaria e l’occasione principe si ha quando Monti, solo davanti all’estremo difensore ospite Bartolini, non riesce a trovare la rete. Da segnalare, a pochi minuti dalla fine della prima parte di gara, l’infortunio di Scarlatella, sostituito da Mondardini. Il secondo tempo inizia sulla falsariga del primo, da segnalare diversi tiri di Petrascu ben neutralizzati da Bartolini ed una buona occasione per il Fusignano sprecata quando Piticchi e Arboullahi, a due passi dalla rete, si ostacolano a vicenda e non centrano la porta. Ultima cosa importante da segnalare: al 45° angolo per l’Alfonsine, tiro e palla che ai più (me compreso) appare toccata nettamente, in area, di braccio. L’arbitro non è di questo parere e poco dopo vi è il fischio finale. Un’ Alfonsine che nonostante le assenze ha creato numerose occasioni; quindi a mio parere un “buon pareggio”, tesi questa avvallata dal trainer bianco-azzurro che, fra le altre cose, asserisce << …è impensabile pensare di poter “stendere” tutti gli avversari…>>.

Faenza - Low Ponte 0-0

Vince la paura di perdere fra Faenza e Low Ponte, in una partita che offre pochissime emozioni. Reduce dal confortante pareggio esterno di Savignano sul Rubicone, la squadra di casa si presenta in campo schierando il classico 4-3-3 di Giordani, mentre gli ospiti, ormai abbonati al pareggio (è il terzo consecutivo), si rifugiano in un leggermente più abbottonato 4-4-2. La prima occasione da rete, forse anche l’unica dell’intero incontro, arriva al 7’: una punizione pericolosa calciata da Cirillo viene deviata faticosamente in corner da Cancellieri. I ravennati provano una timida reazione ed al 20’ Ziraldo riesce ad entrare in area con la palla sui piedi, ma la sua conclusione viene sventata senza grossi problemi da Gozzi. Nella seconda metà del primo tempo non si registrano altri tiri negli specchi delle porte. Mentre le squadre rientrano negli spogliatoi, la speranza dei duecenti spettatori del ‘Bruno Neri’ è che nella ripresa si possa assistere a qualche emozione in più. Speranza vana. Nei primi dieci minuti del secondo tempo il Low Ponte tiene in mano la situazione e si spinge nella metà campo avversaria, ma senza fare male. Poi il ‘pallino’ della partita si sposta a favore dei locali, però anche loro non trovano mai seriamente la via della rete. L’unica nota di rilievo è quindi l’infortunio (un brutta distorsione ad un ginocchio) che costringe Castro ad uscire anzitempo dal campo. Nel finale mister Giordani mette in campo Manaresi, Taddei e Pacifico, ma la partita è ormai impantanata sullo 0-0 e nemmeno le forze fresche riescono a cambiarne l’inerzia. Una cosa positiva, comunque, si trova: entrambe le squadre muovono la classifica. Faenza: Gozzi, Melandri, Oliva (87’ Taddei), Rossi, Palmieri, Paglialonga, Dell’Anno (65’ Manaresi), Dal Monte, Cirillo, Pezzi, Errani (71’ Pacifico). All. Giordani. Prosider Low Ponte: Cancelliere, Migliaccio, Acquaviva, Lemma (46’ Giovani), Castro (57’ Larak), Frisari, Meini, Ziraldo, Vici, Orlandini (81’ Lagonegro), Spani. All. Delli Carri. Arbitro: Lodi di Piacenza. Ammoniti: Acquaviva, Lemma, Orlandini.

Massalombarda - Copparese 0-0 A 7 giorni di distanza dalla sconfitta di Cervia, i bianconeri riescono parzialmente a riscattarsi nella difficile partita contro la Copparese. Nei 90 minuti gioco disputati sotto una leggera pioggerella si e' infatti visto un Massalombarda generoso e volenteroso nel cercare di riprendere la retta via. Di fronte una Copparese, che non sarà di certo la squadra blasonata degli anni trascorsi, ma che comunque recita tra le sue file giocatori come Grassi, Biliotti ,Stradaroli che per la categoria rimangono un vero lusso. La partita e' filata via su ritmi di un certo livello, con continui tentativi da parte delle squadre di fare la partita, ma nessuna delle due squadre ha mai dato l'impressione di poter prevalere sull'altra e nemmeno il secondo tempo con l'innesto di ulteriori forza fresche( e' al 30° del secondo tempo il debutto del nuovo acquisto bianconero ERRANI) si e' avuta veramente l'impressione che il risultato potesse sbloccarsi. Un risultato ad occhiali che in fin dei conti soddisfa entrambe le squadre in quanto rispecchia l'equilibrio visto durante la partita. E che dire di questo Massalombarda dopo tre partite. 1 vittoria , 1 sconfitta e un pareggio. L'impressione e' che si debba ancora capire che campionato abbia voglia di recitare la squadra, ma la convinzione vista oggi in campo puo' essere un ottimo segnale per intuire che il gruppo c'e' e la condizione anche, tutti ottimi ingredienti per far si che la stagione 2008-09 possa decollare. Il Migliore: Monterastelli. Quasi mai impegnato, ma se al 20 del secondo tempo non avesse messo i suoi 2 piedoni in uscita disperata su Beccati ora parleremmo di un altro risultato. I grandi portieri si riconoscono anche da qui.

Dozzese - Forli 2-6 DOZZESE: Turchi, Alpi, Scaglioni, Brunetti, Caroli, Facchini, Grosso (dal 60° Barbieri), Bonini, Giorgi, Neri (dal 75° Bertozzi), Agboton (dal 70° Tozzoli). A Disp.: Moruzzi, Zaccherini, Pierri, Lucatini, . All.: Buccioli. FORLI: Chiadini, Molinari, Sassi, Cuttone, Magni Emanuele, Magnani, Ceschi, Balestra (dal 55° Mordini, (), Biserna (dal 85° Brighi), Sozzi Marco, Muratori. A Disp.: Piolanti, Montanari, Gualdi, Corzani, Valentini. All.: Scardovi. Marcatori: . Ammoniti: DOZZESE: Turchi, Brunetti, Neri, Agboton. FORLI: Chiadini. Arbitro: Quaranta di Piacenza. Assistenti: Perrone di Imola e Scalera di Modena. Marcatori: 10° pt Cuttone (0-1), 25° pt Cuttone (0-2), 31° pt Biserna (0-3), 39° pt Muratori (rig.) (0-4), 44°pt Agboton (1-4), 6° st Muratori (1-5), 24° st Brunetti (2-5), 41° st Corzani (rig.) (2-5).

Il Forlì cambia registro e s'impone sul campo dell'imbattuta Dozzese con un punteggio addirittura tennistico: 6 a 2! L'undici messo in campo da "Keegan" Scardovi mette immediatamente sotto i padroni di casa con una doppietta di uno scatenato Cuttone: dopo otto minuti punizione di Balestra, torre di Ceschi e spettacolare rovesciata del mediano che al 27° concede il bis insaccando di testa un'azione Balestra - Muratori. Al 35° ancora Cuttone di testa colpisce la traversa e sulla ribattuta è Biserna lesto a firmare il 3 a 0. Al 42° il 4 a 0 di un incontenibile Muratori che trasforma un penalty. La Dozzese accorcia al 44° con Agboton che dal limite segna con una strana traiettoria. Nella ripresa il 5 a 1 è ancor opera di Muratori che in contropiede non dà scampo a Turchi. Al 73° la dozzese bussa per la seconda volta con una splendida punizione di Brunetti. A cinque dal termine è Corzani che segna il definitivo 6 a 2 con un rigore per un fallo di Turchi sullo stesso attaccante biancorosso.

Mister Buccioli commenta la sconfita con il Forlì “Non ci sono grosse scusanti o alibi - sono le prime parole del tecnico della Dozzese Andrea Buccioli nel dopo partita di Dozzese-Forlì (2-6)-“Loro sono stati più bravi e in tutti gli episodi del primo tempo che abbiamo concesso ci hanno fatto gol; tra l’altro abbiamo regalato su situazioni che conoscevamo. Non c’era bisogno di concedere più di tanto al Forlì che abbiamo visto essere una squadra molto forte. Per assurdo siamo stati più propositivi oggi che domenica scorsa a Riccione o nel secondo tempo con l’Imolese. E’ chiaro che abbiamo concesso molte situazioni e le abbiamo pagate tutte.Il punteggio è indicativo della differenza che c’è tra le due squadre, ma lo sapevamo anche prima della gara, quindi questo non ci deve abbattere troppo.Il 2-0 o il 6-2 cambia poco. Domenica prossima andiamo a Calderara ed è sicuramente una partita molto più importante di quella di oggi”


20/09/2008

Il Faenza ospita il Low Ponte Appuntamento allo stadio 'Bruno Neri' domani (domenica 21 settembre) alle 15,30, per la terza giornata del campionato di Eccellenza Regionale. Il Faenza di mister Giordani, dopo l'incoraggiante pareggio esterno per 1-1 ottenuto a Savignano sul Rubicone, ospita i ravennati del Low Ponte. Subito la situazione in casa biancazzurra. Mancheranno l'attaccante Salomone (sconterà la terza delle quattro giornate di squalifica che gli è stata inflitta al termine della passata stagione) ed il centrocampista Casanova: una distorsione ad una caviglia lo terrà fuori causa per almeno una settimana. Per il resto, la punta Cirillo ha ormai recuperato le migliori condizioni. E' definitivamente sfumata infine l'ipotesi di rivedere in campo Mascarenhas nuovamente nel 2008: le diagnosi definitive hanno evidenziato la necessità che l'attaccante brasiliano venga operato ad un legamento crociato, leso parzialmente. Se ne riparlerà a primavera. La società è già comunque corsa ai ripari, tesserando l'attaccante napoletano Raffaele Dell'Anno, classe 1988, che oggi farà il suo esordio casalingo. Dopo aver militato in serie D nel Solofra (in provincia di Avellino) ed in Eccellenza nel Casarano (in provincia di Lecce), Dell'Anno vanta un'esperienza in Germania, dapprima in serie C col Darmstadt, poi fra i cadetti tedeschi col Burghausen. Oggi, dunque, l'impegno contro il Low Ponte. Per il Faenza, è l'occasione per riscattare subito lo 0-2 subito tre settimane fa in Coppa Italia sul campo dei ravennati. Uno 0-2 peraltro non troppo veritiero, rispetto a quanto si era visto in campo. «Quel precedente non mi interessa molto, anche perché la Coppa Italia non faceva parte dei nostri programmi - precisa mister Giordani - La partita di campionato è invece per noi molto importante. Anche se il Low Ponte è una squadra solida ed esperta, possiamo cosiderarla un avversario diretto nella lotta per non retrocedere. Stavolta, quindi, sarà necessario fare punti». Oggi il tecnico del Low Ponte, Beppe Pregnolato, non andrà in panchina: è squalificato fino all'1 ottobre.

Designazioni Arbitrali TERZA GIORNATA- gare del 21/09/2008

    Arbitro Assistente 1 Assistente 2
ALFONSINE F.C. FUSIGNANO CALCIO Arbitro Cai
-
Ballardini Christian
- Ravenna
Cariffa Paolo
- Ravenna
BOCA S.LAZZARO CALDERARA 97 L.C.L. Tonti Franco Daniel
- Rimini
Rossi Giorgio
- Ferrara
Galati Raffaele
- Bologna
CERVIA 1920 VALLEVERDE RICCIONE SRL Agostini Gabriele
- Bologna
Fiorentini Mattia
- Forli'
Medri Mattia
- Cesena
DEL CONCA A.S.D. TROPICAL CORIANO Saccenti Alessio
- Modena
Rappazzo Gianluca
- Rimini
Bertuccioli Valerio
- Rimini
DOZZESE A.S.D. FORLI SRL DILETTANTISTICA Rubino Paolo
- Reggio Emilia
Perrone Davide
- Imola
Scalera Gianluca
- Modena
FAENZA CALCIO S.R.L. PROSIDER LOW PONTE Lodi Gustavo
- Piacenza
Chiari Elena
- Bologna
Zanotti Sergio
- Rimini
MASSALOMBARDA COPPARESE Rossi Mattia
- Forli'
Costa Marco
- Faenza
Turrini Fabrizio
- Faenza
REAL CESENATICO SAVIGNANESE Arbitro Cai
-
Gallo Alfonso
- Rimini
Della Marchina Luca
- Rimini
SASSO MARCONI IMOLESE A.S.D. Bruzzi Fabio
- Bologna
Bonetti Simone
- Bologna
Apa Giovanni
- Bologna

CERVIA - VALLEVERDE RICCIONE

IN VISTA DELLA GARA DI DOMENICA 21/09/2208 ORE 15.30 STADIO DEI PINI DI CERVIA 3° GIORNATA DEL CAMPIONATO D´ECCELLENZA GIRONE B CERVIA - VALLEVERDE RICCIONE LA SOCIETA´ COMUNICA CHE ALLA CHIUSURA DELLE LISTE DI TRASFERIMENTO TRE NUOVI CALCIATORI SONO STATI TESSERATI E QUINDI A DISPOSIZIONE DI MISTER ONORATO E SONO : DOMINI TOMMASO CLASSE 1989 DAL MONTECCHIO, CALI´ SEBASTIANO CLASSE 1990 DAL CODOGNO E LA GIOVANE PROMESSA COSI CARMELO CLASSE 1992 DAL BRINDISI.
INTANTO NELLO SPOGLIATOIO SI SEGNALO OLTRE LE SQUALIFICHE DI LAUNI E GUERRA, LE INSPOSIZIONI DI PATREGNANI, RINALDI, IMOLA, LANDOLFI , GABELLINI E GORI.ARBITRO DELL A GARA SARA´ GABRIELE AGOSTINI DI BOLOGNA.


19/09/2008

Filippo Tassi lascia la Dozzese
per motivi di studio e il Massalombarda svincola Matteo Mengozzi

Il giocatore della Dozzese Filippo Tassi, partirà oggi, per la Spagna, come annunciato, per motivi di studio. Frequentare un Erasmus era il suo sogno e quindi, pure a malincuore, lascerà per un pò il campo verde.Un grosso in bocca al lupo gli arriva da tutta la Dozzese. Un pò a sorpresa a due giorni dalla chiusura delle liste di svincolo la società Massalombarda ha deciso di svincolare  centrocampista Mengozzi Matteo e lasciargli cosi la possibilità di tesserarsi per altre squadre. Notevole e' lo sconforto da parte dei suoi compagni di squadra con i quali aveva legato fin dai primi giorni di ritiro. Facciamo un grosso in bocca al lupo a Matteo con la speranza che possa togliersi grandi soddisfazioni nel proseguo della sua carriera. Intanto la squadra si e' allenata durante la settimana ed e' pronta a reagire dopo la sconfitta interna di domenica scorsa.  Mr Scozzoli contro la Copparese potrà contare su tutta la rosa eccetto il giovane Cantalupi che sta recuperando dal problema muscolare.


17/09/2008

Le decisioni del Giudice Sportivo per la Seconda Giornata di campionato

Il Giudice Sportivo, assistito dal rappresentante dell’A.I.A., BRUNO PASQUALI, ha adottato le decisioni che di seguito integralmente si riportano:

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 7/ 9/2008

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

LONGO RAFFAELE (CALDERARA L.C.L. 97 A.S.D)

GARE DEL 14/ 9/2008

A CARICO DIRIGENTI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 8/10/2008

GASPERONI GIANCARLO (CERVIA 1920)

Per espressioni offensive nei confronti del direttore di gara.

A CARICO DI ALLENATORI

SQUALIFICA FINO AL 1/10/2008

PREGNOLATO GIUSEPPE (PROSIDER LOW PONTE)

Per gravi proteste nei confronti dell'Arbitro

FABBRI ACHILLE (TROPICAL CORIANO)

Per gravi proteste nei confronti dell'Arbitro

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE

MISSIROLI MATTIA (CERVIA 1920)

A seguito di ammonizione offendeva ripetutamente l'Arbitro. Alla notifica dell'espulsione reiterava al Direttore di Gara offese e proferiva gravi minacce. Posizionatosi fuori dal terreno di gioco, dietro la recinzione, continuava a rivolgere all'Arbitro offese e minacce fino al termine della gara.

SQUALIFICA PER DUE GARE

BARONCINI GIANLUIGI (DOZZESE A.S.D.)

 

L'Imolese tessera Attilio Falco In data odierna l'Imolese Calcio ha tesserato Attilio Falco, nato a Massa Marittima, il 25/07/88. Falco, ex Faenza, ha giocato nelle giovanili del Gavorrano (Gr). Nell'Imolese ricoprirà il ruolo di centrocampista centrale. Il giocatore sarà a disposizione di Menghi già negli allenamenti odierni.
 

Il punto sull'Eccellenza B Sono state giocate solamente due partite, e centottanta minuti sono pochi per dare giudizi su questo torneo di Eccellenza 2008/2009; un torneo che molti hanno definito come il più bello degli ultimi 10 anni. Sarà vero? Sarà il campo a dircelo nel prosieguo della stagione, intanto queste prime giornate dicono che Alfonsine e Del Conca sono alcune delle squadre che si contenderanno la promozione al piano di sopra, ravennati e morcianesi fin qui hanno fatto bottino pieno e nessuna delle due squadre intende fermarsi. Entrambe in estate hanno messo mano al portafoglio e gli organici delle due attuali capoliste sono di tutto rispetto, ma non scherzano nemmeno Copparese, Fusignano e quel Forli che nella terza di campionato fa visita alla Dozzese di Andrea Buccioli. Scorgendo la classifica e vedendo i risultati di questi primi turni, viene evidenziato ancora una volta come ci troviamo di fronte ad un campionato livellato dove ogni giornata fa storia a sé, non esistono squadre materasso e sia in testa che in coda sarà sicuramente lotta fino alla fine. Fin qui bene Alfonsine e Del Conca che a Imola ha dimostrato una solidità impressionate con un organico che sa attaccare in massa e difendere in gruppo, oltre ogni più rosea aspettativa il Boca San Lazzaro che ha messo in panchina Fabio Poli al posto di Oriano Boschin (rimane in organico) che si è fatto da parte per motivi di salute. Si stanno ben comportando Real Cesenatico, Cervia e Copparese. Un po’ sotto le aspettative il Fusignano che nel motore ha inserito anche il difensore ex Castel San Pietro Fabio Onestini che era un obiettivo anche dell’Imolese. In linea con le proprie ambizioni Prosider Low Ponte, Dozzese e Sasso Marconi; sotto gli standard Imolese, Savignagnese e Riccione. L’unica squadra ancora al palo, zero punti, è il Calderara di Reno che cercherà di rompere l’incantesimo domenica a San Lazzaro. La classifica dopo 2 turni: Alfonsine 6, Del Conca 6, Boca San Lazzaro 4, Real Cesenatico 4, Cervia 4, Copparese 4, Massa Lombarda 3, Tropical Coriano 3, Fusignano 3, Prosider Low Ponte 2, Dozzese 2, Sasso Marconi 1, Forli 1, Imolese 1, Savignanese 1, Riccione 1, Faenza 1, Calderara di Reno 0. Le partite del terzo turno e i pronostici: Alfonsine – Fusignano (1-2), Boca San Lazzaro – Calderara di Reno (1-X), Cervia – Riccione (1), Real Cesenatico – Savignanese (X), Del Conca – Tropical Coriano (1), Dozzese – Forli (X2), Faenza – Prosider Low Ponte (X), Massa Lombarda – Copparese (1X), Sasso Marconi – Imolese (X).


16/09/2008

Tropical, a Morciano senza paura
Domenica i biancorossoblù saranno impegnati in casa della capolista, con qualche certezza in più.

Senza Grechi e Guerra squalificati, ma con il prezioso ritorno di Buldrini, il Tropical sale a Morciano per giocarsi tutte le proprie carte contro il Del Conca capolista e a punteggio pieno in campionato.
La vittoria contro il Fusignano è stata molto salutare per i biancorossoblù, che dopo essersi sbloccati anche sotto il profilo del gol, ora possono proseguire in campionato più tranquilli e consepevoli delle proprie forze.
E' stata ottima infatti la prestazione del Tropical contro i ravennati: sono stati molti i corianesi ad aver disputato un'ottimo match, ma l'uomo della settimana è senza dubbio l'ultimo arrivato, ovvero l'attaccante Baldinini che, a meno di colpi di scena, sarà ancora una volta la punta titolare a discapito di Angelini, che tornerà comunque utile a match in corso.
Mancherà invece come detto Simone Guerra che, dopo aver scongiurato le ipotesi di una frattura, non riuscirà però a recuperare in tempo per domenica, cosi in porta andrà ancora una volta Marcaccini, che ha ben figurato contro il Fusignano.
I morcianesi, davvero in palla in questo periodo e capaci addirittura di battere la corazzata Imolese in casa propria, non faranno certo regali e vorranno proseguire la propria striscia positiva, per tentare la fuga solitaria.
Giocatori da tenere d'occhio? Bhè, la scelta è ampia, si può passare dai mediani Bacchini, Lisi e Perazzini, ai fantasisti Buonocore e Marani, per finire al bomber principe Protti. A dire il vero c'è già stato un precedente stagionale tra il Tropical e la squadra di mister Tentoni, precisamente il 24 Agosto al "Daniele Grandi", gara valida per il primo turno di Coppa Italia. Risultato 0 a 0.
Ma quelli, nonostante siano passate solamente poche settimane, erano decisamente altri tempi.
Si gioca, domenica 21 Settembre, alle ore 15.30 presso lo stadio "Carlo Brigo" di Morciano di Romagna.


15/09/2008

 Del Conca ed Alfonsine a “braccietto” al comando
Prima storica vittoria del Tropical Coriano nel campionato di Eccellenza

Una coppia guida a punteggio pieno il campionato di Eccellenza. Le due squadre sono Alfosine e Del Conca. Il Del Conca dopo la goleada rifilata domenica scorsa al “Carlo Brigo” al Calderara, ieri pomeriggio è andata a vincere in casa di una delle squadre più attrezzate del girone, l'Imolese. La squadre morcianese è molto forte e sa di esserlo, d'altronde una formazione che può permettersi di schierare elementi come Protti, Marani, Perazzini, Buonocore, Lisi, Bacchini, ecc... non può che essere consapevole della propria forza. Nei primi 15' c'è solo il Del Conca in campo. I bianco-blu vanno vicini alla rete in più di un'occasione. Al quarto d'ora il primo tentativo imolese di inquadrare la porta difesa da Foiera, poi ricomincia il monologo morcianese che con Buonocore e Bacchini si rende nuovamente pericoloso dalle parti di Dirani. Al 31' il meritatissimo vantaggio del Del Cona: dopo una bella azione corale, Buonocore infila l'angolino dove Dirani non può arrivare. Passano 10' ed il Del Conca raddoppia: ancora una volta Buonocore (che dimostra di essere un giocatore di altra categoria) mette sui piedi di Bacchini un palla perfetta ed il giovane centrocampista ospite lascia partire un tiro che batte imparabilmente Dirani. Prima dell'intervallo il Del Conca sciupa l'occasione per triplicare. Nella ripresa la gara cambia aspetto, con l'Imolese in pressione alla ricerca della rete che potrebbe riaprire la gara ma la difesa morcianese riesce sempre a sbrogliare la matassa.
L'Alfonsine a punteggio pieno n
on è certo una sorpresa perchè la campagna acquisti estiva faceva intuire quali potenzialità avesse la formazione ravennate. Quello che stupisce sono le dimensioni che assumono le vittorie dei bianco-azzurri. Ieri pomeriggio a Caldearara dopo aver chiuso il primo tempo sotto di una rete (rete di Ballarini al 26'), nella ripresa la squadra ha cambiato decisamente marcia, pervenendo al pareggio al 53' con Innocenti. La squadra di Evangelisti continua la pressione e 10' più tardi arriva la rete del 2-1 con Donati che incorna un cross di Innocenti. A questo punto il giovane Calderara si disunisce e per l'Alfonsine è un gioco da ragazzi dilagare con altre due reti di Patrascu ed una di Callegare per il 5-1 finale.Dopo la coppia di testa si è formato un gruppetto a 4 punti composto da Cesenatico, Cervia, Copparese e Boca San Lazzaro. Ieri pomerggio il Cesenatico ha impattato 1-1 in casa del Forlì. Un scontro tra due formazioni ambiziose che non nascondono di voler puntare ad un campionato di vertice. Nella gara giocata ieri il Cesenatico è apparso una squadra quadrata. I biancorossi hanno saputo tenergli testa e con la sapiente regia del rientrante Balestra, sono partiti bene e già dopo 8' sono passati in vantaggio grazie a Muratori che indovina uno splendido tiro al volo da fuori area che si spegne nell'angolino della porta difesa da Farsoni. La reazione degli adriatici non si fà attendere e Gualtieri firma il pari insaccando da vicino un corner di Teodorani. Nella ripresa la partita è stata ancora combattuta: nei biancorossi Mordini ha dato il cambio a Balestra e, dopo un tiro sprecato a lato da Valgimigli, lo stesso Mordini ha scodellato una palla strepitosa per Sassi che ha sparato al volo col cuoio respinto sulla linea da un difensore ospite. In contropiede anche il Cesenatico si è fatto pericoloso ma la divisione della posta può considerarsi giusta.
Il Boca San Lazzaro, dopo la vittoria interna all'esordio, ieri pomeriggio ha paregtiato 2-2 a Ravenna con il Low Ponte al termine di una gara molto emozionante. Già al 2' di gioco il Low Ponte è in vantaggio con Vici che di piatto insacca un cross dal fondo di Meini. Al 16' il Boca pareggia con un erugol di Cataldi che infila il sette della porta difesa da Cancelliere. Alla mezz'ora i bolognesi si portano in vantaggio. Ancora in rete Cataldi al termine di un'azione corale. Nella ripresa il Low Ponte parte all'attacco, al 55' sfiora il pareggio, che arriva al 62' con Spani che insacca al volo un delizioso assist di Meini.
A 4 punti anche il Cervia che dopo aver impattato nella gara d'esordio con la Copparese, ieri pomeriggio è andato a vincere 1-0 sul difficile campo di Massalombarda. Il Massalombarda è irriconoscibile rispetto alla gara vinta sete giorni fa a Faenza. La squadra di Baldazzi è stata cinica nel capitalizzare l'unica grande occasione da gol creata e bravo nel finale a resistere agli assalti dei padroni di casa anche in inferiorità numerica.
Conclude il gruppo a 4 punti la quotata Copparese che ieri pomeriggio si è imposta 2-1 sul Sasso Marconi. La vittoria dei ferraresi è arrivata nei minuti di recupero, quando Mazzacani ha messo a segno la rete del 2-1 dopo che il portiere ospite Geroli gli aveva respinto il calcio di rigore. Ad andare in vantaggio era stato il Sasso Marconi al 31' del primo tempo con Scarpuzza, dopo uno scambio con Ferriero. Il pareggio rosso-blu a metà ripresa di Biliotti, poi il foricing finale dei ferraresi che come già scritto, ha prodotto il calcio di rigore che ha determinato il risultato finale.
A tre punti tre squadre, Massalombarda, Fusignano ed il Tropical Coriano. Del Tropical la vittoria più sorpendente della seconda giornata. I ragazzi di Mr. Fabbri hanno battuto il forte Fusignano con il punteggio di 2-0. Dopo la negativa trasferta di sette giorni fa a Cesenatico, che aveva fatto venire brutti pensieri, ecco la reazione che tutti si aspettavano in casa Tropical. La squadra di Orecchia era molto temuta, perchè dotata di giocatori in grado di fare la differenza nella categoria ma nella gara di ieri i biancorossoblù, che hanno messo in campo tutto quello che avevano, riuscendo cosi a portare a casa una preziosa, preziosissima vittoria, fondamentale per morale e classifica.
Pronti via e Baldinini sfiora il vantaggio con un colpo di testa che fa la barba al palo e dopo 2 minuti, prova da lontano di sinistro ma Bartolini vigila. Poi ci prova Poziello da lontano, palla fuori.
Al 26' i biancorossoblù passano: lancio dalle retrovie di Babbini, Poziello spizza di testa, la palla giunge proprio a Baldinini che s'infila tra Pressi e Conficconi e con un perfetto diagonale porta in vantaggio i corianesi.
Sul ribaltamento di fronte, assist di testa di Bassani per Abdoulmni, Guerra esce bene ed anticipa l'attaccante di colore del Fusignano, che non riesce ad evitarlo e procura al numero 1 biancorossoblù l'uscita del mignolo della mano destra e lo mette ko. Dentro Marcaccini. Il Fusignano poi ci prova su punizione con Foschini, ma i tentavi sono vani.
Nella ripresa, dopo un'occasionissima ancora per Adboulmni per non riesce per un soffio a ribadire in rete un comodo tap-in su azione di calcio d'angolo il Tropical raddoppia: minuto 17', Berardi pennella da sinistra, imperioso è lo stacco di Poziello che salta più in alto di tutti e fa secco Bartolini.
Dopo il gol Poziello si carica e più di una volta crea scompiglio nella difesa del Fusignano (che in estate era stato ad un passo nell'acquistarlo), ma alla fine il risultato non cambierà più.
Dopo la batosta subita in casa con il Massalombarda il Faenza muove la classifica, con un pesante pareggio esterno conquistato contro la quotata Savignanese. La squadra di Giordani teneva a far vedere che l’1-4 interno subito all’esordio contro il Massa Lombarda era stato soltanto il frutto di una giornata storta, e c’è riuscita, giocando una partita attenta, amche se molto sulla difensiva.  Fra i biancazzurri mancano gli infortunati Mascarenha e Vallefuoco, oltre allo squalificato Salomone. Rientra però l’attaccante Cirillo. La partita inizia con la Savignanese in attacco ed il Faenza comunque pronto a rendersi insidioso nelle ripartenze. La superiorità nel possesso di palla dei padroni di casa si concretizza al 37’, quando al termine di una bella azione corale Casadei va in rete. Ma appena tre minuti dopo il Faenza pareggia, con un calcio di rigore realizzato da Cirillo, per un fallo di mani in area.  Nella ripresa, la Savignanese torna a spingere nel tentativo di ripassare in vantaggio. Col passare dei minuti la stanchezza si fa sentire: la squadra di Giordani non riesce più ad essere brillante nelle ripartenze, tuttavia mantiene la massima lucidità in fase difensiva (dove era mancata contro il Massa Lombarda) e si porta a casa un punto che rasserena Giordani: «Un punto che ci dà fiducia – dice il mister – E’ stata la partita che ci aspettavamo. La Savignanese è una squadra importante, composta dallo stesso nucleo di giocatori da tre anni, molto più amalgamata di noi. Siamo stati bravi ad interpretare nel modo corretto la gara».
E' finita in parità anche la gara tra Riccione e Dozzese un 1-1 che accontenta l'allenatore riccionese Onoarato solo per il gioco espresso, ma non per il risultato:”Non sono contento del risultato perchè meritavamo decisamente di più, specie nella prima ora di gioco. Sono contento del gioco espresso dai ragazzi, ma dobbiamo migliorare dal punto di vista mentale. Ieri abbiamo avuto paura di vincere la gara.
 


14/09/2008 SECONDA GIORNATA

Imolese e Dozzese: i commenti a caldo Una sconfitta e un pareggio, è questo il bilancio delle squadre imolesi di Eccellenza. L'Imolese è stata battuta in casa dal Del Conca che si è imposto 2-0 al Galli, i gialloblù invece hanno strappato un punto sul campo del Riccione, e considerando che gli uomini di Buccioli hanno giocato in dieci per 50' il pari è un po' come oro colato, e questi risultati serviranno a fine stagione. Giornata da dimenticare per l'Imolese che è stata sconfitta 2-0 in casa: «Sapevamo che questa squadra poteva crearci dei pericoli — dice il tecnico rossoblù Marco Menghi — e in occasione di entrambi i loro gol siamo stati noi a regalare la palla agli avversari. In pratica il Del Conca ci ha punito ad ogni errori e a squadre come questa certi regali non bisogna farli. Il match si è praticamente deciso nel primo tempo, dopo nella ripresa loro si sono difesi bene e il risultato non è più cambiato». L'Imolese attuale ha più di qualche problema dovuti ad un organico che deve fare a meno di giocatori come Raschetti, e di altri come Antonellini e Facciotto che devono recuperare da un'infortunio: «Si è vista la differenza fra una squadra che ha qualità come il Del Conca e una che ha dei problemi come la nostra, dobbiamo recuperare i giocatori infortuni e nelle prossime partite non ripetere gli errori di oggi (ieri, ndr), questo deve accadere già domenica prossima a Sasso Marconi dove sarà un incontro non facile». E' andata meglio alla Dozzese che un punto l'ha messo in cassaforte, una specie di impresa considerando che i gialloblù hanno giocato in dieci per più di metà partita: «I ragazzi sono stati davvero eccezionali — dice il vice presidente Giuliano Alpi — hanno giocato una grande partita a dispetto delle difficoltà che si sono verificate durante il percorso. Questo è un punto importante e siamo contenti di averlo messo in cassaforte perchè a Riccione non tutti faranno risultato».

Riccione - Dozzese 1-1 RICCIONE: Bertozzi, Taraj, Merendino, Filocomo, Lapi, Lepri, Mazzoli, Patregnani, Dall'Aglio, Caminati (20' st Rinaldi) , Tolomeo. All.: Onorato. A disp: Margheritini, Dualdi, Freschi, Bigotti, Canini, Scovolini. DOZZESE: Turchi, Scaglioni (40' st Pierri), Baroncini, Brunetti, Alpi, Facchini, Tassi, Bonini (20' st Agboton), Giorgi, Neri, Barbieri (20' st Zaccherini). A disp.: Moruzzi, Bertozzi, Cappiello, Tozzoli. Arbitro: Mestieri di Finale Emilia Marcatori: 10' st Tassi (aut), 25' st Scaglioni. Ammoniti: Riccione Taraj, Lepri. Turchi, Tassi Bonini. Espulso: Baroncini al 40' pt per somma ammonizioni. Note. Giornata variabile, terreno in ottime condizioni, spettatori 300 circa con una buona rappresentanza ospite. Recuperi 1'+4', angoli 5-4 per la Dozzese. La Dozzese è la classica squadra che non molla di un centimetro finche l'arbitro non fischia la fine della partita. E' accaduto anche ieri allo stadio di Riccione dove i gialloblù allenati da Andrea Buccioli hanno giocato in inferiorità numerica per 50 minuti, al 40' del primo tempo è stato espulso Baroncini per doppia ammonizione. Ma nonostante tutto i gialloblù privi di capitan Caroli e di Lucatini, hanno buttato il cuore oltre l'ostacolo mettendo in cassaforte un punto che oltre a fare morale fa anche classifica in attesa della prima vittoria di questo torneo 2008/2009. Era una di quelle partite a cui il team dozzese teneva molto, nella scorsa stagione infatti il Riccione vicendo 2-0 lo spareggio di Forlimpopoli mandò ai play out Caroli e compagni. E' stata una partita dura fra due team che non hanno risparmiato energie, la Dozzese a dispetto dele assenze è scesa in campo senza troppi timori reverenziali ed è venuta fuori una partita tirata e incandescente. Al 40' della prima frazione viene espulso per doppia ammonizione Baroncini, uno degli uomini cardine della formazione ospite. Potrebbe essere l'episodio che cambia il match, in realtà poi il Riccione non riuscirà ad approfittarne fino in fondo. Nella ripresa passano in vantaggio i padroni di casa, sugli sviluppi di una mischia Tassi devia la palla quel tanto che basta per mettere fuori causa Turchi. Avanti di un gol il Riccione ha avuto la colpa di credere che la partita fosse in cassaforte, i conti con la Dozzese bisogna sempre farli alla fine. A metà tempo infatti Scaglioni ha ristabilito la parità per l'1-1 finale che porta in dote alle due squadre un punto ciascuno. La Dozzese conquista così il secondo risultato utile di questo inizio di campionato tutt'altro che facile, e soprattutto con un calendario molto difficile.

Imolese - Del Conca 0-2 IMOLESE (4-4-2): Dirani, Onori, Venturi Casadei, Poggi, Ercolani, Donattini (dal 29' st Facciotto), Borini (dal 9' st Casadio Loreti), Sanò (dal 9' st Antonellini), Toschi, Muzzi, Monti. All.: Marco Menghi. A disp.: Zannoni, Cimatti, Biavati, Normanni. DEL CONCA (4-4-2): Foiera, Santoni, Martini, Cangini, Ticchi, Perazzini, Bacchini, Lisi, Protti, Buonocore, Marani (dal 22' st Turchi). All.: Davide Genghini. Petrucci, Brilli, Ciavatta, Del Magno, Nucci, Rossi. Arbitro: Pietropaolo di Modena Assistenti: Billi (Forli) e Meo (Forli). Marcatori: 30' pt Bacchini, 40' pt Buonocore, Ammoniti: Santoni, Monti. Note. Giornata variabile, terreno in ottime condizioni, spettatori 300 circa. Recuperi1'+4' , angoli 8-5 per l'Imolese. L'Imolese stecca alla prima casalinga e lascia i tre punti al Del Conca. L'inizio è di marca rossoblù, la squadra di Menghi colleziona subito due calci d'angolo, Foiera però non corre nessun pericolo. Al 4' bellissimo tiro di Protti che trova pronto Dirani a mettere in calcio d'angolo; sul corner si accende una mischia che porta ad un nulla di fatto. Passano quattro minuti e Cangini tira da lontano con la palla che finisce di poco sopra la traversa. Il Del Conca cresce alla distanza è diventa padrone del campo con Protti che impegna ancora Dirani che si salva in corner. Ci provano ancora gli ospiti al 19' ma anche questa volta il tiro di Buonocore non centra lo specchio della porta. A metà tempo ci prova di nuovo Buonocore che costringe Dirani alla respinta con i pugni. Il gol è nell'aria è arriva grazie a Buonocore che con un tiro dal limite infila Dirani per l'1-0; e in questa circostanza il portiere di casa non è apparso esente da colpe. Ti aspetti una reazione dei padroni di casa, ma è invece il Del Conca a tenere in mano il pallino del gioco, e al 40' arriva il 2-0 con il diagonale di Bacchini. L'Imolese è alle corde, Marani sfiora il 3-0, questa volta Dirani si oppone al tris ospite. La ripresa comincia al piccolo trotto, il Del Conca controlla, ma l'Imolese non riesce a scardinare la ragnatela ospite. Al 9' doppio cambio per Menghi che fa uscire Borini e Sanò che vengono rilevati da Casadio Loreti e Antonellini, sullo spartito però la musica è sempre la stessa. Vince il Del Conca.

 Le pagelle dell'Imolese Dirani 5,5. Evita il peggio in alcune occasioni, non impeccabile in occasione del secondo gol di Buonocore. Onori 5,5. Si vede poco e non incide. Venturi Casadei 5,5. Opaco. Poggi 5,5. Lotta e da l'anima sul terreno. Ercolani 5,5. Vedi il giudizio di Poggi. Donattini 5,5. A centrocampo fa quello che può, lo abbiamo visto in giornate decisamente migliori. Dal 29' st Facciotto ng. Borini 5,5. Si vede pochissimo e non incide mai. Dal 9' st Casadio Loreti ng. Sanò 5,5. Non gioca una grande partita. Dal 9' st Antonellini ng. Toschi 5,5. Poco servito dai compagni, non si vede quasi mai. Muzzi 6. Ci prova ma rispetto ai compagni parla un altro idioma calcistico Monti 5,5. Corre e si batte sulla sua fascia di competenza. Marco Menghi 5,5. Mette in campo la miglior formazione attuale.
 

Forlì - Cesenatico 1-1 FORLI': Spada, Molinari, Sassi, Cuttone, Magni, Magnani, Valgimigli (71' Gualdi), Balestra (53' Mordini), Biserna (71' Ceschi); Sozzi, Muratori. All. Scardovi. CESENATICO: Farsoni, Milzoni, Bendoni, Zavattini (86' Giancontieri), Righi, Farabegoli, Teodorani (81' Franchini), Fattori, Salzano, Lombardini, Gualtieri (86' Bonacci). All. Farsoni. Arbitro: Galvani di Parma Reti: 8' Muratori, 25' Gualtieri. Note: spettatori oltre 1000, ammoniti Molinari, Cuttone, Magni, Righi, Teodorani, Lombardini, Franchini; angoli 7-4 per il Cesenatico. Davanti ad una cornice di pubblico da altri tempi, finisce pari e patta un derbi tutto sommato equilibrato, dove le due romagnole hanno mostrato più limiti che sprazzi di buon gioco. Parte a mille il Forlì con il tridente, subito in gol alla prima occasione: dal corner di Valgimigli, la respinta di Farsoni carambola dentro la lunetta dove Muratori al volo prende la mira e chiude gli occhi, infilando la palla nell'angolo basso alla destra del portiere ospite, facendo esplodere il 'Morgagni'. La partita sembra in discesa per i galletti che amministrano fino al 24' quando iniziano ad apparire i fantasmi della gara di Alfonsine: corner dei rossoblù e girata al volo di Teodorani con Magni che salva a Spada battuto. Nel corner successivo, battuto corto, amnesia di Molinari, cross di Fattori, palla che rimbalza nell'area piccola con l'intera difesa biancorossa tra le nuvole, lasciando libero Gualtieri di appoggiare in rete. Ci si aspetta una reazione dei galletti, ma è il Cesenatico che prende in mano il gioco: da segnalare in chiusura di tempo la rovesciata al volo di Gualtieri, a lato di un soffio. Nella ripresa Scardovi inserisce Mordini, ma la musica non cambia: i pericoli hanno tutti la targa ospite. Al 55' tiro a lato di Salzano, al 67' altra girata di Gualtieri deviata in corner. In chiusura l'occasione della vita per il 'baby' Sassi: Mordini sgroppa a destra e crossa al centro, difesa rossoblù paralizzata e palla per il difensore biancorosso che calcia a colpo sicuro, ma è Fattori, ribattendo, a rovinare la festa agli oltre mille spettatori del 'Morgagni'

Copparese - Sasso Marconi 2-1 COPPARESE: Finessi, Magri, Trentini (46' Grassi), Tripepi, Ballacci, Trajkovic, Biliotti, Mazzacani, Beccati, Giuriola, Arveda (46' Banzi). All.: Mastrocinque. SASSO MARCONI: Giaroli, Corvino, Nugara, Mancuso (85' Brancaccio), Bonetti, Bencivenni, Ferriero (57' Chiapparini), Puopolo, Cerbone, Tacconi, Scarpuzza (71' Gardosi). All.: Farneti. Arbitro: Bianchini di Cesena. Reti: 33' Scarpuzza, 66' Biliotti, 92' Mazzacani. Vittoria in extremis, sofferta ma meritata, per la Copparese contro il Sasso Marconi. In rimonta. Perché la squadra di Mastrocinque, sotto di un gol alla mezz'ora, ha saputo reagire e vincere in extremis. Bolognesi in gol al 33': triangolazione al limite dell'area Ferriero-Scarpuzza con il giovane attaccante che fulmina Finessi. Nella ripresa sale in cattedra Biliotti che al 21' pareggia con un tiro di sinistro e nel recupero viene atterrato in area. E' rigore, tira Mazzacani, il portiere respinge, ma l'attaccante riprende e segna.
 

Low Ponte - Boca 2-2 PROSIDER LOW PONTE: Cancelliere, Migliaccio, Acquaviva; Spani, Casto, Frisari, Meini, Lemma, Vici, Orlandini, Lagonegro (60' Ziraldo). All. Pregnolato. BOCA SAN LAZZARO: Conti; Guiduzzi, Dozzi, Calabrese, Leone, Cazzola, Italia (80' Ancona), Cacciari, Cataldi, Di Giuglio, Ferrari (84' Ceresi). All. Poli Arbitro: Digioia di Ferrara Reti: al 2' Vici, al 16' e 30' Cataldi, al 62' Spani Note: espulso al 50' Pregnolato per proteste. Finisce in parità, 2-2, fra Low Ponte e Boca San Lazzaro. Il primo tempo è della squadra bolognese, più organizzata e pratica, nella ripresa sono i padroni di casa a fare la partita. Low Ponte subito in vantaggio: Maini riceve palla sulla trequarti e crossa dal fondo per la correzzione vincente di Vici. Il pareggio arriva al 16'. La difesa di casa sbaglia il rinvio Di Giuglio ne approfitta, assist per Cataldo che segna con un gran destro. Il Boca insiste e passa in vantaggio al 30' ancora con Cataldi su cross di Italia. Nella ripresa il Boca si limita a controllare e nel Low Ponte entra Ziraldo, mossa vincente perchè al primo affondo i locali pareggiano: Acquaviva s'invola sulla sinistra, serve Spani che segna di destro. Il finale è tutto dei padroni di casa alla ricerca della vittoria.
 

Calderara - Alfonsine 1-5 CALDERARA: Lazzari, Bini (35' Degli Esposti), Madriselvi; Manta, Ferrari, Rizzo; Lalomia (75' Kininajeno), Ballarin (77' Granatieri), Frisenda, Giadrossi, Stipcevich. All. Broglia. ALFONSINE: Faedi, Trancossi, Bianchedi (85' Scarlatella); Siuni (50' Monti), Donati, Lagorio; Petrascu, Miserocchi, Ricci (30' Lanconelli), Innocenti, Callegari. All. Evangelisti. Arbitro: Lerza di Parma Reti: 17' Ballarin, 53' Innocenti, 75' Donati, 77' Callegari, 83' e 90' Petrascu. Cinquina dell'Alfonsine contro un Calderara incompleto per le assenze di Todisco, Gherman, Pilato e Longo. Un Calderara che aveva iniziato bene la partita, andando in vantaggio al 17' con Ballarin (palombella da fuori area, col potiere romagnolo Faedi fuori dai pali), ma che nella ripresa è calato moltissimo, lasciando via libera all'Alfonsine. All'8 il pareggio con una bella punizione di Innocenti, quindi il vantaggio al 30' con un colpo di testa di Donati in seguito ad un calcio d'angolo. Due minuti dopo è andato a segno Callegari, ben imbeccato da Patrascu, il quale ha poi realizzato una doppietta al 38' e 45'. Fra i migliori dell'Alfonsine Innocenti e Miserocchi; buono l'arbitraggio.

Tropical Coriano - Fusignano 2-0 TROPICAL CORIANO: Guerra Simone (26' Marcaccini), Colonna, Casadei, Babbini, Tentoni, Zanzani, Pozziello, Berardi, Baldinini (57' Angelini), Chiaravallotti (72' Saccani), Guerra Lorenzo. All. Fabbri FUSIGNANO: Bartolini, Rossi, Baldini, Agrusti, Pressi (68' Grasso), Conficconi, Fabbri, Piticchi, Abdoulmni, Foschini, Bassani. All. Orecchia Arbitro: Marchi di Bologna Reti: 20' Baldinini, 62' Pozziello La matricola corianese si comporta da veterana e sconfigge per 2-0 un Fusignano privo di idee. Partenza timida del Tropical Coriano che poi prende coraggio e convinto dei propri mezzi fa sua la partita. Di contro c'è un Fusignano sterile in fase di conclusione. Al 20' l'azione del primo gol: Baldinini lanciato da un compagno si incunea in area tra due difensori batte l'incolpevole Bartolini. Al 25' si infortuna il portiere Guerra in un contatto con l'attaccante di colore ospite. Nel secondo parziale Fusignano all'attacco, ma senza pungere, così i locali giungono al raddoppio al 62': calcio di punizione dal limite sinistro dell'area, sul cross entra di testa Pozziello e segna. Nel proseguio gli ospiti attaccano a lungo, senza mai impensierire però il bravissimo Marcaccini

Massalombarda - Cervia  1 - 1 Un brutto Massalombarda cade in casa contro un più pratico Cervia. E' la sintesi di una partita che ha visto i bianconeri registrare un brutto passo indietro rispetto a 7 giorni fa quando espugnarono Faenza. Una partita giocata a ritmi blandi ha dato al Cervia la possibilità di fare la partita con i centrocampisti di manovra Garroni e Spagnoli e di sfruttare il peso in attacco di Rafael che con fisicità ed esperienza ha creato grossi grattacapi alla difesa bianconera. E' infatti suo il goal al 20° del primo tempo a decidere la partita. Gran destro a girare da fuori area e Monterastelli battuto. Il resto del match lascia ben poco allo spettacolo e molto all'agonismo anche se tuttavia sono da segnalare due buone occasioni da parte del Cervia di raddoppiare con Sabbadini e più di una mischia in area cervese che ha fatto gridare al goal. I bianconeri Escono così sconfitti da un incontro gestito male e finito peggio, che ha visto mancare di concretezza ma soprattutto di quella sana umiltà e spirito di sacrificio che ha spesso contraddistinto gli uomini di Mr. Scozzoli. E domenica arriva al Dini e Salvalai sua Maestà Copparese ottimo banco di prova per capirne di piu di questo Massalombarda.

Savignanese - Faenza 1-1 (Addetto stampa Pool Calcio Faenza) Savignanese: Tentoni, Ceppini (83' Baiardi), Mariani, Basini, Tamburini, Fantini, Casadei, Bartolini, Magnani (83' Dotti), Zagnoli, Tozzi. All. Farneti. Faenza: Gozzi, Melandri, Manaresi, Rossi, Palmieri, Paglialonga, Errani (70' Menighetti), Dal Monte, Cirillo (87' Taddei), Pezzi (60' Dell'Anno), Oliva. All. Giordani. Arbitro: Gennari di Modena. Reti: 37' Casadei, 40' Cirillo su rigore. Ammoniti: Fantini, Dotti, Gozzi, Melandri, Manaresi, Palmieri, Dal Monte. Calci d'angolo: 5-2 per la Savignanese. SAVIGNANO SUL RUBICONE - Il Faenza muove la classifica, con un pesante pareggio esterno conquistato contro la quotata Savignanese. La squadra di Giordani teneva a far vedere che l'1-4 interno subìto all'esordio contro il Massa Lombarda era stato soltanto il frutto di una giornata storta, e c'è riuscita, giocando una partita attenta, amche se molto sulla difensiva. Fra i biancazzurri mancano gli infortunati Mascarenha e Vallefuoco, oltre allo squalificato Salomone. Rientra però l'attaccante Cirillo. La partita inizia con la Savignanese in attacco ed il Faenza comunque pronto a rendersi indisioso nelle ripartenze. La superiorità nel possesso di palla dei padroni di casa si concretizza al 37', quando al termine di una bella azione corale Casadei va in rete. Ma appena tre minuti dopo il Faenza pareggia, con un calcio di rigore realizzato da Cirillo, per un fallo di mani in area. Nella ripresa, la Savignanese torna a spingere nel tentativo di ripassare in vantaggio. Col passare dei minuti la stanchezza si fa sentire: la squadra di Giordani non riesce più ad essere brillante nelle ripartenze, tuttavia mantiene la massima lucidità in fase difensiva (dove era mancata contro il Massa Lombarda) e si porta a casa un punto che rasserena Giordani: «Un punto che ci dà fiducia - dice il mister - E' stata la partita che ci aspettavamo. La Savignanese è una squadra importante, composta dallo stesso nucleo di giocatori da tre anni, molto più amalgamata di noi. Siamo stati bravi ad interpretare nel modo corretto la gara».


13/09/2008

L'Imolese affila le armi contro il Del Conca Archiviato il derby di Monte del Re, con la squadra di Menghi che poteva tornare a casa a mani vuote o con l'intero bottino, l'Imolese torna a giocare in casa contro il Del Conca, che all'esordio ha asfaltato per quattro reti ad una la presunta Cenerentola del campionato: il Calderara. Muzzi e compagni sono attesi ad una prova convincente per fugare qualche perplessità suscitata all'esordio. Nonostante abbiano saputo reagire ai momenti di difficoltà, recuperando i due svantaggi, forse dai rossoblù era lecito attendersi qualcosa di più. Le indicazioni più importanti dovranno esserci soprattutto a centrocampo, dove Sanò e Donattini hanno sofferto non poco a Dozza e sono gli elementi maggiormente esposti all'esame di domani. Nella foto di Sanna il gol del definitivo pareggio di Muzzi a Dozza.

 

Domani il Faenza in trasferta a Savignano sul Rubicone (Comunicato stampa [email protected]) Reduce dal pesante 1-4 interno subìto domenica scorsa contro il Massa Lombarda, domani il Faenza Calcio proverà a rialzarsi sul campo della Savignanese, nella seconda giornata del campionato di Eccellenza Regionale. La squadra di Giordani, però, lamenta ancora alcuni problemi di carattere fisico. Il più grave è quello occorso domenica scorsa al giovane attaccante brasiliano Mascarenha. I primi esami diagnostici hanno evidenziato la rottura parziale del legamento crociato di un ginocchio. Ulteriori accertamenti in programma la prossima settimana dovranno chiarire se il giocatore dovrà fermarsi per essere operato, con un conseguente stop agonistico di almeno quattro mesi. Oggi a Savignano sul Rubicone mister Giordani dovrà fare nuovamente a meno anche di Vallefuoco, sempre fuori per uno stiramento, e di Salomone, che sconterà la seconda delle quattro giornate di squalifica affibiategli alla fine dello scorso campionato, giocato nel Gragnano. Potrebbe rientrare, invece, Cirillo: l'attaccante biancazzurro perlomeno andrà in panchina. «La Savignanese - dice Giordani - è un avversario decisamente difficile per noi: basta pensare che negli ultimi due campionati è arrivata rispettivamente seconda e quarta. Ha un allenatore preparato come Oscar Farneti ed un organico molto rodato e competitivo. Per portarci a casa qualcosa, dovremo fare una partita perfetta. Comunque, non partiamo sfiduciati. La sconfitta contro il Massa Lombarda è stata pesante nel risultato, ma non nella prestazione: abbiamo avuto maggiore possesso di palla e più continuità rispetto alla squadra bianconera. " Il problema è che loro hanno avuto quattro occasioni da rete e le hanno sfruttate tutte al meglio".


12/09/2008

Designazioni arbitrali - giornata 02 - gare del 14/09/2008

 

 

Arbitro

Assistente 1

Assistente 2

CALDERARA 97 L.C.L.

ALFONSINE F.C.

Lerza Nicolo'
- Parma

Bolognesi Claudio
- Ferrara

Benigno Massimo
- Ferrara

COPPARESE

SASSO MARCONI

Bianchini Luca
- Cesena

Sodano Adriano
- Bologna

Schirinzi Giuliano
- Bologna

FORLI SRL DILETTANTISTICA

REAL CESENATICO

Galvani Federico
- Parma

Dal Muto Matteo
- Cesena

Petrella Alex
- Bologna

IMOLESE A.S.D.

DEL CONCA A.S.D.

Pietropaolo Alessandro
- Modena

Billi Matteo
- Forli'

Di Meo Roberto
- Forli'

MASSALOMBARDA

CERVIA 1920

Magliano Carlo Pietro
- Rimini

Ballardini Christian
- Ravenna

Cariffa Paolo
- Ravenna

PROSIDER LOW PONTE

BOCA S.LAZZARO

Digioia Vito
- Ferrara

Fiorentini Mattia
- Forli'

Mainetti Luca
- Forli'

SAVIGNANESE

FAENZA CALCIO S.R.L.

Gennari Alessio
- Modena

Della Marchina Luca
- Rimini

Bertuccioli Valerio
- Rimini

TROPICAL CORIANO

FUSIGNANO CALCIO

Marchi Daniele
- Bologna

Bartolini Cristian
- Cesena

Capelli Ivan
- Cesena

VALLEVERDE RICCIONE SRL

DOZZESE A.S.D.

Mestieri Stefano
- Finale Emilia

Gianessi Paolo
- Cesena

Bastoni Ruben
- Cesena


10/09/2008

Le decisioni del giudice sportivo

In base alle risultanze degli atti ufficiali sono state deliberate le seguenti sanzioni disciplinari.

GARE DEL 7/ 9/2008

A CARICO DI SOCIETA’

AMMENDA

Euro 250,00 COPPARESE

Per tutta la durata della gara propri sostenitori in campo avverso rivolgevano insulti e minacce nei confronti della terna arbitrale. Inoltre, rivolgevano insulti ai calciatori avversari.

A CARICO CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO

SQUALIFICA PER DUE GARE

STORTI FELIX MARCO (CERVIA 1920)

GUERRA NICOL (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

LAUNI RICCARDO (VALLEVERDERICCIONE FC SRL)

SQUALIFICA PER UNA GARA

TREMAMONDO ENZO (BOCA SAN LAZZARO SRL)

Domenica arriva il Fusignano. Il Tropical è chiamato al riscatto
Seconda giornata di campionato, per i biancorossoblù altra sfida delicata

Archiviata la dolorosa pratica Cesenatico, per i biancorossoblù corianesi è già tempo di guardare oltre.
"Chi si ferma è perduto" si dice in questi casi, ed allora dimentichiamo il passato e guardiamo al futuro.
Il futuro prossimo si chiama Fusignano, avversario tosto, esperto e di gran caratura, capace di battere al debutto 3 a 1 la Savignanese.
Gualtieri se n'è andato, ma visti i risultati della prima gara, la sua assenza non si è fatta di certo sentire.
Mister Orecchia e bomber Bassani (autore di ben 2 reti domenica), non verranno di certo al "Grandi" per una gita fuori porta, cosi il Tropical è chiamato ad una prova super, per tentare magari di portare a casa qualche punticino per muovere la classifica.
Non ci dovrebbero essere grandi novità in formazione per Achille Fabbri, visto che Buldrini (squalificato) e Grechi (infortunato), non prenderanno parte nemmeno alla sfida contro i neroverdi ravennati.
Sarà una sfida particolare per il fantasista Marco Poziello, visto che pochi mesi fa era stato in procinto di firmare proprio con il Fusignano, ma poi l'affare saltò ed il "Poz" approdò alla corte del patron Marzi.
L'attesa per il debutto casalingo del Tropical tra le mura amiche però è alta, è i biancorossoblù daranno l'anima per far felici i propri tifosi.


09/09/2008

Poche sorprese nel girone B di Eccellenza, ma molti elementi di analisi. In primo luogo per quanto concerne la zona promozione. Alfonsine e Fusignano hanno risposto “presente” contro due dirette rivali come Forlì e Savignanese. Chi ben inizia… Anche Massa Lombarda e Cesenatico hanno fatto vedere i muscoli. Il Massa, con la tripletta di Gardenghi, ha passeggiato al Neri di Faenza, mentre i corsari hanno mollato due ceffoni ai ripescati tropicali, iniziando la definizione di una scala gerarchica che vedrà, molto probabilmente, il Coriano sudare in fondo alla graduatoria, insieme ai manfredi. Ci si attendeva di più dalla Copparese fermata ad occhiali a Cervia, ma a settembre i motori devono ancora rodarsi. Ci si attendeva di più anche dall’Imolese che nel derby con la Dozzese avrebbe potuto vincere, ma anche perdere. I rossoblu sono apparsi squadra solida e concreta, ma per poter ambire alla corona, bisogna avere un altro piglio, che non è quello visto a Monte del Re. Bene il Boca dei giovani, che strapazza il Riccione e bene il Del Conca che restituisce gli schiaffi presi dai romagnoli del Riccione ai bolognesi del Calderara. Sasso Marconi e Low Ponte si dividono la torta senza grossi sussulti: in fondo, muovere la classifica fa sempre comodo. Per la coda e la zona retrocessione, vedo bene, anzi male, Coriano, Faenza e Calderara. Ma questi sono i primi acquazzoni sperando che non arrivino i temporali e il gelido inverno.


07/09/2008 1° GIORNATA

Eccellenza Emilia-Romagna girone B: Poche le sorprese nel nei risultati del primo turno del campionato di Eccellenza girone B.

Solo una vittoria esterna, quella del Massalombarda in casa del Faenza. Una gara nella quale  ha dimostrato subito di voler e poter disputare un'altra stagione da protagonista.

4-1 il punteggio finale, con il Faenza che ha saputo solo in parte contrastare la corazzata bianco-nera. Massa in vantaggio già al 15': Gardenghi di prima intenzione tira e colpisce il palo, poi sulla ribattuta Lanzoni con un bel diagonale rasoterra infila la palla nella rete alla destra di Gozzi. Il Faenza reagisce e trova il pareggio 2' più tardi quando su di un corner battuto da Rossi, Melandri insacca di testa. Passano pochi minuti ed ecco la svolta della gara, al Faenza viene annullata una rete di Mascarenha, mentre il Massa al 26' ne mette a segno una valida con Gardenghi: il giovane attaccante raccoglie un passaggio in area, stoppa la palla, si gira e scocca un bel tiro in diagonale che si infila nell’angolo destro. Lo stesso attaccante triplica 1' più tardi chiudendo virtualmente la gara. Nel corso della ripresa il Massalombarda controlla ed il Faenza stenta a rendersi pericoloso. Al 66' Gardenghi mette a segno la sua tripletta personale e fissa il punteggio sul 4-1 finale.

Importante vittoria della regina del calcio-mercato estivo, l'Alfonsine. I bianco-azzurri hanno brillantemente superato il primo test della stagione, il blasonato Forlì. I ravennati sbloccano il risultato con Callegari al 20', l'attaccante è abile ad incunearsi nell'area bianco-rossa e a trafiggere Spada con un preciso rasoterra. Il 2-0 nella ripresa è ad opera di Miserocchi che di testa insacca una punizione di capitan Scarlatella. Sostanzialmente l'Alfonsine ha gestito bene la gara, contenendo la reazione dei forlivesi che hanno prodotto il loro maggior sforzo tra fine primo tempo ed inizio ripresa. Una vittoria che necessita ovviamente ulteriori conferme per l'Alfonsine, così come per il forlivesi già domenica prossima nella gara interna con il forte Cesenatico ci sarà la possibilità di rimediare.

Altra gara di sicuro livello è stata quella tra Fusignano e Savignanese, due formazioni che negli ultimi anni sempre lottato per la promozione in Serie D e che anche ieri sul campo hanno dimostrato di avere i numeri per fare un'altra stagione da protagonista. Al termine di una buona gara ha avuto la meglio il Fusignano con il punteggio di 3-1. Protagonista del match l'ex Savignanese Marco Bassani che ha siglato due delle tre reti nero-verdi. Dopo una avvio di marca Fusignano è la Savignanese a passare in vantaggio al 32': cross di Zagnoli e conclusione vincente di Mangnani.

Il Fusignano reagisce alla grande trova subito il pareggio con Bassani, ben servito da Maikano. Ad inizio ripresa è la Savignanese ad essere più intrapredente. Giallo-blu vicini al gol del 2-1 con Tozzi e poi con Zagnoli. E' invece il Fusignano a passare in vantaggio al 70' con un gran tiro dai 20 metri di Agrusti. Nei minuti finali di gara i nero-verdi triplicano in contropiede con Bassani.

La prima giornata di campionato proponeva già il derby tra Dozzese ed Imolese (le due formazioni si erano affrontate anche pochi giorno fa in Coppa italia). La gara è finita 2-2, ma entrambe le formazioni hanno di che rammaricarsi, la Dozzese perchè si è vista per due volte rimontare dall'Imolese. I rosso-blu per essere andati vicino alla vittoria allo scadere con un tiro di Sanò, che forse era più difficile sbagliare che infilare in rete. La gara è stata bella ed emozionante ed il punto conquistato alla fine deve accontentare entrambe le contendenti, anche se ovviamente l'Imolese, che ha obiettivi più importanti per questa stagione, deve da subito fare attenzione a non perdere contatto dal vertice del campionato.

Il Tropical Coriano prede all'esordio nel campionato di Eccellenza. Certo la prima gara non era delle più abbordabili, visto che l'avversario è quel Cesenatico che non nasconde l'obiettivo di ritornare subito in Serie D.

Come due killer infallibili, il tandem da sogni Gualtieri e Salzano, hanno capitalizzato al massimo gli unici due errori della difesa biancorossoblù e regalato al Cesenatico di mister Farsoni la vittoria al debutto in campionato.
Assist del primo per il secondo nell'occasione del primo gol, assist del secondo per il primo in occasione del 2 a 0 e per i padroni di casa può bastare cosi.
Il Tropical ha fatto la sua partita, disposto sempre bene in campo, con un solido ed abbottonato 4-5-1, capace di fare male varie volte con un'ispirato, Poziello. I corianesi, sullo 0 a 1, sono andati vicinissimi al pareggio: intorno al 5' del secondo tempo infatti il tocco sottoporta di Angelini, su assist di Tentoni, è uscito di poco, complice tanta sfortuna. Da registrare il debutto in casa corianese di Stefano Babbini, subito ben integrato negli schemi di mister Fabbri, che si rivelerà alla fine il migliore in campo.

Si apre con un pareggio il campionato di Cervia e Copparese. Una gara molto interessante e ricca di spunti per due squadre che possono fare davvero un bel campionato. A fine gara è soddisfatto l'allenatore della Copparese,Fabio Mastrocinque che elogia i suoi under e la prestazione dei suoi. Sottolinea in particolare l'aggressività e la determinazione mostrata soprattutto nella ripresa da una squadra "mai doma" e capace di rendersi più volte pericolosa su un campo ostico come quello di Cervia. Sul fronte Cervia c'è grande soddisfazione nelle parole di mister Baldazzi,contento della prova offerta dai suoi e dagli under scesi in campo. Poi ribadisce che l'obiettivo stagionale è una salvezza tranquilla cosi come la valorizzazione dei talenti del vivaio e che ogni partita ha una storia a se e i conti si faranno partita dopo partita.

Brutto inizio del Riccione, anzi per meglio dire brutta fine, visto che i romagnoli dopo aver tenuto testa al Boca San Lazzzaro per 70', hanno subito ben tre reti negli ultimi 20'. Il risultato è stato sbloccato da un calcio di rigore decretato per un fallo di Guerra su Di Giulio (il riccionese è stato anche espulso). Dagli undici metri è andato l'ex Tremamondo che non ha fallito. Sull'1-0 e con il Riccione in 10 uomini, la gara cambia volto. I romagnoli cercano di recuperare, ma concedono ampi spazi ai bolognesi che all'81' raddoppiano in contropiede con Ferrari ed al 90' triplicano con Calabrese.

Buona la prima per il Del Conca che batte la neopromossa Calderara con un perentorio 4-1. Morcianesi facilitati dalla rete messa a segno al 2' di gioco da Marani, che scombussola i piani del Caldeara sceso in Romagna per giocare una gara “abbottonata” e che invece si è ritrovato da subito a dover recuperare. Al 34' il raddoppio di Protti su assist perfetto di Buonocore. Al 39' i bolognesi ritornano in partita con un bel go su punizione di Longo, ma il Del Conca prima dell'intervallo ristabilisce il doppio vantaggio con Ticchi che ancora una volta servito alla perfezione da Buonocore, batte il portiere del Calderara Lazzari. All'11' della ripresa si chiude virtualmente la gara con la rete del 4-1 messa a segno da Protti.

Pochissime emozioni nella gara disputata tra Sasso Marconi e Low Ponte. Il Sasso prova a partire forte ma i ravennati chiudono bene ogni varco. E' il Low Ponte ad avere la prima occasione da rete al 13' con Orlandini, l'attaccante ospite elude l'uscita del portiere del Sasso, e calcia in porta, ma Nugara salva in extremis. Null'altro da segnalare fino all'intervallo. Nella ripresa la gara rimane scarna di epsisodi, per la squadra di Ponte Nuovo due “mezze” occasioni, per Orlandini e Zoli che però mancano il bersaglio.

 

Fusignano - Savignanese 3-1 FUSIGNANO: Bartolini, Rossi, Baldini, Agrusti, Pressi, Conficconi, Maikano (84' Samsak), Piticchi (92' Pellicanò), Ricci (61' Fabbri), Foschini, Bassani. All: Orecchia. SAVIGNANESE: Pacileo, Ceppini (54' Casadei), Fantini, Bartolini (54' Pasolini), Tamburini, Basini, Piastra, Lucchi, Magnani (67' Merloni), Zagnoli, Tozzi. All: Farneti. Arbitro: Tonti di Rimini. Reti: 32' Magnani, 36' e 88' Bassani, 70' Agrusti.

 Gara vibrante e incerta almeno per un tempo, ma alla fine sono i padroni di casa che si impongono con merito contro un avversario comunque mai domo e dotato di notevole potenziale. A passare in vantaggio sono però gli ospiti che al 32' sorprendono trovano la difesa di casa e insaccano di testa con Magnani su cross di Zagnoli. Passano 4 minuti ed arriva il pareggio di bomber Bassani che capitalizza al meglio una discesa da sinistra di Maikano. Nella ripresa salgono inizialmente in cattedra i due portieri che salvano il risultato con ottimi interventi. Poi il Fusignano trova il vantaggio al 70' con un'invenzione di Agrusti che dai venti metri gonfia la rete difesa da Pacileo. La squadra di Orecchia, a questo punto. gioca di rimessa e senza pressioni e così riesce a sfruttare gli spazi che gli ospiti concedono e a due minuti dal termine Bassani corona la buona prova con una personale doppietta, finalizzando una buona manovra Baldini-Piticchi tutta in velocità.
 

Cesenatico - Tropical Coriano 2-0 CESENATICO: Farsoni 6, Teodorani 6,5, Milzoni 6,5, Fattori 6,5, Righi 6,5, Farabegoli 7, Zavattini 6 (87' Franchini), Bonacci 6 (83' Montaguti), Salzano 8 (81' Pasolini 6,5), Lombardini 7, Gualtieri 8. All. Farsoni.

TROPICAL CORIANO: Simone Guerra 5,5, Colonna 5,5 (70' Pacassoni 5,5), Montanari 5,5, Babbini 5, Tentoni 5,5, Zanzani 5, Lorenzo Guerra 5,5 (81' Sacconi), Berardi 6, Angelini 5, Poziello 6 (65' Baldinini 5,5), Chiaravallotti 6. All. Fabbri Arbitro: Ronacarati di Bologna 5. Reti: 36' Salzano, 61' Gualtieri . Un Cesenatico forte e cinico, supera la pratica Tropical Coriano grazie alla 'premiata ditta' Salzano-Gualtieri. La prima mezzora è rossoblù, i colori però degli ospiti, perchè il Cesenatico gioca in maglia bianca. Le prime occasioni sono infatti di Angelini al 13', Colonna di testa al 23' e Poziello da fuori area al 25'. Il Cesenatico reagisce con Lombardini, poi sale in cattedra Salzano, che al 36' segna raccogliendo un assist di Gualtieri e mette a sedere il portiere Guerra. Nella ripresa al 52' il Coriano ha l'occasione per pareggiare, ma Angelini non aggancia a mezzo metro dalla porta. Al 61' Salzano serve a Gualtieri la palla del 2-0, con l'incolpevole portiere del Coriano freddato.

Boca - Riccione 3-0 BOCA SAN LAZZARO: Conti; Guiduzzi, Leone, Cazzola, Dozzi (88' Bonafè); Totta (57' Italia), Calabrese, Cacciari, Di Giulio; Tremamondo, Cataldi (64' Ferrari). All. Poli VALLEVERDE RICCIONE: Bertozzi; Lepri, Guerra, Freschi (81' Dall'Aglio), Merendino; Launi, Caminati, Patregnani, Mazzoli; Tolomeo, Gori (19' Canini). All. Onorato Arbitro: Marzari di Imola. Reti: 68' Tremamondo (rig.), 79' Ferrari, 90' Calabrese. Note: espulsi Guerra al 68', Launi e Tremamondo al 76' -

SAN LAZZARO DI SAVENA - BRUTTA sconfitta all'esordio per i biancoazzurri riccionesi che, tra l'altro, hanno finito al gara in 9. In un primo tempo brutto, il primo tiro in porta giunge al 15' con Tolomeo e al 22' il Riccione ci riprova con Merendino, prima del sussulto in chiusura di frazione con un indomito Tolomeo che al 36' approfitta della svista di Cazzola ma è bravo Conti a salvare di piede. Nella ripresa al 23' l'episodio che gira la partita, dagli sviluppi di un corner: l'espulsione di Guerra per una gomitata in area su Cacciari che porta anche al rigore dell'1-0. Appena varcata la mezz'ora doppia espulsione di Launi e Tremamondo, prima del raddoppio di Ferrari che al 34' mette a sedere Merendino e salta Bertozzi per il 2-0. Il tris è di Calabrese su punizione.

Alfonsine - Forli 2-0 ALFONSINE: Faedi, Troncossi, Bianchedi, Di Tuccio (30' Lanconelli), Donati, Lagorio, Petrascu (81' Ricci), Miserocchi, Siuni (72' Cosenza), Innocenti, Callegari. All. Evangelisti. FORLI': Spada, Brighi (78'Ancarani), Gualdi (59' Baldinotti), Spighi, Magni, Magnani, Valgimigli, Ceschi, Biserna, Sozzi, Muratori (59' Cuttone). All. Scardovi. Arbitro: Gibellini di Modena. Reti: 21' Callegari, 70' Miserocchi. Note: spettatori 500 circa -

ALFONSINE - UN FORLÌ piccolo piccolo stecca la prima e lascia l'intero bottino ai biancazzurri, superiori dal punto di vista tattico per tutto l'incontro. Ai blocchi di partenza formazioni spregiudicate: tridente per l'Alfonsine, 4-2-4 per il Forlì, con il centrocampo troppo avanzato e troppo distante dalla linea difensiva ballerina, soprattutto a destra. All'8' Alfonsine vicino al gol: Donati in mischia colpisce di testa, Spada è battuto, ma ci pensa Spighi che di testa salva sulla linea. 5 minuti più tardi Innocenti lancia Callegari che ruba il tempo a Brighi e si invola verso Spada, alzando sopra la traversa. Scardovi lascia il centrocampo in balia di baby Spighi e Innocenti ne approfitta confezionando al 21' il remake dell'azione precedente: questa volta Callegari non sbaglia infilando un preciso rasoterra. I galletti provano a reagire, prendono il pallino del gioco, ma non costruiscono palle-gol: troppo macchinoso il dialogo con le punte, delle quali il solo Biserna guadagna una stiracchiata sufficienza. Ad inizio ripresa l'unica occasione biancorossa: Biserna per Ceschi che si fa anticipare da Faedi, il rimpallo è di Valgimigli che si attarda e conclude alto. E' solo una parentesi: al 56' Innocenti alza per la testa di Petrascu, ne esce un assist per l'incornata di Callegari che centra l'incrocio dei pali; al 63' Brighi, giornata da incubo la sua, passa indietro corto a Spada che rilancia nei piedi di Petrascu che non indovina la rete. Fino al 70' quando Innocenti si procura una punizione che serve sulla testa di Miserocchi con la difesa biancorossa, manco a dirlo, immobile. Rimane solo spazio per l'ingresso di Ricci e per i tanti rimpianti dei galletti.

DOZZESE - IMOLESE: Il primo derby di campionato finisce in parità DOZZESE: Turchi, Zaccherini, Baroncini, Brunetti, Caroli, Alpi (dal 19' st Scaglioni), Tassi, Bonini, Giorgi, Neri (dal 46' st Bertozzi), Barbieri (dal 23' st Agboton). All.: Andrea Buccioli. A disp. Moruzzi, Cappiello, Tozzoli, Spada. IMOLESE: Zannoni, Casadio Loreti (dal 24' st Biavati), Onori, Poggi, Ercolani, Donattini, Borini, Sanò, Toschi (dal 41' st Facciotto), Muzzi, Monti. All.: Marco Menghi. A disp. Savelli, Cimatti, Mecheri, Filidei, Normanni. Arbitro: Ciciriello di Bologna. Assistenti: Apa (Bologna) e Benedettini (Bologna). Marcatori: 15' pt Giorgi, 27' pt Muzzi, 36' st Bonini, 39' st Muzzi. Ammoniti: Zaccherini, Brunetti, Caroli, Neri, Biavati, Toschi. Note. Giornata di sole, terreno in ottime condizioni, spettatori 450 circa. Recuperi 1'+2'. Angoli 4-2

C’è rammarico in casa Dozzese per essersi fatta rimontare due volte il vantaggio, ma sicuramente è l’Imolese a mordersi le mani per quel tiro di Sanò allo scadere che forse era più difficile sbagliare che infilare in rete; ma i rossoblù, che hanno senz’altro altre ambizioni della Dozzese in questo campionato, avranno di che riflettere nei prossimi giorni. Hanno avuto sì la palla per vincere nel finale, ma hanno anche rischiato di perdere quando a 8’ minuti dalla fine Bonini ha insaccato la palla del 2-1 e solo grazie ad un errore della difesa gialloblù, sono pervenuti al pareggio qualche minuto dopo. Un paio per parte gli assenti:Facchini, Lucatini, Carboni e Morsiani nella Dozzese, tra infortunati e scelte tecniche; Dirani, Antonellini, Venturi nell’ Imolese. Nel primo tempo due occasioni subito per l’Imolese al 6’ e al 9’ minuto, prima con Toschi poi con Muzzi.Qualche minuto dopo è Tassi, per la Dozzese, a non sfruttare l’occasione;al 16’ arriva il vantaggio dei padroni di casa con Giorgi.Doppia finta per l’attaccante riminese che mette nell’angolo alto alla destra di Zannoni, su passaggio di Tassi. Cinque minuti dopo è ancora la Dozzese a presentarsi nei pressi di Zannoni con Barbieri, servito da Giorgi, ma l’estremo difensore rossoblù para. Il pareggio arriva al 27’:sponda di Casadio Loreti e gol di Muzzi.Il primo tempo, piacevole, finisce 1-1 con qualche occasione per parte e con una Dozzese più aggressiva e atleticamente più vivace. Nella ripresa i gialloblù non riescono a tenere lo stesso ritmo del primo tempo anche se al 32’ è Tassi a provarci con un tiro neutralizzato da Zannoni.Al 37’ è ancora vantaggio gialloblù: scontro in area, l’arbitro decide per una discutibile punizione dal limite. Tira Tassi, la palla non passa la barriera e sulla ribattuta recupera Bonini che insacca. Dopo 5 minuti, una disattenzione in difesa della Dozzese permette a Muzzi di recuperare palla e beffare Turchi con un pallonetto.Quando ormai la gara sembra destinata al pareggio, l’Imolese ha l’occasionissima con Sanò che mette fuori.

 “Volevamo giocarci la partita, non perché davanti avevamo l’Imolese, ma perché in casa volevamo provare a vincere - esordisce così l’allenatore della Dozzese Andrea Buccioli nel dopopartita- Da provare a vincere, a portare a casa il risultato,ci sono 90 minuti di difficoltà. E’ stata una partita che a 5 minuti dalla fine pensavamo di vincere e al 92esimo abbiamo rischiato di perdere. In mezzo c’è stata una gara dove abbiamo messo tantissimo impegno,grande dedizione, anche se non sempre siamo riusciti ad esprimerci al meglio, anche perché avevamo davanti un’ avversaria che è stata sicuramente brava. Alla fine è un risultato che, per quello che è stato espresso, ci può stare. Per come si è poi sviluppata la partita,ripeto, forse abbiamo qualche rammarico, ma abbiamo rischiato anche di perderla concedendo una palla gol clamorosa al ‘92esimo. Ci sono stati episodi dove dovevamo essere più bravi, specie nei singoli. Sarà un campionato molto difficile e dobbiamo crescere parecchio-conclude Buccioli”. La vede a modo suo l’allenatore dell’Imolese Marco Menghi. “Sono abbastanza contento perché recuperare un gol subìto a 5 minuti dalla fine, mentalmente era un brutto colpo da assorbire, invece siamo stati bravi e su quella palla siamo stati premiati. Prendere gol a 5’ minuti dalla fine con l’unico tiro in porta, penso sarebbe stato un po’ troppo penalizzante per noi. Abbiamo avuto occasioni per vincere la partita, purtroppo quando non segni devi anche recitare il mea culpa. E’ chiaro che alla vigilia il 2-2 non l’avrei firmato, perché non rientra nella nostra mentalità;abbiamo poi visto che, nonostante si dica che è una partita come le altre, qualche ragazzo ha sentito la gara, tant’è che alla fine del primo tempo qualcuno aveva addirittura i crampi”.

Faenza - Massa Lombarda 1-4 Faenza: Gozzi, Melandri, Manaresi, Rossi (82' Casanova), Palmieri, Paglialonga, Mascarenha (44' Taddei), Dalmonte, Errani, Pezzi (82' Mongardi), Oliva. All. Giordani. Massa Lombarda: Monterastelli, Mascherini (71' Mazzanti), Berti, Crivellaro, Resta, Tosi, Lanzoni, Mengozzi, Guarnieri (61' Strocchi), Gardenghi, Trombetti. All. Scozzoli. Arbitro: Migani di Forlì. Reti: 15' Lanzoni (M), 17' Melandri (F), 26' Gardenghi (M), 27' Gardenghi (M), 66' Gardenghi (M). Ammoniti: Resta al 23', Oliva al 53', Gardenghi al 67'. Spettatori 250 circa.

 FAENZA - Pesante sconfitta all'esordio stagionale per il nuovo Faenza. A giudicare dal risultato finale potrebbe sembrare che il Massa Lombarda abbia dominato in lungo ed in largo. In realtà non è proprio così e - anche se la vittoria dei bianconeri è ineccepibile - il Faenza non meritiva un passivo così profondo. Si parte con qualche assenza importante recriminata da entrambe le parti. Il Faenza non può schierare lo squalificato Salomone, l'infortunato Cirillo ed il nuovo tesserato Pacifico (che per questioni burocratiche potrà giocare soltanto da domenica prossima), per cui Giordani deve praticamente ripensare alla propria linea offensiva. Dal canto suo il Massa Lombarda deve rinunciare agli squalificati Berti, Massarenti e Fusconi. I primi dieci minuti sono di studio reciproco e pare che la partita non voglia decollare. Poi improvvisamente iniziano i fuochi d'artificio. Al 15' il Massa Lombarda passa. Berti crossa a centro area, Gardenghi di prima intenzione tira e colpisce il palo, poi sulla ribattuta Lanzoni con un bel diagonale rasoterra infila la palla nella rete alla destra di Gozzi. Passano soltanto 100 secondi ed il Faenza pareggia. Calcio d'angolo battuto da Rossi, la palla attraversa tutto lo specchio della porta ed arriva dalla parte opposta, dove Melandri colpisce di testa e mette in rete. Al 21' il Faenza ha addirittura l'occasione per passare in vantaggio. Arriva un assist in area per Mascarenha, che scavalca Monterastelli con un bel pallonetto ed insacca, ma la sua rete non viene convalidata per una presunta gamba tesa del giovane brasiliano sul portiere bianconero. Passano altri cinque minuti e la rete si gonfia nuovamente, dall'altra parte però. Al 26' Gardenghi raccoglie un passaggio in area, stoppa la palla, si gira e scocca un bel tiro in diagonale che si infila nell'angolo destro, riportando in vantaggio il Massa Lombarda. Il Faenza ha uno sbandamento e gli ospiti ne approfittano ancora con Gardenghi, il quale un minuto dopo entra in area palla al piede, si libera di due avversari ed infila Gozzi con un altro gol spettacolare. La partita sostanzialmente finisce qui. I biancazzurri di Giordani non hanno la forza necessaria per capovolgere l'1-3. Il primo tempo si chiude senza altre occasioni nitide. La ripresa si apre con un Faenza timidamente in attacco, ma col Massa Lombarda ben ordinato in difesa e pronto a rendersi pericoloso nelle ripartenze. Al 66', da una disattenzione della difesa biancazzurra, nasce la quarta rete degli ospiti. Su un cross, Melandri colpisce di testa con l'intento di servire il proprio portiere Gozzi, ma il passaggio è troppo corto e Gardenghi ne approfitta infilando la sua terza rete personale. Nessun altro sussulto nei restanti 25'. Per il Faenza, dunque, una partenza 'in folle', in una partita nata sotto una cattiva stella. Nessun dramma però in casa biancazzurra. C'è soltanto da continuare a lavorare per amalgare una squadra completamente rinnovata.

Faenza - Massalombarda  1 - 4. Ed e' Gardenghi Show!! Domenica 7 settembre, prima giornata di campionato al Bruno Neri di Faenza va in scena il Gardenghi show. Questo potrebbe essere il manifesto perfetto per quello che si e' visto nel derby romagnolo da Faenza e Massalombarda. Una tripletta da parte del piccolo folletto di Castelguelfo che lascia senza parole pubblico e avversari, con una sequenza di colpi da repertorio da grande giocatore: Dribling, Potenza e opportunismo. La partita comincia al piccolo trotto in atmosfera più simile ad una sauna di metà luglio che ad una fresca giornata di Settembre; il 4-4-2 di Scozzoli si scontra con il 4-5-1 messo in campo da Mr.Giordani e i primi minuti non regalano nulla di buono se non un presentimento che la partita potrebbe rimanere bloccata sullo 0-0 per molto tempo. Ma sono gli spazi lasciati sulle corsie esterne faentine che cambiano il corso del match, infatti la partita si sblocca al 17° su un bel crossa sinistra, palo di Guarnieri ,palla insaccata da Lanzoni. Dopo il momentaneo e fulmineo pareggio da parte dei faentini di testa su calcio d'angolo, inizia lo show del Bomber Tascabile con 2 goal in 10 minuti alla fine del primo tempo e un bel goal in contropiede a metà del secondo. Tuttavia il Massalombarda ammirato oggi non e' stato solo "Gardo" ma un bel mix di giocatori che in barba ai 3 difensori assenti per squalifica ( Berti , Fusconi e Massarenti) ha saputo con pazienza, organizzazione e tecnica tracciare un bel solco nei confronti di un Faenza mai Domo e volenteroso ma che paga una certa sterilità offensiva che dovrà certamente risolvere nel proseguo del campionato. I bianconeri iniziano così nel migliore dei modi la loro avventura anche se nonostante i 4 goal e grossi segnali incoraggianti e' giusto trovare in questi casi il pelo nell'uovo evidenziando come la squadra abbia faticato molto a contenere le seppur sterili puntate offensive dei Biancazzurri. IL MIGLIORE: Gardenghi- Quanto mai scontata la scelta del migliore in campo. Inizia alla Grande questa stagione, la speranza e' che riesca a mantenersi a lungo a certi livelli di concretezza e allora si che il Massa certamente divertirsi e far divertire. Formazione Massalombarda: Monterastelli, Mascherini ( 75° Mazzanti) , Berti Y., Crivellaro, Resta, Tosi, Lanzoni, Mengozzi, Guarnieri ( 60° Strocchi ), Gardenghi ( 80° Bassi), Trombetti. Per tutti i risultati della I giornata

I TABELLINI

Alfonsine - Forlì: 2 - 0
Marcatori: 21’ Callegari, 71’ Miserocchi
Alfonsine: Faedi, Troncossi, Bianchedi, Di Tuccio (30’ Lanconelli), Donati, Lagorio, Petrascu (81’ Ricci), Miserocchi, Siuni (74’ Cosenza), Innocenti, Callegari. All.: Evangelisti
Forlì: Spada, Brighi, Gualdi (58’ Baldinotti), Spighi, Magni, Magnani, Valgimigli, Ceschi, Biserna, Sozzi, Muratori (58’ Cuttone). All.: Scardovi
Note: ammoniti Lanconelli (A), Sozzi (F).
Arbitro: Gibellini di Modena

Boca San Lazzaro - Riccione: 3 - 0
Marcatori: 68’ rig. Tremamondo, 81’ Ferrari, 90’ Calabrese
Boca San Lazzaro: Conti, Guiduzzi, Dozzi (87’ Bonafè), Calabrese, Leone, Cazzola, Tremamondo, Cacciari, Cataldi (62’ Ferrari F.), Di Giulio, Totta (55’ Italia). All.: Segret
Riccione: Bertozzi, Lepri, Merendino, Guerra (19’ Canini), Freschi (78’ Dall’Aglio), Launi, Gori, Patregnani, Mazzoli, Caminati, Tolomeo. All.: Onorato
Arbitro: Marzari di Imola

Cervia - Copparese: 0 - 0
Cervia: Bertaccini, Lessi, Sirri (dal 76’ Pezzi), Missiroli, Fratta, Olivieri (dal 63’ Storti), Balducci, Spagnoli, Sabbatini, Garroni (dal 72’ Bagnini), Severo. A disp. Pieri, Pasquali, Cassetti, Carovita. All. Baldazzi
Copparese: Finessi, Magri, Trentini (dal 32’ Mazzacani), Dianti (dal 75’ Tralli), Ballacci, Aruta, Biliotti, Tripepi, Beccati, Giuriola, Banzi (dal 32’ Trajkovic). A disp. Perla, De Angelis, Marighelli, Zanaga. All. Mastrocinque
Arbitro: Spassi da Rimini
 Ammoniti Lessi, Spagnoli, Sabbatini e Pezzi (Ce); Magri, Aruta, Banzi, Mazzacani e Tralli (Co). Espulso all’82’ Storti del Cervia

Cesenatico - Tropical Coriano: 2 - 0
Marcatori: 36’ Salzano, 74’ Gualtieri
Cesenatico: Farsoni, Teodorani, Milzoni, Fattori, Righi, Farabegoli, Zavattini (87’ Franchini), Bonacci (83’ Montaguti), Salzano (81’ Pasolini), Lombardini, Gualtieri.
Tropical Coriano: Guerra, Colonna (70’ Pacassoni), Montanari, Babbini, Tentoni, Zanzani, Guerra (81’ Sacconi), Berardi, Angelini, Poziello (65’ Baldinini), Chiaravallotti.
Note: ammoniti Teodorani, Milzoni e Lombardini (Ce); Babbini e Guerra (TC)

Del Conca Morciano - Calderara: 4 - 1
Marcatori: 2’ Marani (M), 34’ e 56’ Protti (M), 39’ Longo (C), 43’ Ticchi (M)
Del Conca Morciano: Foiera, Santoni, Martini, Cangini (88’ Nucci), Ticchi, Perazzini, Bacchini, Lisi (73’ Brilli), Protti, Buonocore, Marani (83’ Turchi). All.: Tentoni
Calderara: Lazzari, Bini, Manta, Ballarin, Ferrari, Madriselvi, Gombia (53’ Capogreco), Giadrossi, Longo, Granatieri (62’ Degli Esposti), Gherman (52’ Stipcevich). All.: Broglia
Arbitro: Rossi di Forlì

Dozzese - Imolese: 2 - 2
Marcatori: 20’ Giorgi (D), 30’ e 85’ Muzzi (I), 78’ Bonini (D)
Dozzese: Turchi, Zaccherini, Baroncini, Brunetti, Caroli, Alpi (60’ Scaglioni), Tassi, Bonini, Giorgi, Neri (90’ Agbaton), Barbieri (65’ Bertozzi). All.: Buccioli.
Imolese: Zannoni, Casadio Loreti (65’ Biavati), Onori, Poggi, Ercolani, Donattini, Borini, Sano’, Venturi Casadei (88’ Facciotto), Muzzi, Monti. All.: Menghi.
Arbitro: Ciciriello di Bologna

Faenza - Massalombarda: 1 - 4
Marcatori: 15’ Lanzoni (M), 17’ Melandri (F), 25’, 28’ e 67’ Gardenghi (M)
Faenza: Gozzi, Melandri, Manaresi, Rossi (83’ Casanova), Palmieri, Paglialongo, Mascarena (43’ Taddei), Dal Monte, Errani, Pezzi (83’ Mongardi), Oliva. All.: Giordani
Massalombarda: Monte Rastelli, Mascherini (73’ Mazzanti), Berti, Crivellaro, Resta, Tosi, Lanzoni, Mengozzi, Guarnieri (62’ Strocchi), Gardenghi (77’ Bassi D.), Trombetti. All.: Scozzoli
Arbitro: Migani di Forli

Fusignano - Savignanese: 3 - 1
Marcatori: 32’ Magnani (S), 36’ e 88’ Bassani (F), 70’ Agrusti (F)
Fusignano: Bartolini, Rossi, Baldini, Agrusti, Pressi, Conficconi, Maikano (84’ Samsak), Piticchi (92’ Pellicanò), M. Ricci (61’ Fabbri), Foschini, Bassani. All.: Orecchia
Savignanese: Pacileo, Ceppini (54’ Casadei), Fantini, Bartolini (54’ Pasolini), Tamburini, Basini, Piastra, Lucchi, Magnani (67’ Merloni), Vasini, Tozzi. All.: Farneti.
Arbitro: Tonti di Rimini

Sasso Marconi - Prosider Low Ponte: 0 - 0
Sasso Marconi: Giaroli, Chiapparini, Nugara (82’ Pezzoli), Prati, Corvino, Bencivenni, Gardosi (70’ Scarpuzza), Mancuso, De Maria (60’ Brancaccio), Tacconi, Cerbone. All.: Farneti
Prosider Low Ponte: Cancelliere, Migliaccio, Acquaviva, Spani, Casto, Frisari, Zoli (82’ Mara), Garvini (45’ Mazza), Vici, Orlandini (85’ Romboli), Meini. All.: Pregnolato.
Arbitro: Saccenti di Modena
Note: ammoniti Prati (S), Migliaccio (L), Spani (L), Garvini (L), Vici (L), Orlandini (L).

RISULTATI E CLASSIFICA

RISULTATI 1° GIORNATA   07/09/2008
ALFONSINE FORLI' 2-0
BOCA SAN LAZZARO VALLEVERDE RICCIONE 3-0
CERVIA  COPPARESE 0-0
CESENATICO  TROPICAL CORIANO 2-0
DEL CONCA MORCIANO CALDERARA 4-1
DOZZESE IMOLESE 2-2
FAENZA MASSALOMBARDA 1-4
FUSIGNANO  SAVIGNANESE 3-1
SASSO MARCONI PROSIDER LOW PONTE 0-0

 

CLASSIFICA 1° GIORNATA                  
SQUADRA Punti Gioc. Partite Reti D.R. M.I.
V N P F S
ALFONSINE 3 1 1 0 0 2 0 2 0
BOCA SAN LAZZARO 3 1 1 0 0 3 0 3 0
CESENATICO 3 1 1 0 0 2 0 2 0
DEL CONCA MORCIANO 3 1 1 0 0 4 1 3 0
FUSIGNANO 3 1 1 0 0 3 1 2 0
MASSALOMBARDA 3 1 1 0 0 4 1 3 2
 CERVIA    1 1 0 1 0 0 0 0 -2
COPPARESE 1 1 0 1 0 0 0 0 0
DOZZESE 1 1 0 1 0 2 2 0 -2
IMOLESE 1 1 0 1 0 2 2 0 0
PROSIDER LOW PONTE 1 1 0 1 0 0 0 0 0
SASSO MARCONI 1 1 0 1 0 0 0 0 -2
CALDERARA 0 1 0 0 1 1 4 -3 -1
FAENZA 0 1 0 0 1 1 4 -3 -3
FORLI' 0 1 0 0 1 0 2 -2 -1
SAVIGNANESE 0 1 0 0 1 1 3 -2 -1
TROPICAL CORIANO 0 1 0 0 1 0 2 -2 -1
VALLEVERDE RICCIONE 0 1 0 0 1 0 3 -3 -1

06/08/2008Eccellenza B: Si parte Ai nastri di partenza l’Eccellenza B con due delle favorite che incrociano i guantoni alla prima: Alfonsine e Forli (1X2) sono state le regine del mercato e comunque finirà questa sfida, avremo le prime indicazioni su chi potrà ambire alla vittoria finale. Ma a Dozza, allo stadio Luciano Pezzi, il destino ha messo di fronte Dozzese e Imolese (1X2) in una replica delle sfide amichevoli e di coppa di inizio stagione. Un dejà vu. No. Le due cugine si affrontano sempre con il coltello fra i denti e questa è una sfida che a settembre può già valere l’intera stagione. La Dozzese non ha mai vinto, sul campo di casa, nei due precedenti confronti. Nella scorsa stasione, nel derby dei Santi, si impose l’Imolese sul campo e la Dozzese in tribunale. Ma quella è storia vecchia. Oggi sarà tutta un’altra musica ed in campo vincerà di certo il migliore. Altro derby ad altro contenuto emotivo è Faenza – Massa Lombarda (X2) con gli ospiti leggermente favoriti. Mentre da seguire sarà Fusignano – Savignanese (1X), due compagini che alla fine degli ultimi tornei hanno sempre sfiorato il salto categoria. Completano la griglia Boca – Riccione (1X), Cervia – Copparese (2), Cenatico – Tropical Coriano (1), Del Conca – Calderara (1) e Sasso Marconi – Low Ponte (1X).